Eurovision Song Contest's Greatest Hits

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurovision Song Contest's Greatest Hits
Logo del programma
Titolo originale Eurovision Song Contest's Greatest Hits
Paese Regno Unito Regno Unito
Anno marzo 2015
Genere Musicale
Puntate 1
Durata 90 minuti
Produttore Guy Freeman
Simon Proctor
Supervisore esecutivo:
Jon Ola Sand Norvegia
Presentatore Petra Mede e
Graham Norton
Rete originale BBC
UER

L'Eurovision Song Contest's Greatest Hits (anche conosciuto come Eurovision's Greatest Hits), in italiano Migliori successi dell'Eurofestival, è stato un programma televisivo trasmesso il 31 marzo 2015, organizzato dall'Unione Europea di Radiodiffusione (UER), e creato dalla British Broadcasting Corporation (BBC) per commemorare il 60º anniversario della nascita dell'Eurovision Song Contest. Molti paesi europei, e non, avevano confermato che avrebbero mandato in onda lo spettacolo in varie date, tra i quali anche l'Australia, che come guest star, aveva partecipato all'edizione del 2015.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

I presentatori della serata: Graham Norton e Petra Mede

Idea iniziale[modifica | modifica wikitesto]

È stato annunciato il 22 ottobre 2014, che l'UER aveva concordato con la BBC, per la produzione di uno spettacolo speciale per festeggiare l'anniversario dei sessant'anni dell'Eurovision Song Contest; simile allo spettacolo Congratulations: 50 Years of the Eurovision Song Contest che ha avuto luogo nel 2005.

Luogo e presentatori[modifica | modifica wikitesto]

Il concerto d'anniversario fu mandato in onda il 31 marzo 2015, ospitato nel teatro Eventim Apollo (in Hammersmith) di Londra, Regno Unito. La capitale era stata luogo di molti eventi legati all'Eurovision anche precedentemente: ad esempio con l'Eurovision dance contest 2007.

Il 3 febbraio, invece, è stato annunciato che i presentatori dell'evento sarebbero stati Graham Norton, noto conduttore televisivo e comico irlandese, ricordato in patria, soprattutto, come commentatore per il Regno Unito nell'Eurovision, e Petra Mede, conduttrice televisiva, comica e danzatrice svedese, famosa per aver condotto il Melodifestivalen del 2009 e l'Eurovision Song Contest del 2013 a Malmö.

Biglietti[modifica | modifica wikitesto]

I biglietti per il concerto di anniversario erano in vendita dalle 10:15 (GMT) di venerdì 6 febbraio 2015 attraverso il sito della BBC e il sito web ufficiale dell'Eurovision Song Contest.

Show[modifica | modifica wikitesto]

Allo show hanno partecipato 15 artisti, vincitori o no negli anni passati, provenienti da 13 paesi, che hanno ricantato le canzoni che li hanno resi famosi e che hanno riportato alla mente bellissimi ricordi legati all'Eurovision. Tra un'esibizione e l'altra, inoltre, venivano proiettati su uno schermo dei video montaggi che ricordavano altre indimenticabili esibizioni, quali ad esempio: quella di Céline Dion, una delle più famose, quella di Cliff Richard e molte altre.

Tra il pubblico, come ospite d'onore, era presente anche la prima vincitrice assoluta dell'Eurovision Song Contest del 1956: Lys Assia, che rappresentò la Svizzera.

Per quanto riguarda poi il famoso interval act, era stato confermato il 22 marzo che si sarebbe trattato di Riverdance, la famosissima danza irlandese che stupisce da sempre.

Lo show, infine, si è concluso con un medley di alcune delle canzoni più famose, da parte di tutti i partecipanti (in ordine): Hallelujah, di Gali Atari e Milk & Honey (1979), Nel blu dipinto di blu (Volare) di Domenico Modugno (1958), Making your mind up dei Bucks Fizz (1981) e "Waterloo" degli ABBA (1974), la più gettonata, con la quale si è data la "Buona Notte" all'Europa.

Paesi partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Le performance durante la serata sono state quindici, con artisti provenienti da tredici paesi europei:

Ordine d'entrata Anno Paese Lingua Artista/Gruppo Canzone Posizione nell'Eurovision
01 2013 Danimarca Danimarca Inglese Emmelie de Forest Only Teardrops 1° (vincitore)
02 1973 Lussemburgo Lussemburgo Francese, Inglese Anne-Marie David Tu te reconnaîtras 1° (vincitore)
03 1984 Svezia Svezia Inglese, Svedese Herreys Diggi-Loo Diggi-Ley 1° (vincitore)
04 1998 Israele Israele Ebraico Dana International Diva 1° (vincitore)
05 2000 Danimarca Danimarca Inglese Olsen Brothers Fly on the Wings of Love 1° (vincitore)
06 1976 Regno Unito Regno Unito Inglese Brotherhood of Man Save Your Kisses for Me 1° (vincitore)
07 1968 Spagna Spagna1 Spagnolo Rosa López La, la, la2 1° (vincitore)
1969 Vivo cantando3 1° (vincitore)
1973 Eres tú4
2002 Spagnolo, Inglese Europe's Living a Celebration
08 1982 Germania Germania Inglese, Italiano, Tedesco Nicole Ein Bißchen Frieden 1° (vincitore)
09 2006 Finlandia Finlandia Inglese Lordi Hard Rock Hallelujah 1° (vincitore)
10 2001 Francia Francia Francese, Inglese Natasha St-Pier Je n'ai que mon âme
11 2008 Russia Russia1 Inglese Dima Bilan Believe 1° (vincitore)
2006 Never Let You Go
12 1985 Norvegia Norvegia Norvegese, Inglese Bobbysocks La det swinge 1° (vincitore)
13 2012 Svezia Svezia Inglese Loreen Euphoria 1° (vincitore)
14 1980 Irlanda Irlanda1 Inglese Johnny Logan What's Another Year 1° (vincitore)
1992 Why Me?5 1° (vincitore)
1987 Hold Me Now 1° (vincitore)
15 2014 Austria Austria Inglese Conchita Wurst Rise Like a Phoenix 1° (vincitore)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Performance in un medley.
  2. Canzone vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1968, originariamente cantata da Massiel.
  3. Una delle canzoni vincitrici dell'Eurovision Song Contest 1969, (insieme a quelle di Francia Francia, Paesi Bassi Paesi Bassi e Regno Unito Regno Unito) originariamente cantata da Salomé.
  4. Canzone piazzatasi al secondo posto nell'Eurovision Song Contest 1973, originariamente cantata dai Mocedades.
  5. Johnny Logan ha vinto come compositore di questa canzone all'Eurovision Song Contest 1992, originariamente cantata da Linda Martin.

Trasmissione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il programma non è andato in diretta in tutta Europa, perciò ciascun paese che ha partecipato alla trasmissione del programma ha potuto scegliere una data conveniente per gli orari di trasmissione.

Il programma è stato trasmesso fino in Australia, in quanto partecipante dell'Eurovision Song Contest 2015.

Data di trasmissione Paese Stazione Commentatori
3 aprile 2015 Irlanda Irlanda RTÉ2 Nessuno
Regno Unito Regno Unito BBC One
4 aprile 2015 Belgio Belgio
Fiandre Fiandre
Eén Peter Van de Veire.
Islanda Islanda RÚV Nessuno
Norvegia Norvegia NRK1
Finlandia Finlandia
Finland-Swedish flag.png Svedesi di Finlandia
Yle Fem Sarah Dawn Finer e Christer Björkman
Svezia Svezia SVT1 e SVT World
5 aprile 2015 Albania Albania RTSH Nessuno
Russia Russia C1R
San Marino San Marino SMRTV
11 aprile 2015 Finlandia Finlandia Yle TV2
Israele Israele Channel 1
13 aprile 2015 Bulgaria Bulgaria BNT1
19 aprile 2015 BNT2
25 aprile 2015 Lettonia Lettonia LTV1 Aigars Rozenbergs
26 aprile 2015 Portogallo Portogallo RTP1 Júlio Isidro
2 maggio 2015 Slovenia Slovenia TV SLO 1 Nessuno
4 maggio 2015 Regno Unito Regno Unito BBC Radio 2 Graham Norton
12 maggio 2015 Belgio Belgio
Vallonia Vallonia
La Une Jean-Louis Lahaye e Maureen Louys
16 maggio 2015
Danimarca Danimarca DR1 Ole Tøpholm
Germania Germania NDR e MDR Peter Urban
Grecia Grecia NERIT1 e N HD sottotitoli greci
Romania Romania TVR1 e TVR HD Nessuno
17 maggio 2015 Austria Austria ORF eins Andi Knoll
19 maggio 2015 Svizzera Svizzera SRF zwei (1ª parte) Nessuno
20 maggio 2015 Francia Francia France 2 Natasha St-Pier
21 maggio 2015 Svizzera Svizzera SRF zwei (2ª parte) Nessuno
21 maggio 2015 Australia Australia SBS One
22 maggio 2015 Estonia Estonia ETV
Germania Germania EinsFestival Peter Urban
23 maggio 2015 Serbia Serbia RTS Nessuno
Spagna Spagna La 1 José María Íñigo e Julia Varela
Trasmissioni rifiutate Armenia Armenia ARMTV Trasmissioni rifiutate
Rep. Ceca Rep. Ceca ČT
Lussemburgo Lussemburgo RTL
Macedonia Macedonia MKRTV
Paesi Bassi Paesi Bassi AVROTROS
Ucraina Ucraina NTU

Paesi che non hanno trasmesso il programma[modifica | modifica wikitesto]

Mappa riassuntiva dei paesi, che hanno trasmesso (e non), il programma:

     Paesi che hanno trasmesso il programma

     Paesi che non hanno trasmesso il programma

     Paesi le cui trasmissioni sono state rifiutate

La seguente lista, contiene i paesi membri dell'UER, che avevano annunciato che non avrebbero trasmesso il programma:

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]