Eurovision Young Dancers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Eurovision Young Dancers
LuogoEuropa Europa
Anni19852005, 20112017
Frequenzabiennale
Fondato daFrank Naef
Datemaggio-luglio (1985-2005, 2011-2015)
dicembre (2017)
Generedanza
OrganizzazioneUER
Sito ufficialeyoungdancers.tv

L'Eurovision Young Dancers (in francese: Eurovision des Jeunes Danceurs; EYD) è stata una competizione di danza di importanza internazionale organizzata a cadenza biennale dall'Unione europea di radiodiffusione a partire dal 1985.

Ad oggi l'ultima edizione disputata risale al 2017 svoltasi a Praga, poiché l'edizione successiva è stata ufficialmente cancellata il 28 dicembre 2018 per mancanza di una città ospitante e di un'emittente organizzatrice.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Il concorso si svolgeva a cadenza biennale, parallelamente all'Eurovision Young Musicians, altra manifestazione dell'UER incentrata su i giovani musicisti.[2] Il titolo provvisorio del programma fu Eurovision Competition for Young Dancers, venendo modificato con la denominazione attuale per essere simile all'Eurovision Young Musician. La prima edizione si tenne il 16 giugno 1985 a Reggio Emilia, in Italia e ha visto la partecipazione di 11 paesi europei. A trionfare fu Arantxa Argüelles, rappresentante della Spagna.[3]

Nel 1987 il concorso si tenne a Schwetzingen, nell'allora Germania Ovest dove vide il debutto di quattro nuovi paesi europei, tra cui la Jugoslavia, primo paese socialista del concorso, ed il Canada membro associato dell'UER. Il concorso fu vinto dalla Danimarca con la coppia composta da Rose Gad Poulsen e Nikolaj Hübbe, con il loro divertissement de "La Sylphide".[4]

L'edizione del 1989, svoltasi al Palais des Congrès di Parigi, con il debutto di Cipro e Portogallo vengono introdotte varie modifiche nel format che verranno riutilizzate anche per le edizioni future. Viene introdotta una semifinale non televisiva, dove una giuria di esperti ha valutato le dieci esibizioni che avrebbero avuto accesso alla finale, inoltre vengono introdotti due premi per categoria. I vincitori furono Agnès Letestu per la Francia ed il giapponese Tetsuya Kumakawa per il Regno Unito, che vinsero rispettivamente il premio per la danza contemporanea ed quello per la danza classica.

Anni '90[modifica | modifica wikitesto]

Zenaida Yanowsky vinse nel 1993 per la Spagna.

Nel 1991 ad Helsinki, vide la partecipazione della Bulgaria, primo ex-membro del patto di Varsavia a prendere parte al concorso. A trionfare fu nuovamente la Spagna con Amaya Iglesias con la variazione de La Grisi.[5]

Il 1993, presso la Dansens Hus di Stoccolma, segna il debutto di Estonia, Grecia, Polonia e Slovenia. La vincitrice della manifestazione fu nuovamente la Spagna con la franco-ispanica Zenaida Yanowsky con la sua Esmeralda.

L'edizione del 1995 a Lusanna, città del Prix de Lusanne, vide il debutto della Russia e dell'Ungheria e vittoria della Spagna con la coppia composta da Jesús Pastor Sahuquillo e Ruth Miró Salvador con la loro Arrayan Daraxa.

Nel 1997 a Gdynia, oltre al debutto della Lettonia e della Slovacchia vide la quarta vittoria consecutiva della Spagna, nonché la quinta in generale del concorso, grazie ad Antonio Carmena San José con la sua esibizione stravagante di Angelos Locos. Grazie al suo alto numero di vittorie la stato iberico sarà pertanto considerato la "Regina del Concorso".

Il 1999, presso l'Opéra Nouvel di Lione, debutta la Repubblica Ceca ed ha visto la visto la vittoria della Germania con la coppia Katja Wünsche e Stegli Yohan con la loro rivisitazione della favola di Cenerentola.

Anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001, la prima edizione durante il nuovo millennio, si è svolta presso la Royal Opera House di Londra. Hanno debuttato al concorso l'Irlanda e l'Ucraina. Questo porta il numero di partecipanti a 18, record assoluto nella storia del concorso. A vincere la manifestazione furono i fratelli polacchi Dawid e Marcin Kupinski con l'esibizione Brothers.

Nell'edizione del 2003 ad Amsterdam nel Stadsschouwburg, oltre al debutto dell'Armenia e Romania, vengono reintrodotti i premi per categoria dopo l'edizione del '89. A vincere la manifestazione furono 3 paesi: Džerlin Ndudi per l'Ucraina, il duo Kristina Oom & Sebastian Michanek per la Svezia ed, infine, il duo Monika Hejduková & Viktor Konvalinka, vincitori rispettivamente il premio per la danza classica, per la danza contemporanea ed il premio speciale della "Giuria dei giovani".

Nel 2005, presso il Teatro Nazionale di Varsavia, ha visto la vittoria dei Paesi Bassi con Milou Nuyens con la coreografia classica Snakesense.

Nel 2007 l'organizzazione del concorso era stata affidata alla Svizzera, ma in seguito ad un accordo tra l'UER e l'emittente SRG SSR, l'evento è stato cancellato per consentire lo svolgimento del Prix de Lusanne, altro evento di rilevanza internazionale che si svolge nella città di Losanna.[6]

Nel 2009 era programmato il ritorno della manifestazione con la Norvegia designata all'organizzazione. Tuttavia, a causa del scarso interesse da parte delle emittenti nella partecipazione del concorso, l'evento è stato nuovamente cancellato.[7]

Anni 2020[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2021 la manifestazione non ha avuto luogo [8]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nazioni partecipanti all'Eurovision Young Dancers.
Le partecipazioni dal 1985 a oggi:

     Ha partecipato almeno una volta

     Non ha mai partecipato, ma potrebbe

     Paesi che hanno partecipato come parte di un altro stato ma mai in maniera indipendente

Anno Esordio
1985 Belgio Belgio - Finlandia Finlandia - Francia Francia - Germania Ovest Germania Ovest[9] - Italia Italia - Norvegia Norvegia - Paesi Bassi Paesi Bassi -
Regno Unito Regno Unito - Spagna Spagna - Svezia Svezia - Svizzera Svizzera
1987 Austria Austria - Canada Canada - Danimarca Danimarca - Jugoslavia Jugoslavia
1989 Cipro Cipro - Portogallo Portogallo
1991 Bulgaria Bulgaria
1993 Estonia Estonia - Grecia Grecia - Polonia Polonia - Slovenia Slovenia
1995 Russia Russia - Ungheria Ungheria
1997 Lettonia Lettonia - Slovacchia Slovacchia
1999 Rep. Ceca Repubblica Ceca
2001 Irlanda Irlanda - Ucraina Ucraina
2003 Armenia Armenia - Romania Romania
2011 Croazia Croazia - Kosovo Kosovo
2013 Bielorussia Bielorussia
2015 Albania Albania - Malta Malta

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lista dei vincitori all'Eurovision Young Dancers.
Anno Vincitore Artista Coreografia Data Luogo Città
1985 Spagna Spagna Arantxa Argüelles Sconosciuta 16 giugno 1985 Teatro Municipale Italia Reggio Emilia
1987 Danimarca Danimarca Rose Gad Poulsen & Nikolaj Hübbe Divertissement de La Sylphide 31 maggio 1987 Schlosstheater Schwetzingen Germania Schwetzingen
1989 Francia Francia Agnès Letestu (Premio danza contemporanea) Sconosciute 28 giugno 1989 Palais des Congrès Francia Parigi
Regno Unito Regno Unito Tetsuya Kumukawa (Premio danza classica)
1991 Spagna Spagna Amaya Iglesias Variazione de La Grisi 5 giugno 1991 Helsinki City Theatre Finlandia Helsinki
1993 Spagna Spagna Zenaida Yanowsky Esmeralda 15 giugno 1993 Dansens Hus Svezia Stoccolma
1995 Spagna Spagna Jesús Pastor Sahuquillo & Ruth Miró Salvador Arrayan Daraxa 6 giugno 1995 Palais de Beaulieu Svizzera Losanna
1977 Spagna Spagna Antonio Carmena San José Angelitos Locos 17 giugno 1997 Teatr Muzyczny Danuty Polonia Gdynia
1999 Germania Germania Stegli Yohan & Katja Wünsche Cinderella 10 luglio 1999 Opéra Nouvel Francia Lione
2001 Polonia Polonia David Kupinski & Marcin Kupinski Brothers 23 giugno 2001 Royal Opera House Regno Unito Londra
2003 Ucraina Ucraina Jerlin Ndudi (Premio danza classica) Le Corsaire 4 luglio 2003 Stadsschouwburg Paesi Bassi Amsterdam
Svezia Svezia Kristina Oom & Sebastian Michanek (Premio danza contemporanea) Light Begins
Rep. Ceca Repubblica Ceca Monika Hejduková & Viktor Konvalinka (Premio Youth Jury) The Twilight Of Innocence
2005 Paesi Bassi Paesi Bassi Milou Nuyens Snakesense 24 giugno 2005 Teatro Nazionale Polonia Varsavia
2007 Evento cancellato per consentire lo svolgimento del Prix de Lausanne
2009 Evento cancellato per scarso interesse nella competizione da parte delle emittenti
2011 Norvegia Norvegia Daniel Sarr Full Force 24 giugno 2011 Dansens Hus Norvegia Oslo
2013 Paesi Bassi Paesi Bassi Sedrig Verwoert The 5th Element 14 giugno 2013 Baltic Opera Polonia Danzica
2015 Polonia Polonia Viktoria Nowak Piece in Old Style 19 giugno 2015 Teatro Nuovo Rep. Ceca Plzeň
2017 Polonia Polonia Paulina Bidzińska La Certa 16 dicembre 2017 Centro Congressi Rep. Ceca Praga
2019 Evento cancellato per mancanza di un'emittente organizzatrice e scarso interesse nella competizione
2021 Evento cancellato[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anthony Granger, Eurovision Young Dancers 2019 Cancelled Due to Lack of Host Broadcaster, su eurovoix.com, 20 dicembre 2018. URL consultato il 26 novembre 2020.
  2. ^ Eurovision Young Dancers - Synopsis, su ukgameshows.com, UK Games Shows. URL consultato il 26 novembre 2020.
  3. ^ Unione europea di radiodiffusione, 1st Eurovision Young Dancers 1985, su youngdancers.tv. URL consultato il 26 novembre 2020.
  4. ^ Unione europea di radiodiffusione, Eurovision Young Dancers 1987: Participants, su youngdancers.tv. URL consultato il 26 novembre 2020.
  5. ^ Unione europea di radiodiffusione, Eurovision Young Dancers 1991: Participants, su youngmusicians.tv. URL consultato il 26 novembre 2020.
  6. ^ Eurovision Young Dancers 2007, su youngdancers.tv, Unione europea di radiodiffusione. URL consultato il 26 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  7. ^ Anthony Granger, Eurovision Young Dancers 2009, su eurovoix.com. URL consultato il 26 aprile 2021.
  8. ^ (EN) EYD21: Eurovision Young Dancers will not return in 2021, su Eurovision Ireland.
  9. ^ Dal 1991, a seguito della riunificazione tedesca, partecipa al concorso come Germania Germania
  10. ^ (EN) EYD21: Eurovision Young Dancers will not return in 2021, su Eurovision Ireland.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]