Eurovision Song Contest 1960

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurovision Song Contest 1960
ESC 1960 Logo.PNG
Edizione V
Periodo 29 marzo
Sede Royal Festival Hall di Londra (Regno Unito)
Presentatore Catherine Boyle
Trasmesso da BBC
Partecipanti 13
Paesi debuttanti Norvegia Norvegia
Vincitore Francia Francia (2°)
con la canzone:
Tom Pillibi
Secondo Regno Unito Regno Unito
Terzo Monaco Principato di Monaco
Cronologia
1959 1961

Il quinto Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Londra (Regno Unito) il 29 marzo 1960.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Avendo vinto i concorsi del 1957 e del 1959, i Paesi Bassi rifiutarono di organizzare il “Gran Premio dell'Eurovisione” nel 1960 e questo permise che il Regno Unito se ne assumesse la direzione. Il numero di paesi partecipanti aumentò a tredici, il Lussemburgo ritornò e la Norvegia aderì al concorso. In più, la Finlandia decise di trasmettere in diretta radio la finale. Una nuova regola fu introdotta nel sistema di voto, per cui le giurie furono organizzate in modo tale che ascoltassero, subito prima del concorso, solamente le canzoni e non vedessero l'esecuzione con gli abiti di scena, di ogni canzone in gara. La Francia vinse il “Gran Premio” e, per la prima volta, la canzone vincitrice Tom Pillibi eseguita da Jacqueline Boyer, divenne un vero successo internazionale. Anita Traversi, per la Svizzera, canta in italiano Cielo e terra. Renato Rascel, rappresenta l'Italia con Romantica, classificandosi all'ottavo posto.

     Stati partecipanti che hanno già scelto l'artista e/o la canzone

Canzoni, autori, cantanti e nazioni in ordine di uscita[modifica | modifica wikitesto]

  1. Regno Unito Regno Unito Looking High, High, High (John Watson) Bryan Johnson
  2. Svezia Svezia Alla Andra Får Varann (Åke Gerhard & Ulf Kjellqvist) Siw Malmkvist
  3. Lussemburgo Lussemburgo So Laang We's Du Do Bast (Henri Mootz & Jean Roderes) Camillo Felgen
  4. Danimarca Danimarca Det Var En Yndig Tid (Sven Beumann & Vilfrid Kjær) Katy Bødtger
  5. Belgio Belgio Mon Amour Pour Toi (Robert Montal et Kacj Say) Fud Leclerc
  6. Norvegia Norvegia Voi-Voi (George Elgaaen) Nora Brockstedt
  7. Austria Austria Du Hast Mich So Fasziniert (Robert Gilbert und Robert Stolz) Harry Winter
  8. Monaco Principato di Monaco Ce Soir-là (Pierre Dorsey et Hubert Giraud) François Deguelt
  9. Svizzera Svizzera Cielo e terra (Mario Robbiani) Anita Traversi
  10. Paesi Bassi Paesi Bassi Wat Een Geluk (Willy Van Hermert & Dick Schallies) Rudi Carrell
  11. Germania Ovest Germania Ovest Bonne Buit, Ma Chérie (Kurt Schwabach und Franz Josef Breuer) Wyn Hoop
  12. Italia Italia Romantica (Dino Verde e Renato Rascel) Renato Rascel
  13. Francia Francia Tom Pillibi (Pierre Cour et André Popp) Jacqueline Boyer

Struttura di voto[modifica | modifica wikitesto]

Dieci membri della giuria per ogni paese partecipante che danno un punto alla canzone preferita.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Diretta dai maestri: Cinico Angelini, Øivind Bergh, Franz Josef Breuer, Cedric Dumont, Thore Ehrling, Raymonde Lefèvre, Henri Mootz, Kai Mortensen, Franck Pourcel, Eric Robinson, Henry Ségers, Robert Stolz e Dolf Van Der Linden

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Punti Canzone Artista Nazione
1. 32 Tom Pillibi Jacqueline Boyer Francia Francia
2. 25 Looking High, High, High Bryan Johnson Regno Unito Regno Unito
3. 15 Ce Soir-là François Deguelt Monaco Principato di Monaco
4. 11 Voi-Voi
Bonne Nuit, Ma Chérie
Nora Brockstedt
Wyn Hoop
Norvegia Norvegia
Germania Ovest Germania Ovest
6. 9 Mon Amour Pour Toi Fud Leclerc Belgio Belgio
7. 6 Du Hast Mich So Fasziniert Harry Winter Austria Austria
8. 5 Cielo e Terra
Romantica
Anita Traversi
Renato Rascel
Svizzera Svizzera
Italia Italia
10. 4 Alla Andra Får Varann
Det Var En Yndig Tid
Siw Malmkvist
Katy Bødtger
Svezia Svezia

Danimarca Danimarca

12. 2 Wat Een Geluk Rudi Carrell Paesi Bassi Paesi Bassi
13. 1 So Laang We's Du Do Bast Camillo Felgen Lussemburgo Lussemburgo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]