Kvalifikacija za Millstreet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kvalifikacija za Millstreet 1993
Periodo3 aprile 1993
SedeRTV SLO Studio 1, Lubiana, Slovenia Slovenia
PresentatoreTajda Lekše
Trasmissione TVRTV SLO in Eurovisione
Partecipanti7
VincitoreSlovenia Slovenia 1X Band con Tih deževen dan
SecondoBosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Fazla con Sva bol svijeta
TerzoCroazia Croazia Put con Don't Ever Cry

La Kvalifikacija za Millstreet (in italiano: Qualificazione per Millstreet) è la competizione canora organizzata dall'emittente radiotelevisiva slovena RTV SLO che è stata utilizzata come processo di preselezione nazionale per l'Eurovision Song Contest 1993 a Millstreet.

Alla competizione hanno partecipato 7 nazioni che non hanno mai preso prima parte alla manifestazione musicale, nonostante in passato nella competizione sono state presentate canzoni in bosniaco, croato e sloveno in rappresentanza dalla Jugoslavia.

I tre paesi che hanno avuto accesso all'Eurovision Song Contest sono stati la Slovenia, la Bosnia ed Erzegovina e la Croazia.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

A seguito delle rivoluzioni del 1989 e della dissoluzione della Jugoslavia, il numero di paesi che desiderano partecipare al concorso è cresciuto fortemente. Per il secondo anno consecutivo, l'Unione europea di radiodiffusione (UER) ha deciso di aumentare il numero massimo di partecipanti da ventitré a venticinque.

Con la Jugoslavia esclusa dalla partecipazione, in effetti il paese non esisteva più, solo i ventidue paesi che hanno partecipato all'edizione dell'Eurovision Song Contest 1992 hanno conquistato un posto nella finale. Mentre per i tre posti restanti, l'UER ha deciso che sarebbero stati assegnati attraverso una preselezione, che sarebbe stata organizzata dalla televisione pubblica slovena.[1]

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Ogni esibizione aveva un direttore che dirigeva l'orchestra.[2] Mentre le esibizioni dell'Inteval Act sono state eseguite senza l'orchestra, con alcune anche in playback. Durante l'Interval Act, George Natsis ha accompagnato con il pianoforte la cantante rumena Dida Drăgan.

Direttori d'orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Stato Artista Lingua[3] Brano per l'ESC 1993 Brano dell'Interval Act Posizione Punti
01 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Fazla Bosniaco Sva bol svijeta Kiša ruši grad 2 52
02 Croazia Croazia Put Croato,
Inglese
Don't Ever Cry Mom zavičaju 3 51
03 Estonia Estonia Janika Sillamaa Estone Muretut meelt ja südametuld I Live For Your Love 5 47
04 Ungheria Ungheria Andrea Szulák Ungherese Árva reggel Don't Wanna Stop My Clock 6 44
05 Romania Romania Dida Drăgan Rumeno Nu pleca Blestem (The Curse) 7 38
06 Slovenia Slovenia 1X Band Sloveno Tih deževen dan Novo jutro 1 54
07 Slovacchia Slovacchia Elán Slovacco Amnestia na neveru Od Tatier k Dunaju 4 50

Giudici e Portavoce[modifica | modifica wikitesto]

Ogni paese ha inviato un singolo giurato, che era effettivamente presente nella sede del concorso. Ogni giurato ha annunciato i propri voti quando la telecamera era davanti a loro.

  1. Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina: Ismeta Dervoz-Krvavac (Rappresentante della Jugoslavia all'Eurovision Song Contest 1976)
  2. Croazia Croazia: Ksenija Urličić
  3. Estonia Estonia: Jüri Makarov
  4. Ungheria Ungheria: Péter Wolf
  5. Romania Romania: Aurora Andronache
  6. Slovenia Slovenia: Mojmir Sepe
  7. Slovacchia Slovacchia: Stanislav Bartovič

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ KENNEDY O’CONNOR John, The Eurovision Song Contest. 50 Years. The Official History, London, Carlton Books Limited, 2005, p.133.
  2. ^ http://www.andtheconductoris.eu
  3. ^ Riferita al brano per l'ESC 1993