Unione europea di radiodiffusione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Unione europea di radiodiffusione
(EN) European Broadcasting Union
(FR) Union européenne de radio-télévision
Membri dell'UER
AbbreviazioneUER (francese, italiano, spagnolo)
EBU (inglese)
TipoUnione di aziende radiotelevisive
Fondazione12 febbraio 1950
Scopotrasmissioni europee
Sede centraleBandiera della Svizzera Ginevra
Area di azioneEuropa e Asia
PresidenteBandiera della Francia Delphine Ernotte[1]
DirettoreBandiera dell'Irlanda Noel Curran[2]
Lingue ufficialiinglese, francese
Membri115 (2020)
Sito web

L'Unione europea di radiodiffusione (UER) (in francese: Union européenne de radio-télévision, UER; in inglese: European Broadcasting Union, EBU) è un'organizzazione internazionale che associa diversi operatori pubblici e privati del settore della teleradiodiffusione su scala nazionale e che opera i canali Eurovisione ed Euroradio.

È membro dell'Istituto europeo per le norme di telecomunicazione (ETSI).[3]

Marc-Antoine Charpentier (info file)
start=
Preludio dal Te Deum H. 146

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Logo dell'UER usato dal 1994 al 2012

Una prima alleanza tra le emittenti radiofoniche in Europa si sviluppò intorno al 1925 con la fondazione dell'Unione internazionale di radiofonia (UIR), nata per cercare di sviluppare l'uso della radio nel continente risolvendo quelli che erano visti come i principali ostacoli alla sua diffusione. Dopo la seconda guerra mondiale, l'UIR fu accusata di aver collaborato con il regime nazista, ponendo di fatto un ostacolo considerevole all'ingresso delle emittenti dell'Europa orientale.

Per risolvere tale problema, nel 1946 fu fondata l'Organizzazione internazionale della radiodiffusione e della televisione (OIRT), la cui direzione spettava a due codirettori, uno nominato dalla Francia e l'altro dall'Unione Sovietica. Quest'ultima tuttavia aveva garantito lo status di membro a tutte le emittenti delle repubbliche sovietiche, ottenendo praticamente il controllo dell'assemblea.

UIR e OIRT si contrapposero a lungo fino a quando, nel 1949, le emittenti di Belgio, Francia, Italia e Paesi Bassi scelsero di abbandonare entrambe le organizzazioni, seguite da Egitto, Libano, Lussemburgo, Marocco e Principato di Monaco. Alcuni tra i fuoriusciti, a cui si affiancarono Danimarca, Finlandia, Irlanda, Norvegia, Portogallo, Regno Unito, Svezia, Svizzera, Tunisia, Turchia e Città del Vaticano, si riunirono a Torquay, nel Regno Unito, e scelsero di fondare una nuova organizzazione, a cui diedero il nome di Unione europea di radiodiffusione (UER), nella quale confluirono sia l'UIR che l'OIRT.

Nel corso degli anni successivi furono accolte come membri effettivi svariate emittenti asiatiche e africane, mentre tra i membri associati figurano diverse emittenti americane e oceaniche[4], anche se l'UER resta fortemente vincolata alla zona europea di radiodiffusione (che racchiude l'intera Europa, parte del Nordafrica e del Medio Oriente) descritta dall'Unione internazionale delle telecomunicazioni.

Produzioni[modifica | modifica wikitesto]

Passate[modifica | modifica wikitesto]

Membri dell'UER[modifica | modifica wikitesto]

I paesi aderenti all'UER anno per anno

Effettivi[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Gruppo televisivo Abbr. Anno adesione
Bandiera dell'Albania Albania Radio Televizioni Shqiptar RTSH 1999
Bandiera dell'Algeria Algeria Etablissement Public de Radiodiffusion Sonore ENRS 1970
Établissement Public de Télévision EPTV
Télédiffusion d'Algérie TDA
Bandiera di Andorra Andorra Ràdio i Televisió d'Andorra RTVA 2002
Bandiera dell'Armenia Armenia Hayastani Hanrayin Herrustaynkerut’yun ARMTV 2005
Hayastani Hanrayin Radio ARMR
Bandiera dell'Austria Austria Österreichischer Rundfunk ORF 1953
Bandiera dell'Azerbaigian Azerbaigian İctimai Televiziya və Radio Yayımları Şirkəti İTV 2007
Bandiera del Belgio Belgio Vlaamse Radio- en Televisieomroep VRT 1950
Radio-Télévision Belge de la Communauté Française RTBF
Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Javna Radio Televizijska servis Bosnie i Hercegovine BHRT 1993
Bandiera della Bulgaria Bulgaria Bâlgarskoto Nacionalno Radio BNR
Bâlgarska Nacionalna Televizija BNT
Bandiera della Croazia Croazia Hrvatska Radiotelevizija HRT
Bandiera di Cipro Cipro Cyprus Broadcasting Corporation CyBC 1968
Bandiera della Danimarca Danimarca Danmarks Radio DR 1950
TV 2 DK/TV 2
Bandiera dell'Egitto Egitto Ittihād al-Idhā‘ah wal-Tilīfizyūn al-Miṣrī ERTU 1985
Bandiera dell'Estonia Estonia Eesti Rahvusringhääling ERR 1993
Bandiera della Finlandia Finlandia Yleisradio YLE 1950
Bandiera della Francia Francia TF1 GRF 1950
France Télévisions
Radio France
France Médias Monde RFI
TMC TMC 1954
Europe 1 E1 1978
Bandiera della Giordania Giordania Jordan Radio and Television Corporation JRTV 1969
Bandiera della Georgia Georgia Sakartvelos Sazogadoebrivi Mauts'q'ebeli GPB 2005
Bandiera della Germania Germania Arbeitsgemeinschaft der öffentlich-rechtlichen Rundfunkanstalten der Bundesrepublik Deutschland ARD 1952
Bayerischer Rundfunk BR
Deutschlandradio DRadio
Deutsche Welle DW
Hessischer Rundfunk HR
Mitteldeutscher Rundfunk MDR
Norddeutscher Rundfunk NDR
Radio Bremen RB
Rundfunk Berlin-Brandenburg RBB
Saarländischer Rundfunk SR
Südwestrundfunk SWR
Westdeutscher Rundfunk WDR
Zweites Deutsches Fernsehen ZDF 1963
Bandiera della Grecia Grecia Ellinikí Radiofonía Tileórasi ERT 1950-2013
2015
Bandiera dell'Irlanda Irlanda Radio Teilifís Éireann RTÉ 1950
Teilifís na Gaeilge 4 TG4 2007
Bandiera dell'Islanda Islanda Ríkisútvarpið RÚV 1956
Bandiera d'Israele Israele Ta'agid HaShidur HaYisra'eli IPBC 2018
Bandiera dell'Italia Italia Rai − Radiotelevisione Italiana RAI 1950
Bandiera della Lettonia Lettonia Latvijas Radio LR 1993
Latvijas Televīzija LTV
Bandiera del Libano Libano Télé Liban TL 1950
Bandiera della Libia Libia Libya National Channel LNC 2011
Bandiera della Lituania Lituania Lietuvos Nacionalinis Radijas ir Televizija LRT 1993
Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo RTL Lëtzebuerg RTL 1950
Radio 100,7 ERSL 1996
Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord Makedonska Radio Televizija MKRTV 1993
Bandiera di Malta Malta Public Broadcasting Services MT/PBS 1969
Bandiera del Marocco Marocco Société nationale de radiodiffusion et de télévision SNRT 1950-1961
1968
Bandiera della Moldavia Moldavia Teleradio Moldova TRM 1993
Bandiera di Monaco Monaco Radio Monte-Carlo RMC 1950
Monaco Media Diffusion MMD 1994
Bandiera del Montenegro Montenegro Radio Televizija Crne Gore RTCG 2001
Bandiera della Norvegia Norvegia Norsk rikskringkasting NRK 1950
TV2 NO/TV2 1992
Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi AVROTROS AVROTROS 1950
BNNVARA BNNVARA
KRO-NCRV KRO-NCRV
MAX MAX
Nederlandse Publieke Omroep NPO
NTR NTR
Vereniging De Evangelische Omroep EO
Vrijzinnig Protestantse Radio Omroep VPRO
Bandiera della Polonia Polonia Telewizja Polska TVP 1993
Polskie Radio PR
Bandiera del Portogallo Portogallo Rádio e Televisão de Portugal RTP 1950
Bandiera del Regno Unito Regno Unito British Broadcasting Corporation BBC 1950
United Kingdom Independent Broadcasting:
- ITV
- Channel 4
- S4C
- STV Group
UKIB 1960
Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Český rozhlas ČR 1993
Česká televize ČT
Bandiera della Romania Romania Societatea Română de Radiodifuziune ROR
Televiziunea Română TVR
Bandiera di San Marino San Marino San Marino RTV RTV 1991
Bandiera della Serbia Serbia Radio Televizija Srbije RTS 2001
Bandiera della Slovacchia Slovacchia Rozhlas a televízia Slovenska RTVS 2011
Bandiera della Slovenia Slovenia Radiotelevizija Slovenija RTVSLO 1993
Bandiera della Spagna Spagna Radiotelevisión Española RTVE 1955
Bandiera della Svezia Svezia Sveriges Television SVT 1950
Sveriges Radio SR
Sveriges Utbildningsradio UR
Bandiera della Svizzera Svizzera Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR 1950
Bandiera della Tunisia Tunisia Radio Tunisienne RT 2007
Télévision Tunisienne TT
Bandiera della Turchia Turchia Türkiye Radyo ve Televizyon Kurumu TRT 1950
Bandiera dell'Ucraina Ucraina Nacional'na Suspil'na Teleradiokompanija Ukraïny UA:PBC 2017
Bandiera dell'Ungheria Ungheria Médiaszolgáltatás-támogató és Vagyonkezelő Alap MTVA 2014
Duna Media Service Provider Duna
Bandiera della Città del Vaticano Città del Vaticano Radio Vaticana RV 1950

Associati[modifica | modifica wikitesto]

Paesi con membri associati dell'UER
Nazione Gruppo televisivo Abbr. Anno adesione
Bandiera dell'Australia Australia Australian Broadcasting Corporation ABC 1950
FreeTV Australia Free 1962
Special Broadcasting Service SBS 1979
Bandiera del Bangladesh Bangladesh Bānlādēśa ṭēlibhiśana BTV 1974
Bandiera del Brasile Brasile Fundação Padre Anchieta FPA 2012
Bandiera del Canada Canada Canadian Broadcasting Corporation CBC 1950
Bandiera del Cile Cile Canal 13 UCTV 1971
Bandiera della Cina Cina China Central Television CCTV 2010
Shangai Media Group SMG 2016
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Korean Broadcasting System KBS 1974
Bandiera di Cuba Cuba Instituto Cubano de Radio y Televisión ICRT 1992
Bandiera della Georgia Georgia Teleimedi TEME 2004
Rustavi 2 RB 2003
Bandiera del Giappone Giappone Nippon Hoso Kyokai NHK 1951
Tokyo Broadcasting System TBS 2000
Tokyo FM TFM 1986
Bandiera di Hong Kong Hong Kong Radio Television Hong Kong RTHK 1983
Bandiera dell'India India All India Radio AIR 1979
Bandiera dell'Iran Iran Islamic Republic of Iran Broadcasting IRIB
Bandiera del Kazakistan Kazakistan Khabar Agency[5] KA 2016
Channel 31 C31 2017
Bandiera della Malaysia Malaysia Radio Television Malaysia RTM 1970
Bandiera di Mauritius Mauritius Mauritius Broadcasting Corporation MBC 1980
Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda Radio New Zealand RNZ 1950
Television New Zealand TVNZ
Bandiera dell'Oman Oman Public Authority for Radio and TV of Oman PART 1976
Bandiera della Siria Siria General Organization of Radio and TV ORTAS 1978
Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti National Broadcasting Company NBC 1971
American Broadcasting Company ABC 1959
Columbia Broadcasting System CBS 1956
National Public Radio NPR 1971
American Public Media APM 2004
WFTM Radio Network WFMT 1980
Bandiera del Sudafrica Sudafrica South African Broadcasting Corporation SABC 1951

Sospesi[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Emittente Abbr. Da
Bandiera della Bielorussia Bielorussia Belaruskaja Tele-Radio Campanija BTRC 2021[6]
Bandiera della Russia Russia Pervyj kanal C1R 2022[7]
Radio Dom Ostankino RDO
Vserossijskaja gosudarstvennaja televizionnaja i radioveščatelnaja kompanija VGTRK

Del passato[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Emittente Abbr. Da A
Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia Ceškoslovenska televizía ČST 1991 1992
Bandiera della Finlandia Finlandia Mainotelevisio 3 MTV3 1957 2019
Bandiera della Grecia Grecia Nea Ellinikí Radiofonía, Internet kai Tileórasi NERIT 2014 2015
Bandiera d'Israele Israele Israel Broadcasting Authority IBA 1957 2017
Bandiera dell'Italia Italia Telemontecarlo TMC 1974 2001
Bandiera di Monaco Monaco
bandiera Jugoslavia Jugoslovenska radiotelevizija JRT 1950 1992
Bandiera della Libia Libia Libyan Jamahiriya Broadcasting Corporation LJBC 1974 2011
Bandiera della Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro Udruženje javnih radija i televizija UJRT 2001 2006
Bandiera della Slovacchia Slovacchia Slovenský rozhlas SRo 1993 2011
Slovenská televízia STV
Bandiera della Spagna Spagna Antena 3 Radio A3R 1986 1993
Cadena de Ondas Populares de España COPE 1998 2019
Cadena SER SER 1982 2020
Bandiera della Svezia Svezia TV4 TV4 2004 2019
Bandiera della Tunisia Tunisia Établissement de la Radiodiffusion-Télévision Tunisienne ERTT 1950 2007
Bandiera dell'Ungheria Ungheria Duna TV Duna 2013 2015
Magyar Rádió MR 1993
Magyar Televízió MTV

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michelle Roverelli, Tony Hall and Delphine Ernotte Cunci elected president and vice-president of EBU as of 2019, su ebu.ch, 29 giugno 2018. URL consultato il 5 settembre 2020.
  2. ^ Noel Curran nominato nuovo direttore generale dell’EBU, su primaonline.it. URL consultato l'8 giugno 2017.
  3. ^ (EN) List of All ETSI Full Members - ETSI Associate Members - Observers - Counsellors
  4. ^ (EN) European Broadcasting Union (EBU), EBU - Members, su ebu.ch. URL consultato il 5 agosto 2018.
  5. ^ Membro associato dal 1º gennaio 2016: Kazakistan: Khabar TV è un nuovo membro associato dell'EBU, Eurofestival NEWS
  6. ^ (EN) Anthony Granger, Belarus: BTRC Reveals EBU Suspension Scheduled to Expire in 2024, in Eurovoix, 27 agosto 2021. URL consultato il 17 maggio 2023.
  7. ^ (EN) Anthony Granger, European Broadcasting Union Formally Suspends Russian Broadcasters, in Eurovoix, 29 maggio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153573117 · ISNI (EN0000 0001 1942 5891 · LCCN (ENn80051882 · GND (DE1011142-6 · BNF (FRcb12297993n (data) · J9U (ENHE987007306554805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80051882
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione