BHRT

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
BHRT
Logo
StatoBosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Fondazione1945
Sede principaleSarajevo
Persone chiaveBelmin Karamehmedović, Direttore generale
SettoreMedia
Slogan«Dobar vjetar u leđa»
Sito web

La Radiotelevizija Bosne i Hercegovine (Radiotelevisione della Bosnia ed Erzegovina), o BHRT, precedentemente conosciuta come PBSBiH (Servizio pubblico radiotelevisivo della Bosnia ed Erzegovina) è l'ente di teleradiodiffusione pubblica della Bosnia ed Erzegovina, ed è inoltre membro dell'Unione europea di radiodiffusione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuta come RTVBiH (Radio-Televizija Bosne i Hercegovine) dal 1992 al 1998, quando l'azienda fu ristrutturata ed assunse il nome attuale, il 1º gennaio 1993, RTVBiH fu ammessa come membro effettivo dell'Unione europea di radiodiffusione. L'affiliazione fu poi trasferita al nuovo ente pubblico radiotelevisivo PBSBiH nel 2000.

RTVBiH (e quindi, di conseguenza, la BHRT) nacque nel 1992 dalla RTV Sarajevo, una degli otto enti pubblici radiotelevisivi dell'allora Jugoslavia: gli altri enti erano RTV Lubiana, RTV Zagabria, RTV Belgrado, RTV Novi Sad, RTV Titograd, RTV Priština, e RTV Skopje.

Nel 2016 (ultima partecipazione della Bosnia ed Erzegovina all'Eurovision Song Contest) l'azienda ha annunciato che avrebbe probabilmente interrotto le proprie attività a causa di una forte carenza di fondi.[1][2]

Canali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018 la BHRT gestisce i canali di tre enti pubblici radiotelevisivi:

  1. BHRT (Radiotelevizija Bosne i Hercegovine) l'ente rediotelevisivo pubblico, incaricato di mandare onda e trasmettere i programmi del canale televisivo nazionale (BHT1) e del canale radiofonico nazionale (BH Radio 1).
  2. RTVFBiH (Radiotelevizija Federacije Bosne i Hercegovine) che possiede propri canali e frequenze all'interno della Federazione di Bosnia ed Erzegovina e che trasmette in bosniaco e croato.
  3. RTRS (Radiotelevizija Republike Srpske) che possiede propri canali e frequenze all'interno della Repubblica Srpska e che trasmette in serbo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (BS) Saopštenje Upravnog odbora - BHRT, in BHRT, 30 giugno 2016. URL consultato il 28 settembre 2018.
  2. ^ (EN) European Broadcasting Union (EBU), EBU - EBU alarmed at threat to public service broadcasting in Bosnia and Herzegovina, su www.ebu.ch. URL consultato il 28 settembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133444943 · LCCN (ENno99010259 · GND (DE5519379-1
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione