Eurovision Song Contest 1967

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eurovision Song Contest 1967
ESC 1967 Logo.jpg
Edizione XII
Periodo 8 aprile
Sede Grosser Festsaal Der Wiener Hofburg, Vienna, Austria Austria
Presentatore Erika Vaal
Trasmissione TV ORF in Eurovisione
Partecipanti 17
Paesi debuttanti 0
Ritiri Danimarca Danimarca
Vincitore Regno Unito Regno Unito (1°)
con la canzone:
Puppet on a String
Secondo Irlanda Irlanda
Terzo Francia Francia
Cronologia
1966 1968

Il dodicesimo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Vienna (Austria) l'8 aprile 1967.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967, la Danimarca decise di non partecipare al concorso (tornerà solo nel 1978), riducendo così il numero dei paesi partecipanti a diciassette. Per la prima volta ci fu una telecamera nella green room, la sala in cui i cantanti aspettano i risultati delle votazioni. Il concorso ebbe una cornice molto glamour: la scena comprendeva tre specchi girevoli e una scala come ingresso in mezzo al palco. Il sistema di voto ritornò ad essere quello usato nel 1957, facendo partecipare dieci giurati per ogni paese i quali potevano assegnare un voto alla loro canzone preferita. Metà dei giurati dovevano avere meno di trent'anni. Lo scrutinatore dell'EBU, Clifford Brown rilasciò alcune dichiarazione non proprio gentili nei riguardi della presentarice, Erica Vaal. Era così confusa che annunciò il Regno Unito come vincitore mentre ancora un paese doveva votare.

Dopo che per cinque volte arrivò secondo, per la prima volta, il vincitore fu il Regno Unito con il brano Puppet on a string eseguito da Sandie Shaw; La Svizzera rimase a zero punti. Ma la canzone, forse, più famosa di questa edizione è L'amour est bleu eseguita da Vicky Leandros per il Lussemburgo. La cantante ritornerà, per vincere, nel 1972. Claudio Villa torna all'Eurofestival e si classifica undicesimo con la canzone Non andare più lontano.

     Stati partecipanti

     Paesi che hanno partecipato in passato ma non nel 1967

Canzoni, autori, cantanti e nazioni in ordine di uscita[modifica | modifica wikitesto]

  1. Paesi Bassi Paesi Bassi Ringe-dinge (Johnny Holshuyzen & Gerrit den Braber) Thèrese Steinmetz
  2. Lussemburgo Lussemburgo L'amour Est Bleu (André Popp et Pierre Cour) Vicky Léandros
  3. Austria Austria Warum Es Hunderttausend Sterne Gibt (Kurt Peche und Karin Bogmar) Peter Horten
  4. Francia Francia Il Doit Faire Beau Là-bas (Hubert Giraud et Pierre Delanoë) Noëlle Cordier
  5. Portogallo Portogallo O Vento Mudou (Nuno Nazareth Fernandes e João Magalhães Pereira) Eduardo Nascimento
  6. Svizzera Svizzera Quel Cœur Vas-tu Briser? (Daniel Faure et Gérard Gray) Géraldine
  7. Svezia Svezia Som En Dröm (Curt Petterson, Marcus Österdahl & Patrice Hellberg) Östen Warnerbring
  8. Finlandia Finlandia Varjoon-suojaan (Lasse Mårtenson & Alvi Vuorinen) Fredi
  9. Germania Ovest Germania Ovest Anouschka (Hans Blum) Inge Brück
  10. Belgio Belgio Ik Heb Zorgen (Paul Quintens & Phil van Cauwenbergh) Louis Neefs
  11. Regno Unito Regno Unito Puppet on a String (Bill Martin & Phil Coulter) Sandie Shaw
  12. Spagna Spagna Hablemos Del Amor (Manuel Alejandro) Raphael
  13. Norvegia Norvegia Dukkemann (Tor Hultin & Ola B. Johannessen) Kirsti Sparboe
  14. Monaco Principato di Monaco Boum-badaboum (Serge Gainsbourg) Minouche Barelli
  15. Jugoslavia Jugoslavia Vse Rože Sveta (Urban Koder & Milan Lindič) Lado Leskovar
  16. Italia Italia Non Andare Più Lontano (Gino Mescoli e Vito Pallavicini) Claudio Villa
  17. Irlanda Irlanda If I Could Choose (Michael Coffey & Wesley Burrowes) Sean Dunphy

Struttura di voto[modifica | modifica wikitesto]

Ogni nazione attribuisce cinque, quattro, tre, due e un punto alle sue cinque canzoni preferite.

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Diretta dai maestri: Manuel Alejandro (Spagna), Aimé Barelli (Monaco), Francis Bay (Belgio), Øivind Bergh (Norvegia), Hans Blum (Germania), Giancarlo Chiaramello (Italia), Johannes Fehring (Austria), Noel Kelehan (Irlanda), Hans Möckel (Svizzera), Mats Olsson (Svezia), Franck Pourcel (Francia), Mario Rijavec (Jugoslavia), Ossi Runne (Finlandia), Armando Tavares Belo (Portogallo), Dolf van der Linden (Paesi Bassi) e Kenny Woodman (Regno Unito).

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Punti Canzone Artista Nazione
1. 47 Puppet On A String Sandie Shaw Regno Unito Regno Unito
2. 22 If I Could Choose Sean Dunphy Irlanda Irlanda
3. 20 Il Doit Faire Beau Là-bas Noëlle Cordier Francia Francia
4. 17 L'amour Est Bleu Vicky Léandros Lussemburgo Lussemburgo
5. 10 Boum-badaboum Minouche Barelli Monaco Principato di Monaco
6. 9 Hablemos Del Amor Raphael Spagna Spagna
7. 8 Ik Heb Zorgen Louis Neefs Belgio Belgio
8. 7 Som En Dröm
Anouschka
Vse Rože Sveta
Östen Warnerbring
Inge Brück
Lado Leskovar
Svezia Svezia

Germania Ovest Germania Ovest
Jugoslavia Jugoslavia

11. 4 Non Andare Più Lontano Claudio Villa Italia Italia
12. 3 O Vento Mudou
Varjoon-suojaan
Eduardo Nascimento
Fredi
Portogallo Portogallo

Finlandia Finlandia

14. 2 Ringe-dinge
Warum Es Hunderttausend Sterne Gibt
Dukkemann
Thèrese Steinmetz
Peter Horten
Kirsti Sparboe
Paesi Bassi Paesi Bassi
Austria Austria
Norvegia Norvegia
17. 0 Quel Cœur Vas-tu Briser? Géraldine Svizzera Svizzera

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]