Cliff Richard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cliff Richard
Cliff Richard nel 1968
Cliff Richard nel 1968
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Skiffle
Rock and roll
Pop
Pop rock
Periodo di attività 1958 – in attività
Strumento Voce, chitarra, percussioni
Gruppi The Shadows
Album pubblicati 100
Sito web

Cliff Richard nome d'arte di Harry Rodger Webb (Lucknow, 14 ottobre 1940) è un cantante e attore inglese.

Considerato il cantante più popolare e di maggior successo nel Regno Unito, il suo repertorio musicale è essenzialmente pop.

Dopo aver risieduto per gran parte della sua vita nel Regno Unito, nel 2010 ha confermato di essere un cittadino delle Barbados.[1] Più recentemente, divide il suo tempo tra la permanenza nelle Barbados e nel vigneto di sua proprietà in Portogallo.[2] Richard ha venduto più di 260 milioni di registrazioni in tutto il mondo.[3] Nel solo Regno Unito ha venduto più di 21 milioni di singoli,[4] che lo classificano al terzo posto tra gli artisti con i singoli più venduti nel mercato britannico, dietro ai Beatles ed Elvis Presley.[2]

Assieme alla sua band di supporto, The Shadows, Richard è diventato inizialmente noto come cantante rock and roll dall'immagine ribelle, similarmente ai suoi contemporanei Little Richard[5] e Elvis Presley. Ha dominato il panorama musicale britannico pre-Beatles dagli ultimi anni cinquanta ai primi anni sessanta. Il suo singolo "Move It" del 1958 è stato spesso descritto come la prima autentica canzone rock and roll, tanto da portare John Lennon ad affermare che "prima di Cliff e i Shadows, non valeva la pena ascoltare niente della musica britannica."[6][7] L'avvicinamento alla fede cattolica e il conseguente alleggerimento del suo stile musicale lo hanno in seguito portato a produrre musica leggera, e in alcune occasioni musica di ispirazione cristiana.

Con una carriera lunga più di cinquant'anni, Richard è annoverato tra i più grandi artisti del panorama musicale del Regno Unito, avendo ottenuto numerosi dischi d'oro e di platino oltre che riconoscimenti, inclusi tre BRIT Awards e due Ivor Novello Awards.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Lucknow, in India, da padre indiano e da madre inglese. Dopo l’indipendenza indiana, si trasferisce con la famiglia in Inghilterra. Considerato la risposta inglese a Elvis Presley, raggiunge il successo con il brano del 1958 “Move it”, che si piazza al secondo posto della classifica inglese e che viene considerato come la prima canzone del genere rock britannico. Tra i suoi primi successi: Living Doll (1959), Travellin Light (1959), Please Don't Tease (1960), The Young ones (1962), We say Yeah (1962), Summer Holiday (1963).

Fin dagli inizi si fa accompagnare in tutti i concerti e anche nelle registrazioni in studio dal gruppo degli Shadows, band che acquisirà il successo anche indipendentemente da Richard grazie a famosissimi brani strumentali in stile surf (il più celebre dei quali è Apache del 1960). Per tutto il periodo 1958-1964 Cliff Richard rimane conosciuto a tutti gli effetti come "Cliff Richard and the Shadows".

Nel 1963 il singolo Rote Lippen soll man küssen arriva in prima posizione in Germania per sette settimane. Nel 1965 il singolo Das ist die Frage aller Fragen arriva in prima posizione in Germania per quattro settimane ed in Austria.

Negli stessi anni partecipa, in qualità di attore ma anche di interprete di parte della colonna sonora, a diversi film musical-giovanilistici, simili a quelli che in Italia venivano chiamati "musicarelli" e in USA "celebrity-flicks".

Si classifica secondo all'Eurovision Song Contest 1968 con Congratulations e terzo all'Eurovision Song Contest 1973 con Power To All Our Friends.

Negli anni si susseguono i lavori di qualità sempre costante: Devil Woman (1976), We Don't Talk Anymore (1979) brano primo in Inghilterra e tra i più venduti in patria), Dreamin' (1980), Carrie (1980), Wired for Sound (1981), The Only Way Out (1982), Two Hearts, Some people (1987), Stronger, The Best of Me, Mistletoe and Wine (1988), Saviour's Day (1990), The Millennium Prayer (1999).

Nel 2008 esce un cofanetto di otto CD per festeggiare i cinquant’anni di attività, seguito dal brano “Thank you for a lifetime”. A novembre dello stesso anno viene annunciata una reunion con gli Shadows, con cui c’è il progetto di un nuovo lavoro.

Nella sua lunga carriera ha venduto più di 260 milioni di dischi in tutto il mondo.

Egli continua a fare concerti in maniera infaticabile riscuotendo ancora grande successo.

Discografia (Album)[modifica | modifica wikitesto]

Cliff Richard
Cliff Richard and The Shadows Brussels 2009
Cliff Richard and The Shadows 2009
  • 1959: Cliff
  • 1959: Cliff Sings
  • 1960: Me and My Shadows
  • 1961: Listen to Cliff
  • 1961: 21 Today
  • 1961: The Young Ones [soundtrack]
  • 1962: 32 Minutes & 17 Seconds
  • 1963: Summer Holiday [soundtrack]
  • 1963: Cliff's Hit Album
  • 1963: When In Spain
  • 1963: Wonderful Life [soundtrack]
  • 1964: Aladdin & His Wonderful Lamp [pantomime]
  • 1965: Cliff Richard
  • 1965: More Hits By Cliff
  • 1965: When In Rome
  • 1965: Love Is Forever
  • 1966: Kinda Latin
  • 1966: Finders Keepers [soundtrack]
  • 1967: Cinderella [pantomime]
  • 1967: Don't Stop Me Now
  • 1967: Good News
  • 1968: Cliff In Japan
  • 1968: Two a Penny [soundtrack]
  • 1968: Established 1958
  • 1969: The Best Of Cliff
  • 1969: Sincerely Cliff
  • 1969: Live At The Talk of The Town
  • 1970: Tracks & Grooves
  • 1972: The Best Of Cliff Volume 2
  • 1973: Take Me High [soundtrack]
  • 1974: Help It Along
  • 1974: The 31st of February Street
  • 1976: I'm Nearly Famous
  • 1977: Every Face Tells a Story
  • 1977: 40 Golden Greats
  • 1978: Small Corners
  • 1978: Green Light
  • 1979: Thank You Very Much
  • 1979: Rock n' Roll Juvenile
  • 1980: I'm No Hero
  • 1981: Love Songs
  • 1981: Wired For Sound
  • 1982: Now You See Me... Now You Don't
  • 1983: Dressed For The Occasion
  • 1983: Silver
  • 1984: The Rock Connection
  • 1987: Always Guaranteed
  • 1987: Some People
  • 1988: Private Collection: 1979-1988
  • 1989: Stronger
  • 1990: From A Distance: The Event
  • 1991: Together With Cliff Richard
  • 1993: The Album
  • 1994: The Hit List
  • 1995: "Heatcliff" con Olivia Newton-John
  • 1998: Real As I Wanna Be
  • 2000: The Whole Story: His Greatest Hits
  • 2001: Wanted
  • 2003: Cliff At Christmas
  • 2004: Something's Goin' On
  • 2006: Two's Company - The Duets
  • 2007: Love-the album
  • 2008: The 50th anniversary album
  • 2009: Reunited
  • 2010: Bold as brass
  • 2011: Soulicious
  • 2013: The Fabulous Rock ‘n’ Roll Songbook (100th Album).

Tour[modifica | modifica wikitesto]

  • 1958 Cliff And The Drifters Tour
  • 1959 Stars In Your Eyes
  • 1959 The Cliff Richard Show
  • 1960 Greyhound Tour of America USA/Canada
  • 1960 Stars In Your Eyes
  • 1961 The Cliff Richard Show
  • 1961 Cliff And The Shadows Tour
  • 1962 Cliff And The Shadows Tour
  • 1963 Cliff And The Shadows Tour
  • 1963 Holiday Carnival
  • 1963 Cliff And The Shadows Tour
  • 1964 Cliff And The Shadows Tour
  • 1964 Aladdin And His Wonderfull Lamp
  • 1964 Cliff And The Shadows Tour
  • 1968 Autumn Show
  • 1969 Cliff Concert
  • 1972 'Cliff with Marvin & Farrar tour Japan
  • 1973 Cliff Tour
  • 1973 The Cliff Richard Show
  • 1974 Cliff with Welch tour
  • 1976 I'm Nearly Famous Tour Japan / Russia / India
  • 1977 Cliff Richard In Concert
  • 1978 Cliff Richard And The Shadows 1978 Cliff In Concert - 20th Anniversary Tour
  • 1979 Cliff In Europe
  • 1980 Apollo Victoria Theatre
  • 1981 Cliff Tour World Tour
  • 1981 Wired For Sound Tour North American / UK
  • 1982 Cliff Canadian Tour Canada
  • 1982 Gospel Concert Tour
  • 1984 The Rock Connection World Tour
  • 1984 Cliff And The Shadows
  • 1984 Tear Fund Gospel Tour
  • 1986 Time The Musical
  • 1987 Always Guaranteed World Tour
  • 1988 30th Anniversary World Tour
  • 1989 30th Anniversary World Tour
  • 1989 From A Distance-The Event UK
  • 1990 Cliff Richard - Stronger Australia
  • 1990 From A Distance Tour UK / Ireland / Australia
  • 1991From A Distance Tour Australia
  • 1992 Access All Areas UK / Ireland
  • 1994 The Hit List Tour
  • 1995The Hit List Tour
  • 1996 Heathcliff The Musical
  • 1998 40th Anniversary Tour
  • 199940th Anniversary Tour
  • 1999 The Countdown Concerts
  • 2001 Cliff Richard - Off The Record
  • 2002 Wanted World Tour
  • 2003Wanted World Tour
  • 2004 Cliff Richard - Live And Kicking
  • 2004 Summer Nights Concert
  • 2006 The Here And Now Tour
  • 2007The Here And Now Tour
  • 2008 Time Machine 50th Anniversary Tour
  • 2009 The Final Reunion Tour Cliff Richard and The Shadows
  • 2010The Final Reunion Tour Cliff Richard and The Shadows
  • 2010 Bold As Brass
  • 2011 Soulicious
  • 2013 Still reelin'and a-rockin' tour (Australia,New Zealand,Singapore,Philippines,Israel).
  • 2013 Still reelin'and a-rockin' tour (United Kingdom ).
  • 2014 Still reelin'and a-rockin' tour (Germany, Switzerland, the Netherlands, Denmark, Norway, Belgium and France)
  • 2015 75th Birthday Tour

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1980
Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1995

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tim Walker, Sir Cliff Richard: Why Barbados beats Britain in The Daily Telegraph (London), 23 settembre 2010. URL consultato il 26 gennaio 2011 (archiviato il 27 gennaio 2011).
  2. ^ a b Nicola Harley, Sir Cliff Richard profile: decades of speculation over life of the bachelor boy in The Daily Telegraph (London), 15 agosto 2014. URL consultato il 20 agosto 2014.
  3. ^ Martin Evans, Sir Cliff Richard home searched in Berkshire in The Daily Telegraph (London), 14 agosto 2014. URL consultato il 31 agosto 2014.
  4. ^ The Official Singles Charts' biggest selling artists of all time revealed!, Official Chart Company, 4 giugno 2012.
  5. ^ Happy Birthday Cliff Richard! su Contactmusic, 14 ottobre 2010. URL consultato il 10 dicembre 2011.
  6. ^ Tony Meehan in Timesonline.co.uk. URL consultato il 28 settembre 2014.
  7. ^ Anon, Tony Meehan su Spectropop remembers. URL consultato il 4 dicembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN50018147 · LCCN: (ENn50044893 · ISNI: (EN0000 0003 7424 0368 · GND: (DE11860029X · BNF: (FRcb12762651x (data)