Medolago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medolago
comune
Medolago – Stemma
Medolago – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Sindaco Luisa Fontana (lista civica) dal 30/05/2006
Territorio
Coordinate 45°40′00″N 9°30′00″E / 45.666667°N 9.5°E45.666667; 9.5 (Medolago)Coordinate: 45°40′00″N 9°30′00″E / 45.666667°N 9.5°E45.666667; 9.5 (Medolago)
Altitudine 246 m s.l.m.
Superficie 3,77 km²
Abitanti 2 388[1] (31-12-2010)
Densità 633,42 ab./km²
Frazioni Adda, Cascina Grandone, San Protasio, Torre
Comuni confinanti Calusco d'Adda, Chignolo d'Isola, Cornate d'Adda (MB), Paderno d'Adda (LC), Solza, Suisio, Terno d'Isola
Altre informazioni
Cod. postale 24030
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016250
Cod. catastale F085
Targa BG
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 419 GG[2]
Nome abitanti medolaghesi
Patrono santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Medolago
Posizione del comune di Medolago nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Medolago nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Medolago (Medolàgh in dialetto bergamasco[3]) è un comune italiano di 2.388 abitanti[4] della provincia di Bergamo.

Situato nell'Isola bergamasca dista circa 16 chilometri a ovest dal capoluogo orobico.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I primi insediamenti stabili di una certa consistenza presenti sul territorio comunale risalgono all'epoca romana, quando nelle vicinanze era posta un'importante via di comunicazione utilizzata sia in ambito militare che in quello commerciale.

Si pensa inoltre che in tale periodo il paese fosse inserito nel pagus fortunensis, al pari degli altri borghi dell'isola.

Tuttavia per aspettare il primo documento che attesti con certezza l'esistenza del toponimo, bisogna aspettare fino al 917, quando Medolago, menzionato come castrum, venne inserito nel Sacro Romano Impero, in cui i reggenti inserirono il feudalesimo.

L'etimologia del nome del paese sembra derivare dalla sua attuale collocazione in posizione centrale all'antico lago Gerundo, prosciugato nel periodo medievale, da cui il nome latino medio-lacus e la modernizzazione Medolago.

Inizialmente affidato alla gestione del vescovo di Bergamo, Medolago venne quindi interessato dalle lotte tra le fazioni guelfe e ghibelline, che imperversarono in tutta la provincia bergamasca.

In tal senso sul territorio comunale sorsero numerose fortificazioni difensive, tra cui anche un castello circondato di fossato, costruito in forma associata tra numerose personalità del borgo.

Il potere tuttavia era detenuto dalla famiglia dei Medolago Albani che spesso si dovette guardare dagli attacchi esterni, dovuti per lo più alla vicinanza con la roccaforte di Trezzo sull'Adda. In tal senso imponente fu la devastazione compiuta da Bernabò Visconti nel 1377, che colpì anche il vicino borgo di Solza.

La situazione ritornò alla tranquillità a partire dal 1428 quando, unitamente al resto della provincia bergamasca, venne posto sotto il dominio della Repubblica di Venezia, la quale emanò una serie di provvedimenti volti a migliorare la situazione sociale ed economica.

Un sussulto si ebbe nel 1509 quando l'esercito francese, capitanato da Carlo d'Amboise, irruppe sul territorio e provocò una carneficina tra la popolazione, rea di aver opposto resistenza al tentativo d'invasione.

Da quel momento pochi furono gli avvenimenti degni di nota per il paese, che seguì le sorti del resto della provincia, passando alla Repubblica Cisalpina nel 1797, al Regno Lombardo-Veneto nel 1815, ed infine al neonato Regno d'Italia nel 1859, con il quale ottenne anche l'autonomia amministrativa.

Tale autonomia venne revocata nel 1928 quando venne fuso con il vicino comune di Solza, formando il nuovo comune di Riviera d'Adda, con sede comunale posta nel vicino paese. Soltanto nel 1970 i due paesi riacquisirono la sospirata autonomia.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Un edificio di grande richiamo, sia artistico che storico, è il Palazzo Medolago-Albani. Di proprietà dell'omonima famiglia, a lungo legata alle vicende del paese tanto da assumerne il nome, è ancora circondato da un fossato che ne indica l'antico utilizzo come castello, indice dell'importanza che Medolago aveva in epoca medievale.

In ambito religioso riveste grande importanza la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta. Edificata nel 1743 e più volte soggetta a rifacimenti, presenta al proprio interno opere di buon pregio, tra cui spicca un'immagine dell'Immacolata e l'organo costruito dalla ditta organaria Giudici e Compagno nel 1859, composto da una tastiera, 35 registri a manetta "alla lombarda", e con circa 1343 canne.

Infine merita menzione la chiesetta degli alpini che, sita al di fuori dal centro abitato e recentemente restaurata da volontari, ha una storia che risale al XV secolo.

Il territorio di Medolago nell'isola bergamasca

Persone legate a Medolago[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

  • Fax: 035 4948885
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 29 maggio 2006 Giancarlo Ghinzani lista civica Sindaco
30 maggio 2006 in carica Luisa Fontana lista civica Sindaco

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001. ISBN 88-87353-12-3.
  4. ^ Dato Istat al 31.12.2010.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bergamo Portale Bergamo: Voci su Bergamo e sul suo territorio