Costa Valle Imagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Costa Valle Imagna
comune
Costa Valle Imagna – Stemma Costa Valle Imagna – Bandiera
Costa Valle Imagna – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Valentina Maconi (lista civica Vivicosta) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°48′00″N 9°30′00″E / 45.8°N 9.5°E45.8; 9.5 (Costa Valle Imagna)Coordinate: 45°48′00″N 9°30′00″E / 45.8°N 9.5°E45.8; 9.5 (Costa Valle Imagna)
Altitudine 1.014 m s.l.m.
Superficie 4,21 km²
Abitanti 624[1] (31-12-2010)
Densità 148,22 ab./km²
Comuni confinanti Bedulita, Carenno (LC), Roncola, Sant'Omobono Terme, Torre de' Busi (LC)
Altre informazioni
Cod. postale 24030
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016085
Cod. catastale D103
Targa BG
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti costesi
Patrono santa Maria della Visitazione
Giorno festivo 2 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Costa Valle Imagna
Posizione del comune di Costa Valle Imagna nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Costa Valle Imagna nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Costa Valle Imagna (Còsta in dialetto bergamasco[2][3]) è un comune italiano di 620 abitanti della provincia di Bergamo, in Lombardia.

Il villaggio sembra sia stato abitato per tutto l'anno soltanto a partire dal 1300. In precedenza era, probabilmente, solo un alpeggio per il bestiame occupato durante i mesi estivi. In effetti il clima invernale di Costa è rigido visto che il paese è orientato verso il lato nord-orientale della Valle, tanto che Costa è detta la nevera della Valle Imagna.

Per ragioni di comunicazione il Paese è stato a lungo più legato con la valle San Martino, Almenno San Salvatore e la piana che con il resto della Valle Imagna.

Con l'annessione nel 1428 della Bergamasca alla Repubblica di Venezia, il Paese venne a trovarsi ai confini fra la Serenissima e il Ducato di Milano. A comprova di ciò il forestiero è detto nel dialetto di Costa bir (sbirro), con probabile riferimento ai doganieri inviati da Venezia per pattugliare il confine.

Dell'epoca della controriforma è stato ritrovato un rapporto vescovile, il quale deplorava il cattivo stato in cui si trovava la chiesa parrocchiale a causa della povertà del villaggio. Costa fu oltretutto colpita dalla peste di manzoniana memoria del 1630, come comprovato dal ritrovamento di una sepoltura comune.

Fin dall'inizio del XX secolo Costa Valle Imagna è nota anche quale stazione di villeggiatura. Il paese sorge sull'alto versante destro della Valle Imagna, da Costa è pertanto possibile godere un ampio panorama, in particolare, volgendo lo sguardo a nord l'occhio cade sull'imponente monte Resegone. Raggiungendo la frazione di Forcella e il Passo del Pertüs (m 1186) lo sguardo si estende sull'intera Brianza e, nelle giornate favorevoli, fino a Milano.

Vi è ancora infatti chi ricorda che, durante la II guerra mondiale, dal Pertüs erano visibili, di notte, gli incendi causati dai bombardamenti alleati sulla capitale lombarda.

La festa del paese è il giorno 2 luglio - visitazione di Maria - oltre a questa ricorrenza il paese è "famoso" anche per la festa di San Rocco ("San Roc"), festeggiato il 16 agosto con la processione, fuochi d'artificio e balli nella piazza del Comune.

Sino al 1864 il comune mantenne la denominazione di Costa e successivamente a tale data assunse la denominazione di Costa Valle Imagna.[4].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Angelo Maconi lista civica Sindaco
8 giugno 2009 in carica Valentina Maconi lista civica "Vivi Costa" Sindaco

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costantino Locatelli, Costa Imagna e il Pertüs, collana Saluti dalla Valle Imagna, centro studi Valle Imagna, Almeno San Bartolomeo, giugno 2000

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 236.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  4. ^ (R.D. 23 ottobre 1864, n. 1998).
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio