Gaverina Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaverina Terme
comune
Gaverina Terme – Stemma
Gaverina Terme – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Denis Flaccadori (lista civica Gaverina Terme sostenibile) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°46′00″N 9°53′00″E / 45.766667°N 9.883333°E45.766667; 9.883333 (Gaverina Terme)Coordinate: 45°46′00″N 9°53′00″E / 45.766667°N 9.883333°E45.766667; 9.883333 (Gaverina Terme)
Altitudine 509 m s.l.m.
Superficie 5,18 km²
Abitanti 931[1] (31-12-2010)
Densità 179,73 ab./km²
Comuni confinanti Albino, Bianzano, Casazza, Cene, Spinone al Lago
Altre informazioni
Cod. postale 24060
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016110
Cod. catastale D943
Targa BG
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti gaverinesi
Patrono san Vittore Martire
Giorno festivo 8 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gaverina Terme
Posizione del comune di Gaverina Terme nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Gaverina Terme nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Gaverina Terme (Gaerina in dialetto bergamasco[2]) è un comune italiano di 932 abitanti della provincia di Bergamo, in Lombardia.

Situato in una valletta sulla destra orografica della Val Cavallina, dista circa 26 chilometri ad est dal capoluogo orobico.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Lombardia.

Le prime notizie riguardanti il paese risalgono all’epoca medievale, prima della quale il territorio era interessato soltanto da insediamenti sparsi. Tuttavia recenti studi farebbero risalire l’origine del toponimo all’età preromana, quando sui territori della bergamasca si insediarono i Galli Cenomani: si tratta comunque solo di ipotesi, non suffragate da ritrovamenti specifici o elementi concreti.

La storia documentata invece racconta di ripetuti scontri avvenuti sul territorio nel pieno dell’età medievale, quando in tutta la provincia bergamasca imperversavano le battaglie fratricide tra guelfi e ghibellini. Gaverina si trovò coinvolta in modo particolare dato che sull’attuale territorio comunale si trovavano due importanti famiglie, appartenenti ai due schieramenti: nel borgo di Gaverina abitava la famiglia ghibellina dei Giovannelli, mentre nella frazione Piano (in quel periodo separata amministrativamente), posta più a valle, stazionavano i Suardi che assoggettavano gran parte della val Cavallina.

Di conseguenza sul territorio vennero costruiti numerosi edifici difensivi volti a proteggere i possedimenti e la popolazione stessa, tra i quali ancor oggi spicca la Torre Suardi. Questa situazione di profonda instabilità sociale e politica terminò con l’arrivo, nel XV secolo, della Repubblica di Venezia, che emanò una serie di leggi volte ad equilibrare la situazione ed a migliorare la condizione economica degli abitanti di queste zone martoriate da secoli di battaglie.

Da questo momento nel paese non si verificarono episodi di rilievo, tanto che Gaverina seguì le sorti politiche del resto della valle. A livello amministrativo è importante annotare che dal periodo della Serenissima i due comuni di Gaverina e Piano furono riuniti in un'unica entità chiamata inizialmente Gaverina con Piano, per assumere poi, nel corso del XX secolo, l’attuale denominazione di Gaverina Terme. Questo grazie alla presenza sul territorio comunale di impianti di imbottigliamento delle acque ed allo sfruttamento termale delle stesse che scaturiscono copiose dal sottosuolo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Santuario madonna dei ciclisti loc. Colle Gallo

Grazie allo sfruttamento delle acque, Gaverina Terme ha vissuto un periodo di grande splendore, testimoniato dal Palazzo delle Terme, in località Fonti, edificato nel 1922 in stile liberty. Vi sono anche altri edifici che catturano l’attenzione: la chiesa della Vergine Addolorata sita nella frazione Trate che, in stile barocco, conserva opere pittoriche risalenti al XVIII secolo, tra cui spicca una pala di Giovanni Carobbio; la chiesa di San Rocco, risalente al XVII secolo e situata a Gaverina su uno sperone roccioso dove un tempo sorgeva una fortificazione della famiglia Giovannelli. Al riguardo dell’epoca medievale, è visibile la Torre dei Suardi, risalente al XIV secolo che svetta da una posizione dominante sull’intera zona.

Particolare importanza ricopre inoltre la chiesa parrocchiale di San Vittore Martire: edificata nel corso del XV secolo ed ampliata più volte nei secoli successivi, presenta un’architettura in stile barocco ed opere di grande valore, tra le quali spiccano quelle di Giovan Battista Moroni e del pittore genovese Lambro.

Merita infine menzione il Santuario del Colle Gallo dedicato alla Madonna della Neve. Situato sull'omonimo colle a cavallo con il comune di Albino, risale al 1690 quando un pellegrino durante una sosta ebbe la visione della Madonna. Dopo un recente restauro, avvenuto nel 1990, questo luogo è diventato punto d’incontro per i ciclisti della zona, dato che la Madonna del Colle Gallo è stata eretta a loro protettrice.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio a 5 del Gaverina Terme C5 gioca il campionato amatoriale CSI della provincia di Bergamo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini, Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio