Lallio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lallio
comune
Lallio – Stemma Lallio – Bandiera
Lallio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Massimo Mastromattei (lista civica Lallio e poi) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°39′58″N 9°37′53″E / 45.666111°N 9.631389°E45.666111; 9.631389 (Lallio)Coordinate: 45°39′58″N 9°37′53″E / 45.666111°N 9.631389°E45.666111; 9.631389 (Lallio)
Altitudine 216 m s.l.m.
Superficie 2,16[1] km²
Abitanti 4 152[2] (30-09-2013)
Densità 1 922,22 ab./km²
Comuni confinanti Bergamo, Dalmine, Stezzano, Treviolo
Altre informazioni
Cod. postale 24040
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016123
Cod. catastale E422
Targa BG
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Lalliesi
Patrono san Bartolomeo apostolo
Giorno festivo 24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lallio
Posizione del comune di Lallio nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Lallio nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Lallio (Lài in dialetto bergamasco[3][4]) è un comune italiano di 4 152 abitanti della provincia di Bergamo, in Lombardia. È situato nell'hinterland del capoluogo orobico, da cui dista circa 5 chilometri in direzione sud-ovest. Con la sua piccola estensione, di soli 2,16 km² risulta tra i 100 comuni più piccoli d'Italia, in particolare è il dodicesimo comune più piccolo della Provincia di Bergamo e il trentottesimo comune meno esteso della Lombardia.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'origine di Lallio risale all'epoca della dominazione romana, come si evince dal toponimo stesso che deriva dal latino alea, traducibile con il termine di dado.

Si racconta infatti che sul territorio erano presenti piccoli insediamenti adibiti a luoghi di divertimento (tra cui si praticava appunto il gioco dei dadi) in cui i legionari si radunavano durante il periodo invernale: a tal riguardo anche oggi lo stemma comunale raffigura una scacchiera da gioco. In quel periodo si pensa che vi fosse anche un castrum adibito a luogo di avvistamento e ad avamposto difensivo della città di Bergamo.

In epoca medievale,nel paese si verificò un elevato aumento della popolazione ed un conseguente sviluppo delle unità abitative. Ed è a quegli anni che risale il primo documento scritto che ne attesta l’esistenza: nell’875 viene menzionato il territorio di Lalio in un atto contenente il testamento di un abitante del vicino borgo di Stezzano che qui aveva possedimenti territoriali.

In quel periodo il potere era detenuto dal Sacro Romano Impero che, istituendo il feudalesimo, affidò la gestione del territorio alla diocesi di Bergamo. Tuttavia la situazione politica divenne parecchio instabile dal momento in cui cominciarono ad imperversare le battaglie tra guelfi e ghibellini, tanto che su tutto il territorio comunale cominciarono a sorgere numerosi edifici fortificati ed a scopo difensivo, tra cui un castello.

La posizione strategica del paese, considerato una sorta di porta d’accesso al capoluogo orobico, lo rese molto ambito dalle potenze del tempo, tra cui i Suardi, con conseguenti attacchi e battaglie. In una di queste vennero addirittura incendiati sia il castello che la chiesa (situata all’interno del maniero stesso), che allora ricopriva un ruolo molto importante in ambito religioso e giuridico sulle parrocchie vicine, essendo sede plebana ed arcipresbiteriale. La situazione ritornò alla normalità quando, nel corso del XV secolo, il paese venne posto sotto la dominazione della Repubblica di Venezia che, con una serie di importanti decisioni, riuscì a migliorare la condizione sociale ed economica. A tal riguardo, il territorio venne interessato dalla costruzione di canali irrigui, su tutti la roggia Colleonesca, che permisero di incrementare la produzione agricola. Da quel momento non si verificarono più episodi rilevanti sul territorio di Lallio, che seguì le sorti politiche della città di Bergamo.

Soltanto durante la Seconda guerra mondiale nel paese accaddero situazioni che, suo malgrado, lo riportarono al centro delle cronache del tempo: qui venne infatti creato un campo di concentramento tedesco per i soldati catturati.

Nel dopoguerra invece il paese vide un progressivo abbandono dell’attività rurale, che aveva sempre caratterizzato l’economia locale, a favore di un sempre crescente sviluppo industriale, che ha portato anche un consistente incremento demografico.

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei luoghi di maggior richiamo è indubbiamente la chiesa di San Bernardino. Edificata nel corso del XV secolo, presenta un gran numero di opere tra le quali spiccano numerosi episodi della vita di Maria. Restaurata nel XX secolo, è stata considerata monumento nazionale.

È inoltre presente la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo e Santo Stefano, costruita su progetto di Elia Fornoni nella prima parte del XX secolo in luogo di un altro edificio di culto risalente al XVIII secolo.

Quest'ultimo era stato a sua volta edificato per sostituire la precedente parrocchiale del XIV secolo, posta in una posizione troppo decentrata rispetto al principale nucleo abitativo e per questo abbandonata. Successivamente sulle sue rovine venne edificata una cappelletta, denominata dei mortini, a ricordo delle numerose sepolture avvenute in quel luogo.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Persone legate a Lallio[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale di calcio della città è il Lallio Calcio che milita in Seconda Categoria.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ISTAT - Superficie dei comuni, province e regioni al Censimento 2011
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2013.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 341.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio