Lockheed Martin-Boeing F-22 Raptor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lockheed Martin Boeing F-22 Raptor
Un F-22 Raptor, appartenente al 154th Wing dell'Hawaii ANG, sorvola Pearl Harbor; 1º luglio 2010.
Un F-22 Raptor, appartenente al 154th Wing dell'Hawaii ANG, sorvola Pearl Harbor; 1º luglio 2010.
Descrizione
Tipo caccia da supremazia aerea stealth
Equipaggio 1 pilota
Costruttore Stati Uniti Lockheed Martin
Stati Uniti Boeing IDS
Data primo volo 27 settembre 1990 (YF-22)
Data entrata in servizio 15 dicembre 2005
(F-22A)
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Esemplari 187
Costo unitario 138 milioni US $
Sviluppato dal YF-22 Lightening II
Altre varianti X-44 MANTA
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 18,90 m (62 ft 1 in)
Apertura alare 13,56 m (44 ft 6 in)
Superficie alare 78,04 (840 ft²)
Carico alare 322 kg/m² (66 lb/ft²)
Peso a vuoto 19 700 kg (43 430 lb) (Il peso in verità è un dato ancora classificato e varia, a seconda delle fonti, tra 14 e 19 tonnellate )
Peso carico 29 300 kg (64 460 lb)[1]
Peso max al decollo 38 000 kg (83 500 lb)
Propulsione
Motore 2 turboventola
Pratt & Whitney
F119-PW-100 con postbruciatore
Spinta da 104 a 156 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 2,25 Ma
(2 410 km/h in quota)[2]
Autonomia 2 960 km
Raggio di azione 759 km
Tangenza 19 812 m
Armamento
Cannoni 1 M61A2 Vulcan da 20mm
Bombe caduta libera:
8 GBU-39
guida GPS:
2 JDAM
2 WCMD
Missili aria-aria:
2 AIM-9 Sidewinder
6 AIM-120 AMRAAM
Piloni 4 sub-alari
2 stive interne
Altro dati relativi alla versione:
F-22A' Raptor'

i dati sono tratti da:
USAF[3]
F-22 Raptor Team[4]
Lockheed Martin[5]
Aviation Week[6]
Journal of Electronic Defense[7]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Lockheed Martin/Boeing F-22 Raptor è un caccia da superiorità aerea, con caratteristiche stealth, di costruzione statunitense, talvolta classificato dallo stesso Dipartimento della Difesa americano come velivolo da supremazia aerea. Era destinato originariamente ad entrare in servizio come F/A-22, ma quando i primi esemplari sono stati consegnati all'USAF il 15 dicembre 2005, sono stati ridenominati F-22A. L'USAF considera l'F-22A un elemento critico della sua forza d'attacco, e afferma che le sue prestazioni non sono comparabili con nessun velivolo attualmente operativo o in fase di progettazione. Il primo test in volo avvenne il 7 settembre 1997, mentre i primi esemplari prodotti in serie furono consegnati alla base aerea di Nellis, Nevada, il 4 gennaio 2003. La prima unità operativa è stata consegnata al 27th Fighter Squadron.

L'F-22 è considerato l'erede dell'F-15 Eagle come caccia da superiorità aerea.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981 l'USAF sviluppò una specifica per un Advanced Tactical Fighter (ATF) in grado di sostituire l'F-15 Eagle. Era richiesto che l'ATF avesse incorporate le tecnologie emergenti, l'uso di materiale composito, gli avanzati sistemi di controllo fly-by-wire, i motori più potenti e le capacità stealth già utilizzate nell'F-117. La richiesta fu emessa per sviluppare un caccia di 5ª generazione da superiorità aerea in grado di contrastare la nuova minaccia del Su-27 e della nuova famiglia dei "Flanker".

Un request for proposal fu pubblicato nel luglio 1986, e i progetti della Lockheed-Boeing e della Northrop-McDonnell Douglas furono selezionati nell'ottobre 1986 per intraprendere una dimostrazione nel giro di 50 mesi, portando al confronto di due prototipi, l'YF-22 "Lightning II" e l'YF-23 Black Widow II.

Il prototipo YF-22 volò per la prima volta il 27 settembre 1990, con il capo collaudatore Dave Ferguson ai comandi. Nell'aprile del 1991 l'YF-22 fu dichiarato vincitore ed il consorzio Lockheed-Boeing divenne il costruttore del nuovo caccia stealth.

Il primo esemplare di pre-serie fu portato in volo il 7 settembre 1997 da Paul Metz, che, ironicamente, era stato il pilota collaudatore dell'YF-23.

YF-22 "Lightning II"[modifica | modifica sorgente]

All'YF-22 fu originariamente dato il nome non ufficiale di "Lightning II", nome che poi è stato scelto per l'F-35 il 7 novembre 2006.

Nell'aprile 1992, in occasione di un volo di test dopo l'assegnazione del contratto di fornitura, il primo prototipo ebbe un incidente mentre atterrava alla Edwards Air Force Base, in California. Il pilota collaudatore, Tom Morgenfeld, non rimase ferito e la causa dell'incidente fu attribuita ad un errore del software del sistema di stabilizzazione longitudinale che consentiva, in certe condizioni, l'instaurarsi di oscillazioni non smorzate lungo l'asse di beccheggio. L'altro prototipo era già stato messo a terra per cui l'YF-22 concluse il giorno dell'incidente la sua attività di volo. L'aereo superstite è oggi esposto al National Museum of the United States Air Force presso la Wright-Patterson Air Force Base, a Riverside, vicino a Dayton (Ohio).

Tra il prototipo YF-22 e l'F-22 di serie sono presenti diverse differenze nella linea. Nell'F-22 la parte anteriore è stata completamente ridisegnata, spostando la carlinga in avanti e le prese d'aria indietro per migliorare aerodinamica e visibilità per il pilota.

Le ali, di forma trapezoidale, hanno una freccia meno marcata ed un allungamento maggiore, con estremità tronche. Le derive sono più piccole e i piani di coda sono stati risagomati e ingranditi dopo diversi test nel tunnel del vento, test che hanno anche portato all'eliminazione del freno aerodinamico dorsale. La retrazione del carrello principale avviene lateralmente nell'F-22 mentre nell'YF-22 avveniva frontalmente.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il primo F-22 operativo viene verniciato nella fabbrica di assemblaggio della Lockheed Martin a Marietta, in Georgia

Il 14 gennaio 2003 venne assegnata alla Nellis Air Force Base, Nevada, la costruzione degli esemplari di pre-produzione dell'F-22, mentre il 27 ottobre 2004 cominciarono i test di valutazione ("Dedicated Initial Operational Test and Evaluation").

L'aeronautica statunitense pianificò inizialmente di ordinare 750 esemplari di ATF, la cui produzione sarebbe iniziata nel 1994; tuttavia, il piano venne modificato e gli ordini scesero a 648 esemplari da produrre a partire dal 1996. Nel 1994 venne deciso di produrre 442 esemplari, che sarebbero entrati in servizio nel 2003-2004, ma un rapporto del dipartimento della difesa del 1997 ritoccò gli ordinativi a 339 esemplari. Infine, nel 2006 il Pentagono affermò di essere intenzionato ad acquistare 183 esemplari. Il piano fu approvato dal congresso sotto forma di piano di fornitura pluriennale, che permetteva il piazzamento di ulteriori ordini. Il costo totale del programma nel 2006 era di 62 miliardi di $[8], mentre il costo unitario venne stimato dal Government Accountability Office in 361 milioni di $[9][10].

Al termine dell'acquisto dei 183 esemplari, il costo di produzione sarà pari a 34 miliardi, con un costo totale del programma di 62 miliardi e 339 milioni per esemplare. Il costo incrementale per ogni esemplare in più è attorno ai 138 milioni di dollari[11], in diminuzione con l'aumentare dei velivoli ordinati.

L'F-22 tuttavia non è l'aereo più costoso mai prodotto, essendo stato superato dal bombardiere strategico stealth B-2 Spirit, che vanta un valore di circa 1,157 miliardi di dollari, valuta del 1998, per esemplare[12].

Il primo incidente in cui venne coinvolto il nuovo aereo, si verificò durante il decollo di un esemplare di pre-serie dalla Nellis AFB il 20 dicembre 2004. Il pilota riuscì ad eiettarsi in tempo uscendone illeso. Le indagini rivelarono che l'incidente era stato provocato da un'interruzione imprevista della spinta del propulsore dovuta ad un malfunzionamento del sistema di volo. Per risolvere il problema vennero modificati i dati utilizzati dal software del sistema di volo.

Il 31 luglio 2007 la United States Air Force firmò con la Lockheed Martin un contratto pluriennale per la produzione di 60 esemplari ad un costo totale di 7,3 miliardi di dollari[13][14]. Rispettando la consegna di 20 velivoli all'anno[11], gli esemplari destinati all'USAF sarebbero 183 e la linea di produzione rimarrebbe in funzione fino al 2011[13].

Il 29 agosto la Lockheed Martin poté festeggiare il traguardo del "100° F-22 Raptor" realizzato, avente numero di serie 05-4100[15].

Il 13 dicembre 2011 l'ultimo F-22 Raptor è uscito dalla linea di montaggio dello stabilimento di Marietta. Si tratta del 187º esemplare, numerato 4195.[16]

Esportazione[modifica | modifica sorgente]

Le opportunità di esportazione dell'F-22 Raptor, al contrario di molti altri caccia statunitensi come l'F-15 e l'F-16 ordinati anche all'estero in grande quantità, sono attualmente inesistenti, poiché l'estrema sofisticazione delle tecnologie adottate può rappresentare una seria minaccia per gli stessi Stati Uniti se ne fosse stato concesso l'utilizzo a forze aeree straniere.

F-22 in touchdown sulla pista della Langley AFB in Virginia.

Dal 27 settembre 2006, infatti, il Congresso statunitense, con voto unanime, vietò l'esportazione dell'F-22 e delle relative tecnologie anche in versioni depotenziate.

A causa delle severe restrizioni, molti paesi alleati degli Stati Uniti che avevano considerato l'acquisto del nuovo velivolo, pur dovendo affrontare costi di produzione molto elevati, sono ora in attesa di consegna dell'F-35 Lightning II che racchiude molte delle tecnologie dell'F-22, ma progettato per essere più economico e flessibile di quest'ultimo.

Il governo giapponese mostrò grande interesse nell'acquisto di alcuni esemplari dell'F-22A da consegnare alla sua forza aerea (JASDF)[17]. Questa richiesta, comunque, aveva bisogno dell'approvazione del Pentagono, del Dipartimento della Difesa e del Congresso degli Stati Uniti, per cui fu disattesa.

Il generale Ze'ev Snir, comandante dell'Heyl Ha'Avir, l'aeronautica militare israeliana (IAF), disse: "L'IAF sarebbe felice di schierare nelle proprie linee 24 F-22A, ma il problema a questo punto è il rifiuto degli USA di vendere il velivolo, ed il prezzo di 200 milioni di dollari ciascuno"[18].

Due F-22 durante i voli di test. Quello in alto è il primo F-22 prodotto, il "Raptor 01"

Anche l'Australia avrebbe espresso il desiderio di acquistare un certo numero di F-22, invece dell'F-35 inizialmente ordinato[19][20], ma si scontrò col rifiuto del governo americano. Questo provocò un certo risentimento nell'opinione pubblica australiana per cui in molti sostennero che l'F-35 fosse un velivolo stealth di serie "B", avente caratteristiche di volo inferiori all'F/A-18 Hornet, già in servizio con le forze aeree australiane, e all'F/A-18 Super Hornet.

A sostenere la causa dell'F-22 era soprattutto il Partito Laburista australiano[21]. Tuttavia, il governo Howard cancellò la decisione dell'acquisto degli F-22, spiegando che per quel tipo di aereo non sarebbe stata probabilmente rilasciata un'autorizzazione e non possedeva sufficienti capacità di attacco terrestre e marittimo[22]. Questa valutazione era sostenuta dall'Australian Strategic Policy Institute, il quale affermò che l'F-22 "possedeva capacità multiruolo insufficienti ed un prezzo troppo elevato"[23], un'analisi che venne criticata dall'aeronautica australiana[24].

In seguito alla vittoria alle elezioni, nel 2007, del partito laburista, il nuovo governo ordinò di rivedere i piani per l'acquisizione dell'F-35 e dell'F/A-18 Super Hornet per fare spazio ad una valutazione per l'acquisto degli F-22. Il Ministro della Difesa Joel Fitzgibbon infatti ammise: "Intendo persuadere gli Americani per rendere accessibile il Raptor alla Royal Australian Air Force"[25]. Nel febbraio 2008, il segretario alla difesa Robert Gates dichiarò che non erano presenti obiezioni per la vendita dei Raptor all'Australia, ma il Congresso avrebbe dovuto modificare la legge[26].

Successive forniture[modifica | modifica sorgente]

A novembre e dicembre 2007 vennero tenuti a terra circa 700 esemplari di F-15 A-D, e alcuni senatori statunitensi stilarono tre rapporti per l'acquisto di ulteriori esemplari di F-22[27]. L'aeronautica richiese che l'F-22 fosse mantenuto in produzione dopo i 183 esemplari pianificati[28].

Nel gennaio 2008 il Pentagono annunciò la richiesta al Congresso di finanziare l'acquisto di ulteriori velivoli ed impiegare i 497 milioni di dollari richiesti per terminare la produzione per acquistare quattro ulteriori esemplari, tenendo aperta la linea di produzione oltre al 2011 e fornendo alla successiva amministrazione l'opzione di acquistare ulteriori esemplari[29]. I fondi per il termine della produzione vennero impiegati dal Pentagono per finanziare la riparazione della flotta di F-15, e la decisione di terminare la produzione venne rinviata al 2009[30][31]. Il 12 novembre 2008 il Congresso approvò un finanziamento iniziale per l'acquisto di quattro ulteriori esemplari, da completare in futuro.

Il 6 aprile 2009, nell'annuncio del budget del Pentagono per il 2010, il segretario della difesa Gates richiese il termine della produzione dell'F-22 per il 2011, congelando a 187 gli esemplari in servizio nell'USAF;[32]. In compenso sarebbero stati aumentati i fondi per l'acquisizione di ulteriori esemplari del Lockheed Martin F-35. Gates osservò che gli Stati Uniti erano coinvolti in due guerre e il Raptor non aveva ancora compiuto una singola missione in entrambe. Per questo motivo, non erano presenti necessità militari per aumentare il numero di esemplari oltre a quello stabilito[33][34]. Il segretario dell'aeronautica statunitense Michael Donley affermò di sostenere la decisione di Gates: "L'F-22 è uno strumento vitale nell'arsenale militare e resterà a nostra disposizione per decenni. Ma è giunto il momento di guardare avanti"[35][36].

Controversie sul nome[modifica | modifica sorgente]

Il modello di produzione fu chiamato formalmente F-22 Raptor in occasione della presentazione del primo esemplare di serie ("roll out") del 9 aprile 1997 presso lo stabilimento di Marietta, Georgia, della Lockheed-Georgia & Co.

Nel settembre 2002, i vertici dell'aeronautica USA cambiarono la designazione del Raptor da F-22 a F/A-22. La nuova designazione, simile a quella dell'F/A-18 Hornet dell'U.S. Navy, serviva a indicare il fatto che poteva essere usato anche come aereo da attacco al suolo. Il 12 dicembre dello stesso anno, il nome tornò ad essere di nuovo F-22.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Un F-22 Raptor spinto da Pratt & Whitney F119-PW-100 con post-bruciatori attivati durante un volo di prova

L'F-22 è un aereo da combattimento di 5ª generazione con capacità stealth di 5ª generazione.[37] Possiede due propulsori a turboventola con postbruciatore Pratt & Whitney F119-PW-100 capaci di spinta vettoriale. La spinta massima è una informazione classificata, anche se la maggior parte delle fonti riporta il valore di 156 kN per propulsore.[38] Si stima una velocità massima attorno a Mach 1,82 in modalità supercruise (ovvero senza l'uso di postbruciatori),[2] come dimostrò il Generale John P. Jumper, ex Chief of Staff dell'USAF, quando il 13 gennaio 2005 con un Raptor superò Mach 1,7.[39] Paul Metz, pilota a capo dei test dell'F-22 alla Lockheed, affermò che il velivolo possiede una presa d'aria fissa con cui riesce a raggiungere velocità superiori a Mach 2,0 senza avvalersi dell'impiego di labbra variabili al suo interno, soluzione adottata in altri aerei da combattimento per impedire lo stallo del compressore. Le performance sono superiori a quelle dell'F-15 Eagle grazie anche al rapporto spinta-peso di 1,2:1 per il Raptor e prossimo all'1:1 per l'F-15 Eagle[40]

I dati sulla vera velocità massima dell'F-22 non sono disponibili pubblicamente, ma la caratteristica di poter contenere tutte le armi al suo interno costituisce un vantaggio rispetto ad altri aerei, poiché se montate esternamente aumentano la resistenza aerodinamica. Un altro punto di forza del velivolo è la capacità di affrontare situazioni di forte stress meccanico e termico,[41] in cui può mantenere un'ottima manovrabilità rimanendo controllabile anche a seguito di manovre ad un costante angolo di attacco superiore a 60º.[40][42] Il sistema propulsivo permette di compiere strette virate ad elevatissimi angoli di attacco, tra queste la manovra di Herbst (detta J-turn), il Cobra di Pugačëv e il Kulbit.[40] Durante le esercitazioni effettuate nei cieli dell'Alaska nel giugno 2006, i piloti del Raptor dimostrarono che l'altitudine di crociera, cioè mantenuta costante in una missione, ha un effetto positivamente significativo nelle performance di combattimento costituendo un fattore chiave per il raggiungimento di un tasso di abbattimenti elevatissimo contro altri aerei di 4ª e 4,5ª generazione.[43]

Avionica[modifica | modifica sorgente]

Un Lockheed-Boeing F-22 Raptor in volo presso la Kadena Air Force Base in Giappone.

L'avionica dell'F-22 è tecnologicamente molto avanzata. Questa include il BAE Systems E&IS Radar Warning Receiver (RWR)[44]AN/ALR-94,[37] ed il radar Northrop Grumman AN/APG-77 Active Electronically Scanned Array (AESA). L'AN/APG-77 è caratterizzato dalla sua capacità di acquisizione bersagli a lunga distanza, con una bassa probabilità d'intercettazione.

L'AN/ALR-94, è invece un sistema di ricezione passivo capace di localizzare i segnali radar nemici. È composto da più di 30 antenne affogate nella fusoliera, e viene descritto dall'ideatore principale del progetto dell'F-22, Tom Burbage, come "il sistema più tecnologicamente complesso imbarcato sul velivolo". Grazie ad un ottimo range operativo (250+ miglia), permette al Raptor di limitare le proprie emissioni radar per non compromettere la sua invisibilità (stealthness).

L'AN/APG-77 AESA, progettato per il ruolo da superiorità aerea e missioni d'attacco al suolo, rimanendo in configurazione di bassa visibilità può intercettare e seguire bersagli multipli con ogni condizione atmosferica. Il radar cambia la propria frequenza operativa circa 1000 volte al secondo minimizzando la possibilità di essere intercettati. Può inoltre aumentare le sue emissioni radar per sovraccaricare i sensori nemici, dando all'aereo la capacità di intraprendere azioni di guerra elettronica.[45]

Le informazioni raccolte dal sistema radar vengono elaborate da due Raytheon Common Integrated Processor (CIP). Ciascun CIP opera ad una velocità di circa 10,5 miliardi di istruzioni al secondo e ha 300 MB di memoria. Le informazioni possono essere ricevute dal radar o altri sistemi di bordo o esterni. I dati ricevuti vengono quindi elaborati e visualizzati in modo intuitivo sui display del cockpit. Il software del Raptor è composto da oltre 1,7 milioni di linee di codice, la maggior parte di queste per l'elaborazione dei dati provenienti dal radar. La distanza massima d'operazione dell'AN/APG-77 è stimata attorno alle 125-150 miglia, estendibili attraverso aggiornamenti, a circa 250 miglia (402 km).

L'F-22 è in grado di agire come un "mini-AWACS", grazie alle capacità di identificazione delle minacce di cui possono beneficiare anche gli altri aerei[40]. Il sistema permette di designare dei bersagli per velivoli come F-15 ed F-16, e anche determinare se due aerei alleati stanno puntando lo stesso bersaglio, permettendo ad uno di essi di scegliere un bersaglio diverso[6][40]. Pur non avendo le capacità di un vero AWACS, come l'E-3 Sentry, grazie ai sistemi informatici più moderni è in grado di identificare gli obiettivi molto più velocemente[6].

Il radar a bassa probabilità di intercettazione ha ricevuto la capacità di trasmissione dati a banda larga, permettendo all'aereo di fungere come un ripetitore dati verso e da i trasmettitori e i ricevitori dati alleati nell'area di operazioni[6].

Il bus dati IEEE-1394B, sviluppato appositamente per questo velivolo, è derivato dal sistema commerciale IEEE-1394 FireWire.[46] Lo stesso bus è stato impiegato anche nell'F-35 Lightning II.[46]

Armamento[modifica | modifica sorgente]

Il Raptor è stato progettato per operare in diversificate missioni, stivando i suoi missili aria-aria all'interno della fusoliera in modo da minimizzare il riflesso intercettato dai radar. I missili vengono lanciati con l'ausilio di braccia idrauliche che li lasciano cadere al di fuori dell'aereo in modo da poter richiudere tempestivamente i portelli d'apertura della stiva. Può trasportare bombe come le JDAM, in particolare la LMTAS/Boeing GBU-32, e le Small Diameter Bomb (SDB) con guida GPS, come le GBU-39, utilizzate principalmente per neutralizzare i radar e i sistemi di difesa aerea nemici. Il velivolo, inoltre imbarca un cannone rotante M61A2 Vulcan da 20 mm con 480 colpi, scaricabili in approssimativamente 5 secondi di fuoco continuo.

La capacità del Raptor di poter sostenere una velocità di crociera supersonica e una tangenza operativa molto elevata aumenta significativamente la gittata effettiva degli armamenti aria-aria e aria-suolo. Questi fattori hanno inciso molto sulla decisione dell'USAF di non equipaggiare l'F-22 con un armamento a lungo raggio. All'AIM-120C, è stato infatti preferito il MBDA Meteor, anche se l'USAF ha comunque intenzione di dotare i suoi aeromobili con il prossimo AIM-120D AMRAAM, che a breve rappresenterà l'ultima versione dell'AIM-120. Altra arma a corto e medio raggio è rappresentata dal Raytheon AIM-9X, missile a corto raggio a guida IR, equipaggiato col sensore all-aspect cioè con capacità di ingaggio bersagli non in asse fino a 90 gradi rispetto alla direzione di volo dell’aereo lanciatore.

Il Raptor, quindi, è in grado di raddoppiare l'effettiva portata dei suoi armamenti fornendo loro una velocità ed un'altezza superiori rispetto a quelle di un velivolo utilizzato come piattaforma di lancio convenzionale.[47] Nei test effettuati con una JDAM da 1.000 lb a 15.000 m di altitudine, è stata rilevata una velocità media di quest'ultima di circa 1.5 Mach, colpendo l'obbiettivo a circa 39 km di distanza.

In altre configurazioni è possibile trasportare ulteriori carichi esterni utilizzando i quattro agganci subalari in grado di sostenere un peso di 5000 lb ciascuno, con un pilone su cui può essere collocato un serbatoio esterno sganciabile da 600 galloni (2 268 l) o un pod in grado di ospitare due missili aria-aria. Aggiungendo armi o componenti esterni, queste possono compromettere le capacità stealth dell'aereo e diminuire la manovrabilità, la velocità e il raggio d'azione (tranne nel caso in cui si usino serbatoi esterni). I due punti d'aggancio interni sono dedicati ai serbatoi esterni di carburante che ne permettono anche lo sgancio in volo, riacquistando le capacità stealth e le performance in seguito all'esaurimento delle riserve esterne[48]. Attualmente sono in corso ricerche per sviluppare piloni ed armamenti stealth che non comprometterebbero l'invisibilità del velivolo aumentando così il carico utile.

Capacità stealth[modifica | modifica sorgente]

La ridotta traccia radar è ottenuta tramite profili aerodinamici e tecniche all'avanguardia, come materiali radar assorbenti, prese d'aria a forma di "S", parti e condotti che riflettono le onde radar sul motore e che tendono a raffreddare i gas di scarico per una low-observance anche ai sensori infrarosso, il progetto dell'F-22 ha posto maggiore importanza a diminuire la rilevabilità non solo al radar, ma in tutto lo spettro dei sensori, tra cui trasmissioni radio, emissioni infrarosse ed acustiche[49][49][50].

L'F-22 necessita di manutenzione della pellicola RAM (Radar Absorbent Material) a differenza dell'F-117 Nighthawk, il quale necessitava di un design a sfaccettature multiple più accentuato per aumentare la sua stealthness.

Con i dati disponibili oggi sul grado d'invisibilità ai radar dell'F-22, poiché quelli ufficiali sono segreto militare, si potrebbe ipotizzare una Radar Cross Section (RCS), che rappresenta l’unità di misura della riflettività radar di un oggetto, pari a 0,00025 m² cioè la grandezza di una palla da tennis.

Sistema propulsivo[modifica | modifica sorgente]

L'F-22 Raptor è propulso da due motori Pratt & Whitney F119-PW-100, ciascuno dei quali è in grado di sviluppare circa 35 000 libbre di spinta, sufficienti a garantire un rapporto spinta/peso superiore a 1,1 con l'aereo in configurazione standard. L'F-119 è un motore turboventola a basso rapporto di diluizione, estremamente avanzato ma di concezione abbastanza tradizionale.

Nel Raptor l'F119 è dotato di un sistema di controllo vettoriale della spinta, ottenuto mediante il movimento verticale degli ugelli di scarico che possono ruotare di 40 gradi lungo l’asse verticale. Il controllo vettoriale è governato dal sistema di volo in maniera automatica, mentre i motori sono controllati da un sistema FADEC di 4ª generazione. L'F119 non emette fumi, ed è stato costruito con il 40% di parti in meno rispetto agli altri turboventola destinati ai caccia, il tutto a vantaggio di una minore manutenzione (circa il 75% in meno).

Cabina di pilotaggio[modifica | modifica sorgente]

La Cabina di pilotaggio dell'F-22 è una delle più avanzate in circolazione, totalmente elettronica e senza alcun tipo di strumentazione analogica. Gli strumenti principali della plancia sono sei grandi display multifunzionali LCD a colori che si suddividono in:

La cabina di pilotaggio dell'F-22
  • 2 UFD (Up-Front Displays) che riguardano i dati di genere ICAW (Integrated Caution/ Advisory/ Warning data) e CNI (Communications/ Navigation/ Identification),
  • 1 PMFD (Primary Multi-Function Display), posizionato al centro della plancia, è il display primario per la navigazione aerea in quanto può visualizzare rotta e waypoints, oltre che il Situation Assessment (SA),
  • 3 SMFD (Secondary Multi-Function Displays), che si trovano sotto e a lato del PMFD e tra le gambe del pilota, vengono utilizzati per visualizzare informazioni tattiche (armamento) e non (checklist, diagnostica sottosistemi e stato motore).

Infine, un casco, anche questo multifunzionale[51], completa l'interfacciabilità del binomio uomo-macchina.

Il cupolino è costituito da una singola struttura in policarbonato, il più grande finora costruito impiegando questo materiale, che offre un'ottima trasparenza e visibilità, oltre che garantire una bassa segnatura radar. È anche in grado di garantire sicurezza al pilota in ambienti in cui sono presenti agenti NBC, e ha dato risultati positivi nelle prove di bird strike ad oltre 700 km/h.

Human-Machine Interface (HMI)[modifica | modifica sorgente]

HUD
Durante la progettazione di questo velivolo si è cercato di perfezionare l'interfaccia utente che mette in comunicazione tra loro aereo e pilota. Strumento standard per raggiungere tale scopo è l'Head-Up Display (HUD), dove vengono visualizzati i dati più importanti (altitudine, velocità, frequenza radio, angolo d'attacco, reticolo di tiro); l'inclinazione e la forma di questo HUD sono state progettate anche per fornire uno scudo al pilota in caso di frantumazione del cupolino (ad esempio in caso di bird strike).
ICP
L'Integrated Control Panel (ICP) è l'interfaccia principale per gestire le comunicazioni, i dati per l'autopilota e i piani per la navigazione aerea, ed è posizionato sotto l'HUD, al centro della fascia più alta del cokpit. Costituito da un pannello comandi, è molto simile ad un mouse per facilitarne l'uso al pilota.
SFG/IMG
Lo Stand-by Flight Group e l'Instrument Meteorological Conditions rappresentano il sistema di navigazione aerea di emergenza, che viene attivato in caso di malfunzionamento generale dei sistemi di bordo, permettendo al pilota di continuare il volo.
ICAW
Per ridurre la mole di lavoro del pilota nel corso di un volo, il sistema ICAW può visualizzare un totale di 12 messaggi di allarme. Tutti i messaggi ICAW vengono filtrati per eliminare quelli imprecisi, in modo da informare il pilota di quale sia precisamente il problema riscontrato. Ad esempio, in caso di perdita di potenza al motore, gli allarmi del generatore e dell'impianto idraulico, che solitamente vengono associati a questo tipo di problema, vengono soppressi ed il pilota può disporre dei dati relativi alla vera natura del problema. L'ICAW inoltre, dispone di una checklist elettronica per le procedure di volo.

HOTAS (Hands On Throttle And Stick)[modifica | modifica sorgente]

L'F-22 dispone di un joystick laterale, posizionato alla destra della console e di due controller di spinta motore sulla sinistra.

Simbologia dei display[modifica | modifica sorgente]

Sui display del Raptor, in cui il pilota può navigare con un cursore ottenendo maggiori informazioni su obbiettivi o minacce, i velivoli intercettati vengono rappresentati in base alla loro tipologia con specifici colori e figure geometriche:

  • Velivolo nemico: triangolo di colore rosso
  • Velivolo amico: cerchio di colore verde
  • Velivolo sconosciuto: quadrilatero giallo
  • Velivolo gregario: quadrilatero blu
  • Missile terra-aria: pentagono (con indicazioni sulla tipologia di missile e di gittata)
  • Missile in rotta di collisione: pentagono con un triangolo inscritto

L'Inter/Intra Flight Data Link (IFDL) permette di far collegare tra loro un numero imprecisato di F-22 durante il volo, in modo da comunicare e scambiarsi informazioni senza l'utilizzo di apparecchiature radio che potrebbero tradire la loro presenza.

Standard di sicurezza[modifica | modifica sorgente]

ACES II[modifica | modifica sorgente]

Il seggiolino eiettabile scelto dall'USAF per l'F-22, è una nuova versione dell'ACES II (Advanced Concept Ejection Seat), adottato precedentemente anche sul caccia multiruolo della General Dynamics F-16 Fighting Falcon. I miglioramenti effettuati rispetto al precedente modello includono:

  • Un sistema attivo di contenimento per le braccia, eliminando delle possibili contusioni nelle eiezioni ad alta velocità.
  • Un migliore sgancio rapido del paracadute pilota (situato dietro la testa del pilota), in modo da rendere più stabile il seggiolino nei lanci più violenti.
  • Una nuova sequenza di lancio che diminuisce lo scarto di tempo tra l'eiezione e il comando impartito dal pilota.
  • Una bombola di ossigeno più grande per aumentare la riserva di ossigeno in caso di lanci ad alta quota.

Sistema di supporto vitale[modifica | modifica sorgente]

Il Life Support System (Sistema di supporto vitale) del Raptor integra tutti i componenti principali del vestiario e dell'equipaggiamento necessario per provvedere al sostentamento del pilota durante il volo o una volta eiettatosi.

Nel sistema di supporto vitale vengono quindi inclusi:

Grazie al suo peso contenuto, l'HGU-86/P riduce la sollecitazione del collo durante le eiezioni del 20% rispetto al casco attualmente in servizio, HGU-55/P. Il casco che in futuro verrà dato in dotazione ai piloti degli F-22 garantirà una protezione dal rumore sia passiva che attiva, grazie all'Active Noise Reduction System.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Per il programma NATF (Navalized Advanced Tactical Fighter), venne presentata all'U.S. Navy una versione imbarcata dell'F-22 per rimpiazzare l'F-14 Tomcat, ma il progetto venne cancellato nel 1993. Fu pianificata anche la costruzione di un addestratore biposto, denominato F-22B, anche questa interrotta, nel 1996, per gli eccessivi costi di sviluppo[52].

Altra versione fu l'FB-22, con cui si voleva fornire all'USAF un bombardiere strategico, di cui ancora non è chiaro il destino. Altro tentativo fu l'X-44 MANTA (acronimo per Multi-Axis No-Tail Aircraft), velivolo senza piani di coda né verticali, né orizzontali derivato sempre dall'F-22, che utilizzava gli ugelli orientabili sui 4 assi per determinare l'assetto di volo. Il progetto, per mancanza di fondi, venne congelato nel 2000[53].

Costi[modifica | modifica sorgente]

Progettato per essere il nuovo caccia da difesa degli Stati Uniti per la prima parte del XXI secolo, il Raptor è un caccia estremamente costoso.

Fino all'aprile 2005 il programma è costato 70 miliardi di dollari, ed il numero di aerei che doveva essere costruito è passato da 438 a 381 ed ora a 180, mentre il requisito iniziale era di 750. Una ragione del calo di esemplari richiesti è che il futuro F-35 usa molta della tecnologia usata sull'F-22, ma è molto più economico. Inoltre il costo di queste tecnologie è più basso per l'F-35 anche perché sono già state sviluppate per l'F-22.

Operatore[modifica | modifica sorgente]

Un F-22A del 27th Fighter Squadron dislocato alla Langley Air Force Base.
Stati Uniti Stati Uniti

Rischieramenti[modifica | modifica sorgente]

  • Pacific Air Forces
  • Air National Guard
    • 192d Fighter Wing - Langley Air Force Base, Virginia
      • 149th Fighter Squadron

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

  • Un F-22 di stanza alla Nellis AFB, è precipitato il 20 dicembre 2007, distruggendosi completamente. Tuttavia il pilota, eiettatosi, non ha riportato alcun danno fisico.
  • Il 25 marzo 2009 un altro F-22 è precipitato nei pressi della Edwards AFB in California. Il pilota collaudatore David Cooley è rimasto ucciso nell'impatto[55].
  • Il 16 novembre 2010, un F-22 di stanza ad Elmendorf precipitò in Alaska causando la morte del pilota Jeffrey Haney.[56] In seguito a questo incidente la flotta di F-22 fu prima limitata, in via precauzionale, a volare a quote inferiori ai 25.000 piedi e poi messa a terra del tutto il 3 maggio del 2011 dopo che si erano verificati una dozzina di casi di ipossia tra i piloti dell'F-22.[57][58] Durante l'estate del 2011, in seguito al ritrovamento di altre parti del relitto dell'aereo precipitato, fu scoperto che la causa dell'incidente era da attribuirsi ad un malfunzionamento del sistema di spillamento aria dal compressore che ha portato alla contemporanea interruzione del funzionamento dell'impianto di pressurizzazione e condizionamento (ECS) e del sistema di generazione dell'ossigeno (OBOGS).[59] A settembre del 2011 la flotta è tornata a volare, pur se con controlli giornalieri degli impianti dell'ossigeno e test fisiologici sui piloti in attesa di modifiche agli impianti del velivolo.[60][61].
  • Il 15 novembre 2012 un F-22 è precipitato nei pressi della base Tyndall Air Force, a sud della città di Panama City in Florida. Il pilota è rimasto incolume eiettandosi con successo. Al momento le cause dell'incidente sono ignote.

Cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • In ambito videoludico, il Raptor compare nei videogiochi Tom Clancy's H.A.W.X., Air Combat e Deadly Skies III[62]. La Digital Image Design, nel 1998, ha pubblicato un fedele simulatore di volo (solo per PC) chiamato in origine F22 ADF (Air Dominance Fighter), successivamente aggiornato e rinominato F22 TAW (Total Air War). Gli aerei F22-A, F/B-22 e YF22-A compaiono nella famosa serie prodotta per PS2 dalla Namco "Ace Combat".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.lockheedmartin.com/products/f22/f-22-specifications.html empty weight+ 8200 kg(fuel) + 1142 kg (6 AMRAAM + 2 AIM-9X) + 292 kg (munition for the canon)
  2. ^ a b Ayton, Mark. "F-22 Raptor". Air Forces Monthly, agosto 2008, p. 75. Retrieved: 19 July 2008.
  3. ^ F-22 Raptor fact sheet, USAF, April 2008.
  4. ^ "Flight Test Data."
    F-22 Raptor team. Retrieved: 18 April 2006.
  5. ^ F-22 Raptor Specifications, Lockheed Martin. Retrieved: 16 June 2008.
  6. ^ a b c d Fulghum, D.A and Fabey, M.J. ""F-22: Unseen and Lethal: Raptor Scores in Alaskan Exercise." (online edition) Aviation Week & Space Technology. 8 January 2007.
  7. ^ Sweetman 2000. pag. 41–47.
  8. ^ C.T. Lopez, F-22 excels at establishing air dominance, Air Force Print News. URL consultato il 23 giugno 2006.
  9. ^ Sticker Shock: Estimating the Real Cost of Modern Fighter Aircraft (PDF), Defense-Aerospace.com.
  10. ^ Defense Acquisitions: Assessments of Selected Major Weapon Programs (PDF), Government Accountability Office, 31 marzo 2006. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  11. ^ a b "FY 2009 Budget Estimates" (PDF), USAF.
  12. ^ B-2 fact sheet, USAF.
  13. ^ a b "Lockheed Martin Awarded Additional $5 Billion in Multiyear Contract to Build 60 F-22 Raptors", Lockheed Martin. URL consultato il 31 luglio 2007.
  14. ^ US Department of Defense contracts, 31 July 2007.
  15. ^ Asif Shamim, Lockheed Martin delivers 100th F-22 to the USAF, F-16.net, 29 agosto 2007. URL consultato il 26 ottobre 2007.
  16. ^ Alessandro Capocaccia, L'ultimo F-22 esce dalla linea di montaggio in Dedalonews, Aeronotizie Soc. Coop., 14 dicembre 2011. URL consultato il 14 dicembre 2011.
  17. ^ J.T. Bennet, Air Force Plans to Sell F-22As to Allies, InsideDefense.com. URL consultato il 18 febbraio 2006.
  18. ^ Israel Plans to Buy Over 100 F-35s, Defense Industry Daily. URL consultato il 27 giugno 2006.
  19. ^ G. Carmen, Rapped in the Raptor: why Australia must have the best, The Age. URL consultato il 2 ottobre 2006.
  20. ^ Dr Carlo Kopp, Is The Joint Strike Fighter Right For Australia? (PDF), Air Power Australia.
  21. ^ Kim Beazley, Media Statement, Australian Labor Party. URL consultato il 26 giugno 2006.
  22. ^ Landers, K. "Australia to buy 102 Lockheed jet fighters". The World Today, 27 June 2006.
  23. ^ Brogo, A. "A Big Deal: Australia's future air combat capability". p. 62. Australian Strategic Policy Institute (Canberra), 25 February 2004.
  24. ^ Dr Carlo Kopp, Peter Goon "Is the JSF Really Good Enough?" Air Power Australia
  25. ^ Govindasamy, Siva, "Australia to weigh Lockheed Martin F-22 against Russian fighters", Reed Business Information, Flightglobal.com, 10 gennaio 2008. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  26. ^ "Australian minister says he wants option to buy US F-22 Raptor", International Herald Tribune. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  27. ^ Washington in Brief, Senators Demand Release Of Three F-22 Reports, Washington Post. URL consultato il 10 novembre 2007.
  28. ^ Michael S. Rosenwald, Pentagon May Support Air Force Bid for More F-22 Fighters, Washington Post. URL consultato il 4 dicembre 2007.
  29. ^ Demetri Sevastopulo, "Lockheed Martin given F-22 reprieve", Financial Times, 17 gennaio 2008. URL consultato il 2 febbraio 2008.
  30. ^ Bloomberg.com
  31. ^ "Washington Watch: The Fighter Dilemma.", AIR FORCE Magazine. URL consultato il 13 aprile 2009.
  32. ^ "Gates Announces Major Pentagon Priority Shifts.", CNN, 9 aprile 2009. URL consultato il 14 aprile 2009.
  33. ^ Dominic Gates, "Aerospace Giant 'Hit Harder' Than Peers", Seattle Times.
  34. ^ Bill Marsh, "The F-22: Able to Dodge Enemy Radar and the Budget Ax (So Far).", New York Times, 12 aprile 2009. URL consultato il 13 aprile 2009.
  35. ^ Michael Donley, Norton Schwartz, "Moving Beyond The F-22.", Washington Post, 13 aprile 2009. URL consultato il 13 aprile 2009.
  36. ^ Christopher Drew, Air Force Officials Agree On An Obama Cutback, New York Times. URL consultato il 14 aprile 2009.
  37. ^ Carlson, Maj. Gen. Bruce. "Subject: Stealth Fighters". U.S. Department of Defense Office of the Assistant Secretary of Defense (Public Affairs) News Transcript. Retrieved: 16 July 2007.
  38. ^ US shows off new Raptor jet, BBC News Online, 11 luglio 2008.
  39. ^ Powell, 2nd Lt. William "General Jumper qualifies in F/A-22 Raptor" Air Force Link, 13 January 2005.
  40. ^ a b c d e http://www.aereimilitari.org/Aerei/F-22.htm.
  41. ^ F-22 Pilot Perspective, Code One Magazine.
  42. ^ Peron, L. R. "F-22 Initial High Angle-of-Attack Flight Results."(Abstract) Air Force Flight Test Center.
  43. ^ Fulghum, D.A and Fabey, M.J. "F-22: Unseen and Lethal: Raptor Scores in Alaskan Exercise" (online edition). Aviation Week & Space Technology. 8 January 2007.
  44. ^ Klass, Philip J. "Sanders Will Give BAE Systems Dominant Role in Airborne EW." Aviation Week & Space TechnologyVolume 153, issue 5, 31 luglio 2000. p. 74.
  45. ^ JSF-Raptor Radar Can Fry Enemy Sensors
  46. ^ a b Philips, E.H. "The Electric Jet." Aviation Week & Space Technology. 5 February 2007.
  47. ^ "USAF Almanac." AIR FORCE Magazine May 2006.
  48. ^ Pace 1999, pp. 71–72.
  49. ^ a b "F-22 Stealth." Globalsecurity.org Retrieved: 21 February 2007.
  50. ^ F-22 team, responsibilities
  51. ^ F-22 Raptor Cockpit, GlobalSecurity.org
  52. ^ Pace 1999, p. 28.
  53. ^ "X-Planes Explained", NASAExplores
  54. ^ Lockheed Martin: F-22 Raptor Reaches Milestone In Maturity, Lockheed Martin ,, 30 settembre 2008.
  55. ^ http://www.foxnews.com/story/0,2933,510588,00.html%7Ctitolo=Incidente nei pressi della Edwards AFB
  56. ^ (EN) 'Conclusive evidence' that F-22 pilot did not survive crash. in CNN. URL consultato il 21 settembre 2011.
  57. ^ USAF "mette a terra" flotta F-22 Raptor in Dedalo News. URL consultato il 21 settembre 2011.
  58. ^ (EN) Scott Fontaine e Dave Majumdar, Air Force grounds entire F-22 fleet in Military Times, 5 maggio 2011. URL consultato il 21 settembre 2011.
  59. ^ (EN) Dave Majumdar, Bleed-Air Problem Caused F-22 Crash: Sources in Defense News, 8 settembre 2011. URL consultato il 21 settembre 2011.
  60. ^ USA: tornano a volare gli F-22 in Dedalo News. URL consultato il 21 settembre 2011.
  61. ^ Sughrue, Karen, (producer), Lesley Stahl, "Is the Air Force's F-22 fighter jet making pilots sick?", 60 Minutes, 6 May 2012; retrieved 7 May 2012
  62. ^ http://www.gamefaqs.com/ps2/914994-airforce-delta-strike/faqs/28646 GameFQS: AirForceDelta Aircraft List

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Francis Crosby, Fighter Aircraft, Londra, Lorenz Books, 2002, ISBN 0-7548-0990-0.
  • (EN) Jay Miller, Lockheed Martin's Skunk Works: The Official History..., Leicester, Midland Publishing Ltd., 1995, ISBN 1-85780-037-0.
  • (EN) Steve Pace, F-22 Raptor, America's next lethal war machine, New York, McGraw-Hill, 1999, ISBN 0-07-134271-0.
  • (EN) Steve Pace, X-Fighters: USAF Experimental and Prototype Fighters, XP-59 to YF-23, Oscela, Motorbooks International, 1991, ISBN 0-87938-540-5.
  • (EN) Mel Williams, Superfighters: The Next Generation of Combat Aircraft, Londra, AIRtime Publishing Inc., 2002, ISBN 1-880588-53-6.
  • (EN) Bill Sweetman, Fighter EW: The Next Generation. in Journal of Electronic Defense, vol. 23, nº 7, luglio 2000.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Russia Russia
Sukhoi PAK FA
Mikoyan Project 1.44

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]