United States Air Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
United States Air Force
Aeronautica Militare degli Stati Uniti
Emblema del dipartimento dell'Air Force
Emblema del dipartimento dell'Air Force
Descrizione generale
Attiva 1947 - oggi
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Alleanza NATO NATO
Servizio aeronautica militare
Dimensione 351 800 effettivi, 6 217 aeromobili, dei quali 2 055 caccia. 1900 ICBM
Quartier generale Il Pentagono
Motto Above all dal 19 febbraio 2008 (inglese:al di sopra di tutto)
Colori Blu oltremare e Giallo oro
Marcia Off We Go Into The Wild Blue Yonder
Parte di
Comandanti
Capo di Stato Maggiore Gen. Mark A. Welsh III
Capo cerimoniale Sgt.Mg. Rodney J. McKinley
Simboli
Coccarda
Roundel of the USAF.svg
Logo USAF logo.png

[senza fonte]

Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La United States Air Force (abbreviazioni comunemente utilizzate: U.S. Air Force, US Air Force, Air Force, USAF) è l'aeronautica militare degli Stati Uniti d'America, parte integrante delle forze armate degli Stati Uniti d'America. Rappresenta la branca dell'amministrazione militare USA che si occupa di guerra aerea, guerra spaziale e cyberwarfare.

L'USAF è uno dei sette "servizi in uniforme" (uniformed services)[1] ed è nata come forza armata separata e indipendente dall'esercito il 18 settembre 1947. Attualmente rappresenta la più grande forza aerea del mondo con oltre 9 000 velivoli in servizio, basi sparse su tutto il globo e circa 352 000 uomini e donne in servizio attivo.[2] La prestazione complessiva fornita dall'USAF nel 2009 era ufficialmente designata con tre descrizioni: Global Vigilance, Global Reach e Global Power (Viglianza Globale, Portata Globale e Potenza Globale)[3] con 5 573 velivoli con pilota in servizio (3 990 USAF; 1 213 Air National Guard; e 370 Air Force Reserve);[4] circa 180 unmanned aerial vehicles, 2 130 missili Cruise lanciabili dal cielo,[5] e 450 missili balistici intercontinentali. L'USAF ha 327.452 effettivi in servizio attivo, 115 299 nell'Air Force Reserve Command,[6] e 106 700 nell'Air National Guard (dati settembre 2008). In aggiunta, l'USAF impiega 171 313 operatori civili,[7] ed ha 57 000 membri ausiliari nella Civil Air Patrol.[8][9]
Nel 2010, un più recente Posture Statement[10] ha ridefinito la missione dell'USAF nelle seguenti azioni: operazioni di deterrenza nucleare, operazioni speciali, superiorità aerea, operazioni globali integrate di Intelligenza militare, Sorveglianza e Ricognizione (ISR), superiorità spaziale, comando e controllo, superiorità cyberspaziale, guarigione del personale, attacco globale di precisione, costruzione di rapporti di collaborazione, mobilità globale rapida, e supporto di combattimento immediato.

Sin dalla seconda guerra mondiale, l'USAF ed i suoi predecessori hanno preso parte a vari conflitti in tutto il pianeta.

Il Dipartimento dell'aviazione ("Department of the Air Force")[11] è diretto da un civile, il Segretario all'aviazione ("Secretary of the Air Force"),[12] preposto a tutti gli affari politici ed amministrativi. Il Dipartimento dell'aviazione è una divisione del Dipartimento della difesa, diretto dal Segretario della difesa. L'ufficiale più elevato nel Dipartimento dell'Aviazione è il Capo dello Stato Maggiore della Forza Aerea degli Stati Uniti (Chief of Staff of the United States Air Force), che fa parte dello Stato Maggiore Congiunto (Joint Chiefs of Staff).[13]

L'USAF attualmente sta programmando una drastica riduzione di organico (Reduction-in-Force o RIF), a causa di una diminuzione dei fondi a sua disposizione nel bilancio. La riduzione dell'organico doveva essere di circa 40 000 posti da attuare entro il 2011.[14]

Missione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il "National Security Act of 1947"[15] (61 Stat. 502), documento istitutivo dell'USAF:

In generale la United States Air Force comprenderà le forze di aviazione sia da combattimento sia d'appoggio non altrimenti assegnate. Sarà organizzata, addestrata ed equipaggiata principalmente per dare impulso e sostegno alle operazioni aeree offensive e difensive. L'Air Force avrà la responsabilità della preparazione delle forze aeree necessarie alla prosecuzione efficace della guerra ad eccezione di quanto sia diversamente stabilito, e, coerentemente con i piani integrati di mobilitazione congiunta, per l'espansione dei componenti del tempo di pace dell'Air Force per essere all'altezza delle esigenze belliche.

Il §8062 del Titolo 10 dell'US Code definisce lo scopo dell'USAF[16] come:

  • preservare la pace e la sicurezza, e provvedere alla difesa, degli Stati Uniti, dei Territori, Commonwealths, e possedimenti, e di ogni area occupata dagli Stati Uniti;
  • sostenere la politica nazionale;
  • concorrere al raggiungimento degli obiettivi nazionali;
  • sconfiggere ogni nazione responsabile di atti di aggressione che mettano in pericolo la pace e la sicurezza degli Stati Uniti.

La missione prefissa all'USAF nel mondo contemporaneo è "volare, combattere, e vincere in cielo, nello spazio, e cyberspazio".[17][18]

Aprile 2005. Un ingegnere dell'Air Force Research Laboratory valuta l'interazione di raggi laser multipli nel quadro del progetto di contromisure elettroniche "Airborne Laser“.[19]

Ricerca e salvataggio[modifica | modifica wikitesto]

Il "National Search and Rescue Plan" designa la United States Coast Guard come l'agenzia federale preposta alle operazioni marittime Search and Rescue (SAR), e l'USAF ne è l'equivalente per quanto attiene alle operazioni aeree per gli Stati Uniti continentali, Alaska esclusa.[20] Per coordinare il loro lavoro, entrambe le agenzie mantengono uffici denominati "Joint Rescue Coordination Centers".[21] L'USAF, per far fronte alla gran mole d'interventi di soccorso, si avvale della cooperazione fornita dalla già citata “Civil Air Patrol“ —la forza aerea ausiliaria ufficiale degli USA— in più dell'80% di dette missioni.

Vigilanza dello spazio aereo[modifica | modifica wikitesto]

L'USAF, attraverso l'Air National Guard, è la principale agenzia competente per il controllo dello spazio aereo USA.

Il 30 luglio 2009, il tenente generale Harry Wyatt, direttore dell'Air National Guard, ha dichiarato che "le tecnologie necessarie per la missione comprendono un radar a schiera attivo, a scansione elettronica (che può essere usato per scoprire piccole ed invisibili minacce aeree tra cui i missili da crociera), sistemi di ricerca e tracciamento ad infrarossi e comunicazioni oltre-la-linea-visuale".[22]

Il 14 settembre 2009, il generale Norton A. Schwartz, capo di stato maggiore USAF, ha detto che spera di "portare una combinazione di F-22, F-35, velivoli venerandi, tra cui caccia F-15 e F-16 rimodernati, e velivoli senza pilota alla missione ASA [air sovereignty alert][23]."[24]

Nondimeno, l'USAF ha in programma di ritirare fino all'80% della propria forza aerea addetta alla tutela dello spazio aereo, e di conseguenza 18 siti attuali di sorveglianza aerea rimarrebbero del tutto sprovvisti di velivoli operativi dopo il 2015.[25][26][27]

Il Government Accountability Office (GAO])[28] ha rilevato che per 17 comandanti di reparti ASA su 20 "l'USAF tratta le operazioni ASA come una missione temporanea e non ha fornito risorse sufficienti".[29]

Guerra non convenzionale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra non convenzionale e Guerra fredda.

Per far fronte alle esigenze dei conflitti che potrebbero coinvolgere gli USA dopo il termine della Guerra Fredda, il giorno 1 agosto 2007 fu emesso il documento Air Force Doctrine Document 2-3 per illustrare le modalità in cui un'aeronautica militare potrebbe essere impiegata a sostegno o in contrasto delle cosiddette insorgenze.[30]

A questo specifico fine, l'USAF sta valutando l'apprestamento di uno stormo di contro-guerriglia, equipaggiato con piccoli velivoli da supporto aerotattico. Il reparto potrebbe anche avere funzioni addestrative —focalizzate sullo specifico scenario operativo— per i piloti statunitensi e di nazioni alleate.[31]

Aerotrasporto[modifica | modifica wikitesto]

L'USAF fornisce il trasporto aereo sia strategico sia tattico in guerra, in pace e nelle missioni umanitarie curate dal Ministero della Difesa.

Il GAO[29] ha rilevato che i piani USAF dovrebbero soddisfare le esigenze del trasporto strategico, ma potrebbero dimostrarsi inadeguate nel dare appoggio tattico allo US Army.[32]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Coccarde che si sono avvicendate sugli aerei USA.
1. 5/17-2/18 2. 2/18-8/19 3. 8/19-5/42
4. 5/42-6/43 5. 6/43-9/43 6. 9/43-1/47
7. 1/47-

L'esercito creò il primo predecessore dell'USAF nel 1907; ne scaturì un caleidoscopio di trasformazioni organizzative, di nomi e missioni, che quarant'anni più tardi avrebbe fatto nascere l'attuale forza armata aerea. Difatti, l'USAF divenne un servizio militare separato il 18 settembre 1947, quando entrò in vigore il "National Security Act of 1947".[33] Tale legge creò lo United States Department of Defense, che a sua volta si componeva di tre sotto-dipartimenti, e segnatamente del "Department of the Army",[34] “Department of the Navy“[35] e del neonato “Department of the Air Force“.[36] Prima del 1947, la competenza per quanto atteneva alle operazioni aeree veniva ripartita fra esercito (operazioni basate a terra), marina (operazioni basate sul mare, originate da portaerei o affidate ad aerei anfibi), e Marines (supporto aerotattico di operazioni di fanteria).

Le organizzazioni antesignane dell'USAF odierna furono:

Guerra fredda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948 e fino al settembre 1949, l'USAF intraprese un gigantesco sforzo, il ponte aereo per Berlino, per rifornire di viveri e generi necessari la città bloccata dai sovietici. Il 25 giugno, il giorno dopo l'inizio del blocco, fu iniziato un enorme ponte aereo (che poi durerà 462 giorni) che umiliò pubblicamente i sovietici. Centinaia e centinaia di aeroplani, chiamati affettuosamente "Rosinenbomber" (bombardieri d'uva passa) dalla popolazione locale, trasportarono un'enorme varietà di provviste, da interi container pieni di viveri, carbone e medicinali a piccoli pacchetti di caramelle con attaccato un minuscolo paracadute individuale per i bambini (i pacchetti di caramelle paracadutati furono ideati dal pilota Gail Halvorsen). Gli ammalati gravi ed i bambini venivano evacuati dalla città con gli stessi aerei. Gli aeromobili vennero forniti e volarono dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dalla Francia, ma gli equipaggi furono forniti anche dall'Australia, dal Sudafrica e dalla Nuova Zelanda. Furono in totale effettuati 278.228 voli, trasportando 2.326.406 tonnellate di cibo e altre forniture, tra cui 1.500.000 tonnellate di carbone per riscaldamento e produzione di energia elettrica, dando vita al più grande trasporto umanitario della storia. All'apice dell'operazione atterravano a Berlino 1.398 voli ogni 24 ore trasportando 12.940 tonnellate di viveri, carbone e macchinari. L'azione statunitense portò il nome in codice di Operation Vittles, mentre quella britannica venne chiamata Plain Fare. L'operazione non fu indolore per gli equipaggi; data l'elevata frequenza dei voli vi furono alcuni incidenti con vittime.

Guerra di Corea[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra di Corea.

La FEAF (Far East Air Force) statunitense, agli ordini del Tenente Generale George E. Stratemeyer, iniziò subito ad intercettare l'aviazione nordcoreana a sud del 38º parallelo, venendo attaccato a sua volta. In risposta, l'indomani, bombardieri statunitensi Boeing B-29 Superfortress bombardarono per la prima volta il territorio nemico, attaccando l'aeroporto della capitale nordcoreana Pyongyang. L'aviazione statunitense riusciva a ritardare l'avanzata nemica, mentre il Governo Usa inviava ingenti rinforzi in Giappone per costituire l'8ª Armata al comando del generale Walton Walker. Il quartier generale avanzato fu posto nella città di Taegu, nella Corea del Sud, il giorno 24 luglio. Il Giappone garantì l'utilizzo di basi militari sul proprio territorio metropolitano ed anche supporto navale, e in seguito l'USAF iniziò una serie di bombardamenti strategici che colpirono la capitale nordcoreana Pyongyang e, dopo l'intervento cinese a supporto dei nordcoreani, anche i campi di volo cinesi situati in Manciuria, ritenuti, a torto, al sicuro dai bombardamenti statunitensi[37]. Il supporto sovietico si concretizzò nella fornitura di moderni velivoli da combattimento, pilotati spesso da "volontari" sovietici. Anche l'aviazione statunitense che si scontrava con i MiG-15 di fabbricazione sovietica in uso a coreani e cinesi, aveva migliorato le sue capacità, affiancando ed in parte sostituendo i Lockheed P-80 Shooting Star ed i Republic F-84 F Thunderstreak — inferiori agli aerei russi — con i più aggiornati e prestanti North American F-86 Sabre.

Guerra del Vietnam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra del Vietnam.

Un grosso banco di prova per la forza armata fu la guerra del Vietnam. Durante la seconda metà del 1964 e gli inizi del 1965 la situazione sul campo nel Vietnam del Sud continuò a peggiorare per le forze governative[38]; i reparti Viet Cong, saliti a oltre 170.000 combattenti[39], e supportati per la prima volta dall'infiltrazione di forze regolari nordvietnamite dell'agguerrito Esercito Popolare Vietnamita inflissero pesanti perdite ai sudvietnamiti pregiudicando l'esito del conflitto. A Washington, Johnson, sempre più inquieto ed indeciso, moltiplicò le riunioni con i suoi consiglieri per decidere le misure da prendere per salvare una situazione apparentemente compromessa[40].

Cacciabombardieri statunitensi impegnati in una missione di bombardamento sul Vietnam del Nord durante l'operazione Rolling Thunder

I membri del National Security Council, tra cui McNamara, il segretario di Stato Dean Rusk, e Maxwell Taylor concordarono quindi il 28 novembre 1964 di suggerire al presidente Johnson una campagna di bombardamenti progressivi sul Vietnam del Nord e anche sul Laos come strumento di pressione sul governo nordvietnamita[41]; per il momento furono invece rinviate decisioni sull'intervento diretto delle forze terrestri statunitensi (proposto dal consigliere Walter Rostow[42]).

Una serie di attacchi Viet Cong contro le basi e il personale statunitense in Vietnam avrebbe fatto precipitare la situazione nei primi mesi del 1965, portando a decisioni cruciali dell'amministrazione Johnson: prima l'attacco del 24 dicembre 1964 all'Hotel Brinks di Saigon (dove erano alloggiati ufficiali statunitensi) e soprattutto l'attacco Viet Cong contro installazioni statunitensi alla base aerea di Pleiku (6 febbraio 1965), fornirono l'occasione alla dirigenza politica statunitense per iniziare i bombardamenti aerei sistematici sul Vietnam del Nord; in risposta a questi attacchi il presidente Johnson ordinò quindi l'inizio immediato degli attacchi aerei di rappresaglia (operazione Flaming Dart)[43].

Dopo questa prima fase, il 2 marzo 1965 iniziò il piano di attacchi aerei sistematici sulle strutture logistiche e militari del Vietnam del Nord, con aerei decollati dalle basi aeree statunitensi in via di organizzazione in Thailandia e dalle portaerei posizionate al largo delle coste nordvietnamite (la cosiddetta Yankee Station)[44]. I bombardamenti (operazione Rolling Thunder), inizialmente previsti per la durata di otto settimane, sarebbe continuati, sempre più violenti ed estesi su nuovi bersagli, quasi ininterrottamente fino alla metà del 1968: fu la campagna di bombardamento aereo più pesante dai tempi della seconda guerra mondiale (300.000 missioni), vennero sganciate più bombe sul Vietnam del Nord che sulla Germania (860.000 tonnellate), ma i risultati furono nel complesso deludenti.

Il morale della popolazione e la volontà politica della dirigenza nemica non crollò e anzi usci rafforzata dagli attacchi; i danni strutturali furono rilevanti, ma non decisivi in una società arretrata e contadina come quella vietnamita; gli intralci alla macchina militare nordvietnamita (rifornita principalmente da Cina e URSS attraverso il porto di Haiphong) furono scarsi e l'infiltrazione delle truppe regolari al sud viceversa aumentò costantemente; le forze aeree statunitensi subirono inoltre perdite rilevanti (922 aerei perduti) di fronte alla valida difesa antiaerea nemica[45] e alle pericolose forze aeree nordvietnamite.

Un bombardiere pesante B-52 impegnato nei bombardamenti sul Vietnam del Nord durante l'Operazione Linebacker II

L'aviazione ebbe un ruolo determinante nel termine delle operazioni, e con i pesanti bombardamenti dell'operazione Linebacker costrinse i nordvietnamiti all'inizio dei negoziati. Le ultime fasi dei colloqui di pace che erano nonostante tutto iniziati furono particolarmente confuse e drammatiche;il negoziatore statunitense Henry Kissinger finì per accettare la maggior parte delle richieste nordvietnamite[46] (soprattutto accettò il cruciale mantenimento delle forze regolari nordvietnamite presenti al sud, al contrario del previsto ritiro totale statunitense)[47]; Van Thieu si oppose strenuamente a questo tipo di accordo considerato la premessa della catastrofe[48]. A ottobre 1972 l'accordo di pace sembrò imminente, ma in realtà la situazione si complicò nuovamente alla fine dell'anno: i colloqui furono interrotti di nuovo a causa dell'intransigenza di Le Duc Tho e anche dell'ostruzionismo di Van Thieu[49]; nel tentativo di sbloccare drammaticamente la situazione, di dare un'ultima dimostrazione di forza militare e di rafforzare psicologicamente il regime di Saigon, Nixon decise il 18 dicembre 1972 di sferrare nuovi duri bombardamenti sul Vietnam del Nord con l'impiego in massa dei B-52 (operazione Linebacker II)[50]. I "bombardamenti di Natale" durarono undici giorni soprattutto su Hanoi e Haiphong, e apparentemente indussero il Vietnam del Nord a ritornare al tavolo dei negoziati ed accettare il compromesso[51]. A gennaio 1973 l'accordo era ormai in vista, i bombardamenti erano stati interrotti il 30 dicembre 1972.

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

2009. Un'immagine artistica, realizzata (a partire dalle scarsissime foto a bassa risoluzione disponibili) con tecniche di rendering digitale, del Lockheed Martin RQ-170 Sentinel, ricognitore senza pilota.

Nel 2007, l'USAF intraprese un programma di ristrutturazione riduttiva. A causa di restrizioni finanziarie, l'USAF previde un abbattimento della forza organica da 360 000 a 316 000 membri.[52] La grandezza della forza in servizio attivo nel 2007 era grosso modo il 64% dell'USAF alla fine della Guerra del Golfo nel 1991.[53] Tuttavia, la riduzione si concluse nel 2008 a circa 330 000 effettivi per mantenere la rispondenza agli standard operativi necessari.[52] Queste stesse restrizioni hanno imposto dal 2005 una netta riduzione nel numero di ore concesse all'addestramento degli equipaggi[54] ed altresì indotto il Deputy Chief of Staff for Manpower and Personnel[55] a diramare le Airmen's Time Assessments.[56]

Il 5 giugno 2008, il Segretario alla Difesa Robert Gates ha accettato le dimissioni del "Secretary of the Air Force“, Michael W. Wynne,[57] e del "Chief of Staff of the United States Air Force", generale T. Michael Moseley.[58] In pratica Gates ha licenziato entrambi per "problemi strutturali collegati ad un degrado delle prestazioni e dell'orientamento nella missione nucleare dell'Air Force". Questo fatto avveniva in seguito ad un'inchiesta su due incresciosi incidenti riguardanti negligente gestione di armi nucleari, ed al contempo rappresentava l'epilogo di diatribe tra la dirigenza dell'Air Force e Gates medesimo.[59] Per ribadire l'importanza delle risorse nucleari, il 24 ottobre 2008 l'USAF creò l'Air Force Global Strike Command,[60] una struttura con speciale orientamento nucleare.[61]

Il 26 giugno 2009 l'USAF emanò un nuovo progetto strutturale della forza che riduce gli aerei da caccia e rialloca le risorse per conseguire una maggiore efficienza nella guerra nucleare, irregolare e dell'informazione.[62] Il 23 luglio 2009 l'USAF ha diffuso il suo "Unmanned Aerial System Flight Plan",[63][64] contenente i piani di dettaglio per gli UAV fino al 2047.[65] Un terzo degli aerei che l'USAF progetta di acquistare in futuro sarà senza pilota.[66]

Conflitti[modifica | modifica wikitesto]

Lo F-117 Nighthawk è stato un aereo da attacco "invisibile" (non più in servizio dal 22 aprile 2008).

Gli USA sono stati coinvolti in numerose guerre, conflitti ed operazioni che hanno richiesto operazioni aeree militari. Considerando anche il periodo anteriore alla nascita formale dell'USAF, indicheremo:

Missioni umanitarie[modifica | modifica wikitesto]

L'USAF ha partecipato anche a diverse operazioni umanitarie, tra cui:[71]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

2005, Florida. Un ricognitore Fairchild C-26 Metroliner in fase di decollo.

L'USAF è uno dei tre service departments, ed è diretto da un organo civile, il Department of the Air Force.[11] Al vertice politico si pone il "Secretary of the Air Force", (SECAF)[12] con il suo staff e con i suoi consiglieri. Il vertice militare è rappresentato dall'"Air Staff",[82] guidato dal "Chief of Staff".[13]

Immediatamente al di sotto di questo livello di comando si situano "Field Operating Agency" (FOA),[83] "Direct Reporting Unit" (DRU),[84] e "Separate Operating Agency"[85] (al momento non attiva).

Il "Major Command" (MAJCOM)[86] è il livello gerarchico superiore di comando, come verrà dettagliato in prosieguo di sezione. Comprendendo anche l'"Air Force Reserve Command",[87] alla data del 30 settembre 2006, l'USAF ha nove "major commands". La "Numbered Air Force" (NAF) è un livello di comando immediatamente inferiore al MAJCOM, seguito da "Operational Command" (oggi non in uso), "Air Division" (parimenti in attuale disuso), "Wing", "Group", "Squadron", e "Flight".[88]

Struttura della forza armata (Major Commands)[modifica | modifica wikitesto]

2009, Emerald Coast, Florida. Un CV-22 Osprey dell'8th Special Operations Squadron.

Seal of the US Air Force.svg Headquarters, United States Air Force,[82] il Pentagono, Arlington, Virginia

Alcuni aeromobili di uno squadrone di stanza ad Hurlburt Field[134]
Quattro donne pilota di F-15 del 3rd Wing. Elmendorf Air Force Base, Alaska, 2006.
Lockheed EC-130J Commando Solo, una versione modificata del C-130 Hercules, specializzata per la guerra elettronica.

Le principali componenti dell'USAF, alla data del 30 settembre 2006, erano le seguenti:[163]

  • Forze in servizio attivo:
    • 57 stormi (wings) di volo, otto stormi spaziali e 55 non di volo
    • nove gruppi di volo, otto non di volo
      • 134 squadroni di volo, 43 squadroni spaziali
  • Air Force Reserve
    • 35 stormi di volo, uno stormo spaziale
    • quattro gruppi di volo
      • 67 squadroni di volo, sei squadroni spaziali
  • Air National Guard
    • 87 stormi di volo
      • 101 squadroni di volo, quattro squadroni spaziali

Organizzazione operativa[modifica | modifica wikitesto]

Air Force aircraft squadrons
A-10As 18th TFS over Alaska 1982.JPEG
L'USAF dispone di centinaia di squadroni operativi. Molti squadroni hanno cambiato nome nel tempo, e questo è un sommario elenco riferito alla loro designazione odierna.[164] A piè di pagina sono disponibili i dettagli sulle unità che integrano le varie categorie.
  • Aggressor Squadrons[165] Si tratta di unità il cui unico scopo è l'addestramento e la valutazione di piloti di "caccia" USAF appena promossi a tale dignità, o che vogliono aggiornarsi professionalmente. Volano con gli aerei consueti dell'USAF, ma ridipinti con una diversa livrea, e giocano il ruolo di velivoli "ostili" che gli esercitanti devono "abbattere".
  • Airborne Air Control Squadrons[166]
  • Airlift Squadrons[167]
  • Bomb Squadrons[168]
  • Fighter Squadrons[169]
  • Flight Test Squadrons[170]
  • Reconnaissance Squadrons[171]
  • Special Operations Squadrons[172]
  • Test and Evaluation Squadrons[173]
  • Weapons Squadrons[174]

Si tratta della struttura organica incaricata di provvedere —in tempo di pace— all'organizzazione, equipaggiamento e addestramento delle unità aerospaziali per missioni operative. Quando è necessario per sostenere le missioni operative, la National Command Authority[175] dispone un cambio di controllo operativo —Change in Operational Control (CHOP)— a riguardo di questi reparti, trasferendolo dal loro assetto del tempo di pace ad un Regional[176] Combatant Commander (CCDR).[177] Nel caso di unità AFSPC,[178] AFSOC,[179] PACAF,[180] e USAFE,[181] tali forze sono normalmente impiegate sul posto sotto la direzione dei rispettivi CCDR. Analogamente, le forze AMC[182] operanti in ruoli di supporto mantengono la propria appartenenza allo United States Transportation Command[183] salvo quando siano provvisoriamente riassegnate ad un Regional CCDR.

Aerospace Expeditionary Task Force[modifica | modifica wikitesto]

Le unità sottoposte al procedimento "CHOP" sono designate con l'appellativo forces (forze). La struttura di più alto livello in questo ambito è la Air and Space Expeditionary Task Force (AETF).[184] Sul piano dottrinale, l'AETF è la presentazione della forze componenti la Forza Aerea ad un CCDR per l'impiego del Potenziale Bellico Aereo (Air Power).[185]

C-NAF

Ogni CCDR può contare su una forza permanente denominata Component Numbered Air Force (C-NAF) per fornire pianificazione ed esecuzione di forze aerospaziali a suffragio delle esigenze del CCDR. Ciascun C-NAF consiste di un comandante —Commander, Air Force Forces (COMAFFOR)— e un AFFOR/A-staff,[186] e di un Air Operations Center (AOC). Se richiesto per sostenere una pluralità di Joint Force Commander (JFC)[187] nella COCOM's[176] Area of Responsibility (AOR), il C-NAF può schierare unità denominate Air Component Coordinate Elements (ACCE) per collegarsi con il JFC.

Commander, Air Force Forces[modifica | modifica wikitesto]

Il Commander, Air Force Forces (COMAFFOR)[188] è l'alto ufficiale USAF preposto all'impiego del potenziale aereo a sostegno degli obiettivi JFC. Il COMAFFOR ha uno staff speciale ed un A-Staff per garantire che le forze assegnate o integrate siano appropriatamente organizzate, equipaggiate ed addestrate per sostenere la missione operativa.

Air Operations Center[modifica | modifica wikitesto]

L'Air Operations Center (AOC) è il centro Command and Control (C2)[189] del JFACC.[190] Tale centro ha il compito di pianificare ed eseguire le missioni a sostegno degli obiettivi JFC.

Air Expeditionary Wings/Groups/Squadrons[modifica | modifica wikitesto]

L'AETF dispiega una potenzialità offensiva aerea per sostenere obiettivi COCOM da unità denominate Air Expeditionary Wing (AEW) o Air Expeditionary Group (AEG). Queste unità sono incaricate di ricevere le forze di combattimento dai Comandi Principali (Air Force MAJCOM), preparare tali forze per le missioni, lanciare e recuperare dette forze, ed alla fine riconsegnarle ai MAJCOM. I sistemi per il controllo aereo di teatro (Theater Air Control Systems) sorvegliano l'impiego delle forze durante queste missioni.

Quick table of the Enlisted Air Force Specialty Codes (AFSC's).[191]

Personale[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione di qualsiasi impiego nell'USAF è materia dell'Air Force Specialty Code (AFSC).[192] Lo spettro di questo "catalogo" spazia da incarichi operativi —come quello del mitragliere— a mansioni "alberghiere", come quelle di chi deve assicurare l'efficiente funzionamento di una mensa. In effetti, le possibilità di lavoro nell'USAF sono le più varie: specialisti informatici, meccanici, personale di volo, addetti ai sistemi di comunicazione, tecnici avionici, servizi sanitari, ingegneri civili, esperti amministrativi, servizi logistici di ricettività, affari legali, consulenza in tema di stupefacenti, operazioni postali, addetti alla specifica polizia militare (United States Air Force Security Forces)[193] e specialisti di ricerca e salvataggio.

Distintivo delle USAF Security Forces

Forse i ruoli USAF più pericolosi sono quelli di artificiere, Combat rescue officer,[194] pararescue,[195] membro delle già ricordate forze di sicurezza,[193] addetto all'United States Air Force Combat Control Team,[196] tecnico meteo per le operazioni speciali,[197] specialista del controllo aereo tattico,[198] addetto all'U.S. Air Force Office of Special Investigations;[199] tutto personale che opera "normalmente" a fianco della fanteria e/o in operazioni speciali[200] in contesti di elevatissimo rischio. Nella maggior parte dei casi, si tratta di personale di truppa. Altri ruoli hanno acquistato nel tempo maggior dimestichezza con il campo di battaglia, ad esempio ingegneri e addetti ai veicoli.

Quasi tutti i lavori della truppa sono entry level, nel senso che l'USAF fornisce ai relativi operatori tutto l'addestramento occorrente. Ad alcuni militari è data l'opportunità di scegliere un particolare lavoro, od almeno un campo d'impiego da seguire dopo l'effettivo arruolamento, mentre a tutti gli altri in occasione del Basic Military Training[201] (BMT) viene assegnata d'ufficio una specializzazione (AFSC). Dopo il BMT, gli aviatori frequentano una scuola di addestramento tecnico in cui apprendono ciò che è specifico del rispettivo AFSC. La Second Air Force,[12] che fa parte dell'Air Education and Training Command,[97] è competente per quasi tutto l'addestramento tecnico.

2006, Hurlburt Field,[134] Florida. Tecnici meteo per operazioni speciali in addestramento

La durata dei corsi è assai variabile; per fare due esempi, il 3M0X1[202] (servizi) richiede 31 giorni, mentre il 3E8X1[203] (bonifica esplosivi) si articola in un anno di addestramento con una scuola preliminare ed una scuola principale consistente di dieci divisioni diverse, che a volte impegnano gli allievi fin quasi a due anni.

L'organico USAF è diviso in personale di truppa, sottufficiali ed ufficiali; la posizione minima è (truppa) Airman Basic (E-1), la massima è (ufficiali) Generale (O-10).[204] Le promozioni della truppa conseguono ad una combinazione di prove attitudinali, anni di anzianità e liste di avanzamento, mentre le promozioni degli ufficiali dipendono dall'anzianità nel grado e da liste di avanzamento.

Sistema gerarchico[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

I gradi degli ufficiali dell'USAF sono divisi in tre sezioni: di compagnia, di campo e ufficiali generali. Gli ufficiali di compagnia (Company Grade Officers) sono quelli compresi fra O-1 e O-3 (2nd Lieutenant - Captain); gli ufficiali di campo (Field Grade Officers) tra O-4 e O-6 (Major - Colonel); gli ufficiali generali, invece, rappresentano la parte apicale: da O-7 in su.

Al momento, la promozione da Second Lieutenant (letteralmente "Secondo Tenente", corrisponde al nostro sottotenente) a First Lieutenant (Primo Tenente) è virtualmente garantita dopo due anni di servizio onorevole. Da First Lieutenant a Captain (Capitano) la promozione è assegnata competitivamente dopo altri due anni di servizio. Per essere promossi da Major (Maggiore) in su i candidati devono affrontare una selezione, operata dall'Air Force Personnel Center (Centro del Personale dell'Air Force) alla Randolph Air Force Base, situata a San Antonio, Texas. Questo processo avviene approssimativamente fra il settimo e il decimo anno di servizio dei captain: una certa percentuale di essi vengono scelti per diventare Major. Questo procedimento viene ripetuto fra l'undicesimo e il quattordicesimo anno per i Lieutenant Colonel (Tenente Colonnello), e attorno al diciottesimo anniversario per i Colonel (Colonnello).

Grado O-1 O-2 O-3 O-4 O-5 O-6 O-7 O-8 O-9 O-10 O-11
Insegna US-O1 insignia.svg US-O2 insignia.svg US-O3 insignia.svg US-O4 insignia.svg US-O5 insignia.svg US-O6 insignia.svg US-O7 insignia.svg US-O8 insignia.svg US-O9 insignia.svg US-O10 insignia.svg US-O11 insignia.svg
Nome Second Lieutenant First Lieutenant Captain Major Lieutenant colonel Colonel Brigadier general Major general Lieutenant general General General of the Air Force
Abbreviazione2 2d Lt 1st Lt Capt Maj Lt Col Col Brig Gen Maj Gen Lt Gen Gen GOAF
Codice NATO OF-1 OF-2 OF-3 OF-4 OF-5 OF-6 OF-7 OF-8 OF-9 OF-10

1 Conferito a titolo onorario in caso di guerra.
2 Non è usato il punto fermo nelle abbreviazioni.

Warrant officers[modifica | modifica wikitesto]

Luglio 2005, località non precisata. Pararescuemen[195] (specialisti di sanità/soccorso) ed un "sopravvissuto" (figurante) osservano l'atterraggio di un elicottero HH-60G Pave Hawk che sta per trarli in salvo (simulazione addestrativa).

Malgrado le disposizioni regolamentari teoricamente vigenti, l'USAF non impiega la categoria gerarchica del warrant officer[205] (caso unico nelle forze armate statunitensi).[206] Quando il Congresso nel 1958 autorizzò l'istituzione di due gradi di livello (relativamente) alto nella truppa USAF, i vertici di quest'ultima decisero per conto proprio che questi due "super gradi" potevano soddisfare ogni esigenza della forza armata per il livello "warrant officer", ancorché tale determinazione non abbia avuto risalto pubblico che molti anni dopo. L'USAF smise di nominare warrant officers nel 1959,[207] l'anno in cui avvennero le prime promozioni al nuovo grado apicale della truppa, Chief Master Sergeant. Nel corso degli anni 1960 i warrant officers furono per lo più promossi ufficiali, ma —seppur in numero esiguo— continuarono ad esisterne per altri ventun anni.

L'ultimo warrant officer dell'aeronautica "in servizio attivo" (USAF), il CWO4[208] James H. Long,[209] andò in congedo nel 1980 e l'ultimo pari grado "riservista" (Air Force Reserve), il CWO4 Bob Barrow, lasciò i ranghi nel 1992.[210] Dopo il pensionamento, fu promosso a titolo onorario alla posizione CWO5, la sola persona che abbia rivestito questo grado nell'USAF.[207] Barrow è deceduto nell'aprile 2008.[211] Dalle dimissioni di Barrow, nell'USAF i warrant officers, benché legalmente consentiti, non si usano.

Truppa[modifica | modifica wikitesto]

La truppa dell'US Air Force è divisa in tre categorie: gli Airmen (avieri), dal grado E-1 al grado E-4 (Airman Basic - Senior Airman), i noncommissioned officers (NCO) (sottufficiali), E-5 ed E-6 (Staff Sergeant - Technical Sergeant) e i Senior noncommissioned officers (sottufficiali anziani), da E-7 a E-9 (Master Sergeant - Chief Master Sergeant). L'ultimo grado, Chief Master Sergeant of the Air Force (CMSAF) rappresenta l'apice della carriera dei sottufficiali: c'è solo un CMSAF nell'intera Air Force, è scelto dal Chief of Staff of the Air Force (Capo dello Staff dell'Air Force) e svolge la funzione di consigliere dei più alti comandanti, rappresentando l'intera categoria dei militari di truppa.

L'USAF è la sola, tra le cinque forze armate USA, in cui la condizione di sottufficiale non è ottenuta prima che un aviere abbia raggiunto la qualifica E-5. Nelle altre FF.A., in genere si è sottufficiali già a partire da E-4 (per esempio, un caporale nell'esercito e nei marines, Petty Officer Third Class[212] nella marina e guardia costiera). Nondimeno, nell'esercito chi ha la posizione E-4 ma il grado di Specialist[213] non è considerato sottufficiale. L'aeronautica si adeguava all'esercito nel periodo 1976-1991, poiché un E-4 poteva essere sia un Senior Airman che sfoggiava tre strisce ed una stella, sia un sergente (denominato "Buck Sergeant"), contraddistinto dalla presenza di una stella centrale e considerato sottufficiale. Benché non sia un sottufficiale, un Senior Airman che abbia frequentato con profitto la Airman Leadership School[214] può assumere il ruolo di "supervisore".

Grado E-1 E-2 E-3 E-4 E-5 E-6 E-7 E-8 E-9
Insegna Nessuna insegna di grado E2 USAF AM.svg E3 USAF AM1.svg E4 USAF SAM.svg E5 USAF SSGT.svg E6 USAF TSGT.svg E7a USAF MSGT.svg E7b USAF 1STSGT1.svg E8a USAF SMSGT.svg E8b USAF 1STSGT2.svg E9a USAF CMSGT.svg E9b USAF 1STSGT3.svg E9c USAF CCMS.svg E9d USAF CMSAF.svg
Nome Airman Basic Airman Airman First Class Senior Airman Staff Sergeant Technical Sergeant Master Sergeant Senior Master Sergeant Chief Master Sergeant Command Chief Master Sergeant Chief Master Sergeant of the Air Force
Abbreviazione AB Amn A1C SrA SSgt TSgt MSgt SMSgt CMSgt CCM CMSAF
Codice NATO OR-1 OR-2 OR-3 OR-4 OR-5 OR-6 OR-7 OR-8 OR-9 OR-9 OR-9

I gradi Master Sergeant, Senior Master Sergeant, Chief Master Sergeant presentano anche una versione First Sergeant (Primo Sergente), segnalata da un rombo al centro dello stemma. Non è un grado a sé stante, ma contraddistingue i sottufficiali a cui sono assegnati addizionali compiti e responsabilità.

Uniformi[modifica | modifica wikitesto]

Sudest asiatico, 27 aprile 2009, Operazione Uniform Delta.[215] Un gruppo di aviatrici ed aviatori indossanti le diverse uniformi che l'USAF ha adottato nel tempo.
Settembre 2008. Il generale Norton A Schwartz indossa la Service Dress Uniform.

Le uniformi USAF sono, ovviamente, distinte da quelle delle altre forze, a partire dal 1947. Proprio in quell'anno fece la sua comparsa la prima divisa USAF, che prenderà il nome di "Uxbridge Blue" con riferimento al modello "Uxbridge 1683 Blue", in origine sviluppato dalla Bachman-Uxbridge Worsted Company.[216] L'attuale Service Dress Uniform, (uniforme ordinaria di servizio)[217] adottata nel 1993 e standardizzata nel 1995, consiste di una giacca a tre bottoni, senza tasche, simile a ciò che si usa chiamare "sport jacket" da uomo,[218] (con spille argentate recanti la sigla U.S. sui risvolti del collo), pantaloni abbinati, ed un berretto militare standard o adattato per il volo, il tutto nella variante cromatica definita Shade 1620,[219] "Air Force Blue" (un blu-purpureo piuttosto scuro). L'uniforme è completata da una camicia azzurro chiaro (Shade 1550)[220] e una cravatta (Shade 1620)[221] caratterizzata da un motivo a spina di pesce. Il personale di truppa porta distintivi da manica sia sulla giacca sia sulla camicia, mentre ufficiali e sottufficiali indossano distintivi di grado metallici infissi con spille sulla casacca, e fascette tubolari nella tonalità Air Force Blue infilate sulle spalline della camicia. Gli avieri incaricati dei servizi onorifici denominati Base Honor Guard[222] indossano, per certe occasioni, una versione modificata dell'uniforme ordinaria, in particolare con filetti argentati sulle maniche e sui calzoni, con l'aggiunta eventuale di una cintura cerimoniale, berretto circolare con filetto argentato e fregio denominato Hap Arnold Device,[223] ed un cordellino argentato applicato alla spalla sinistra a sigillo di tutti gli altri orpelli e paramenti.

Tenute tattiche[modifica | modifica wikitesto]
2006. Airman Battle Uniform
Ucraina, maggio 2006. La Battle Dress Uniform indossata durante l'esercitazione Exercise Peaceshield 2000.[224]

L'uniforme da servizio e combattimento prevista dagli attuali regolamenti è la Airman Battle Uniform (ABU).[225] Il modello precedente, Battle Dress Uniform (BDU)[226] era ancora autorizzato per l'impiego fino ad ottobre 2011, pur divenendo meno diffuso. L'avvicendamento definitivo tra le due dotazioni di vestiario citate era programmato per il primo ottobre 2011 (Anno Fiscale 2012).[227] La BDU non è più effettivamente prevista dal 1 novembre 2011.[228]

Distintivi e decorazioni[modifica | modifica wikitesto]

La Air Force Cross è la seconda più importante decorazione per un aviere statunitense.

In aggiunta al vestiario regolare, la normativa USAF prevede, a certe condizioni, l'uso di varie insegne.[229] Può trattarsi di simboli rappresentanti specializzazioni o qualifiche particolari, ma anche di decorazioni per meriti speciali, o legate all'anzianità di servizio. Nel tempo, parecchi distintivi sono stati abbandonati e quindi non vengono più assegnati. Tra i distintivi autorizzati ritroviamo anche gli Scudetti dell'USAF Fire Protection[230] e delle Security Forces,[193] oltre al Missile badge, che è riconosciuto a chi ha prestato almeno un anno di servizio per un sistema missilistico.[231]

Addestramento[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i militari di truppa che non abbiano precedente esperienza di servizio devono sottoporsi al già ricordato basic military training (BMT), l'addestramento militare elementare che si svolge presso la Lackland Air Force Base[106] in Texas. Ufficiali e sottufficiali, a loro volta, devono seguire i programmi di United States Air Force Academy,[232] Air Force Officer Training School,[233] Academy of Military Science[234] ed Air Force Reserve Officer Training Corps.[235] Per ufficiali e sottufficiali specializzati in branche quali la sanità, affari legali e assistenza spirituale, per fare degli esempi, sono obbligatori i corsi del Commissioned Officer Training.[236]

Air Force Fitness Test[modifica | modifica wikitesto]
2006. Tre avieri si allenano alla base di Lackland.

L'United States Air Force Fitness Test (AFFT)[237] è concepito per provare la circonferenza addominale, la forza/resistenza muscolare e lo stato di salute respiratorio e cardiovascolare del personale USAF. Nell'ambito del programma Fit to Fight ("Adatto a combattere"), l'USAF ha adottato una valutazione di fitness fisico più severo; tale nuovo programma è stato attuato dal primo giugno 2010, ed ha sostituito il test ergo-dinamico che la forza armata aveva adoperato per alcuni anni. Nell'AFFT, gli avieri ricevono un punteggio basato sulla prestazione fisica parametrata in quattro componenti: circonferenza del petto, flessioni sulle gambe, flessioni sulle braccia, una corsa di un miglio e mezzo (2,4 km). I partecipanti possono virtualmente conseguire un punteggio "100", laddove la corsa conta per il 60%, la circonferenza toracica il 20% e ciascuna delle prove di forza vale un 10%. Per superare la prova, ci vuole un punteggio di almeno 75%. In vigore dal primo luglio 2010, l'AFFT si pratica in una struttura denominata Fitness Assessment Cell (FAC), con frequenza semestrale. Chi raggiunge almeno il 90% può limitarsi ad un esame l'anno. Aggiungiamo che il raggiungimento della sola sufficienza in ciascuno dei quattro aspetti valutativi non permetterà di ricevere un voto complessivo di 75% (quindi, la prova sarà valutata insufficiente).

Lista degli aerei[modifica | modifica wikitesto]

Alla data del 2004 l'USAF era accreditata di 5 778 velivoli operativi. Fino al 1962, Esercito ed Aeronautica mantenevano un sistema di designazione degli aerei, mentre la Marina ne utilizzava uno autonomo. Nel 1962, appunto, questi sistemi furono unificati in un solo standard, che rifletteva pesantemente il paradigma Army/Air Force.[238] Di seguito verrà esposto un catalogo a grandi linee della gran varietà di mezzi aerei in dotazione all'USAF.[239]

A - Ground attack[modifica | modifica wikitesto]

Gli aerei da attacco al suolo USAF sono concepiti per attaccare obiettivi terrestri e sono spesso impiegati per il supporto aerotattico in collaborazione ed a stretto contatto con le unità statunitensi di terra. La contiguità con le forze amiche impone a questi apparecchi attacchi di precisione che non sarebbero possibili ai bombardieri che descriveremo infra. Per il tipo di missione che elettivamente sono chiamati a perseguire, si può dire che svolgano un ruolo più tattico che strategico, atteso che evidentemente operano sul fronte piuttosto che mirare obiettivi vitali in profondità delle retrovie avversarie.

B - Bombers[modifica | modifica wikitesto]

Nell'USAF, la distinzione tra bombardieri, caccia-bombardieri ed aerei d'attacco si è fatta sfumata. Molti aerei d'attacco, perfino quelli che esteticamente appaiono caccia, sono ottimizzati per sganciare bombe, con grave compromissione della loro effettiva capacità di praticare un combattimento aereo. Molti caccia, come gli F-16, sono spesso usati come "vagoni per bombe", malgrado che siano stati progettati per il combattimento aereo. Forse l'unica distinzione significativa al momento è la questione del raggio d'azione: un bombardiere è generalmente un aereo a lungo raggio in grado di colpire bersagli in profondità nel territorio nemico, laddove caccia-bombardieri ed aerei d'attacco sono limitati a missioni "di teatro" nell'immediata area della battaglia, o tutt'al più nei dintorni. Ma anche questa differenza è messa in discussione dalla disponibilità del rifornimento in volo, che estende grandemente il campo effettivo delle operazioni di combattimento. A parte la Russia, gli USA sono l'unico paese che ha in servizio bombardieri strategici.

La cellula del B-52 Stratofortress ha più di 50 anni, ed è in programma di mantenerla in linea per altri 30, il che dovrebbe determinare una vita operativa di quasi 90 anni, un record assoluto. I progetti di sostituzione di questo venerando aeromobile sono soltanto sulla carta, e per varie ragioni politiche ed economiche è probabile che rimangano tali per tutto il futuro prevedibile.

C - Cargo transport[modifica | modifica wikitesto]

C-17 Globemaster III, il più moderno e versatile aereo da trasporto di cui disponga l'USAF.
C-5 Galaxy vettore "pesante" per il servizio di ponte aereo.

L'USAF è in grado di fornire mobilità globale rapida, prestazione che sta al cuore della strategia statunitense in questo ambiente — senza la capacità di proiezione della forza, non esiste deterrenza convenzionale.[240] Mentre le guarnigioni dislocate nei vari angoli remoti diminuiscono inesorabilmente, gli interessi globali permangono, perciò la mobilità virtualmente universale dell'USAF è una qualità sempre più preziosa. La mobilità aerea, difatti, è una risorsa nazionale di crescente importanza per l'esigenza di fronteggiare le emergenze e proteggere gli interessi statunitensi, ovunque se ne presenti la necessità.

Vengono tipicamente impiegati aerei da trasporto di varie categorie per rischierare truppe, armi ed altre dotazioni militari con i metodi più disparati, in ogni zona operativa del mondo, di norma fuori dalle rotte dei voli commerciali e dallo spazio aereo sotto il controllo di stati non ostili (o, addirittura, al di fuori di qualsiasi forma di controllo). È una sfida cui l'Air Mobility Command fa fronte avvalendosi di formidabili bestie da soma quali C-130 Hercules, C-17 Globemaster III, e C-5 Galaxy. Queste macchine possono essere viste pure come altrettanti archetipi del genere di cooperazione che l'aeronautica è chiamata a prestare in favore delle forze di terra: trasporto strategico (C-5), strategico/tattico (C-17), tattico (C-130). Il CV-22 è impiegato dall'United States Special Operations Command (USSOCOM). Conduce missioni a lungo raggio del tipo "operazioni speciali", ed è dotato di serbatoi supplementari per il carburante nonché di radar per scandagliare il suolo.

E - Special electronic missions[modifica | modifica wikitesto]

Lo scopo della guerra elettronica è evitare che il nemico abbia un vantaggio nello spettro elettromagnetico e per converso garantire al proprio schieramento un accesso agevole, e privo di impedimenti, alla porzione dell'ambiente d'informazione corrispondente allo spettro elettromagnetico. Si impiegano aerei per la guerra elettronica per conservarsi la disponibilità dello spazio aereo, e per inviare informazioni di vitale importanza a tutte le forze amiche che ne hanno bisogno. Spesso sono chiamati The Eye in the Sky ("l'occhio nel cielo").

F - Fighters[modifica | modifica wikitesto]

F-22 Raptor caccia da superiorità aerea con tecnologia stealth.

Gli aerei da caccia USAF sono aerei militari piccoli, veloci ed altamente manovrieri, concepiti principalmente per il combattimento con altri velivoli. Molti di questi caccia hanno attitudini secondarie in tema di attacco al suolo, ed alcuni sono votati al doppio ruolo di caccia-bombardieri (ad esempio, il F-16 Fighting Falcon); il termine fighter (che noi traduciamo generalmente "caccia") è anche talora usato colloquialmente per riferirsi ad aerei specializzati nell'attacco al suolo. Ai caccia sono anche affidate missioni di intercettazione contro bombardieri o altri caccia, ricognizione e pattugliamento. Dei 5 778 aerei con pilota in servizio, 2 402 sono caccia, e 1 245 di questi sono varianti del F-16 Fighting Falcon.

Dal 2006 a 2025, l'USAF ha in programma di ridurre del 28% l'organico degli aerei tattici.[242]

H - Search and rescue[modifica | modifica wikitesto]

Questi aerei sono usati per le missioni di ricerca e salvataggio e combat search and rescue (CSAR), per terra o per mare.

K - Tanker[modifica | modifica wikitesto]

Gli aerei che l'USAF adopera nel rifornimento in volo sono derivati da jet civili. Di solito gli aerei che forniscono il carburante sono progettati specificamente per tale funzione, sebbene i serbatoi per il rifornimento in volo possano essere adattati ai progetti di aerei esistenti, a patto che si possa utilizzare il metodo "probe and drogue". Non risulta che in campo civile si faccia alcun uso del rifornimento in volo.
Viceversa, sul versante militare tale pratica è diffusissima, segnatamente nelle operazioni su vasta scala (ma non è rara neppure nelle attività considerate di routine quotidiana). Caccia, bombardieri ed aerei da trasporto devono in buona parte il successo delle loro missioni all'opera (generalmente quasi sconosciuta al grande pubblico) dei cosiddetti tankers, cui è dedicata questa sezione. In realtà, bisogna affermare che il servizio di rifornimento in volo gioca un ruolo determinante in tema di mobilità globale USAF, e più in generale, nella già richiamata capacità di proiezione strategica statunitense.

M - Multi-mission[modifica | modifica wikitesto]

Aerei specializzati multi-missione forniscono appoggio per missioni globali del genere special operations. Tali apparecchi eseguono infiltrazioni, esfiltrazioni,[243] rifornimento logistico (in genere e di carburante in specie), per squadre di forze speciali, impiegando piste di decollo/atterraggio improvvisate o in ogni caso (intuitivamente) di brevi dimensioni.

Multi-mission RPAs (Remote Piloted Aircraft)[modifica | modifica wikitesto]

Le prime generazioni di RPA (aerei telecomandati) erano eminentemente aerei da sorveglianza, ma alcuni erano dotati di armamento (come nel caso del MQ-1 Predator, che usava missili aria-terra del tipo AGM-114 Hellfire). Quando un RPA è dotato di armi viene anche definito con l'acronimo UCAV, unmanned combat air vehicle, cioè "velivolo da combattimento senza pilota".

O - Observation[modifica | modifica wikitesto]

Questi aerei sono modificati per acquisire mediante l'osservazione[244] (con mezzi ottici o di altra natura), e riferire, le informazioni tattiche concernenti composizione e disposizione di forze (avversarie).

R - Reconnaissance[modifica | modifica wikitesto]

Gli aerei da ricognizione[244] USAF sono usati, in origine senza dotazioni offensive, per sorvegliare l'attività ostile. Sono stati sviluppati ed adottati concretamente, come abbiamo già ricordato poc'anzi, parecchi RPA (ricognitori telecomandati). Più di recente, si è preso coscienza del fatto che questi velivoli senza pilota sono potenzialmente macchine da combattimento più economiche, anche in senso "politico", poiché possono essere lanciate nella mischia senza mettere a repentaglio vite di equipaggi.

Nota: sebbene l'U-2 sia classificato formalmente nella categoria 'utility' (che verrà esposta in prosieguo), è più appropriato considerarlo una piattaforma per la ricognizione.

T - Trainer[modifica | modifica wikitesto]

2007, U.S. Air Force Academy, Colorado. Alcuni esemplari dell'aliante addestrativo biposto LET TG-10 (Blanik TG-10).

L'USAF dispone di aerei da addestramento, per la formazione tecnico-professionale di piloti, navigatori ed altri membri di equipaggio.

U - Utility[modifica | modifica wikitesto]

Gli aerei da utilità sono una categoria in cui rientra praticamente qualunque aeromobile di cui occasionalmente ci può essere bisogno. Per esempio, un "Huey" può essere adoperato per trasportare personale attorno ad una grande base o sito di lancio, ma potrebbe essere anche impiegato per un'evacuazione. Si tratta, in un certo senso, di "aeromobili a tutto tondo".

V - VIP staff transport[modifica | modifica wikitesto]

Questi aerei sono usati per trasportare importanti personalità, tra cui il Presidente degli Stati Uniti d'America, il Vice Presidente, Segretari di Stato, autorità istituzionali (ad esempio, membri del Congresso), il Joint Chiefs of Staff, ed altri soggetti di massimo spicco.

W - Weather reconnaissance[modifica | modifica wikitesto]

Questi mezzi sono utilizzati per studiare eventi meteorologici quali uragani e tifoni.

Aeromobili stranieri non specificamente classificati, impiegati dagli Special Operations Squadrons[modifica | modifica wikitesto]

Nuovo Messico, 1999. Un Mi-8 impegnato nell'esercitazione Roving Sands '99.[245]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

2006, località imprecisata. Una bambina saluta il padre che sta partendo per una missione USAF nel Sudest Asiatico.

La cultura USAF è veicolata principalmente dai piloti e così i piloti di aerei dei vari tipi hanno imposto le loro priorità negli anni. In principio l'attenzione era concentrata sui piloti di bombardieri (anche per opera della Bomber Mafia), poi venne estesa o trasferita a ricomprendere i piloti di caccia (Fighter Mafia e formazioni epigoni).[247]

Come reazione all'incidente delle armi nucleari dell'USAF nel 2007, i vertici dell'USAF furono radicalmente rinnovati, e per la prima volta fu scelto un Chief of Staff of the United States Air Force che non poteva vantare un passato di pilota di caccia o di bombardieri.[248] Secondo il Washington Post, il generale Schwartz aveva in tal modo iniziato a scardinare il rigido sistema di classe imperante nell'USAF.[249]

Daniel L. Magruder Junior definisce la cultura USAF come la combinazione dell'applicazione rigorosa di tecnologia avanzata, individualismo e teoria del potere aereo rivolta al futuro.[250] Il maggior generale Charles J. Dunlap, Jr. aggiunge che nella cultura USAF è insito un egualitarismo scaturente dal fatto che i comandanti cooperano come guerrieri con piccoli gruppi di soldati di truppa, con i quali formano le squadre di specialisti logistici o gli equipaggi indispensabili per il successo delle missioni affidate agli aerei.[251]

Slogan e "Credo"[modifica | modifica wikitesto]

L'USAF ha numerosi slogan propagandistici, quali "No One Comes Close" e "Uno Ab Alto".[252] Per anni, nelle campagne di reclutamento, ha usato "Aim High" ("Mira in alto"); più di recente è passata a "Cross into the Blue" ("Attraverso il blu"), "We've been waiting for you" ("Aspettiamo te") e "Do Something Amazing" ("Fai qualcosa di sorprendente"),[253] "Above All" ("Sopra a tutto"),[254] ed il più recente (alla data del 7 ottobre 2010), considerato un richiamo e risposta, "Aim high" ("Mira in alto") seguito dalla risposta, "Fly-Fight-Win" ("Vola-combatti-vinci").[255] Ogni stormo, gruppo o squadrone, di solito, ha uno o più slogan propri, per lo più reperibili sui rispettivi siti web di ciascun reparto.[256]

I valori etici più importanti dell'USAF sono ricapitolati in tre massime: "Integrity first" ("Prima l'integrità"), "Service before self" ("Il servizio prima di noi stessi"), "Excellence in all we do" ("Eccellenza in tutto quel che facciamo").[257] Il Credo dell'aviere è un testo morale simbolico introdotto nella primavera del 2007 a compendio della cultura USAF.[258]

Per favorire una maggiore conoscenza della sua missione e delle sue mansioni, l'USAF ha prodotto anche dei filmati, quali "Setting the Conditions for Victory" and "How We Fight",[259] per descrivere il ruolo dell'aviazione nella lotta al terrorismo ed in qual modo questa forza armata vinca la sua sfida nelle dimensioni dell'aria, dello spazio e del cyberspazio. La campagna "Above All" continua a corroborare il messaggio circa il dominio nelle tre citate sfere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione normativa:
    «Il termine "uniformed services" significa —
    (10 U.S.C. § 101(a)(5))
  2. ^ Dipartimento della Difesa USA (2005). ACTIVE DUTY MILITARY PERSONNEL STRENGTHS BY REGIONAL AREA AND BY COUNTRY (309A). 7 aprile 2006.
  3. ^ UNITED STATES AIR FORCE POSTURE STATEMENT 2009
  4. ^ "2009 Air Force Almanac", AIR FORCE Magazine, maggio 2009, p. 48.
  5. ^ "Gallery of USAF Weapons, 2009 Air Force Almanac". AIR FORCE Magazine, maggio 2009, pp. 137-138. USAF plans to retire all 460 AGM-129, and all but 528 ALCM by 2012.
  6. ^ Collegamenti esterni in punto:
  7. ^ "2009 Air Force Almanac - Facts and Figures". AIR FORCE Magazine, maggio 2009, p. 34. The foreign hire figure is 6,595 persons.
  8. ^ Collegamenti esterni in punto:
  9. ^ CAP Fact Sheet at August 2009
  10. ^ Air Force Posture Statement.pdf Department of the Air Force presentation to the House Armed Services Committee United States House of Representatives Fiscal Year 2010 Air Force Posture Statement
  11. ^ a b DEPARTMENT OF THE AIR FORCE
  12. ^ a b c d Collegamenti esterni in punto:
  13. ^ a b Air Force History Support Office: Air Force Chiefs of Staff. (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2011).
  14. ^ Air Force Print News, (2006). Force shaping necessary for AF budgetary management. 8 giugno 2006.
  15. ^ Collegamenti esterni in punto:
  16. ^ 10 USC 8062
  17. ^
    Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cyberspazio.
  18. ^ Air Force Link, (2008). [1]. URL consultato il 21 settembre 2008.
  19. ^ Airborne Laser
  20. ^ National Search and Rescue Plan (USA) 2007
  21. ^ U. S. Coast Guard Office of Search and Rescue (CG-534)
  22. ^ U.S. Air National Guard Struggles With Fighter Gap
  23. ^ "Allarme di spazio aereo"
  24. ^ Air Force Chief Calls for Collaboration Between Guard, Active Duty
  25. ^ Questions On U.S. Air Sovereignty Mission
  26. ^ Air Force urged to consider Navy F-18s
  27. ^ ANG chief discusses air sovereignty missions with Congress
  28. ^ GAO homepage
  29. ^ a b GAO-09-612T Homeland Defense: Actions Needed to Address Management of Air Sovereignty Alert Operations to Protect U.S. Airspace
  30. ^ Air Force Doctrine Document 2-3
  31. ^ AF Mulls COIN Wing, New Planes
  32. ^ Defense Acquisitions: Strategic Airlift Gap Has Been Addressed, but Tactical Airlift Plans Are Evolving as Key Issues Have Not Been Resolved
  33. ^ U.S. Intelligence Community (ottobre 2004). National Security Act of 1947. URL consultato il 14 aprile 2006.
  34. ^ Collegamenti esterni in punto:
  35. ^ Collegamenti esterni in punto:
  36. ^ U.S. Department of State(2006). [2]. URL consultato il 14 aprile 2006.
  37. ^ Philip Short: "Mao: l'uomo - il rivoluzionario - il tiranno". Ed. RCS Libri S.p.A. - Milano - 1999
  38. ^ Karnow 1985, pp. 252-254
  39. ^ Karnow 1985, p. 252
  40. ^ Karnow 1985, pp. 255-257
  41. ^ Karnow 1985, pp. 257-258
  42. ^ Karnow 1985, p. 257
  43. ^ Karnow 1985, pp. 262-263
  44. ^ Karnow 1985, pp. 265-266
  45. ^ Fin dal 24 luglio 1965, quattro F-4C Phantom di scorta a un'incursione di bombardamento a Kang Chi vennero fatti bersaglio di missili antiaerei forniti dall'URSS. Fu il primo attacco di questo tipo contro aeroplani statunitensi nel corso della guerra. Un aereo venne abbattuto e gli altri tre furono danneggiati; in: Montanelli, Cervi 1983, p. 207
  46. ^ Kissinger1980, pp. 1041-1057. Kissinger nelle sue memorie non ammette questo punto e sottolinea come ottenere il ritiro nordvietnamita era praticamente impossibile.
  47. ^ Karnow 1985, pp. 449-450
  48. ^ Karnow 1985, pp. 450-451
  49. ^ Karnow 1985, pp. 452-454
  50. ^ Karnow 1985, pp. 454-455
  51. ^ Karnow 1985, pp. 455-456; AA.VV. 1988, pp. 513-520
  52. ^ a b Needed: 200 New Aircraft a Year, Air Force Magazine, ottobre 2008.
  53. ^ 2008 USAF Almanac: People (PDF), AIR FORCE Magazine. 1991: 510,000; 2007: 328,600
  54. ^ Scarce Flying Hours
  55. ^ Deputy Chief of Staff ARMY G-1 - Home Page
  56. ^ (Letteralmente: "valutazioni del tempo (cronologico) degli aviatori") Airmen's time tour makes follow-up visits
  57. ^ Michael W. Wynne - SourceWatch
  58. ^ Biographies : GENERAL T. MICHAEL MOSELEY
  59. ^ "Washington watch", AIR FORCE Magazine, luglio 2008, Vol. 91 No. 7, pp. 8.
  60. ^ a b c Official Website
  61. ^ Chavanne, Bettina H. "USAF Creates Global Strike Command". Aviation Week, 24 ottobre 2008.
  62. ^ Plan reshapes U.S. air power
  63. ^ Unmanned Aircraft Systems Flight Plan. 2009-2047
  64. ^ UAV Flight Plan - Defense News
  65. ^ Unmanned aircraft take on increased importance
  66. ^ Future U.S. Defense Needs in a High Technology Present - Up Front Blog - Brookings Institution
  67. ^ "Air Force Pamphlet 36-2241". USAF, 1 luglio 2007.
  68. ^ Heimdahl, William C., and Hurley, Alfred F. (1997). "The Roots of U.S. Military Aviation," Winged Shield, Winged Sword: A History of the United States Air Force Vol. I. ISBN 0-16-049009-X
  69. ^ Collegamenti esterni in punto:
  70. ^ Collegamenti esterni in punto:
  71. ^ La fonte principale di informazioni in proposito è la "United States Air Force Supervisory Examination Study Guide (2005)"
  72. ^ U.S. PRESIDENT’S COMMITTEE FOR HUNGARIAN REFUGEE RELIEF
  73. ^ Collegamenti esterni in punto:
  74. ^ "Operation New Life". GlobalSecurity.org.
  75. ^ Collegamenti esterni in punto:
  76. ^ "Chapter 2: Operational Forces". Department of the Army Historical Summary: Fiscal Year 1975. Washington, D.C.: Center of Military History, United States Army. 2000. URL consultato il 9 maggio 2007
  77. ^ "Operation Provide Comfort II". Global Security.org. URL consultato il 10 ottobre 2008
  78. ^ Collegamenti esterni in punto:
  79. ^ Fact sheet: Operation Provide Hope - aid to former Soviet republics | US Department of State Dispatch | Find Articles at BNET.com
  80. ^ Collegamenti esterni in punto:
  81. ^ OPERATION UNIFIED RESPONSE – USSOUTHCOM’s relief effort in Haiti
  82. ^ a b Collegamenti esterni in punto:
  83. ^ Airman Magazine 2009 The Book pp. 17-19
  84. ^ Collegamenti esterni in punto:
  85. ^ Types of USAF Organizations :: The Patriot Files :: Dedicated to the preservation of military history
  86. ^ MAJCOM DESCRIPTIONS (RAND Corporation)
  87. ^ a b Air Force Reserve Command Website
  88. ^ Air Force Historical Research Agency
  89. ^ Langley Air Force Base
  90. ^ Fort Eustis homepage
  91. ^ First Air Force Factsheet
  92. ^ Tyndall Air Force Base Homepage
  93. ^ Collegamenti esterni in punto:
  94. ^ Collegamenti esterni in punto:
  95. ^ Collegamenti esterni in punto:
  96. ^ U.S. Air Force Warfare Center Fact Sheet
  97. ^ a b AETC Fact Sheets
  98. ^ a b Randolph AFB Home Page
  99. ^ AirNav airport information for KBIX
  100. ^ Official factsheet
  101. ^ Air Force Recruiting Service - Home
  102. ^ Air University home page
  103. ^ Maxwell-Gunter AFB FamCamp Information
  104. ^ Wilford Hall Medical Center - Home
  105. ^ a b Lackland AFB official site
  106. ^ USAF Fact Sheets: Eighth Air Force History
  107. ^ Twentieth Air Force Factsheet
  108. ^ * F.E. Warren Air Force Base at GlobalSecurity.org
  109. ^ a b Wright-Patterson AFB at GlobalSecurity.org
  110. ^ Aeronautical Systems Center Home Page
  111. ^ Air Force Flight Test Center Fact Sheet
  112. ^ Global support center officially stands up March 28
  113. ^ a b Official website
  114. ^ Nuclear Weapons Center Fact Sheet
  115. ^ Kirtland Air Force Base website
  116. ^ Air Force Security Assistance Center
  117. ^ Air Armament Center Fact Sheet
  118. ^ USJFCOM JFIIT
  119. ^ City of Fort Walton Beach
  120. ^ Arnold Engineering Development Center (official)
  121. ^ Arnold Air Force Base, official site
  122. ^ Manchester, Tennessee Official Website
  123. ^ Electronic Systems Center
  124. ^ Official Hanscom Air Force Base website
  125. ^ AirNav airport information for KWRB
  126. ^ Fourth Air Force Factheet
  127. ^ Historical Society of Southern California
  128. ^ Tenth Air Force Factsheet
  129. ^ NAS JRB Fort Worth at GlobalSecurity.org
  130. ^ 22nd Air Force - Home
  131. ^ AirNav airport information for KMGE
  132. ^ Air Reserve Personnel Center - Home
  133. ^ a b c d e Hurlburt Field (official site)
  134. ^ Air Force Space Command History and Heritage
  135. ^ Peterson Air Force Base
  136. ^ Fourteenth Air Force official website
  137. ^ City of Lompoc
  138. ^ 24th Air Force Website
  139. ^ a b Los Angeles Air Force Base (Official)
  140. ^ City of El Segundo website
  141. ^ Air Force Space Command Fact Sheet
  142. ^ Schriever Air Force Base website
  143. ^ Air Force Special Operations Command Home Page—Official AFSOC public site
  144. ^ Twenty-third Air Force USAF Factsheet
  145. ^ Factsheets : Air Force Special Operations Training Center
  146. ^ Air Mobility Command home page
  147. ^ 18th Air Force - Home
  148. ^ United States Air Force Expeditionary Center
  149. ^ Joint Base McGuire-Dix-Lakehurst (JB MDL) official website
  150. ^ Official USAF Website For Ramstein AB
  151. ^ Third Air Force Factsheet
  152. ^ 17th Air Force - Home
  153. ^ Pacific Air Forces (official site)
  154. ^ a b Hickam AFB Installation Overview
  155. ^ Fifth Air Force Factsheet
  156. ^ Official website
  157. ^ Seventh Air Force Homepage
  158. ^ Osan Air Base, official website
  159. ^ Eleventh Air Force Factsheet
  160. ^ Elmendorf Air Force Base official site
  161. ^ Thirteenth Air Force Factsheet
  162. ^ 2007 USAF Almanac: Major Commands (PDF), AIR FORCE Magazine. URL consultato il 9 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2008).
  163. ^ L'immagine a margine del testo riproduce due A-10 dell'USAF, di cui uno dotato di uno speciale camuffamento mimetico invernale, durante un'esercitazione svoltasi sui cieli dell'Alaska nel 1982 (Cool Snow Hog).
  164. ^ In particolare:
    • 18th Aggressor Squadron
    • 64th Aggressor Squadron
    • 65th Aggressor Squadron
  165. ^ 960th Airborne Air Control Squadron
  166. ^ 337th Airlift Squadron
  167. ^ In particolare:
    • 11th Bomb Squadron
    • 20th Bomb Squadron
    • 23d Bomb Squadron
    • 69th Bomb Squadron
    • 93d Bomb Squadron
    • 96th Bomb Squadron
    • 110th Bomb Squadron
    • 343d Bomb Squadron
    • 393d Bomb Squadron
  168. ^ In particolare:
    • 4th Fighter Squadron
    • 7th Fighter Squadron
    • 8th Fighter Squadron
    • 13th Fighter Squadron
    • 14th Fighter Squadron
    • 21st Fighter Squadron
    • 27th Fighter Squadron
    • 35th Fighter Squadron
    • 36th Fighter Squadron
    • 44th Fighter Squadron
    • 55th Fighter Squadron
    • 56th Fighter Squadron
    • 61st Fighter Squadron
    • 4th Fighter Squadron
    • 62d Fighter Squadron
    • 63d Fighter Squadron
    • 67th Fighter Squadron
    • 77th Fighter Squadron
    • 79th Fighter Squadron
    • 80th Fighter Squadron
    • 81st Fighter Squadron
    • 93d Fighter Squadron
    • 94th Fighter Squadron
    • 100th Fighter Squadron
    • 112th Fighter Squadron
    • 114th Fighter Squadron
    • 119th Fighter Squadron
    • 120th Fighter Squadron
    • 121st Fighter Squadron
    • 122d Fighter Squadron
    • 123d Fighter Squadron
    • 124th Fighter Squadron
    • 125th Fighter Squadron
    • 131st Fighter Squadron
    • 124th Fighter Squadron
    • 125th Fighter Squadron
    • 131st Fighter Squadron
    • 134th Fighter Squadron
    • 148th Fighter Squadron
    • 148th Fighter Squadron
    • 157th Fighter Squadron
    • 159th Fighter Squadron
    • 162d Fighter Squadron
    • 170th Fighter Squadron
    • 175th Fighter Squadron
    • 176th Fighter Squadron
    • 179th Fighter Squadron
    • 182d Fighter Squadron
    • 186th Fighter Squadron
    • 188th Fighter Squadron
    • 194th Fighter Squadron
    • 195th Fighter Squadron
    • 307th Fighter Squadron
    • 308th Fighter Squadron
    • 309th Fighter Squadron
    • 310th Fighter Squadron
    • 333d Fighter Squadron
    • 334th Fighter Squadron
    • 335th Fighter Squadron
    • 336th Fighter Squadron
    • 389th Fighter Squadron
    • 390th Fighter Squadron
    • 391st Fighter Squadron
    • 421st Fighter Squadron
    • 425th Fighter Squadron
    • 428th Fighter Squadron
    • 457th Fighter Squadron
    • 466th Fighter Squadron
    • 480th Fighter Squadron
    • 492d Fighter Squadron
    • 493d Fighter Squadron
    • 494th Fighter Squadron
    • 510th Fighter Squadron
    • 555th Fighter Squadron
  169. ^ 40th Fighter Squadron
  170. ^ In particolare:
    • 1st Reconnaissance Squadron
    • 12th Reconnaissance Squadron
    • 13th Reconnaissance Squadron
    • 99th Reconnaissance Squadron
  171. ^ In particolare:
    • 4th Special Operations Squadron
    • 19th Special Operations Squadron
    • 16th Special Operations Squadron
    • 551st Special Operations Squadron
  172. ^ In particolare:
    • 31st Test and Evaluation Squadron
    • 85th Test and Evaluation Squadron
    • 422d Test and Evaluation Squadron
  173. ^ 17th Weapons Squadron
  174. ^ World-Wide Military Command and Control System (WWMCCS), Department of Defense Directive 5100.30. pubblicato dal Deputy Secretary of Defense David Packard il 2 dicembre 1971.
  175. ^ a b Unified Command Plan Department of Defense
  176. ^ Department of Military Strategy, Planning, and Operations U.S. Army College, Campaign Planning Handbook
  177. ^ Air Force Space Command
  178. ^ Air Force Special Operations Command
  179. ^ Pacific Air Forces
  180. ^ United States Air Forces in Europe
  181. ^ Air Mobility Command
  182. ^ USTRANSCOM
  183. ^ "Air Expeditionary Force, Air and Space Expeditionary Task Force (ASETF)". Military Analysis Network. Federation of American Scientists. URL consultato il 17 maggio 2007.
  184. ^ AFDD 2 Operations and Organization
  185. ^ Staff sull'Encyclopædia Britannica Eleventh Edition
  186. ^ Joint Force Commander?
  187. ^ Commander Air Force Forces (COMAFFOR) - Commander of Air Force Forces
  188. ^ The Command and Control Research Program (CCRP)
  189. ^ Joint Forces Air Component Commander
  190. ^ Prospetto sintetico del personale USAF secondo l'Air Force Specialty Code
  191. ^ AFI 36-2101, Classifying Military Personnel (Officer and Enlisted) (PDF)
  192. ^ a b c Official Air Force Security Forces website
  193. ^ Addetto alla ricerca e salvataggio in zone di combattimento ("COMBAT RESCUE OFFICER CAREER FIELD EDUCATION AND TRAINING PLAN"
  194. ^ a b Addetto al soccorso sanitario in zona di combattimento, al fianco di forze d'elite ("Pararescue Factsheet". Air Force Link. United States Air Force. ottobre 2007. URL consultato il 7 dicembre 2008
  195. ^ Combat Control and STO
  196. ^ Air Force Link Factsheet: Special Operations Weather Team
  197. ^ Special Operations (USAF TACP)
  198. ^ Official website
  199. ^ About Special Operations
  200. ^ Corso addestramento reclute
  201. ^ 3M0X1 - SERVICES
  202. ^ 3E8X1 - EXPLOSIVE ORDNANCE DISPOSAL
  203. ^ United States Air Force Ranks, lowest to highest
  204. ^ L'espressione warrant officer non ha un equivalente nella lingua italiana, benché taluni dizionari "generalisti", quale ad esempio il Nuovo dizionario italiano-inglese-italiano della De Agostini (ad vocem, pag. 629) riportino, a nostro avviso erroneamente, la traduzione "sergente maggiore"; vedasi infra, nel testo principale.
  205. ^ Department of Defense Rank Insignias - Officers Rank
  206. ^ a b Warrant Officer Programs of Other Services, United States Army Warrant Officer Association. URL consultato il 18 marzo 2007.
  207. ^ Codifica AFSC
  208. ^ Is it Time for Air Force Warrant Officers?
  209. ^ Warrant Officers of the US Military, Militaryranks.us, 16 novembre 2006. URL consultato il 30 agosto 2010.
  210. ^ Bobby Frank Barrow.
  211. ^ Petty Officer Third Class
  212. ^ The Short History of the Specialist Rank by Daniel K. Elder, CSM (Ret), USA
  213. ^ CAP6S2LL16.5Handout 1 26-11 AIRMAN LEADERSHIP SCHOOL Handout 1
  214. ^ Operation Uniform Delta highlights heritage
  215. ^ Getting the Blues, by Tech. Sgt. Pat McKenna, Air Force Link. URL consultato il 24 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2007).
  216. ^ Tratteremo infra dell'uniforme da servizio e combattimento, ossia tattica.
  217. ^ Sport jacket - AskMen.com
  218. ^ Color shades of service dress uniforms
  219. ^ Federal Register | Procurement List Additions
  220. ^ Men's Tropical Air Force Blue (Shade 1620) Poly/Wool Serge Coats
  221. ^ USAF Honor Guard Home Page
  222. ^ Hap Arnold Device Armed Forces Insignia - Tie Clasps and Cuff Links
  223. ^ Sgt. Zachary Sarver leads his platoon as they conduct a route
  224. ^ ABU Information
  225. ^ FAS page with descriptions and pictures of all BDU camouflage patterns
  226. ^ Air Force Uniform Website (Archive) - Air Force Enlisted Forums
  227. ^ Uniform phase-out date set for Nov. 1 (Air Force Special Operations Command)
  228. ^ Air Force Instruction 36-2903: Dress and Personal Appearance of Air Force Personnel
  229. ^ 3E7X1 - FIRE PROTECTION
  230. ^ "Officials Bring Back Missile Badges, Wings.", Air Force Space Command Public Affairs
  231. ^ Official website
  232. ^ Air Force OTS Portal
  233. ^ "Academy of Military Science moving to Maxwell"
  234. ^ AFROTC HQ official website
  235. ^ Welcome to Officer Training School Homepage
  236. ^ Air Force Instruction 10-248, Air Force Fitness Program
  237. ^ United States Military Aircraft Designations
  238. ^ Nella titolazione dei paragrafi abbiamo preferito lasciare invariate le denominazioni inglesi, anche per conservare la coerenza delle iniziali utilizzate nello standard USA (ad esempio, "F" per fighter, aereo da caccia).
  239. ^ Si veda la dottrina in punto:
  240. ^ hurlburt field, - Google Maps, Maps.google.com, 1º gennaio 1970. URL consultato il 30 agosto 2010.
  241. ^ GAO: April 2007: Tactical Aircraft: DOD Needs a Joint and Integrated Investment Strategy, Gao.gov. URL consultato il 30 agosto 2010.
  242. ^ Exfiltration (USMilitary.about.com)
  243. ^ a b Answers.com - What is the difference between reconnaissance and surveillance?
  244. ^ Defense.gov News Release: ROVING SANDS, JOINT AIR AND MISSILE DEFENSE EXERCISE SET FOR MID-JUNE
  245. ^ Photos: Airtech CN-235 Aircraft Pictures, Airliners.net, 23 dicembre 2004. URL consultato il 30 agosto 2010.
  246. ^ Air Force Culture and Conventional Strategic Airpower, Stormingmedia.us. URL consultato il 30 agosto 2010.
  247. ^ Julian E. Barnes e Peter Spiegel, A different type of Air Force leader, Articles.latimes.com, 10 giugno 2008. URL consultato il 30 agosto 2010.
  248. ^ Post Store, Combat Generation: Drone operators climb on winds of change in the Air Force, Washingtonpost.com, 27 febbraio 2010. URL consultato il 30 agosto 2010.
  249. ^ The US Air Force and Irregular Warfare: Success as a Hurdle.
    Con l'espressione "rivolta al futuro" si è cercata una perifrasi in grado di rendere in italiano il senso dell'aggettivo inglese progressive.
  250. ^ Understanding Airmen: A primer for soldiers (PDF). URL consultato il 30 agosto 2010.
  251. ^ Rispettivamente, in inglese ed in latino, "Nessuno si accosta" e "Dal sommo dei cieli".
  252. ^ "Do Something Amazing" web site, Dosomethingamazing.com. URL consultato il 30 agosto 2010.
  253. ^ "Air Force rolls out new advertising campaign", Airforcetimes.com, 2 marzo 2008.
  254. ^ Aim High ... Fly-Fight-Win. URL consultato il 1º novembre 2010.
  255. ^ US Air Force Mottos. Military-quotes.com. URL consultato il 4 giugno 2006.
  256. ^ Our Mission - Learn About The U.S. Air Force. AirForce.com.
  257. ^ General T. Michael Moseley, Chief of Staff of the Air Force, CSAF presents Airman's Creed, SeymourJohnson.af.mil, 2007. URL consultato il 9 novembre 2007.
  258. ^ "'Setting the Conditions for Victory' video premieres online". USAF, 3 ottobre 2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Air University (U.S.). Press, United States. Dept. of the Air Force, Air & space power journal, DIANE Publishing, ISSN 0897-0823
  • John M. Collins, Special Operations Forces: An Assessment, DIANE Publishing, 1994, ISBN 0-7881-1361-5, 9780788113611
  • William P. Head, Plotting a true course: reflections on USAF strategic attack theory and doctrine: the post-World War II experience, Greenwood Publishing Group, 2003, ISBN 0-275-97717-X, 9780275977177
  • Michael E. Haas, Apollo's Warriors: United States Air Force Special Operations During the Cold War, DIANE Publishing, 1998, ISBN 0-7881-4983-0, 9780788149832
  • Jacob Neufeld, Jr George M Watson, AIR FORCE HISTORICAL STUDIES OFFICE BOLLING AFB DC, David Chenoweth, Technology and the Air Force: A Retrospective Assessment, DIANE Publishing, ISBN 1-4289-1358-0, 9781428913585
  • Air Force Historical Foundation, Air power history, Volumi 52-53, Air Force Historical Foundation, 2005
  • Jacob Neufeld, Jr. George M. Watson, Coalition Air Warfare in the Korean War, 1950-1953: Proceedings, Air Force Historical Foundation Symposium, Andrews AFB, Maryland, 7-8 maggio 2002, Government Printing Office, 2007
  • Janet R. Daly Bednarek, The Enlisted Experience: A Conversation With the Chief Master Sergeants of the Air Force, DIANE Publishing, 1995, ISBN 0-7881-2824-8, 9780788128240
  • Robert Frank Futrell, Ideas, Concepts, Doctrine: Basic Thinking in the United States Air Force 1907-1960, DIANE Publishing, 1989, ISBN 1-58566-029-9, 9781585660292
  • J. D. Hunley, The development of propulsion technology for U.S. space-launch vehicles, 1926-1991, Texas A&M University Press, 2007, ISBN 1-58544-588-6, 9781585445882
  • Philippe Jung, International Academy of Astronautics, American Astronautical Society, History of rocketry and astronautics: proceedings of the Twenty-seventh History Symposium of the International Academy of Astronautics : Graz, Austria, 1993, Published for the American Astronautical Society by Univelt, 1998, ISBN 0-87703-444-3, 9780877034445
  • Stanley Karnow, Storia della guerra del Vietnam, Milano, Rizzoli, 1985, ISBN 88-17-33463-4.
  • Henry Kissinger, Gli anni della Casa Bianca, Como, SugarCo, 1980, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 11 luglio 2011vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue