Lockheed S-3 Viking

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lockheed S-3 Viking
Un S-3B Viking appartenente al VS-31 "Topcats" dell'US Navy, in volo.
Un S-3B Viking appartenente al VS-31 "Topcats" dell'US Navy, in volo.
Descrizione
Tipo aereo ASW
imbarcato
Equipaggio 2 piloti
2 operatori
Costruttore Stati Uniti Lockheed
Data primo volo 21 gennaio 1972
Data entrata in servizio 1974
Data ritiro dal servizio 2009
Utilizzatore principale Stati Uniti US Navy
Altri utilizzatori Stati Uniti NASA
Esemplari 187
Costo unitario 27 milioni US$ (1974)
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 16,26 m (53 ft 4 in)
Apertura alare 20,93 m (68 ft 8 in)
Altezza 6,93 m (22 ft 9 in)
Superficie alare 55,55 (598 ft²)
Peso a vuoto 12 057 kg (26 581 lb)
Peso carico 17 324 kg (38 192 lb)
Peso max al decollo 23 831 kg (52 539 lb)
Capacità combustibile 7 320 L (1 933 US gal)
Propulsione
Motore 2 turboventola
General Electric
TF34-GE-2
Spinta 41,26 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 0,79 Ma
(828 km/h in quota)
Velocità di salita 26,0 m/s
Autonomia 5 121 km
Tangenza 12 465 m
Armamento
Bombe caduta libera:
10 Mk 82 da 500 lb
2 Mk 83 da 1000 lb
2 Mk 84 da 2000 lb
a grappolo:
6 CBU-100
nucleari:
2 B57
Missili aria superficie:
2 AGM-65 Maverick
2 AGM-84 Harpoon
siluri:
4 Mk 46
2 Mk 50
Piloni 2 sub-alari
4 in stive interne
Note dati relativi alla versione:
S-3A

i dati sono tratti da:
Standard Aircraft Characteristics[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
Rappresentazione grafica di un S-3A Viking del VS-21 della U.S. Navy.
Un S-3 rifornisce in volo un altro aereo

Il Lockheed S-3 Viking è un bimotore a getto quadriposto da pattugliamento marittimo prodotto dalla Lockheed Corporation all'inizio degli anni settanta. Impiegato inizialmente dalla United States Navy come aereo imbarcato su portaerei specializzato nella lotta antisommergibile, verso la fine degli anni novanta, nella sua versione S3-B, cambio profilo di missione, venendo utilizzato principalmente nel ruolo antinave e aereo per il rifornimento in volo. Il Viking forniva anche una capacità di guerra elettronica e ricognizione ai gruppi di battaglia che lo avevano in dotazione. Per il suono caratteristico dei motori, viene soprannominato dai suoi equipaggi "hoover", come la famosa marca di aspirapolvere.

Gli S-3 sono stati ritirati dalla U.S. Navy dall'impiego operativo di prima linea nel gennaio 2009, sostituiti nel ruolo da altri tipi di piattaforme, quali P-3C Orion, SH-60 Seahawk e l'F/A-18E/F Super Hornet. Alcuni esemplari continuano a volare con lo Air Test and Evaluation Squadron THREE ZERO (VX-30) presso la NAS Point Mugu in California per la sorveglianza del poligono[2] e un singolo esemplare è utilizzato dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) presso il Glenn Research Center.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

A metà degli anni 60' la US Navy decise di sostituire i Grumman S-2 Tracker come aereo anti-sommergibile imbarcato nelle portaerei. Nel mese di agosto del 1968 un team guidato da Lockheed e Convair/Grumman[3] iniziò a sviluppare un aeromobile con queste caratteristiche. Lockheed avendo poca esperienza nel settore incaricò la Ling-Temco-Vought di sviluppare le ali pieghevoli, le gondole del motore e il carrello d'atterraggio. Il 4 agosto 1969 il progetto della Lockheed vinse il concorso[4] e furono ordinati otto prototipi ( serie YS-3A). Il primo prototipo volò il 21 gennaio 1972[5] e il Lockheed S-3 entrò in servizio nel 1974. Durante il periodo di produzione furono costruiti 186 S-3A. La maggior parte di questi è stata aggiornata alla versione S-3B e 16 aerei convertiti in ES-3A Shadow per svolgere missioni ELINT

ES-3A Shadow[modifica | modifica sorgente]

Il Lockheed ES-3A Shadow è un aereo subsonico progettato per sorveglianza elettronica (ELINT). Rispetto al S-3 sono state aggiunge numerose antenne. Lo Shadow ha sostituito il EA-3B Skywarrior.

ES-3A In volo.

Il ES-3A ha una dotazione completa di sensori elettronici e di comunicazione che vanno a sostituire quelli anti-sommergibile. Queste modifiche hanno portato ad un riduzione della sue velocità massima che passa da 450 a 405 nodi ma non ha avuto impatto sui consumi di carburante o sull'autonomia.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il Lockheed S-3 è un aereo convenzionale ad ala alta a sbalzo con angolo di 15°. I due TF-34GE montati in gondole sotto le ali assicurano un'ottima accelerazione e un lungo raggio di azione.

Il velivolo può trasportare 4 membri dell'equipaggio, il pilota e il copilota come coordinatore tattico (COTAC) nella parte anteriore della cabina e il coordinatore tattico (TACCO) e l'operatore dei sensori (SENSO) nella parte posteriore. Il ruolo anti-sommergibile del velivolo finì nel 1990 e l'operatore dei sensori venne rimosso dall'equipaggio di volo. Tutte le superfici di controllo dell'aereo sono controllate da doppi sistemi idraulici e in caso di avaria possono essere controllati manualmente tramite il Emergency Flight Control System che però aumenta notevolmente lo sforzo dei piloti sulla barra di comando in quanto i comandi di volo non sono più mossi idraulicamente ma manualmente[6]. A differenza di altri aerei simili gli S-3 hanno a disposizione una unità ausiliaria di potenza ( in gergo tecnico, APU) che provvede ad alimentare i sistemi elettrici ed idraulici anche quando non c'è sopporto a terra per avviare i motori e l'impianto di climatizzazione. Tutti i membri dell'equipaggio sono seduti su seggiolini eiettabili con una partenza ritardata di 0.5 secondi dei sedili anteriori rispetto a quelli posteriori per consentire una separazione sicura.

Al momento dell'entrata in linea, l'S-3 introdusse un livello di integrazione tra i sistemi senza precedenti tra gli aerei anti-som. Infatti, il P-3 Orion e il Grumman S-2 Tracker avevano un strumentazione separata per ogni sistema e per ciascuno dei sensori. Inoltre, gli operatori erano spesso costretti ad annotare i dati su fogli di carta a scorrimento. Invece, nell'S-3 tutti i sistemi e i sensori erano raccolti in un unico display per ogni operatore e l'equipaggio poteva controllare anche vari sistemi contemporaneamente.

L'aereo ha due punti di attacco subalare che possono essere utilizzati per trasportare serbatoi di carburante,bombe a grappolo,missili o razzi. Ha anche 4 posti nelle stive interne per trasportare bombe,siluri e armi nucleari ( B57 e B61). Per la difesa attiva e passiva l'S-3 è dotato di una sistema di contromisure (ALE-39) e può trasportare fino a 90 cicli di chaff e flares. In coda è installato un rilevatore di anomalie magnetiche retrattile (MAD). Quando nel 1990 l'S-3 finì la vita operativa come aereo anti-sommergibile il MAD venne rimosso assieme a diverse centinaia di chili di elettronica.

Vita Operativa[modifica | modifica sorgente]

S-3[modifica | modifica sorgente]

Il 20 febbraio 1974, l'S-3A è diventato ufficialmente operativo con l'Air Antisubmarine Squadron FORTY-ONE alla NAS North Island, California. I primi S-3 imbarcati vennero imbarcati nel 1975 sulla portaerei USS Jonh F. Kennedy con la VS-21 "Fighting Redtails". A partire dal 1987 alcuni S-3A sono stati aggiornati alla versione S-3B con l'aggiunta di nuovi sensori,avionica e sistemi d'arma, tra cui la possibilità di lanciare missili anti-nave AGM-84 Harpoon. La versione S-3B poteva essere dotata di serbatoi esterni per permettere all'Es-3 di rifornire altri aerei. Nel 1988 la VS-30 è stata la prima squadriglia a ricevere la nuova versione del Viking. 16 S-3A invece, sono stati convertiti in ES-3A Shadow. Altri 6 aerei sono stati convertiti in US-3A per il carico COD[7] (trasporto di posta,pezzi di ricambio,personale,etc da e verso navi militari).

Con il crollo dell'Unione Sovietica e la rottura del Patto di Varsavia la minaccia di un attacco sottomarino sovietico-russo precipitò considerevolmente e a molti S-3 venne tolta la parte elettronica per la lotta anti-sommergibile. Le missioni del velivolo successivamente diventarono di ricerca in superficie,attacco al suolo e rifornimento aereo. Per questo, l'equipaggio diventò di due membri, il pilota e il copilota.

Prima della fine della vita operativa gli S-3 subirono un aggiornamento per l'uso a bordo delle portaerei con l'installazione del CAINS II (Carrier Airborne Inertial Navigation System II) che ha sostituito il vecchio sistema composto da giroscopi laser, di ulteriori GPS, del sistema Maverick (MPS),la possibilità di lanciare bomba a guida laser o AGM-65F

L'S-3B ha partecipato alla Guerra del Golfo, alle Guerre Jugoslave e all'operazione Enduring Freedom

ES-3A Shadow[modifica | modifica sorgente]

Il primo ES-3A Shadow venne consegnato nel 1991 entrando in servizio dopo due anni di test. L'ES-3A Shadow operò principalmente sulle portaerei offrendo supporto per i comandanti di gruppo e di teatro congiunto. Oltre al ruolo di ricognizione sono stati largamente utilizzati come aero-rifornitori. Nel 1999 entrambi gli squadroni e tutti i 16 aeromobili vennero dismessi dall'inventario.

Pensionamento[modifica | modifica sorgente]

L'ultimo aereo è stato dismesso il 29 gennaio 2009 presso la VS-22 Squadriglia[8]. Nel Giugno del 2010 il primo dei tre aerei per pattugliare il Pacific Missile Test Center venne consegnato con qualche aggiornamento come un radar moderno,un LANTIRN e un'autonomia di ben 10 ore.

Sviluppi Futuri[modifica | modifica sorgente]

La Corea del Sud ha manifestato la volontà di acquistare fino a 18 S-3 per ampliare la propria flotta di 16 P-3 Orion[9]. L'aereo avrebbe il vantaggio di poter essere utilizzato anche da una futura portaerei sud-coreana. Se la Sud-Korea acquistasse gli S-3 sarebbe il primo partner straniero per il velivolo. Nell'aprile del 2014 la Lockheed Martin ha annunciato che sarebbe disponibile a rigenerare 35 S-3 per sostituire i Grumman C-2A ormai troppo vecchi. La nuova versione si dovrebbe chiamare semplicemente C-3[10].

Teatri Operativi[modifica | modifica sorgente]

Guerra in Iraq[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo del 2003 durante l'Operazione Iraq Freedom un S-3B pilotato da Richard McGrath Jr decollato dalla portaerei USS Constellation sparò un missile a guida laser Maverick neutralizzando un importante bersaglio navale nella citta di Bassora. Questa è una delle poche volte in cui un S-3B è stato impiagato in un'offensiva. La prima volta di un S-3 impiegato in combattimento fu durante l'Operazione Desert Storm, quando un aereo della VS-24, decollato dalla USS Theodore Roosevelt (CVN-71) attaccò un sito iracheno con un missile Silikworm.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • S-3A Prima versione, 187 aerei costruiti
  • S-3B Serie con avionica aggiornata, radar AN-APS-137, possibilità di lancio di AGM-84 Harpoon. Primo volo il 13 settembre 1984. Furono convertiti 119 S-3A
  • ES-3A Shadow Serie con capacità ELINT. Primo volo il 15 maggio 1991. Furono convertiti 16 S-3A
  • US-3A S-3A modificato per trasporto COD

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Militari[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Governativi[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Standard Aircraft Characteristics. Navy Model S-3A Aircraft, Navair 00-110AS3-1.
  2. ^ S-3B Viking re-enters USN service in test range surveillance role
  3. ^ Francillon 1982, pp. 455–456..
  4. ^ Francillon 1982, p.457..
  5. ^ https://en.wikipedia.org/wiki/Lockheed_S-3_Viking#CITEREFGodfrey1974.
  6. ^ Taylor 1976, pp. 315–316..
  7. ^ http://www.vectorsite.net/avs3.html#m2.
  8. ^ http://www.lockheedmartin.com/news/press_releases/2009/090130ae_s3b-viking-retirement.html.
  9. ^ http://www.defensenews.com/article/20131026/DEFREG03/310260005/S-Korea-Envisions-Light-Aircraft-Carrier.
  10. ^ http://www.defensenews.com/article/20140409/DEFREG02/304090028/Lockheed.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Winchester, Jim, ed. Military Aircraft of the Cold War (The Aviation Factfile). London: Grange Books plc, 2006. ISBN 1-84013-929-3.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]