Lockheed Martin RQ-170 Sentinel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lockheed Martin RQ-170 Sentinel
RQ-170 Wiki contributor 3Dartist.png
Descrizione
Tipo APR da ricognizione
Costruttore Stati Uniti Lockheed Martin
Data entrata in servizio 2007
Utilizzatore principale Stati Uniti United States Army
Tavole prospettiche
Propulsione
Motore un turboventola Garrett TFE731 o General Electric TF34[1]

i dati sono estratti da Daily Telegraph[2] integrati dove indicato

voci di aeromobili a pilotaggio remoto presenti su Wikipedia

Il Lockheed Martin RQ-170 Sentinel è un aeromobile a pilotaggio remoto (APR) da ricognizione sviluppato dall'azienda statunitense Lockheed Martin negli anni duemila ed impiegato dall'United States Air Force (USAF), l'aeronautica militare statunitense, e dalla Central Intelligence Agency (CIA).

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

È stato utilizzato nell'operazione Operation Enduring Freedom in Afghanistan, come aereo da ricognizione.

Secondo alcuni giornalisti, la sua fusoliera ricorda molto altri modelli della Lockheed, come il Polecat e l'RQ-3.[3][4]

Si suppone che la sua ala volante possa contenere sensori, alloggiati nella parte superiore dell'ala. Di questo velivolo, ben pochi dettagli sono noti, ma si stima che la sua apertura alare sia di tra i 20 e i 27 metri, a seconda delle diverse fonti.[5][6]

La sigla "RQ" introdotta nel nome di questo velivolo, RQ-170 Sentinel, indica che non trasporta alcun armamento.[7]

Dovrebbe andare a sostituire il Lockheed U-2.

Operatività[modifica | modifica sorgente]

Nel corso dell'anno 2011, il New York Times ha pubblicato diverse volte la notizia che l'RQ-170S era presente in Iran per spiare i programmi missilistici e nucleari del paese. Il 4 dicembre 2011, la Fars News Agency ha riportato che uno di questi velivoli è stato abbattuto dopo aver violato lo spazio aereo iraniano. Il Pentagono da parte sua ha inizialmente dichiarato di aver perso il controllo di un UAV durante "una missione di volo su Afghanistan occidentale". Solo recentemente, hanno cambiato la loro versione dichiarando che si trattava effettivamente di un RQ-170S.[8]

Fonti iraniane dichiarano che il 4 dicembre 2011, un RQ-170 Sentinel è stato dirottato con un software speciale e fatto atterrare mentre sorvolava l'Iran. Mentre fonti militari statunitensi dicono che il mezzo avesse un malfunzionamento[9]. Successivamente è stato mostrato in tv intatto.[10] È stato mostrato dagli iraniani con la parte inferiore debitamente coperta, forse per nascondere i danni provocati da un atterraggio di fortuna.[senza fonte]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David A. Fulghum, Bill Sweetman, Stealth over Afghanistan in Aviation Week, McGraw-Hill, 14 dicembre 2009, pp. 26–27.
  2. ^ Iran shows off captured US drone in The Telegraph UK, http://www.telegraph.co.uk/. URL consultato l'8 dicembre 2011.
  3. ^ David A. Fulghum, RQ-170 Has Links to Intelligence Loss to China in Ares, Aviation Week, 8 dicembre 2009. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  4. ^ Mystery UAV operation in Afghanistan, UV Online, 10 aprile 2009. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  5. ^ David A. Fulghum, U.S. Air Force Reveals Operational Stealth UAV in Ares, Aviation Week, 4 dicembre 2009. URL consultato il 4 dicembre 2009.
  6. ^ Bill Sweetman, Another Beast Picture in Ares, Aviation Week, 11 novembre 2009. URL consultato il 13 dicembre 2009.
  7. ^ RQ-170 Sentinel “Beast of Kandahar” in Defence Aviation, 26 dicembre 2009. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  8. ^ Articolo Corriere.it
  9. ^ [1] Sito BBC News (inglese)
  10. ^ Notizia online sul sito del quotidiano La Stampa.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]