Lockheed SR-71

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lockheed SR-71
Un SR-71B, appartenente alla NASA (matricola NASA 831), sorvola la Sierra Nevada; California, 1994.
Un SR-71B, appartenente alla NASA (matricola NASA 831), sorvola la Sierra Nevada; California, 1994.
Descrizione
Tipo ricognitore strategico
Equipaggio 2
Progettista Clarence Johnson
Costruttore Stati Uniti Lockheed
Data primo volo 22 dicembre 1964
Data entrata in servizio gennaio 1966
Data ritiro dal servizio 22 novembre 1989 (USAF)
9 ottobre 1999
(NASA)
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Altri utilizzatori Stati Uniti NASA
Esemplari 32
Sviluppato dal Lockheed A-12
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 32,74 m (107 ft 5 in)
Apertura alare 16,94 m (55 ft 7 in)
Altezza 5,64 m (18 ft 6 in)
Superficie alare 167,22 (1 800 ft²)
Peso a vuoto 30 600 kg (67 500 lb)
Peso carico 77 110 kg (170 000 lb)
Peso max al decollo 78 000 kg (172 000 lb)
Propulsione
Motore 2 turbogetto
Pratt & Whitney J58-1
con postbruciatore
Spinta fino a 145 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 3,35 Ma [1][2][3]
(3 529,6 km/h in quota)
Velocità di salita 60 m/s
Autonomia 5 400 km
Tangenza 25 929 m [4][5]
Note dati relativi alla versione:
SR-71A

i dati sono tratti da:
SR-71.org [6]
Lockheed Martin [7]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Lockheed SR-71, meglio conosciuto con il soprannome non ufficiale Blackbird, era un ricognitore strategico statunitense che prestò servizio dal 1966 fino al 22 novembre 1989, anno in cui tutti gli esemplari furono dismessi a causa della soppressione dei fondi per il loro utilizzo. Durante la sua carriera, l'SR-71 ha infranto alcuni record, come la maggior velocità mai raggiunta da un aereo (3.530 km/h) e l'altezza massima (quasi 26.000 metri).

L'SR-71 Blackbird fu sviluppato a "Groom Lake", meglio conosciuta come Area 51. Attualmente non ci sono più modelli ancora in attività a causa degli elevatissimi costi di gestione. Dopo la fine della guerra fredda non è stata più effettuata nessuna ricerca per migliorarlo. Era affine al caccia intercettore YF-12A ed al ricognitore A-12, entrambi simili come forme e prestazioni.

Il 6 marzo 1990, un SR-71A prima del suo trasferimento al museo di Washington stabilì gli ultimi, nuovi record di percorrenza tra diverse località e nella traversata atlantica in particolar modo:

  • Coast to Coast Usa - Distanza: 2.404 miglia, Tempo: 1 h 07 min 53,69 sec, Velocità media: 2.124,51 mph (3417 km/h, Mach 3,2)
  • Da S. Louis a Cincinnati (Record)- Distanza: 311,44 miglia, Tempo: 8 min 31,97 sec, Velocità Media: 2.189,94 mph (3524 km/h, Mach 3,35)
  • Da Kansas City a Washington D.C. (Record): Distanza: 942,08 miglia, Tempo: 25 min 58,53 sec, Velocità Media: 2176,08 mph (3501 km/h, Mach 3,33)

Il suo record ufficiale di velocità è di 3529 km/h, ma in una di queste tratte mantenne una media di 3608 km/h pari a Mach 3,4, tanto che la USAF e la Lockeed non hanno ritenuto necessario richiedere l'omologazione del primato[8].

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

A causa dell'aspetto pionieristico del progetto del Blackbird, il suo sviluppo fu costellato di problematiche e difficoltà mai affrontate o considerate sino a quel punto, e ciò portò a sviluppare una serie di accorgimenti e di tecniche di grande interesse ingegneristico. L'aereo fu costruito non in Nevada, ma in California, con precisione a Burbank. Il progetto fu pieno di problematiche in vari momenti, sia durante la costruzione sia durante l'utilizzo. Infatti, per trasportare l'aereo da Burbank all'Area 51, esso venne diviso dalle ali e da tutte le parti mobili. Vennero rimossi gli spartitraffico, vennero tolti gli alberi ai lati della carreggiata e l'intero intervento richiese l'appoggio della polizia del Nevada, della California e di molti altri.

Dopo l'arrivo all'area 51, si presentò un nuovo problema: gli hangar erano troppo piccoli, quindi per utilizzare l'aereo ogni volta si sarebbe dovuto mettere l'aereo sul supporto e montare le ali. Dopo l'atterraggio, si sarebbero dovute smontare.

L'aspetto ingegneristicamente più caratteristico di questo aereo sono sicuramente i suoi motori. Si tratta infatti di turboreattori convertibili durante la crociera a velocità supersonica a statoreattori tramite un particolare complesso di valvole e tubi che bypassano i compressori e le turbine. In questa modalità la struttura a cono, posta davanti all'imbocco delle due turbine, genera un complesso sistema di onde d'urto che rallentano successivamente l'aria aumentandone la pressione, portandola a 400 volte quella atmosferica e permettendo il funzionamento del reattore senza il compressore a turbina. Durante la sperimentazione del Blackbird, costituita da graduali prove di velocità, ci fu un problema a Mach 2,5-2,6: a questa velocità si verificò una perdita di potenza di un reattore; il problema era che, raggiunta questa velocità, la turbina non era più in grado di convogliare l'onda d'urto, e la respingeva scaricandola dall'imbocco. A questo difetto si è posto rimedio creando degli sfoghi che tengono la pressione costante.

Il cockpit del Blackbird.

Il suo particolare rivestimento è in titanio. A velocità così alte (oltre Mach 3) le superfici esterne dell'aereo, pur trovandosi a elevata altitudine e dunque ad una bassa densità atmosferica, raggiungono temperature superiori ai 300 °C per via della rapida compressione subita dall'aria che lambisce l'aereo, temperature che un normale rivestimento in lega di alluminio non sarebbe in grado di sopportare senza degrado delle caratteristiche meccaniche; l'elevata temperatura provoca addirittura un cambiamento di colore da nero a blu. Subito prima del decollo e dopo l'atterraggio si verificano perdite di carburante, ma ciò è voluto: i serbatoi sono progettati per diventare stagni grazie alla dilatazione termica durante il volo ad alta velocità evitando in tal modo anche la rottura dei serbatoi stessi. Per evitare che l'elevata temperatura dei pannelli esterni riscaldi l'intero aereo, il carburante viene pompato in intercapedini tra tali pannelli e la struttura dell'aereo, prima di essere mandato ai motori per essere bruciato, fungendo così da fluido refrigerante.

Durante le sue spedizioni non fu mai abbattuto né danneggiato: partecipò a missioni talmente segrete che ancora oggi non sono state rese pubbliche; basti pensare che come sistema di navigazione per evitare l'emissione di onde elettromagnetiche ed essere completamente autonomo da sistemi di guida esterni (tipo GPS) utilizzava un sofisticato teodolite computerizzato, visibile dietro la cabina del pilota (solo nella versione A). Le missioni del Blackbird erano, oltre che segrete, anche lunghissime. Per il sostentamento i piloti erano dotati di particolari razioni; esse venivano riscaldate semplicemente appoggiandole sul vetro, che alla velocità di ricognizione era comunque a qualche centinaio di gradi. Sebbene poco noto il Lockheed SR-71 fu il primo aeroplano statunitense progettato con tecnologie stealth.

L'SR-71 nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Molte delle incarnazioni del velivolo utilizzato dagli X-Men sono chiaramente ispirate al Blackbird, a partire dal soprannome stesso.
  • Nel film D.A.R.Y.L. il protagonista, un cyborg col corpo di un ragazzo e cervello elettronico, ruba un SR-71 da una base militare e impara a pilotarlo senza alcuna preparazione, grazie alla sua affinità con le macchine.
  • Nel videogame Call of Duty: Black Ops l'SR-71 compare in una delle missioni giocabili nella modalità single-player. Inoltre fa parte delle ricompense ("killstreaks") della modalità multi-player.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ A-12, YF-12A, & SR-71 Timeline of Events
  2. ^ http://records.fai.org/general_aviation/aircraft.asp?id=779
  3. ^ Record di velocità per velivoli con equipaggio in grado di decollare e atterrare autonomamente
  4. ^ SR-71 World Record Speed and Altitude Flights-1976
  5. ^ Landis and Jenkins 2005, pp. 77–78.
  6. ^ "Lockheed SR-71 Blackbird page." sr-71.org. Retrieved: 14 March 2010.
  7. ^ http://www.lockheedmartin.com/aboutus/history/SR71Blackbird.html
  8. ^ Aerei da Caccia - SR-71 Blackbird VHS
  9. ^ [INFO] La LISTA AEREI di Tom Clancy's HAWX! | Forums
  10. ^ SR-71 Blackbird - Acepedia, the Ace Combat wiki

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]