McDonnell Douglas F/A-18 Super Hornet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
McDonnell Douglas F/A-18
Super Hornet
Un F/A-18F Super Hornet appartenente al VFA-41  "Black Aces", in volo.
Un F/A-18F Super Hornet appartenente al VFA-41
"Black Aces", in volo.
Descrizione
Tipo caccia multiruolo imbarcato
Equipaggio 1
Progettista Stati Uniti McDonnell Douglas
Costruttore Stati Uniti Boeing
Data primo volo 29 novembre 1995
Data entrata in servizio 1999
Utilizzatore principale Stati Uniti US Navy
Altri utilizzatori Australia RAAF
Esemplari 460
Costo unitario 67 milioni US$ (2012)
Sviluppato dal F/A-18 Hornet
Altre varianti E/A-18G Growler
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 18,31 m (60 ft 1 in)
Apertura alare 13,62 m (44 ft 8 in)
Altezza 4,88 m (16 ft)
Superficie alare 46,45 (500 ft²)
Carico alare 453 kg/m²
Peso a vuoto 13 864 kg (30 600 lb)
Peso carico 21 320 kg (47 000 lb)
Peso max al decollo 29 900 kg (66 000 lb)
Capacità combustibile 6 530 kg (14 400 lb)
Propulsione
Motore 2 turboventola
General Electric
F414-GE-400
con postbruciatore
Spinta da 62 a 98 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 1,9 Ma
(2 017 km/h in quota)
Autonomia 3 330 km
Raggio di azione 722 km
Tangenza 15 250 m
Armamento
Cannoni 1 M61 Vulcan da 20 mm
Bombe caduta libera:
Mk 82 da 500 lb
Mk 83 da 1000 lb
Mk 84 da 2000 lb

a grappolo:
CBU-78
CBU-87
CBU-97
CBU-100
Paveway:
1^, 2^, 3^ generazione

guida GPS:
JDAM
Missili aria aria:
2 AIM-7 Sparrow
4 AIM-9 Sidewinder
2 AIM-120 AMRAAM
aria superficie:
AGM-45 Shrike
AGM-65 Maverick
AGM-88 HARM
SLAM-ER
AGM-154 JSOW
antinave:
AGM-84 Harpoon
Piloni 6 sub-alari
2 alle estremità alari
3 sotto la fusoliera
Altro ATFLIR
ECM
Chaff e Flare
serbatoi supplementari
Note dati relativi alla versione:
F/A-18E

i dati sono tratti da:
Aerospaceweb[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il McDonnell Douglas F/A-18 Super Hornet è un caccia multiruolo imbarcato bimotore a getto progettato dall'azienda statunitense McDonnell Douglas ed in seguito sviluppato dalla Boeing dopo l'acquisizione del 1997.

Secondo i piani della U.S. Navy deve sostituire aerei come A-6, A-7, F-4, EA-6B e in parte l'F-14. Il progetto originale è della McDonnell Douglas, ma in pratica è stato sviluppato dalla Boeing dopo l'acquisizione del 1997.

L'aereo è una riprogettazione estesa del'F/A-18C per risolvere i problemi di raggio d'azione e altri problemi che affliggono l'Hornet, come quella di non essere in grado di appontare a pieno carico. Il Super Hornet è facilmente distinguibile dalle versioni precedenti per le prese d'aria a scatola invece che semicircolari, inoltre può avere tre piloni sotto ogni semiala invece di due. L'F/A-18 Super Hornet ha effettuato il suo primo volo alla fine degli anni novanta ed è entrato in servizio nell'US Navy nei primi anni duemila. Il Super Hornet è stato ordinato in 470 esemplari nelle varie versioni.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • F/A-18E: versione di serie monoposto
  • F/A-18F: versione di serie biposto disponibile in due configurazioni: con doppi comandi per l'istruzione o pilota e navigatore
  • E/A-18G: versione biposto per la guerra elettronica deve sostituire gli EA-6B Prowler. Una curiosità: questa versione non viene chiamata Super Hornet ma Growler ("Colui che ruggisce").

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Australia Australia
24 F/A-18F block II dotati di radar a scansione elettronica APG-79 ordinati nel 2007 per sostituire i General Dynamics F-111C negli Squadron No. 1 e 6 del No. 82 Wing di base ad Amberley presso Brisbane nel Queensland.
Alla fine del 2010 erano stati consegnati quindici aerei.
Il sei gennaio 2011 il No. 1 Squadron è stato dichiarato operativo coi Super Hornet.
I Super Hornet assegnati al No. 6 Squadron saranno modificati per essere utilizzabili anche per missioni SEAD.;
Stati Uniti Stati Uniti
Ad aprile 2011 erano stati consegnati 500 tra Super Hornet e Growler.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "F/A-18E/F Super Hornet." Aerospaceweb.org. Retrieved: 16 August 2010.
  2. ^ Rivista Aeronautica 01/11
  3. ^ AirPress 16-17/2011

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]