Cessna A-37 Dragonfly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cessna A-37 Dragonfly
Un OA-37B Dragonfly da osservazione armato dell'Illinois Air National Guard durante il  GRANADERO I (14 mag 1984)
Un OA-37B Dragonfly da osservazione armato dell'Illinois Air National Guard durante il GRANADERO I (14 mag 1984)
Descrizione
Tipo aereo da attacco al suolo leggero
aereo da osservazione
Equipaggio 2
Costruttore Stati Uniti Cessna
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Altri utilizzatori Vietnam del Sud Không Quân Việt Nam
Cile FACH
Venezuela FAC
Esemplari 577
Sviluppato dal Cessna T-37 Tweet
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 8,62 m (28 ft 3,4 in)
Apertura alare 10,93 m (35 ft 10,3 in)
Altezza 2,70 m (8 ft 10,3 in)
Superficie alare 17,09 (183,9 ft²)
Peso a vuoto 2 817 kg (6 211 lb)
Peso max al decollo 6 350 kg (14 000 lb)
Propulsione
Motore 2 turbogetti General Electric J85-GE-17A
Spinta 12,7 kN (2 850 lbf)
Prestazioni
Velocità max 816 km/h (507 mph, 440 kt) a 4 875 m (16 000 ft)
Velocità di crociera 787 km/h (489 mph, 425 kt) a 4 875 m (25 000 ft)
Velocità di salita 35,5 m/s (6 990 ft/min)
Raggio di azione 740 km (460 mi, 400 nm) con 1 860 kg (4 100 lb) di carico bellico
Tangenza 12 730 m (41 765 ft)
Armamento
Mitragliatrici una GAU-2B/A gatling calibro 7,62 mm (.3 in) a 6 canne rotanti e/o
pod subalare SUU-11/A con una M134 calibro 7,62 mm e/o
Cannoni pod subalare GPU-2/A con un M197 calibro 20 mm e/o
un DEFA 553 calibro 30 mm e/o
Bombe fino a 2 268 kg (5 000 lb) e/o
Missili fino a 8 aria-aria AIM-9 Sidewinder
Piloni 8
Note dati riferiti alla versione A-37B

The Encyclopedia of Modern Warplanes[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Cessna A-37 Dragonfly è un aereo da attacco al suolo leggero biposto, bimotore a getto, prodotto dall'azienda statunitense Cessna Aircraft Company negli anni sessanta.

Sviluppato dall'addestratore T-37 Tweet, venne utilizzato in combattimento durante la guerra del Vietnam dall'United States Air Force e dalla sudvietnamita Không Quân Việt Nam e rimane ancora in servizio operativo in alcune forze aeree mondiali.

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

Il crescente coinvolgimento statunitense nelle vicende belliche del Vietnam nei primi anni sessanta produsse un forte interesse verso una particolare tipologia di velivolo, un aereo da attacco al suolo specializzato in controguerriglia (COIN dall'inglese COunter-INsurgency). Verso la fine del 1962, lo Special Air Warfare Center della United States Air Force basato presso la Eglin Air Force Base, Hurlburt Field in Florida, decise di valutare due esemplari di T-37C per questo ruolo.

Nelle prove che ne derivarono la commissione esaminatrice USAF giudicò il T-37 promettente, richiedendo tuttavia alla Cessna lo sviluppo di un modello derivato che fosse in grado di trasportare un carico bellico nettamente superiore, dotato di un'autonomia considerevolmente aumentata e migliori prestazioni nel volo a bassa quota. Un modello con queste caratteristiche sarebbe stato necessariamente più pesante e, di conseguenza, era necessario dotarlo di una coppia di motori a reazione dalla maggior spinta. Visionato i progetti preliminari, nel 1963 l'USAF stipulò con l'azienda un contratto per la fornitura di due prototipi, identificati come YAT-37D, che rispetto ai T-37 di serie presentavano le seguenti modifiche:

Tutte queste modifiche andarono ad aumentare drasticamente il peso del modello il quale era destinato a trasportare un altrettanto significativo carico utile, per cui la Cessna ritenne necessario raddoppiare la spinta disponibile sostituendo gli originali Continental J-69 con due turbogetto General Electric J85-J2/5 in grado di fornire 10,7 kN (2 400 lbf) ciascuno.

Il primo YAT-37D venne portato in volo per la prima volta nell'ottobre 1964, seguito un anno più tardi dal secondo prototipo. Quest'ultimo introduceva un quarto pilone subalare per lato, soluzione ritenuta più soddisfacente ed adottata in seguito anche dal primo esemplare.

I test risultarono pienamente soddisfacenti, tuttavia l'iniziale interesse USAF per un velicolo COIN era venuto per il momento a mancare. Il programma subì quindi un arresto ed il secondo prototipo venne destinato ad essere esposto al National Museum of the United States Air Force presso la Wright-Patterson Air Force Base in Ohio.

la guerra nel teatro del sudest asiatico, tuttavia, continuava ad evolversi. La perdite di Douglas A-1 Skyraider nelle forze aeree statunitense e sudvietamita si rivelarono più pesanti del previsto e la necessità di trovare un adeguato rimpiazzo riaccesero l'interesse USAF per un aereo COIN. Lo YAT-37D sembrava il candidato più idoneo per questo compito, tuttavia l'Air Force ritenne che l'unico modo per esserne certi fosse quello di valutare l'aereo in combattimento.

ACome risultato l'USAF sottoscrisse un contratto con la Cessna per un primo lotto consistente in 39 YAT-37D di preproduzione, che introducendo alcune piccole modifiche rispetto ai prototipi, era possibile ricavare dalla conversione di T-37B già prodotti. Questi esemplari vennero inizialmente identificati come AT-37D, ma la designazione venne velocemente cambiata in A-37A. Il secondo prototipo YAT-37D venne quindi reintegrato e inviato dall'Air Force Museum alla Cessna per essere aggiornato allo standard A-37A come parte di un programma di prove.

L'A-37A era caratterizzato da un peso carico al decollo di 5 440 kg (12 000 lb) dei quali 1 230 kg (2 700 lb) consistevano in armamenti, e manteneva il doppio comando del precedente T-37B così da poterlo impiegare anche come addestratore avanzato.

Nelle missioni di "forward air control (FAC)" lequipaggio era composto da due persone, con il secondo posto occupato da un osservatore, mentre nelle missioni di supporto aereo ravvicinato era normalmente condotto dal solo pilota, cosa che permetteva anche un lieve incremento del carico bellico.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

YAT-37D
due prototipi di T-37C da addestramento convertiti per operazioni COIN con due motori J-85-GE e sei piloni subalari come prototipi per la serie A-37, ridesignata YA-37A.
YA-37A
redisegnazione dei due prototipi YAT-37D.
A-37A
(Cessna Model 318D) sviluppo del T-37B eauipaggiato con due motori J-85-GE-5, una mitragliatrice multicanna calibro 7,62 mm nel naso e otto piloni subalari, 39 conversioni.
A-37B
(Cessna Model 318E) versione di produzione in serie equipaggiata con una coppia di motori J-85-GE-17A, caratterizzato dall'impianto per il rifornimento in volo, una maggiore capacità di combustibile e cellula rafforzata, realizzata in 577 esemplari.
OA-37B
versione da osservazione armata, sviluppata durante la guerra del Vietnam e che sostituì gli anziani O-2A Skymaster nei primi anni ottanta. Rimase in servizio con l'Air National Guard e le unità dell'Air Force Reserve come velivolo da osservazione fino alla fine degli anni ottanta.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Un A-37 Dragonfly della Fuerza Aérea Hondureña durante le manovre combinate tra USA ed Honduras nel 1983.
L'A-37 nella livrea Fuerza Aérea Colombiana in esposizione nel museo militare di Bogotà.
Cile Cile
acquisì 44 esemplari, 14 dei quali attualmente in servizio.
Colombia Colombia
operò con 32 esemplari.
Corea del Sud Corea del Sud
Rep. Dominicana Rep. Dominicana
operò con 8 esemplari, tutti fuori servizio dal marzo 2001 per raggiunti limiti di vita operativa o per incidenti.
Ecuador Ecuador
El Salvador El Salvador
acquisì 15 esemplari, 9 dei quali attualmente in servizio.
Guatemala Guatemala
Honduras Honduras
Perù Perù
Rhodesia Rhodesia
Sri Lanka Sri Lanka
Stati Uniti Stati Uniti
Thailandia Thailandia
Uruguay Uruguay
bandiera Vietnam del Sud

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Guston, Bill. The Encyclopedia of Modern Warplanes. Blitz Editions (1995). ISBN 1-85605-290-7

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Terry Love. A-37/T-37 Dragonfly. Carrollton, TX: Squadron/Signal Publications, 1991

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]