Boeing RC-135

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boeing RC-135
L'RC-135 Rivet Joint mentre si avvicina ad un KC-135 Stratotanker per il rifornimento aereo.
L'RC-135 Rivet Joint mentre si avvicina ad un KC-135 Stratotanker per il rifornimento aereo.
Descrizione
Tipo aereo da ricognizione
Equipaggio 27
Costruttore Stati Uniti Boeing
Data ritiro dal servizio in servizio
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Esemplari 32
Sviluppato dal Boeing C-135 Stratolifter
Dimensioni e pesi
Lunghezza 41,53 m (136 ft 3 in)
Apertura alare 39,88 m (130 ft 10 in)
Altezza 12,70 (41 ft 8 in)
Superficie alare 226 (2 433 ft²)
Peso a vuoto 44'663 kg (98,466 lb)
Propulsione
Motore 4 turboventole CFM International F-108-CF-201
Spinta 96 kN (21,634 lbf) ciascuna
Prestazioni
Velocità max 933 km/h (580 mph)
Velocità di salita 24,8 m/s (4,900 ft/min)
Autonomia 5,550 km (3,450 mi)
Tangenza 15,200 m (50000 ft)
Note dati relativi alla versione RC-135

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
RC-135 Cobra Ball
Boeing RC-135V Rivet Joint.jpg

La Boeing RC-135 è una famiglia di aerei da ricognizione quadrigetto ad ala bassa a freccia prodotta dall'azienda statunitense Boeing dagli anni sessanta.

Basata sulla cellula del C-135 Stratolifter da trasporto tattico, l'RC-135 è stato realizzato in numerose versioni specializzate, ognuna con un compito specifico, utilizzati tuttora dalla statunitense United States Air Force.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo è un C-135 ampiamente modificato, con a bordo sensori che permettono di rilevare, identificare e georeferenziare segnali in tutto la spettro elettromagnetico. L'equipaggio può in seguito trasmettere le informazioni raccolte in una varietà di formati ad una vasta gamma di utilizzatori attraverso i sistemi di comunicazione crittografati a disposizione.

Nel 2005, la flotta di RC-135 ha completato una serie interventi di aggiornamento significativi alla cellula, ai sistemi di navigazione e all'impianto motori che sono stati cambiati dai precedenti Pratt & Whitney TF-33 ai nuovi CFM International CFM56 (F-108), gli stessi motori utilizzati dal KC-135R e T Stratotanker. L'aggiornamento ha interessato anche la strumentazione e i sistemi di navigazione a disposizione dei piloti. Gli indicatori, in precedenza di tipo analogico, sono stati sostituiti da un sistema integrato che utilizza una architettura digitale secondo lo standard AMP (glass cockpit).

Gli attuali RC-135 sono l'ultima evoluzione dell'originale gruppo di aeromobili che risalgono ai primi anni sessanta. Inizialmente impiegati dallo Strategic Air Command per la ricognizione, gli RC-135 da quando sono diventati operativi sono sempre stati impiegati in tutti i conflitti armati che hanno interessato gli Stati Uniti. Sono stati impiegati durante la Guerra del Vietnam, l'operazione Eldorado Canyon nel Mediterraneo, l'operazione Urgent Fury a Grenada, l'invasione di Panama del 1989, le operazioni nei Balcani nel corso dell'operazione Deliberate Force e Allied Force. Sono stati utilizzati anche nei recenti conflitti in Asia nel corso delle operazioni Desert Shield, Desert Storm, Enduring Freedom e Iraqi Freedom. Gli RC-135 hanno mantenuto una presenza costante in medio oriente a partire dai primi anni novanta.

Gli aerei sono stati assegnati dal 1992 al 55th Wing dell'Air Combat Command di base sulla Offutt Air Force Base nel Nebraska, con sedi operative in tutto il mondo. Il 55th Wing gestisce 22 piattaforme in tre varianti: tre Cobra Ball, due Combat Sent e 17 Rivet Joint.[1]

Il Ministero della Difesa britannico ha fatto richiesta al governo degli Stati Uniti per l'acquisto di 3 RC-135V / W per la Royal Air Force,[2] per sostituire gli Hawker Siddeley Nimrod R1 giunti quasi alla fine della loro vita operativa.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Susan H.H. Young, 2008 USAF Almanac: Gallery of USAF Weapons in AIR FORCE Magazine, vol. 91, nº 5, 2008, pp. 145-146. URL consultato il 15 feb 2009.
  2. ^ United Kingdom RC-135V/W Rivet Joint Aircraft, Defense Security Cooperation Agency, 2008. URL consultato il 15 mar 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]