Boeing E-3 Sentry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boeing E-3 Sentry
Boeing E-3 Sentry dell'USAF in volo
Boeing E-3 Sentry dell'USAF in volo
Descrizione
Tipo AWACS
Equipaggio 4 + 13-19 (USAF/NATO)[1]
4 + 14 (RAF/RSAF/ALA)
Costruttore Boeing IDS
Data primo volo ottobre 1975
Data entrata in servizio 23 marzo 1977
Esemplari 68
Dimensioni e pesi
Lunghezza 46,61 m (152 ft 11 in)
Apertura alare 44,42 m (145 ft 9 in)
Altezza 12,60 m (41 ft 4 in)
Superficie alare 283,35 (3,050 ft²)
Peso a vuoto 73 480 kg (162 000 lb)
83 990 kg (185 000 lb) (RAF/RSAF/ALA)
Peso carico 147 400 kg (325 000 lb) (USAF/NATO)
152 090 kg (335 000 lb) (RAF/RSAF/ALA)
Peso max al decollo 156 000 kg (347 000 lb) (USAF/NATO)
151 636 kg (334 000 lb) (RAF/RSAF/ALA)
Capacità 35 persone (RAF/RSAF/ALA)
Propulsione
Motore 4 turboventole Pratt & Whitney TF33-P-100 (USAF/NATO)
4 turboventole CFM International F-108 (CFM 56) (RAF/RSAF/ALA)
Spinta 93,44 kN (USAF/NATO)
107 kN (RAF/RSAF/ALA)
Prestazioni
Velocità max 855 km/h (USAF/NATO)
955 km/h (RAF/RSAF/ALA)
Velocità di salita ? (USAF/NATO)
10,17 m/s (2 000 ft/min) (RAF/RSAF/ALA)
Autonomia 7 400 km (4 000 nm, 8 h) (USAF/NATO)
8 046 km (5 000 nm, 10 h) (RAF/RSAF/ALA)
Tangenza 9 000 m (29 000 ft) (USAF/NATO)
13 106 m (43 000) (RAF/RSAF/ALA)

USAF.com

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Boeing E-3 Sentry è un velivolo AWACS ora prodotto dalla statunitense Boeing Integrated Defense Systems, la divisione del settore difesa della Boeing Company, in collaborazione con la Northrop Grumman Electronic Systems, responsabile dei sistemi radar.

Introdotto nel 1976 ed ancora oggi operativo, è attualmente il più diffuso velivolo di questo tipo a livello mondiale. Oltre che nell'USAF è utilizzato dalla NATO e dalle forze aeree di Regno Unito, Francia ed Arabia Saudita per la sorveglianza dello spazio aereo e con funzioni di comando, controllo e comunicazioni.

Realizzato in 68 esemplari, basati sulla cellula del Boeing 707-320B Advanced di linea, la sua produzione è terminata nel 1992.[2][3]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'E-3 Sentry è una versione modificata dell'aereo commerciale Boeing 707-320B Advanced. Le modifiche includono una cupola rotante radar e un sonda per rifornimento aereo. La cupola radar ha un diametro di 9 m circa, uno spessore al centro di 1,8 m, ed è mantenuta ad un'altezza di 4,2 m dalla carlinga mediante due montanti. La cupola contiene un sistema di antenne ruotato idraulicamente che permette ad un radar AN/APY-1/2 di controllare lo spazio aereo dal terreno fino alla stratosfera. Con ognuno dei 4 motori è montato un generatore che fornisce 1 megawatt di potenza, necessario per l'apparato radar. Il radar Doppler ha un raggio di oltre 350 km per bersagli che volano a bassa quota, mentre il radar BTH (Beyond the Horizon, oltre l'orizzonte) ha un raggio di 640 km per bersagli che volano a quota medio/alta. La combinazione di radar e di SSR (Second Surveillance Radar, radar di sorveglianza secondario) permette al Sentry di identificare velivoli nemici a bassa quota, eliminando gli echi di ritorno del terreno.

La flotta di E-3 in forza all'United States Air Force ha subito il suo più grande rinnovamento nel 2001,con l'aggiunta di:

  • Misure di supporto elettronico (ESM) per la rilevazione passiva di bersagli e per la capacità di rilevare e identificare emettitori aerei e terrestri.
  • JTIDS (Joint Tactical Information Distribution System), ovvero sistema integrato di distribuzione informazioni tattiche, sistema che permette la distribuzione sicura (anti-jam) di informazioni a unità amiche nell'area.
  • Sistema di navigazione GPS.
  • Aumento delle capacità dei computer di bordo.

Sviluppi futuri[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la richiesta da parte del Giappone per equipaggiare la Kōkū Jieitai, la propria forza aerea, di un velivolo AWACS, a causa della cessata produzione del Boeing 707, la Boeing ha prodotto il Boeing E-767, utilizzando come base il 767 e integrando il velivolo con la dotazione installata sul E-3. Il programma USAF che prevedeva la sostituzione, oltre all'E-3, degli RC-135 ed E-8 Joint STARS, aveva assegnato al Northrop Grumman E-10 MC2A il ruolo di nuovo velivolo AWACS, ma è stato infine cancellato. È quindi stato deciso di prendere una nuova direzione avviando un programma di aggiornamento del materiale esistente ed investendo sul pacchetto di modifiche definito Block 40/45. Attualmente un E-3 munito delle nuove apparecchiature aggiornate è in fase di sviluppo e sperimentazione in volo. Inoltre è previsto, tramite l'Airframe Modernization Program (AMP), l'aggiornamento della struttura della cellula del velivolo con lo scopo, sostituendo le unità di propulsione, di migliorare i consumi, e di conseguenza autonomia e raggio d'azione, e di diminuire inoltre la distanza minima necessaria per il decollo.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

La NATO ha dispiegato in Europa 18 velivoli nella versione E-3A, con base in Germania e con immatricolazione in Lussemburgo.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

CE-137D
prototipo realizzato in due esemplari dotati di motori Pratt & Whitney JT3D, uno equipaggiato con un radar Westinghouse, l'altro con uno prodotto dalla Hughes. Entrambi gli esemplari sono stati convertiti allo standard E-3A standard con i motori Pratt & Whitney TF33.
E-3A
versione di serie dotata di motori TF33 e radar AN/APY-1. Ne sono stati prodotti 25 esemplari per l'USAF, successivamente convertiti allo standard E-3B, 18 destinati alla NATO equipaggiati con motori TF33 e 5 per l'Arabia Saudita equipaggiati con motori CFM56.
KE-3A
variante con ruolo di aerocisterna, dotata di motori CFM56, destinata all'Arabia Saudita e prodotta in 8 esemplari.
E-3B
versione E-3A aggiornata con radar AN/APY-2 ed altri miglioramenti, 24 conversioni.
E-3C
nuova versione di serie dotata di alcuni miglioramenti di sistema, prodotta in 9 esemplari. Gli E-3A in forza alla NATO, anche se non ridesignati, sono stati modificati portandoli allo stesso equipaggiamento standard.
JE-3C
Un E-3A utilizzato dalla Boeing per test, successivamente ridesignato E-3C.
E-3D
versione di produzione destinata alla Royal Air Force; E-3C standard dotato di motori CFM56 e modifiche di produzione britannica. Designato Sentry AEW.1, è stato prodotto in 7 esemplari.
E-3F
versione di produzione destinata all'Armée de l'air francese; E-3C standard dotato di motori CFM56 e modifiche di produzione britannica, prodotto in 4 esemplari.
E-3G
versione aggiornata con pacchetto Block 40/45 e programma AMP, in fase di sperimentazione.
Sentry AEW.1
designazione RAF della versione E-3D.
TC-18E
versione da addestramento non dotata di attrezzature destinata alla formazione degli equipaggi degli E-3 Sentry.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Un E-3 NATO ripreso nel 2006 in sosta alla base aerea danese di Skrydstrup.
Un E-3 francese in decollo dalla base di Avord.
Un Sentry della RAF in fase di decollo.
Un E-3 USAF in volo.
NATO NATO
sono 18 gli E-3 AWACS assegnati alla base aerea di Geilenkirchen, in Germania (uno perso in Grecia). Tutti sono ufficialmente registrati come velivoli appartenenti al Lussemburgo, uno stato membro della NATO non dotato di una propria aeronautica militare. Sono responsabili del controllo dello spazio aereo della NATO ed utilizzabili per operazioni in tutto il mondo. Vengono gestiti con un budget cui contribuiscono i soli Paesi NATO che hanno aderito al consorzio AWACS e sono sotto il comando diretto del Comandante NATO in Europa, che opera da SHAPE (presso Casteau in Belgio) e che li gestisce per il tramite di uno stato maggiore multinazionale co-ubicato (Force Command).
  • Squadron 1
  • Squadron 2
  • Squadron 3
  • Training Wing
Francia Francia
L'Armée de l'air possiede 4 E-3F, simili come equipaggiamento ai E-3D in forza alla RAF.
  • 36ème Escadron de Détection et de Contrôle Aéroporté 00.036 "Berry" sulla BA 702 Avord dal 1991
    • 1er Escadrille de Détection et de Contrôle Aéroporté 01.036 "Berry" - SAL 58 "Coq" - BR 43 "Charognard"
    • 2nd Escadrille de Détection et de Contrôle Aéroporté 02.036 "Berry" - SAL 253 "Tête de dogue" - SAL 257 "Masse d'armes"
Arabia Saudita Arabia Saudita
L'Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Sa'udiyya possiede dal 1983 5 E-3A ed otto aerocisterne KE-3A.
  • No. 18 Squadron RSAF
Regno Unito Regno Unito
La Royal Air Force ha acquistato 6 (successivamente portati a 7) E-3D nel dicembre 1986. I velivoli sono stati ridesignati Sentry AEW.1.
Stati Uniti Stati Uniti
L'United States Air Force possiede 34 E-3A (24 successivamente modificati allo standard E-3B e 10 a quello E-3C). Un esemplare di E-3B venne perduto in un incidente nel 1995. Un altro esemplare è in prestito alla Boeing Integrated Defense Systems per scopo di continua sperimentazione, di ricerca e sviluppo.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • In ambito videoludico, il Sentry compare tra i velivoli del videogioco Deadly Skies III (in versione C)[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2 piloti, 2 ingegneri di bordo e 13 Electronic Warfare Officer (EWO)
  2. ^ (EN) Factsheet : E-3 SENTRY (AWACS) : E-3 SENTRY (AWACS) in United States Air Force, http://www.af.mil/, 05-2006. URL consultato il 26 maggio 2007.
  3. ^ (EN) Boeing Integrated Defense Systems - Airborne Warning and Control System (AWACS) in Boeing Integrated Defense Systems, http://www.boeing.com/. URL consultato il 26 maggio 2007.
  4. ^ Picture of the 76-1604, a US Air Force E-3B Sentry
  5. ^ http://www.gamefaqs.com/ps2/914994-airforce-delta-strike/faqs/28646 GameFQS: AirForceDelta Aircraft List

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Cina Cina
URSS URSS/Russia Russia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]