Boeing F-15SE Silent Eagle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boeing F-15SE Silent Eagle
Descrizione
Tipo caccia multiruolo
Equipaggio 1 pilota
1 WSO
Costruttore Stati Uniti Boeing
Data primo volo 8 luglio 2010
Esemplari 1 (prototipo)
Costo unitario 100 milioni US $
Sviluppato dal F-15 Eagle
F-15E Strike Eagle
Dimensioni e pesi
Lunghezza 19,43 m (63.8 ft)
Apertura alare 13,05 m (42.8 ft)
Altezza 5,63 m (18.5 ft)
Superficie alare 56,48 (608 ft²)
Peso a vuoto 14 379 kg (31 700 lb)
Peso max al decollo 36 750 kg (81 000 lb)
Propulsione
Motore 2 turboventola
Pratt & Whitney
F100-PW-229
con postbruciatore
Spinta da 79 a 129 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 2,5 Mach
(2 650 km/h in quota)
Velocità di salita 254 m/s
Autonomia 3 900 km
Tangenza 18 200 m
Armamento
Cannoni 1 M61A1 Vulcan da 20 mm
Bombe caduta libera:
Mk 82 da 500 lb
Mk 84 da 2000 lb
CBU-87 da 1000 lb
Paveway:
GBU-10 Paveway II
GBU-12 Paveway II
GBU-15 Paveway III
GBU-24
GBU-28
GBU-39
Missili aria aria:
4 AIM-9 Sidewinder
4 AIM-120 AMRAAM
4 AIM-7 Sparrow
aria superficie:
6 AGM-65 Maverick
4 AGM-130
Piloni 2 sub-alari
(a triplo binario)
7 sotto la fusoliera
Altro LANTIRN
LITENING
Sniper XR
ECM
Chaff/Flare
serbatoi ausiliari
Note dati relativi alla versione:
F-15SE

i dati sono tratti da:
Davies[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia
Immagine dell'HUD IR dell'F-15E

Il Boeing F-15SE Silent Eagle (aquila silenziosa in inglese), è un caccia multiruolo sviluppato dall'azienda statunitense Boeing, a partire dall'F-15E Strike Eagle, e dotato di alcune caratteristiche stealth quali: la presenza di stive interne per il trasporto di materiale bellico e l'utilizzo delle vernici Radar-Absorbent Material (RAM), applicate sulla fusoliera.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Membro più recente della famiglia degli Eagle, l'F-15SE è stato presentato per la prima volta al grande pubblico il 17 marzo 2009, dall'azienda produttrice Boeing IDS. Per il suo sviluppo ci si è avvalsi dell'esperienza accumulata dall'azienda sia con l'acquisizione del progetto del precedente Strike Eagle, prodotto inizialmente dalla McDonnell Douglas, e sia con la partecipazione, assieme a Lockheed Martin, alla realizzazione dell'F-22 Raptor. Grazie al know-how acquisito sul campo, è stato possibile realizzare un velivolo dalle capacità simili a quelle richieste ai caccia appartenenti alla V generazione, ad un costo d'esercizio maggiormente accessibile. Tuttavia, nonostante sfrutti molte delle ultime tecnologie sviluppate in campo aeronautico, il Silent Eagle è annoverato fra i velivoli della generazione immediatamente precedente, a causa dei valori ancora troppo elevati della propria RCS (Radar Cross-Section), la quale è comparabile con gli stealth puri solo nella sezione anteriore.[3] Offerto sul mercato internazionale, sono state a lungo sponsorizzate le sue elevate prestazioni ed i costi contenuti capaci di fornire così un rapporto qualità prezzo migliore rispetto ai più recenti velivoli militari.[4][5]

A svolgere il ruolo di prototipo del Silent Eagle, è stato il primo F-15E (matricola 86-0183) di serie, rinominato F-15E1, il quale ha compiuto il suo primo volo nelle nuove vesti di banco prova volante l'8 luglio 2010.[6][7]

Il 20 luglio successivo è stato effettuato, con successo, il primo lancio di un missile AMRAAM dalle Conformal Weapons Bay interne.[8]

Il prezzo per ogni esemplare è stimato tuttora intorno ai 100 milioni di dollari, inclusi supporto logistico ed addestramento iniziale.[4] Inoltre Boeing, è alla ricerca di aziende a cui appoggiarsi per la produzione del velivolo facendo risultare ancor più economico l'acquisto di un esemplare finito.[9]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

I potenziali clienti di mercato del Silent Eagle, sono, in linea di massima gli attuali operatori dell'F-15 Eagle.[2][10][11]

Nonostante Boeing avesse già intavolato trattative con la Corea del Sud riguardo all'acquisizione di un lotto di esemplari dal 2009, il velivolo non ha potuto raccogliere ordinazioni provenienti dal mercato estero poiché non in possesso dell'autorizzazione del governo americano, giunta solo nel mese di luglio 2010.[12][13][14]

Fonti diplomatiche hanno rilevato, inoltre, l'interesse crescente del governo israeliano a dotarsi della versione stealth dell'Eagle: il 6 luglio 2010, in un convegno con il presidente Barack Obama, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha chiesto se vi fosse la possibilità di importare in Israele il suddetto velivolo. A domanda posta, tuttavia, non ha seguito risposta.[15]

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

L'F-15SE si presenta come un velivolo bimotore monoposto ad ala alta, con impennaggio a doppia deriva e ad elevate prestazioni, in grado di sfruttare a suo favore alcuni accorgimenti strutturali che ne diminuiscono la traccia radar. Basato sul precedente Strike Eagle, ha in dotazione, a differenza del suo predecessore, due CWB (Conformal Weapons Bays) poste nella parte bassa della fusoliera, simili a quelle realizzate per F-22 ed F-35, che sostituiscono le classiche CFT (Conformal Fuel Tanks) aumentando la capacità di carico bellico, a fronte di una minore autonomia. Le derive hanno una inclinazione verso l'esterno di 15 gradi. Il velivolo, sarà dotato di un radar Raytheon AESA e di un nuovo sistema per la guerra elettronica sviluppato dalla BAE Systems.[5] Concepito inizialmente per svolgere missioni d'intercettazione ad alta e bassa quota, grazie all'integrazione di un'avionica più avanzata può essere utilizzato, con discreti risultati, contro postazioni radar ed altri obiettivi di terra.[16]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Davies 2002, Appendix 1
  2. ^ a b Butler, Amy. "Boeing Unveils New Stealthy F-15." Aviation Week, 17 March 2009.
  3. ^ Jones, Brad, Project Manager. "F-15 Future Fighters." Boeing, 16 March 2009 Briefing, p. 19. Retrieved: 18 August 2010.
  4. ^ a b Butler, Amy. "Stealthy F-15 Could Enliven St. Louis Facility." Aviation Week, 20 March 2009.
  5. ^ a b Trimble, Stephen. "Boeing unveils upgraded F-15 Silent Eagle with fifth-generation features." Flight International, 17 March 2009.
  6. ^ Carder, Phillip and Mary Ann Brett. "Boeing F-15 Silent Eagle Demonstrator Makes 1st Flight." Boeing, 9 July 2010. Retrieved: 18 August 2010.
  7. ^ Notizia su Defense Update.
  8. ^ Carder, Phillip and Mary Ann Brett. "Boeing F-15 Silent Eagle Demonstrator Completes 1st Weapon Launch." Boeing, 20 July 2010. Retrieved: 18 August 2010.
  9. ^ Trimble, Stephen. "Boeing eyes risk-sharing, lower costs for $100 million F-15SE." Flight International, 4 June 2009.
  10. ^ Frost, Patricia, Damien Mills and Paul Lewis. "Boeing Unveils New International F-15 Configuration: The F-15SE." Boeing, 17 March 2009.
  11. ^ Lake, Jon. "Boeing Unveils Stealthy Eagle Variant." Air International, Volume 76, Issue 5, May 2009.
  12. ^ Reed, John. "Boeing Anticipates Approval To Export F-15 Silent Eagle." Defense News, 7 July 2010.
  13. ^ "Clarification." Air Force magazine, 23 March 2009.
  14. ^ Trimble, Stephen. "Boeing applies to export F-15SE to South Korea." Flightglobal, 25 June 2010. Retrieved: 26 June 2010.
  15. ^ "Obama rejected Netanyahu request for F-15E in 'tough' session." worldtribune.com, 12 July 2010.
  16. ^ Trimble, Stephen. "Boeing unveils upgraded F-15 Silent Eagle with fifth-generation features." flightglobal.com, 17 March 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]