GBU-28

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox sistema d'arma}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
GBU-28 xxl.jpg
USAF F-15E releases GBU-28.jpg
GBU-28
Funzione primaria: 5 000 libbre (2,268 kg), arma a guida laser
lunghezza: 25 ft (7.6 m)
Diametro: 14 in (356 mm)[1]
Apertura alare: 5 ft 5 in (1.7 m)
Area: Più di 5 miglia nautiche (9 km)

La Guided Bomb Unit-28 (GBU-28) è una bomba guidata da 2.268 kg del tipo "bunker busting", in grado cioè di penetrare bersagli pesantemente corazzati o sotterranei. Come esplosivo utilizza il Tritonal.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prodotta originariamente dalla Texas Instruments, venne sviluppata in modo specifico per l'Operazione Desert Storm per distruggere i centri di comando sotterranei utilizzati dagli iracheni. Tuttavia, solo due di queste bombe sono state sganciate durante Desert Storm, da F-111F[2].
Soprannominate "deep throat" (gola profonda), le GBU-28 sono in grado di penetrare trenta metri di terra, oppure sei metri di calcestruzzo[3].
La prima esportazione di questo sistema d'arma, autorizzata nel mese di aprile 2005, è stata nei confronti di Israele, che ne ha acquistate 100 unità[4]. La consegna delle armi è stata accelerata, su richiesta di Israele, nel luglio 2006. Infatti, secondo fonti militari israeliane, Hezbollah terrebbe i propri lanciarazzi in bunker e fortificazioni sotterranee[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.designation-systems.net/dusrm/app5/paveway-3.htm Paveway III Description and specifications
  2. ^ Report to Congress on the Conduct of the Persian Gulf War
  3. ^ Le GBU-28 su fas.org. URL consultato il 2 aprile 2009.
  4. ^ Guided Bomb Unit-28 (GBU-28) Bunker Buster - Smart Weapons
  5. ^ Gli Stati Uniti prevedono di vendere ad Israele 1.000 bombe "bunker buster". URL consultato il 2 aprile 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]