Northrop Grumman E-8 Joint STARS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Northrop Grumman E-8 Joint STARS
Un E-8 Joint STARS in volo
Un E-8 Joint STARS in volo
Descrizione
Tipo supporto tattico
Equipaggio 22 (4 addetti al volo dell'aereo più 15 specialisti dell'USAF e 3 dell'United States Army per servizi di collegamento)
Costruttore Stati Uniti Northrop Grumman
Data entrata in servizio 1997
Utilizzatore principale Stati Uniti USAF
Altri utilizzatori Stati Uniti Air National Guard
Esemplari 17[1]
Costo unitario 244 400 000 $
Sviluppato dal Boeing 707
Dimensioni e pesi
Lunghezza 46,6 m
Apertura alare 44,4 m
Altezza 13 m
Peso max al decollo 152 409 kg
Capacità combustibile 70 306 kg
Propulsione
Motore 4 Pratt & Whitney TF33-102C
Spinta 7 166 kg ciascuno
Prestazioni
Velocità max 945 km/h (510 kt)
Velocità di crociera 723 km/h (390 kt)
Tangenza 12 802 m

[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'E-8 Joint Surveillance Target Attack Radar System (Joint Stars o JSTARS), è un aereo in dotazione all'United States Air Force per svolgere il ruolo di piattaforma per il comando e controllo. È equipaggiato con sistemi in grado di individuare e seguire i movimenti dei veicoli a terra e alcuni aerei, raccogliere immagini e trasmettere presentazioni della situazione tattica a terra ai comandanti di teatro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

In questa foto è ben visibile l'antenna posta nella parte anteriore della fusoliera

L'E-8C (la versione definitiva dell'aereo con la denominazione Joint STARS) è praticamente un Boeing 707 modificato con le apparecchiature necessarie per compiere le missioni. La differenza che più si nota osservando l'E-8C, è l'antenna di 7,3 m posta sotto la parte anteriore della fusoliera.
I sistemi di bordo (radar e computer) possono individuare unità nemiche e trasmettere i dati in tempo reale all'United States Marine Corps o ad altre forze armate che si trovano a terra. In particolare l'antenna può scandagliare, con un raggio di 120° attorno a sé, una superficie di circa 50 000 km² riuscendo a localizzare bersagli fino a 250 km di distanza[2].

Queste caratteristiche rendono dunque l'aereo della Northrop Grumman Corporation ideale per missioni di peacekeeping.

Impiego[modifica | modifica wikitesto]

I primi E-8C vennero dispiegati nel 1991 in Iraq per supportare l'operazione Desert Storm e in Bosnia nel dicembre 1995 durante l'operazione Joint Endeavor, dove presero parte anche all'operazione Allied Force. L'aereo ha volato anche in Afghanistan nel corso di Enduring Freedom e nuovamente in Iraq, nel 2003, con l'operazione Iraqi Freedom[2].

Attualmente il 116th Air Control Wing dell'USAF controlla tutti i 17 E-8C, l'ultimo dei quali è stato consegnato il 23 marzo 2005[2].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • E-8A: versione originale
  • TE-8A: aereo da addestramento senza l'equipaggiamento base
  • E-8C: versione definitiva con la denominazione Joint STARS

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ dato aggiornato al settembre 2007
  2. ^ a b c d E-8C Joint Stars, url consultato il 18 ott 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]