Grumman C-1 Trader

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grumman C-1 Trader
Un C-1 Trader in rullaggio sulla pista della Willow Grove Naval Air Station in Pennsylvania, USA.
Un C-1 Trader in rullaggio sulla pista della Willow Grove Naval Air Station in Pennsylvania, USA.
Descrizione
Tipo aereo da trasporto imbarcato
Equipaggio 2
Costruttore Stati Uniti Grumman
Data primo volo 19 gennaio 1955
Data entrata in servizio 1955
Data ritiro dal servizio 1988
Utilizzatore principale Stati Uniti US Navy
Esemplari 83
Sviluppato dal S-2 Tracker
Altre varianti E-1 Tracer
Dimensioni e pesi
Lunghezza 12,9 m (42.2 ft)
Apertura alare 21,2 m (69.6 ft)
Altezza 4,9 m (16.3 ft)
Peso a vuoto 8 504 kg (18,750 lb)
Peso max al decollo 13 222 kg (29,150 lb)
Propulsione
Motore 2 radiali Wright
R-1820-82WA Cyclone
Potenza 1,13 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 0,4 Ma
(462 km/h in quota)
Autonomia 2 092 km
Tangenza 6 095 m
Note dati relativi alla versione:
C-1A

i dati sono tratti da:
Warbirdalley.com [1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Grumman C-1 Trader era un aereo da trasporto imbarcato (precisamente un aereo da Carrier onboard delivery - Consegne a bordo di portaerei) variante del Grumman S-2 Tracker. Fu rimpiazzato da una versione simile all'E-2 Hawkeye, il Grumman C-2 Greyhound.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni quaranta la United States Navy ebbe la necessità di dotare i propri reparti di un nuovo velivolo da assegnare al ruolo di lotta antisommergibile (ASW); fino a quel momento il ruolo venne sostenuto da due differenti tipologie di velivoli, uno dotato di un radar di identificazione, chiamato in gergo "hunter" (cacciatore), che una volta individuato il bersaglio ne trasmetteva le coordinate al comando che provvedeva ad inviare un aerosilurante o bombardiere dotato di bombe di profondità, chiamato in gergo "killer". Le nuove esigenze logistiche emerse dall'esperienza acquisita durante le operazioni nell'ambito della seconda guerra mondiale suggerirono la conversione dei due ruoli raggruppandoli in un unico aeromobile.[2].

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

La Grumman, basandosi sulla sua esperienza delle precedenti forniture alla Marina statunitense, iniziò lo sviluppo di un velivolo in grado di soddisfare le specifiche richieste orientandosi su una configurazione bimotore ad ala alta al quale venne assegnata la designazione aziendale G-89.

Nel 1952 la US Navy, in base alle sue convenzioni, ridesignò XS2F-1 il velivolo che volò per la prima volta il 4 dicembre di quell'anno. Durante il resto degli anni cinquanta emersero tre varianti, una delle quali era il C-1. Il C-1 (originariamente TF-1) fu autorizzato a portare nove passeggeri o 3 500 lb di carico ed effettuò il volo inaugurale nel gennaio 1955.

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Negli anni sessanta e settanta il C-1 Trader effettuò un servizio postale sulle portaerei stanziate nell'Oceano Pacifico durante la Guerra del Vietnam venendo impiegato anche come addestratore. Furono prodotti 83 C-1 Trader più quattro EC-1A Tracer che furono convertiti in aerei ECM. L'ultimo C-1 fu ritirato dal servizio nel 1988.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

TF-1
Versione da trasporto imbarcato dell'S2F Tracker con fusoliera allargata per 9 passeggeri, ridesignato C-1A nel 1962, 87 esemplari.
TF-1Q
Conversione ECM del TF-1, ridesignato EC-1A nel 1962, quattro conversioni.
TF-1W
Progetto di aereo AEW che fu sviluppato nel WF-2 Tracer.
C-1A
Ridesignazione del TF-1 nel 1962.
EC-1A
Ridesignazione del TF-1Q nel 1962.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

Stati Uniti Stati Uniti

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Warbird Alley: Grumman C-1 Trader / S-2 Tracker
  2. ^ Grumman C-1 Trader / S-2 Tracker in Warbird Alley

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]