Royal Australian Air Force

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Royal Australian Air Force
Regia Aeronautica Australiana
Ensign of the Royal Australian Air Force.svg
bandiera della Royal Australian Air Force
Descrizione generale
Attiva 31 marzo 1921 - oggi
Nazione Australia Australia
Alleanza Regno Unito Regno Unito
Servizio aeronautica militare
Motto Per Ardua ad Astra
Marcia R.A.A.F. March past
Mascotte canguro
Parte di
Simboli
Coccarda RAAF Roundel.svg
Coccarda a bassa visibilità RAAF-Lowvis-Roundel.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Royal Australian Air Force (Reale Aeronautica Militare Australiana), spesso abbreviata in RAAF, è l'attuale aeronautica militare della Australia e parte integrante delle forze armate australiane. Nel 2006 disponeva di un organico di circa 15.430 effettivi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Durante la seconda guerra mondiale (1939-1945) la RAAF in quanto parte delle forze armate dell'Impero Britannico era schierata a fianco degli alleati e ha principalmente combattuto durante la Guerra del Pacifico. I piloti seguivano un particolare addestramento, ed erano principalmente australiani ma anche di origine britannica e, in minor misura, americani. Ciò nonostante durante questa fase della guerra ebbero parecchie perdite, in quanto gli aviatori giapponesi erano particolarmente ben addestrati nonché dotati di Mitsubishi A6M Zero.

Si dice che i capi squadriglia incitassero i loro uomini a mangiare molti mirtilli - per i loro effetti positivi sulla vista) - e kiwi (per motivi imprecisati).

Mezzi in dotazione[modifica | modifica sorgente]

Durante il conflitto la RAAF era equipaggiata principalmente con:

Aeromobili in uso[modifica | modifica sorgente]

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio[1][2][3] Note Immagine
Alenia C-27J Spartan Italia Italia aereo da trasporto tattico (10) Ordinati nel 2012 per sostituire i 10 DHC-4 Caribou[4]
BAe Systems Hawk Regno Unito Regno Unito aereo biposto da addestramento e conversione operativa Hawk 127 33
BAe Hawk Mk127 76 Sqn RAAF 1.jpg
Beechcraft Super King Air Stati Uniti Stati Uniti addestratore per la navigazione aerea B300 8
RAAF Raytheon King Air 350 (B300) Avalon Vabre.jpg
Boeing 707 Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto/aerocisterna 707-338C 1 versione dal doppio ruolo da trasporto/aerocisterna. Inizialmente questi velivoli erano utilizzati soltanto per il trasporto VIP. Verranno rimpiazzati da cinque KC-30B Multi-Role Tanker Transport[5].
B707-368c.royalausaf.arp.jpg
Boeing Business Jet Stati Uniti Stati Uniti VIP transport 737-700 BBJ 2 in leasing a lungo periodo, in uso al primo ministro, Regina Elisabetta II e personalità estere in visita[6].
RAAF BBJ 3.jpg
Boeing P-8 Poseidon Stati Uniti Stati Uniti aereo da pattugliamento marittimo P-8A Poseidon (8) la consegna del primo esemplare è prevista nel 2018;
McDonnell Douglas C-17 Globemaster III Stati Uniti Stati Uniti trasporto C-17 4
RAAFC17A41207.JPG
Bombardier Challenger Canada Canada Trasporto personalità CL 604 3
RAAFA37001.JPG
de Havilland Canada DHC-4 Caribou Canada Canada trasporto DHC-4 10 Verranno ritirati nel corso del 2009 e rimpiazzati con dieci aerei leggeri ad ala fissa[7][8].
RAAF Caribou.jpg
General Dynamics F-111 Aardvark Stati Uniti Stati Uniti Strike F-111 totali
F-111C
RF-111C
19
15
4
La RAAF possiede: l'originale F-111C a lungo raggio, la versione da pattugliamento RF-111C e le versioni F-111A e F-111G, un tempo in servizio presso la USAF. Nel 2010 sono stati radiati ed è iniziata la sostituzione coi nuovi F/A-18F[9].
RAAF F111.jpg
Lockheed C-130 Hercules Stati Uniti Stati Uniti Trasporto C-130 totali
C-130H
C-130J-30
20
8
12
4 C-130H sono stati ritirati nel 2006[10], mentre sono in ordinazione altri due C-130J-30[11].
RAAF C-130J 2008.jpg
Lockheed P-3 Orion Stati Uniti Stati Uniti Ricognitore marittimo P-3 totali
AP-3C
21
18
Verranno tutti dismessi nel 2018, rimpiazzati dai Boeing P-8 Poseidon.
AP-3C Orion 2918573216.jpg
McDonnell Douglas F/A-18 Hornet Stati Uniti Stati Uniti
Australia Australia
Fighter/attack F/A-18 totali
F/A-18A
F/A-18B
71
54
17
Costruiti in Australia sotto licenza della McDonnell Douglas. Gli F/A-18 sono stati più volte aggiornati a nuovi standard fin dal loro primo impiego negli anni '80. Questo ha garantito una buona longevità a questi mezzi, i quali, però, non rappresentano più una valida scelta come caccia di prima linea. Verosimilmente verranno rimpiazzati nel 2015 con 100 F-35 Lightning II.
F-18 refueling 070628-M-5500G-252.jpg
McDonnell Douglas F/A-18 Super Hornet Stati Uniti Stati Uniti
Australia Australia
Fighter/attack F/A-18F totali 24 24 F/A-18F block II ordinati nel 2007 per sostituire gli F-111.

Alla fine del 2010 erano stati consegnati quindici aerei.[9]

Pilatus PC-9 Svizzera Svizzera
Australia Australia
addestratore avanzato PC-9/A 65 Prodotto su licenza dalla Hawker de Havilland.
RAAF PC-9.png
Totale caccia/attacco al suolo

Addestratori


Trasporto (Inc. VIP)

90

130


39

Sono da considerare anche i 24 addestratori basici PAC CT/4, conosciuti anche come Plastic Parrot (pappagallo di plastica), sono di proprietà e gestiti dalla britannica BAE Systems per la formazione primaria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "World Military Aircraft Inventory", Aerospace Source Book 2007, Aviation Week & Space Technology, January 15 2007.
  2. ^ 2005-06 Defence Annual Report Page 134
  3. ^ RAAF A97 Lockheed C-130A/E/H/J Hercules- list retrieved 2007-08-30.
  4. ^ A. Capocaccia, Confermata la vendita di 10 C-27 all'Australia in Dedalo News, 10 maggio 2012. URL consultato il 10 maggio 2012.
  5. ^ Australian military aviation OrBat
  6. ^ RAAF Museum
  7. ^ Australian Aviation Express. Issue 241., Phantom Media, 29 settembre 2008. URL consultato il 29 settembre 2008.
  8. ^ http://www.defence.gov.au/whitepaper/ Australian Government Defence White Paper 2009 page 80; pt. 9.72
  9. ^ a b Rivista Aeronautica 01/11
  10. ^ http://www.defence.gov.au/whitepaper/ Australian Government Defence White Paper 2009 page 80; pt. 9.72
  11. ^ http://www.defence.gov.au/whitepaper/ Australian Government Defence White Paper 2009 page 80; pt. 9.72

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]