Inverigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Inverigo
comune
Inverigo – Stemma
Villa La Rotonda
Villa La Rotonda
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Angelo Riboldi (centrodestra) dal 16-05-2011
Territorio
Coordinate 45°44′00″N 9°13′00″E / 45.733333°N 9.216667°E45.733333; 9.216667 (Inverigo)Coordinate: 45°44′00″N 9°13′00″E / 45.733333°N 9.216667°E45.733333; 9.216667 (Inverigo)
Altitudine 232 m s.l.m.
Superficie 9 km²
Abitanti 8 981[1] (31-12-2010)
Densità 997,89 ab./km²
Frazioni Cremnago, Romanò Brianza, Villa Romanò,Bigoncio
Comuni confinanti Alzate Brianza, Arosio, Brenna, Briosco (MB), Carugo, Giussano (MB), Lambrugo, Lurago d'Erba, Nibionno (LC), Veduggio con Colzano (MB)
Altre informazioni
Cod. postale 22044
Prefisso 031
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013118
Cod. catastale E309
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti inverighesi
Patrono sant'Ambrogio
Giorno festivo 7 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Inverigo
Posizione del comune di Inverigo nella provincia di Como
Posizione del comune di Inverigo nella provincia di Como
Sito istituzionale

Inverigo (Inverigh in brianzolo, pronuncia fonetica IPA: /inveˈriik/), è un comune italiano di 8.561 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Inverigo si trova nella Brianza comasca occidentale, lungo il fiume Lambro. Lo sviluppo urbano è avvenuto in modo concentrico attorno alle residenze degli antichi signori delle frazioni che compongono il comune. Parte del territorio comunale fa parte del Parco Regionale della Valle del Lambro.

La città ha anche delle frazioni: Villa Romanò, Romanò Brianza, Cremnago, S. Maria, La Fornacetta e Guiano.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Inverigo è al centro delle principali arterie di comunicazione dell'Alta Brianza, sulla linea ferroviaria delle Ferrovie Nord Milano e a pochi chilometri dalla Milano-Lecco.

In particolare è presente una stazione posta nel tratto forse più panoramico della linea Milano-Asso.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa all'interno della tenuta di Pomelasca
  • Castello Crivelli
  • Chiesa di Sant'Ambrogio
  • Chiesa di San Lorenzo
  • Chiesa di San Biagio
  • Santuario di S. Maria della Noce e la relativa piazza del mercato
  • Villa Perego; tra il 1794 e il 1796 l'architetto Simone Cantoni ristrutturò le sue pertinenze
  • Villa Mezzanotte; dimora di Paolo Mezzanotte, architetto del Palazzo delle Borse di Milano
  • Tenuta di Pomelasca
  • Orrido di Inverigo, situato all'interno dell'ex Area Victory
  • Chiesa del Navello (Oratorio di S.Andrea al Navello, con storico altare e preziosi affreschi), situata all'interno dell'ex Area Victory
  • Viale Monumentale dei cipressi dagli Obelischi alle statue, di prossima fruibilità pubblica situato all'interno dell'ex Area Victory
  • Monumento ai caduti edificato nel 1936
  • Villa la Rotonda, è opera dell'architetto neoclassico Luigi Cagnola, realizzata tra il 1813 e la metà circa del successivo decennio, si trova sul più alto colle di Inverigo

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Dal primo dopoguerra sino ai primi anni 1990, Inverigo è stato oggetto di un passaggio da economia rurale all'industria artigianale e industriale; in particolare a Inverigo hanno sede alcune delle più importanti aziende del settore dell'arredamento.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca Comunale[modifica | modifica wikitesto]

La Biblioteca Comunale ha sede negli spazi dell'ex asilo nido, nella frazione di Villa Romanò, accanto alla Scuole Elementari, in via Carlo Bianchi.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio e Tv[modifica | modifica wikitesto]

A Inverigo è esistita tra il 1977 e il maggio 1983 una delle prime emittenti radiofoniche della Brianza: Radio Nevada International FM 102,9 e 104,4 MHz. Questa ultima frequenza veniva esercitata attraverso un ripetitore da 250 W posizionato in collina. Il trasmettitore, acquistato dalle forze armate americane di stanza a Monte Penice, permetteva a Radio Nevada International di raggiungere le zone sud di Milano.

Stazione molto seguita al tempo, soprattutto tra i giovani, aveva tratto il curioso nome da un pacchetto di gomme da masticare presente sul tavolo della riunione dei soci al momento della fondazione. Fu invece il pittore Emilio Alberti a ideare e dipingere il tricheco quale logo della radio. Un'altra curiosità relativa a questa emittente consisteva nella sede: inizialmente posizionata a Carugo, successivamente traslocò presso il Bar da Teresina a Cremnago di Inverigo, in Via Sabotino n. 23, dove per gli ultimi anni R.N.I. ebbe sede. Qui erano stati ricavati due locali dedicati alla stazione da dove le trasmissioni avvenivano 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Gli avventori del locale pubblico, quindi, potevano assistere alle trasmissioni della radio in diretta dal locale.

Nel maggio del 2013 viene presentato "Radio Nevada International (ovvero l'Italia al tempo delle radio libere)"[3]. Esattamente dopo trent'anni dalla chiusura della radio, grazie al supporto dell'associazione culturale inverighese "Il Muretto Culturale" e all'appoggio dell'amministrazione locale, viene sviluppato un documentario sulla storia di Radio Nevada International, nel quale vengono ricostruite con accuratezza le vicende uniche e divertenti di questa particolare emittente, grazie alla testimonianza della gran parte dei protagonisti di allora, oltre all'inserimento dei jingles originali trasmessi da Radio Nevada International e di alcune foto d'epoca. Il documentario è stato prodotto dall'associazione sopra citata con la collaborazione di Alioscia Mazzetto di Radio Deejay e Donnie de Moitiè in collaborazione con Davide Rizzi e Valentina Peretti. Il documentario vede inoltre la speciale partecipazione di Leo Valli, noto attore, che mosse i primi passi proprio come imitatore e speaker a Radio Nevada International

Persone legate ad Inverigo[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

La serie televisiva Una grande famiglia, andata in onda durante l'aprile-maggio del 2012, è ambientata e in parte girata ad Inverigo. In alcune scene si vedono la piazza del mercato, la fabbrica "Poliform" (in TV Rengoni), il viale dei cipressi e il bar "Fumagalli" (stazione di polizia).

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Giubiana, ultimo giovedì di gennaio;
  • Carnevale, sabato grasso;
  • Festa del Paese, terza domenica di luglio;
  • Festa del Santuario di S.Maria alla Noce, 15 agosto;
  • Festa del Lazzaretto, dall'8 al 22 agosto;
  • Sagra dell'Alborella, per due settimane dall'ultimo fine settimana di agosto;
  • Fiera Bej o Bej, 7 dicembre, S. Ambrogio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ www.radionevada.altervista.org

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia