Cusino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cusino
comune
Cusino – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Igor Curti (Lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 46°04′00″N 9°09′00″E / 46.066667°N 9.15°E46.066667; 9.15 (Cusino)Coordinate: 46°04′00″N 9°09′00″E / 46.066667°N 9.15°E46.066667; 9.15 (Cusino)
Altitudine 800 m s.l.m.
Superficie 9,65 km²
Abitanti 245[1] (31-12-2010)
Densità 25,39 ab./km²
Frazioni Palla, Campanile, Bertogno, Pomè
Comuni confinanti Carlazzo, Garzeno, Grandola ed Uniti, San Bartolomeo Val Cavargna
Altre informazioni
Cod. postale 22010
Prefisso 0344
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013085
Cod. catastale D232
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cusinesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cusino
Posizione del comune di Cusino nella provincia di Como
Posizione del comune di Cusino nella provincia di Como
Sito istituzionale

Cusino (Cùsin in dialetto laghée[2]) è un comune italiano di 260 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Situato in una conca ai piedi del monte Monte Pidaggia (1.528 m s.l.m.), sovrastato da uno sperone roccioso detto “Sasso di Cusino”, Cusino è il primo paese della Val Cavargna che si incontra salendo per la strada provinciale da Carlazzo. Si trova a circa 50 km da Como ed il suo territorio è compreso tra il Comune di Carlazzo a Sud, quello di Grandola ed Uniti a Ovest, di San Bartolomeo Val Cavargna a Est e di Garzeno a Nord.

Il comune è formato da cinque centri abitati: Cusino, Palla, Campanile, Bertogno e Pomè, quest'ultimo in realtà ormai quasi disabitato.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa della Natività di San Giovanni Battista sorge al centro del paese nell’omonima piazza lungo la provinciale. L'elemento architettonico che certamente distingue questa chiesa è il suo campanile, di indubbio stile romanico, databile alla fine del XII secolo. La volta e l'abside sono decorati a motivi geometrici e al suo interno conserva dipinti e alcuni strappi di affresco (tra cui "San Cristoforo e Santi") di notevole interesse.

L'oratorio di Sant'Ambrogio, probabilmente la chiesa più antica di Cusino (il suo nucleo centrale si presume risalente almeno alla fine del Duecento), sorge lungo i tornanti della strada provinciale che da Carlazzo porta alla Valle.

Il pezzo più importante che la chiesa conserva è certamente la scultura in marmo (databile all'XI o XII secolo) murata sopra il portale di ingresso, su cui è raffigurato il volto di un santo che gli abitanti vogliono essere Sant'Ambrogio ma che in realtà risulta essere una rappresentazione del Cristo. Questa scultura è l'unico esempio di altorilievo romanico nel comasco. Altre opere importanti conservate nella chiesa sono una colonnina in marmo di Musso in stile romanico e una scultura lignea raffigurante Sant'Ambrogio, copia di un originale di epoca barocca purtroppo trafugata da ignoti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 244.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Laura Facchin, Opere di artisti svizzeri alla Galleria Sabauda. Una prima indagine, in Giorgio Mollisi (a cura di), Svizzeri a Torino nella storia, nell'arte, nella cultura, nell'economia dal Cinquecento ad oggi, «Arte&Storia», anno 11, numero 52, ottobre 2011, Edizioni Ticino Management, Lugano 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]