Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Brunate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brunate
comune
Brunate – Stemma Brunate – Bandiera
(dettagli) (dettagli)
Panorama da via per Civiglio
Panorama da via per Civiglio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Davide Bodini (lista civica Risorsa Brunate) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°49′00″N 9°06′00″E / 45.816667°N 9.1°E45.816667; 9.1 (Brunate)Coordinate: 45°49′00″N 9°06′00″E / 45.816667°N 9.1°E45.816667; 9.1 (Brunate)
Altitudine 715 m s.l.m.
Superficie 2,03 km²
Abitanti 1 786[1] (31-12-2013)
Densità 879,8 ab./km²
Frazioni Cao, Carescione, Laghetto, Nidrino, Piani di Brunate, San Maurizio
Comuni confinanti Blevio, Como
Altre informazioni
Cod. postale 22034
Prefisso 031
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013032
Cod. catastale B218
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 085 GG[2]
Nome abitanti brunatesi
Patrono sant'Andrea Apostolo
Giorno festivo 30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brunate
Posizione del comune di Brunate nella provincia di Como
Posizione del comune di Brunate nella provincia di Como
Sito istituzionale

Brunate (Brünàa in dialetto comasco[3], pronuncia fonetica IPA: /bryˈna:/) è un comune italiano di 1 794 abitanti[4] della provincia di Como in Lombardia. Il paese è noto soprattutto per la presenza di numerose ville in stile eclettico e liberty, per essere collegato alla città di Como tramite una funicolare e per i numerosi punti panoramici da cui si può vedere l'intero arco alpino occidentale, la Pianura Padana e gli Appennini, caratteristica quest'ultima che l'ha reso noto come il "Balcone sulle Alpi". Una curiosità è che in paese vissero vari santi della chiesa cattolica[5].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Lombardia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale di Brunate si trova nelle Prealpi lombarde, in corrispondenza del vertice sud-ovest del cosiddetto Triangolo Lariano, ad un'altitudine compresa tra i 562 ed i 1027 metri (località CAO) sul livello del mare. Il paese di Brunate vero e proprio è situato ad una quota di 715 metri[6], addossato al crinale del Monte Tre Croci, esposto sul versante sud della montagna. Il suolo su cui è costruita Brunate è di natura calcarea, ma la presenza di depositi glaciali morenici ha reso molto fertile il sito[7].

Poco più a valle del paese è presente un piccolo altopiano (la località Piani di Brunate), collegato al centro storico da una strada carrozzabile stretta e tortuosa inaugurata il 15 giugno 1935[8].

Il territorio è in prevalenza ricoperto da boschi; le specie più presenti di alberi sono aceri, frassini, pini, betulle, robinie, querce, castagni e faggi[9].

I corsi d'acqua sono pressoché assenti, ridotti a rigagnoli che non raggiungono una grossa portata nemmeno nei periodi di pioggia. Sono invece presenti numerose sorgenti: la più nota è la "Fonte Pissarottino", situata in fondo all'omonima via, in prossimità di uno dei principali punti panoramici del paese[10][11].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Como.

Il clima di Brunate è quello tipico di mezza montagna[12].

  • D'estate il clima fresco e ventilato, con temperature che superano raramente i 25 °C all'ombra, favorisce l'afflusso di turisti in cerca di refrigerio dalle ben più torride città (Como dista solo sette minuti di funicolare).
  • Gli inverni invece sono piuttosto rigidi e le nevicate sono molto frequenti (fino a 50 centimetri in paese ed 1,50 metri nella località CAO); tuttavia, l'isolamento è scongiurato dalla presenza della Funicolare Como-Brunate, sempre attiva anche in caso di nevicate.

Ai sensi del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, il Comune di Brunate ricade nella zona climatica F, vale a dire quella in cui presenta un numero di gradi giorno maggiore di 3.000[13]: quindi è possibile l'accensione degli impianti di riscaldamento senza limitazioni[14] e sono previste agevolazioni fiscali a proposito di tali impianti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante gli scavi a Brunate per la costruzione di una cantina in pieno centro storico (giugno 1895) e di una villa in via Pissarottino (3 febbraio 1909) sono stati ritrovati reperti che fanno pensare ad un insediamento di tribù celtiche fin dal VI secolo a.C.[15] Nel centro storico furono rinvenute due fibule, due anelli a globetti, un braccialetto, un ciondolo ed un pezzo di catenella; in via Pissarottino invece un'urna cineraria, ciotole e bicchieri in terracotta, una fibula in bronzo, due anelli di bronzo ed una perla d'ambra forata[16].

Con la colonizzazione della convalle comasca da parte dei Romani, Brunate cominciò a seguire le stesse sorti di Como. Nella seconda metà del XII secolo Brunate riuscì a costituirsi libero Comune, ma già nel 1240 ritornò sotto la giurisdizione di Como, entrando nella circoscrizione cittadina di "Porta Sala"[17].

Punto di svolta per il piccolo borgo di Brunate fu la fondazione del monastero di Sant'Andrea nel 1340. Da questo momento, Brunate si configura come un luogo di isolamento religioso, dovuto alla difficoltà di accesso al paese. Difficoltà che dura fino al 1817, quando viene costruita una mulattiera che collega direttamente il paese a Como, il cosiddetto Sentierone per Como, che passa per l'ex monastero di San Donato e finisce a Como in via T. Grossi. Molto più tardi si aggiunsero le due strette e tortuose strade carrozzabili (una da Como ed una da Tavernerio) che sono tuttora usate per accedere al paese[18].

A cavallo tra Ottocento e Novecento, da piccolo insediamento rurale medievale Brunate diventa una famosa meta per le famiglie benestanti milanesi, raggiungendo il suo massimo splendore, simboleggiato dalla costruzione di un casinò, che verrà chiuso dopo la seconda guerra mondiale cedendo la licenza a Campione d'Italia[19].

Il flusso turistico verso Brunate, nonché l'arrivo in paese dell'alta borghesia milanese, venne reso possibile anche grazie alla costruzione, da parte delle Ferrovie Nord Milano, della linea ferroviaria Milano-Grandate, ultimata nel 1896. La linea si congiungeva al tratto Camerlata-Como già realizzato nel 1875. Alle ferrovie bisogna aggiungere l'apertura della Funicolare Como-Brunate nel 1894[20] e l'inaugurazione del primo tram a Como nel 1899, in occasione del centenario della pila di Volta[21].

Questo afflusso turistico continuò fino alla Seconda guerra mondiale, quando il paese, protetto contro possibili bombardamenti dalla vicinanza alla Svizzera, divenne meta di molti sfollati. Il 1º agosto 1943, Brunate perse la sua autonomia, diventando frazione di Como; ritornò Comune nel luglio 1947[22], a seguito di una petizione popolare[18][23].

A partire dal secondo Dopoguerra Brunate cominciò a vivere una fase di declino per quanto riguardava la sua peculiarità principale, vale a dire quella di essere una rinomata località turistica; infatti, come si vedrà anche nella sezione "Turismo", gli alberghi di Brunate hanno quasi tutti cessato l'attività. Il paese è passato da località di villeggiatura "d'élite" a luogo da turismo di massa stile "mordi e fuggi". Il visitatore tipico si limita alla visita del centro storico, del Faro Voltiano e dei panorami[24].

Il nome di Brunate è tornato recentemente alla ribalta nazionale con l'emissione, da parte del Sindaco, di un'ordinanza entrata in vigore il 1º marzo 2008[25] che vieta l'accesso sul territorio comunale dalle 7 alle 20 delle autovetture più larghe di 184 cm e con ruote dal diametro superiore ai 730 millimetri. Questa ordinanza, contestata da commercianti, albergatori e possessori di fuoristrada e monovolume, mira a escludere l'accesso a Brunate ai mezzi troppo ingombranti, causa la larghezza ridotta delle strade brunatesi. Per questo oggi, data anche la scarsità di parcheggi, il mezzo di trasporto più consigliato per accedere al "Balcone sulle Alpi" è ancora senza dubbio la Funicolare[26].

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del toponimo "Brunate" sono alquanto incerte[27]; vi sono a tal proposito tre possibili ipotesi:

  • per alcuni, Brunate deriva da Prunear, che significa "paese nato tra i pruni";
  • altri lo traggono dal termine celtico Brunear, che vuol dire "monte a oriente" (si veda anche il termine celtico Brig, che significa "altura", origine di toponimi di altre città come Brescia o Breno in BS, oppure della località Brè posta nel Comune di Lugano (Svizzera): tutti questi luoghi hanno avuto origine su delle alture, proprio come Brunate);
  • secondo un'altra teoria, invece, Brunate deriva dal termine di origine germanica Brunnen, cioè "fonte"; questo probabilmente per le molte sorgenti che sgorgano nel territorio comunale (tra cui la già citata "Fonte Pissarottino").

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma ufficiale di Brunate (1973)
Gonfalone di Brunate

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma di Brunate[28], approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 29 gennaio 1969, è stato concesso ufficialmente con decreto del Presidente della Repubblica del 19 febbraio 1970[29]. Esso è costituito da uno scudo sannitico, sormontato da una corona turrita ricompreso in un serto di alloro e di quercia.

È ripartito obliquamente da sinistra a destra in due parti da una fascia azzurra leggermente curvata verso destra, in cui vi sono contenute tre stelle d'argento a sette punte; la parte in alto a destra è rossa con un Sole antropomorfo d'oro a 16 raggi; la parte in basso a sinistra è di colore argento e vi sono raffigurate tre montagne verdi (quella centrale è il Monte Tre Croci) ed il lago alle loro pendici[30][31].

L'associazione di questo stemma al Comune di Brunate risale alla fine de XIX secolo, quando l'allora Sindaco Antonio Monti trovò nell'archivio di famiglia uno stemma molto simile a quello attuale con sotto riportata la scritta "Brunate", probabilmente opera dello storico Maurizio Monti. Dai primi del Novecento esso fece la sua comparsa sui timbri, sui sigilli e sulla carta intestata del Comune, subendo negli anni piccole modifiche, fino alla sua ufficializzazione avvenuta nel 1973. A partire dal 1990 sui timbri e sulla carta intestata del Comune appare una variante dello stemma ufficiale – che rimane sempre tale – in bicromia bianco-nera ed a forma di goccia rovesciata.

Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Il gonfalone[28] del Comune di Brunate è stato approvato dal Consiglio Comunale e concesso dal Presidente della Repubblica con i medesimi atti dello stemma; è costituito da un drappo ripartito trasversalmente in due settori: la parte in alto a destra è bianca, mentre quella in basso a sinistra è rossa. Al centro vi è lo stemma comunale e la scritta in argento "Comune di Brunate"[32].

Sant'Andrea Apostolo

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Andrea Apostolo[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di Brunate è dedicata al patrono Sant'Andrea Apostolo e si trova in piazza della Chiesa. Le sue prime notizie risalgono al Trecento, insieme all'annesso monastero oggi demolito; fu ampliata da ultimo tra il 1914[33][34] ed il 1927 (da qui la presenza di due facciate)[34]. Vi si conservano reliquie di Maddalena Albrici[35]. Nella chiesa è conservato inoltre un organo a canne risalente al 1827[36].

Altre chiese[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesetta della Madonna di Pompei, in pieno centro storico, all'incrocio tra le vie P. e M. Monti e A. Manzoni[37].
  • La chiesa del Sacro Cuore di Gesù[37], chiesetta immersa nel verde della località Piani di Brunate affiancata da un piccolo campanile (via ai Piani).
  • La chiesa di San Maurizio[37], posta nell'omonima località (via G. Scalini), che presenta sulla facciata un affresco raffigurante il Santo guerriero.
  • Il santuario di Santa Rita[37], in località CAO (via alle Colme).

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Centro storico, vicolo M. Monti

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

Il centro storico di Brunate è caratterizzato da viuzze a scalinata che si arrampicano sul pendio e tagliate trasversalmente dalla via P. e M. Monti, strada principale del centro stesso.

In esso sono presenti antichi edifici, portali in pietra e diverse corti: le più importanti sono la Corte del Castello[38], uno dei luoghi più antichi di Brunate, e la Corte degli Ebrei, risalente al XIV secolo[39].

Appena usciti dalla Corte degli Ebrei, in una piazzetta si trova la cosiddetta Cappelletta, piccola chiesa dedicata alla Madonna di Pompei.

Faro Voltiano

Faro Voltiano[modifica | modifica wikitesto]

Il Faro Voltiano[40] è una torre ottagonale alta 29 metri eretta nel 1927 sulla vetta del Monte Tre Croci (località San Maurizio) in occasione del centenario della morte di Alessandro Volta. Nella volta centrale del faro fu collocato un busto del fisico comasco, rappresentato in età avanzata, donato dai postelegrafonici. Il faro fu inaugurato l'8 settembre 1927 con l'intervento dell'allora Ministro delle Comunicazioni, Costanzo Ciano. Progettato dall'ingegnere Gabriele Giussani, ha al suo interno una scala a chiocciola di 143 gradini che permette di raggiungere due balconate circolari: la prima poco sopra il portone d'ingresso, la seconda all'esterno della lanterna; da questi punti è possibile vedere panorami che spaziano sull'arco occidentale della catena alpina, fino al Monte Rosa[41]. Il faro, a partire dal tramonto e fino all'alba, emette alternativamente luce verde, bianca e rossa.

Ville[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale sono presenti numerose ville[42] in stile eclettico e liberty disseminate per il territorio e circondate da sontuosi parchi, oggi purtroppo non più frequentate come un tempo in estate, ma comunque nobili testimoni di un'epoca felice. Si trovano in particolare lungo le vie Pissarottino, Roma, A. Pirotta e G. Scalini.

Qui di seguito vengono riportate quelle più interessanti dal punto di vista architettonico[43].

Stile eclettico[modifica | modifica wikitesto]
  • Villa Duca (via Roma): costruita nel 1906, è caratterizzata da una torretta ottagonale; le cornici delle finestre e degli ingressi sono in stile Liberty[44].
  • Villa Cantoni: presenta tratti che si rifanno a una reinterpretazione del manierismo[45][45][46].
  • Villa Calderini (via Roma): edificata tra gli Anni Dieci e Venti del XX Secolo, presenta elementi stilistici dei più disparati (elementi medievali, cinquecenteschi, settecenteschi, ma anche egizi e mesopotamici)[45][47].
  • Villa Dolara (via A. Pirotta): ultimata nell'agosto 1896, riprende i motivi del castello medioevale[48].
  • Villa Giussani (via A. Pirotta): costruita tra il 1901 ed il 1904, presenta elementi manieristici e dello stile floreale.
  • Villa Manfredini (via Pissarottino): a forma di chalet, è stata progettata nel 1913-14 dall'ingegnere milanese Achille Manfredini, che l'ha abitata per alcuni anni[45][49].
  • Villa Biraghi presenta uno stile con forme tipiche dello chalet alpino[45][45][50].
  • Villa Ancona-Capè (via Pissarottino): progettata negli anni 1910-1911 dall'architetto comasco Federico Frigerio, si trova al centro di uno dei più grandi giardini privati di Brunate; proprio durante gli scavi per la realizzazione di questa villa venne ritrovata un'urna cineraria ed altri oggetti di epoca celtica[51].
  • Villa Marchello (via Roma): terminata nel 1920 in stile neo-rinascimentale, con bel giardino all'italiana dello stesso stile dell'edificio, è probabilmente opera dell'ing. Giussani.
  • Villa Ghezzi (via Pissarottino): del primo decennio del XX secolo, presenta una torretta-belvedere posta al centro e, nel giardino, un caratteristico finto pozzo in ferro battuto; in linea di massima si rifà allo stile rinascimentale, che arricchisce a tratti con eclettiche fioriture stilistiche[45][52].
  • Villa Augusta (via Pissarottino): realizzata nel 1902, è formata da due corpi che si congiungono ad "L" tra di loro.
  • Villa Camponovo (via per Como): realizzata nel 1944, presenta due absidiole, due aggetti, una torretta ed un'ampia scalinata esterna.
  • Villa La Baita (via G. Scalini): ultimata nel 1920 su progetto dell'architetto comasco Federico Frigerio, è stata realizzata riprendendo lo stile neomedioevale.
  • Villa Antonelli (via G. Scalini): costruita tra il 1902 ed il 1906, è caratterizzata da una torretta e dal rivestimento in mattoni rossi.
  • Villa Montanara (via Varesello): ricostruita nel 1894 su un edificio preesistente, riprende lo stile tipico dello chalet nordico.
  • Castello dei Piani (via ai Piani): risalente al 1922, questa villa è così chiamata perché riprende le forme del tipico castello lombardo.
Stile liberty[modifica | modifica wikitesto]
  • Villa Pirotta (via A. Pirotta): progettata nel 1902 dall'architetto comasco Federico Frigerio e realizzata subito dopo, è la più maestosa villa brunatese, tanto da essere considerata come una "piccola Versailles". Oggi è abitata dai discendenti del chimico Alberto Bonacossa. In generale, possiamo identificare il suo stile come direttamente derivato da quello di moda sotto il regno di Luigi XV[45][53].
  • Villa Giuliani (via Roma): risalente al secondo periodo del liberty e di proprietà della famiglia fondatrice dell'omonima casa farmaceutica, è caratterizzata da ricchi apparati ornamentali che rappresentano molto bene le caratteristiche dello stile liberty con un ricco apparato ornamentale eseguito in cemento, ferro battuto, vetro, ceramica e dipinti distribuiti sulle facciate; oggi è sede della sezione locale dell'Associazione Nazionale Alpini e viene utilizzata per eventi di vario genere (mostre, cerimonie, ricevimenti, ecc.); Vicino alla fermata della funicolare troviamo le "Tre Fontane", un manufatto razionalista degli anni Trenta con un bassorilievo a grottesche. Originariamente le due colonne laterali terminavano con le teste di Mussolini e di Vittorio Emanuele III, eliminate dopo la guerra.
  • Villa Orlandi (via Pissarottino): sorta durante l'ultima stagione del liberty, presenta decorazioni e graffiti diversi per ogni lato[54].
  • Villa Marinoni (via Pissarottino): costruita alla fine degli Anni Dieci del XX secolo, è una villa piuttosto slanciata, sviluppata su tre piani[55].
  • Villa Farneti (via G. Scalini): edificata dopo la Prima guerra mondiale, presenta una torre panoramica quadrata.
  • Chalet Sonzogno (via Nidrino): costruzione di legno. Il villino è un prefabbricato canadese realizzato per l'Esposizione Internazionale di Torino nel 1902 e poi messo in palio come 3º premio dal giornale "Il Secolo" di Sonzogno per gli abbonati del 1904.

Eremo di san Donato[modifica | modifica wikitesto]

Sulla costa del monte di Brunate troviamo l'Eremo di san Donato eretto dai francescani nel XV secolo. Il convento esiste ancora, da cinque secoli domina la città con la sua mole severa, ma non è più luogo di preghiera poiché è sconsacrato da quando Maria Teresa d'Austria abolì i privilegi della chiesa lombarda e soppresse numerosi conventi[56].

Vista del Lago di Como dal faro di Brunate

Panorami[modifica | modifica wikitesto]

Brunate è frequentata dai turisti soprattutto per ammirare i panorami che hanno contribuito a ribattezzare il paese come "il Balcone sulle Alpi". In giornate limpide è infatti possibile vedere distintamente i grattacieli di Milano, ma soprattutto l'intero arco alpino occidentale (da cui si staglia in particolare il Monte Rosa), la Pianura Padana e gli Appennini. I migliori punti panoramici sono posti in fondo alla via Pissarottino, sul Piz Belvedere (all'incrocio con via A. Pirotta), in piazza A. Bonacossa e sul Faro Voltiano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[57]


La popolazione di Brunate ha subito un grande incremento nel secondo Dopoguerra. Sono principalmente due i fattori che hanno contribuito ad un aumento di residenti così rilevante in quindici anni (+ 117,46% tra il 1936 ed il 1951): innanzi tutto si è verificato un vertiginoso aumento delle nascite rispetto al periodo pre-bellico[58] e poi sono aumentate le immigrazioni di persone, anche provenienti dal Sud Italia, alla ricerca di posti di lavoro che, a quell'epoca, a Brunate non mancavano[59].

Dal censimento del 2001 al 2011 la popolazione residente a Brunate, dopo una lunga fase di stallo, ha ripreso a crescere, tanto che all'ultima rilevazione statistica annuale (riferita al 31 dicembre 2013) il Comune conta 1 786 abitanti (+ 64 rispetto al citato censimento, per un totale di 777 famiglie composte in media da 2 componenti[60]). Un fatto decisamente insolito per un Comune montano qual è Brunate, ma che è dovuto principalmente alla sua posizione strategica rispetto a Como, città raggiungibile in soli sette minuti di Funicolare: in pratica, alla pari di altri paesi della cintura comasca come Grandate, Lipomo, Montano Lucino, Cernobbio, Maslianico e San Fermo della Battaglia, Brunate è diventato un sobborgo del capoluogo lariano.

L'incremento degli ultimi anni è dovuto all'immigrazione di persone provenienti dall'estero, in particolare da Romania, Turchia, El Salvador, Ucraina e Marocco, che trovano per lo più impiego presso le relativamente numerose imprese edili artigiane presenti sul territorio comunale oppure presso le ville brunatesi in qualità di domestici.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º gennaio 2013 Brunate conta 141 stranieri residenti (l'8% della popolazione), di cui 102 provenienti da Paesi non appartenenti all'Unione europea. La comunità nazionale più numerosa è quella di El Salvador con 17 persone[61][62].

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto comasco.

Oltre alla lingua italiana, a Brunate è utilizzato il locale dialetto comasco, una variante della lingua lombarda. Come tutti i dialetti lombardi occidentali, anche il comasco è sostanzialmente una lingua romanza derivata dal latino[63].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

A Brunate esiste una biblioteca comunale. Dapprima la sua sede era al piano interrato del Municipio. Poi, il 28 ottobre 2006, è stata inaugurata la nuova sede, presso l'ex Albergo Volta, non lontano dalla stazione della funicolare[64].

La nuova biblioteca, distribuita su tre piani, ha anche un annesso auditorium da 80 posti utilizzato per concerti, conferenze ed altri eventi di carattere culturale.

Dal 2002 la biblioteca di Brunate fa parte del Sistema Bibliotecario Intercomunale di Como[65].

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio di Brunate sono presenti le seguenti tipologie di scuole:

  • un micronido, gestito da privati ma convenzionato con il Comune[66], destinato ai bambini di età compresa tra i 12 ed i 36 mesi
  • una scuola dell'infanzia, dedicata ad Eleonora Pedraglio, gestita da un'associazione privata ma anch'essa convenzionata con il Comune[67]
  • una scuola primaria statale, intitolata all'ex Sindaco Gabriele Giussani

Visto che la normativa italiana prevede l'obbligo scolastico per tutti i ragazzi fino ai sedici anni e siccome Brunate può garantire nelle strutture presenti sul suo territorio la frequenza solo fino alla scuola primaria, l'Amministrazione Comunale interviene ogni anno in favore degli studenti delle scuole secondarie di primo grado e dei primi due anni delle scuole secondarie di secondo grado, pagando per ciascuno di essi la metà dell'abbonamento mensile della funicolare, unico mezzo di trasporto pubblico che unisce Brunate al capoluogo lariano[68].

Persone legate a Brunate[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Brunate è interessata, soprattutto in estate, da diverse manifestazioni a carattere culturale (conferenze, letture, concerti, proiezioni), che si svolgono in prevalenza nell'auditorium della nuova Biblioteca Comunale. Altre manifestazioni musicali hanno luogo nei giardini delle ville presenti sul territorio e nel centro storico.

Brunate era rinomata per la "Festa del Narciso", un tempo fiore tipico dei prati brunatesi, che si teneva nel mese di maggio; organizzata per la prima volta nel 1936, divenne nel 1966 "Brunate in fiore" e dal 1967 "Armonie fiorite". L'ultima edizione si tenne nel 1973[75]. Dal 1996 al 2008 si è invece tenuta la rassegna "Appuntamenti Musicali", che consisteva in concerti eseguiti nelle ville brunatesi[76].

Ulteriori eventi di rilievo sono:

  • il torneo di calcio dei rioni (Castello, Doss, Laghetto e Nidrino), che si svolge nella prima metà di luglio presso il centro sportivo del Nidrino
  • la festa di San Maurizio, secondo patrono del Paese; è una tipica sagra paesana organizzata dalla locale sede dell'Associazione Nazionale Alpini che si tiene ogni anno alla terza domenica di settembre nell'omonima località, animata da pranzo all'aperto, giochi e gare sportive
  • la festa in onore del patrono Sant'Andrea Apostolo, che si svolge il 30 novembre. Il giorno precedente viene effettuata una fiaccolata che ha inizio in un paese - differente anno per anno - avente Sant'Andrea Apostolo come santo protettore e che termina alla Chiesa parrocchiale[77]. Sui davanzali delle case che si affacciano sulle vie interessate da questa fiaccolata vengono accesi dei lumini, che rendono ancora più suggestivo il percorso. Nel giorno di commemorazione del Santo si organizzano manifestazioni, una fiera di merci di vario genere ed un'esposizione di prodotti tipici locali.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il vero e proprio paese di Brunate si identifica con il centro storico, sviluppatosi ai piedi del vecchio monastero di Sant'Andrea, di cui oggi è rimasta la sola chiesa, pesantemente rimaneggiata esternamente nei primi anni del XX secolo[34].

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale di Brunate esistono anche altri nuclei abitati:

  • San Maurizio, situato poco al disotto della cima del Monte Tre Croci, dove sono presenti la chiesa di San Maurizio ed il Faro Voltiano;
  • CAO (acronimo di Club Alpino Operaio), posto al termine della strada in pavé che da San Maurizio porta al sentiero della Dorsale del Triangolo Lariano, in questa località c'è un piccolo santuario dedicato a Santa Rita;
  • Nidrino, centro residenziale ad ovest del centro storico, sviluppatosi soprattutto negli anni Settanta, in cui si trova il centro sportivo comunale;
  • Piani di Brunate, anch'esso costituito in prevalenza da villette edificate negli anni Settanta sull'altopiano presente al disotto del centro storico, dove ci sono la caratteristica chiesetta del Sacro Cuore di Gesù e il già citato Castello;
  • Carescione, piccolo nucleo di case posto tra la località Piani ed il tracciato della funicolare;
  • Laghetto, situato nella parte orientale del territorio comunale, così chiamato per la presenza in passato di un piccolo lago, che alimentava l'antico lavatoio oggi demolito. Questo invaso venne prima coperto (1939)[8] e poi del tutto prosciugato (1975) per far spazio ad un parcheggio[78]. Nei pressi c'è la stazione dei Carabinieri.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura e silvicoltura[modifica | modifica wikitesto]

L'agricoltura e la silvicoltura in passato hanno rivestito una grande importanza per l'economia brunatese: le coltivazioni si trovavano in località Laghetto ed erano disposte su terrazzamenti artificiali; venivano coltivate tutte le specie di ortaggi ad eccezione delle patate, che non si adattavano alla tipologia del terreno[79]. In particolare Brunate era rinomata in tutto il territorio lariano per la coltivazione delle cipolle[80]. A Brunate inoltre venivano coltivati i castagni da frutto[81].

A partire dagli anni della Seconda guerra mondiale le coltivazioni di ortaggi e di castagni sono state del tutto abbandonate: in particolare, i terrazzamenti sono oggi ricoperti da robinie[82].

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra i secoli XVII e XIX Brunate era nota per la produzione artigianale di strumenti di fisica, in particolare di barometri e termometri. Questi artigiani, chiamati baromèta, erano particolarmente rinomati non solo nel circondario, ma anche in tutta Europa, tanto che numerosi baromèta lasciarono definitivamente Brunate per stabilirsi soprattutto in Francia, ove trovarono condizioni favorevoli per gestire i loro affari[83][84].

Inoltre, grazie alla presenza di fitti boschi, a Brunate era fiorente l'artigianato del legno: dal castagno si ricavavano i serramenti, dal frassino i mobili e dall'olmo (essenza oggi scomparsa dai boschi di Brunate) i ceppi per i macellai[79].

Oggi, scomparsi quasi del tutto i falegnami, le imprese artigiane sono presenti nel settore dell'edilizia.

Industria[modifica | modifica wikitesto]

L'industria nel senso di esistenza di fabbriche e simili non è mai esistita a Brunate. Erano invece presenti sul territorio una cava di sabbia (chiamata Cassinella), una di pietre (da cui si ricavavano i sassi per i terrazzamenti) ed una d'argilla; particolarmente attiva quest'ultima, da cui si estraeva il materiale per la produzione dei coppi dei tetti delle case di Brunate. Anche questo tipo di attività è venuto a cessare negli anni della Seconda guerra mondiale[82].

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

In generale[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la crisi del secondo Dopoguerra, che ha pesantemente ridimensionato il flusso turistico, l'economia di Brunate è basata essenzialmente sul turismo, meno elitario e più di massa rispetto al passato. I grandi alberghi, oggi abbandonati, sorti all'inizio del Novecento (primo fra tutti il Grand Hotel Milano[85][86], seguito dal sottostante Grand Hotel Brunate[87][88], e dagli alberghi La Lucciola, Alla Mirandola, Miramonti e Paradiso) hanno lasciato spazio[89] a piccole strutture ricettive a conduzione familiare e ad attività atte ad accogliere turisti per brevi periodi di tempo[90].

Le camminate[modifica | modifica wikitesto]

Altra caratteristica che rende Brunate un'importante località turistica è quella di essere un punto di partenza per numerose camminate che interessano il Triangolo Lariano. In particolare si segnalano tre percorsi, molto battuti dagli appassionati di trekking.

Strada Regia[modifica | modifica wikitesto]
Pietra Pendula

La "Strada Regia"[91] è un percorso inaugurato nel 2006 dopo interventi di ripristino e di messa in sicurezza; parte nei pressi del Centro Sportivo Comunale del Nidrino e permette di raggiungere Bellagio camminando su sentieri a mezza costa. Tale percorso, che un tempo fungeva da mulattiera di collegamento tra i paesi della sponda orientale del Lago di Como prima della realizzazione della nuova strada carrozzabile, permette di scoprire monumenti naturali come i massi erratici (in particolare, con piccole varianti dal percorso, la Pietra Nairola, il Sasso del Lupo e la Pietra Pendula) ed i massi avello (sepolcri di epoca barbarica scavati nei massi erratici) e paesini caratteristici

Dorsale del Triangolo Lariano[modifica | modifica wikitesto]
Cappella sul Palanzone
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dorsale del Triangolo Lariano.

Questo percorso permette di raggiungere Bellagio camminando sul sentiero che percorre la cresta del Triangolo Lariano, sfiorando i monti Boletto, Bolettone, Palanzone e San Primo. Tale tracciato, percorribile anche in mountain bike, offre agli escursionisti spettacolari panorami sul Lago di Como e sulle zone circostanti

Brunate - Como - Torno[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso inizia vicino alla fermata della funicolare. Lungo la strada si possono ammirare le sontuose ville Liberty. Proseguendo lungo via Nidrino, la strada si biforca sulla sinistra, si raggiunge il campo sportivo, s'inizia il sentiero nel bosco che, a tratti, lascia intravvedere tra la ricca vegetazione, bei panorami del lago. Lungo il sentiero vi è un enorme monolito di granito ghiandone proveniente dalla Val Masino. La leggenda dice che sotto, nella caverna, viveva un lupo terribile che rapiva i bambini cattivi.

Dopo due ore circa si raggiunge l'abitato di Montepiatto con l'antica chiesetta dedicata a S. Elisabetta, in una splendida posizione panoramica, poco distante appare l'imponente Pietra Pendula, un enorme fungo in precario equilibrio che si staglia nel bosco. Proseguendo verso nord si percorre una strada in discesa che conduce a Piazzaga e percorrendo una bella mulattiera acciottolata che attraversa antichi terrazzamenti coltivati si scende a Torno. Percorso facile che permette di scoprire monumenti naturali come i massi erratici (in particolare, la Pietra Nairola, il Sasso del Lupo) ed i massi avello (sepolcri di epoca barbarica scavati nei massi erratici).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Per la particolare configurazione del luogo in cui sorge Brunate, questa è collegata agli altri centri abitati della Provincia da due strade carrozzabili molto strette e tortuose:

Sempre a causa della larghezza ridotta delle strade comunali, l'ordinanza sindacale n. 1100 del 18 febbraio 2008, in vigore dal 1º marzo 2008, vieta l'accesso sul territorio comunale dalle 7 alle 20 delle autovetture più larghe di 184 centimetri e con ruote dal diametro superiore ai 730 millimetri[26].

Impianti a fune (Funicolare)

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Funicolare Como-Brunate.
Carrozza bruCO n. 13

Ha favorito lo sviluppo del turismo, nei primi anni del XX secolo è diventata la stazione estiva più famosa della "Belle Epoque" per le ricche famiglie milanesi.

La Funicolare Como-Brunate è stata inaugurata l'11 novembre 1894[20], ha inizio a Como in piazza A. De Gasperi ed arriva a Brunate in piazza A. Bonacossa.

Questo pittoresco mezzo di trasporto, che tra l'altro costituisce l'unica linea extraurbana che interessa il paese, compie il tragitto Como-Brunate in 7 minuti, superando un dislivello di circa 500 metri con pendenza massima del 55%.

Nel tragitto Como - Brunate si può godere del panorama sulla città di Como. Di fronte alla stazione d'arrivo attraverso un'ampia vetrata di può osservare l'imponente sala macchine che permette il funzionamento della Funicolare stessa.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

L'unico mezzo di trasporto urbano di Brunate è il bus Brunate-CAO. Esso collega la stazione della Funicolare stessa, sita in piazza A. Bonacossa, con il parcheggio della località CAO, punto di partenza del sentiero della Dorsale del Triangolo Lariano. Il servizio su questa linea è giornaliero durante i mesi estivi, solo festivo durante il resto dell'anno[92].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Villa Franceschini, sede del municipio[93]

La tabella seguente elenca i nomi dei sindaci che dal 1860 si sono susseguiti alla guida del Comune[94].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1860 1866 Giovanni Monti Sindaco
1866 1872 Francesco Monti Sindaco
1872 1884 Antonio Monti Sindaco
1884 1884 Giuseppe Pedraglio Sindaco
1884 1915 Antonio Baserga Sindaco
1915 1926 Angelo Zannini Sindaco
1926 1927 Eugenio Levati Commissario prefettizio
1927 1927 Candido Luciano Marchini Commissario prefettizio
1927 1930 Federico Lo Monaco Commissario prefettizio
1930 1940 Giuseppe Grippa Podestà
1940 1943 Luigi Aliverti Commissario prefettizio
1943 1943 Gabriele Giussani Commissario prefettizio
1943 1947 --- Sindaco Frazione di Como
1947 1948 Giuseppe Russo Commissario prefettizio
1948 1949 Enrico Ghezzi Sindaco
1949 1952 Luigi Silo Sindaco
1952 1959 Gabriele Giussani San Maurizio a cavallo Sindaco
1959 1960 Camillo Bianchi Fetuccia Sindaco
1960 1963 Carlo Fontana Sindaco
1963 1964 Antonio Noseda Sindaco
1964 1970 Camillo Bianchi Fetuccia Sindaco
1970 1975 Socrate Meconcelli Sindaco
1975 1984 Giovanni Bernasconi Sindaco
1984 1995 Angelo Doneda Sindaco
1995 1999 Francesco Bianchi Fetuccia Sindaco
1999 2009 Darko Pandakovic Viviamo Brunate Sindaco
2009 in carica Davide Bodini Risorsa Brunate Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il centro sportivo comunale del Nidrino[95] comprende un campo di calcio ad 11, una palestra, un campo da tennis e una struttura coperta polivalente[96].

La locale squadra di calcio, l'Associazione Sportiva Dilettantistica Brunatese, partecipa ai campionati giovanili organizzati dalla F.I.G.C e ai tornei amatoriali organizzati dal C.S.I.[97].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione Brunate 2001-2013
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 103.
  4. ^ Dato aggiornato al 31 dicembre 2011; fonte: Ufficio Anagrafe
  5. ^
    « Su questo monte ebbe ospitale ricovero contro l'ira ingiusta del marito Santa Guglielma.
    Qui visse e fece transito al Cielo la B. Maddalena Albrici. Ci dimorarono il B. Antonio da S. Germano e S. Bernardino da Siena.
    L'umile Brunate fu detto Terra di Santi
     »
    (Lapide posta sulla facciata nord della chiesa di Sant'Andrea Apostolo)
  6. ^ Brunate: Clima e Dati Geografici su comuni-italiani.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  7. ^ Pandakovic/Viganò, p. 44
  8. ^ a b Casnati 1994, p. 36
  9. ^ Pandakovic/Viganò, p. 46
  10. ^ Fonte Pissarottino su geoview.info. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  11. ^ Un pomeriggio a Brunate, il giardino di Como su nuok.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  12. ^ Il clima di Brunate su centrometeo.com. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  13. ^ Per Brunate i gradi-giorno sono 3.085; fonte: ENEA
  14. ^ Zone climatiche italiane su eurometeo.com. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  15. ^ Da qui la possibile origine celtica del toponimo "Brunate"; si veda a tal proposito la sezione "Toponimo"
  16. ^ E. Casnati, pp. 34-36.
  17. ^ La Lombardia paese per paese, p. 505
  18. ^ a b E. Casnati, pp. 81-82
  19. ^ Ettore Casnati, L'avventura del Casinò di Brunate in Broletto, nº 1.
  20. ^ a b Funicolare Como-Brunate su atm-mi.it, Azienda Trasporti Milanesi. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  21. ^ Cartoline d'Epoca: Treni, Tram, Ferrovie, Stazioni e tanto altro ancora su ferrovieinrete.com. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  22. ^ L'ultimo atto di Stato Civile di Brunate come Comune autonomo fu un atto di nascita datato 12 agosto 1943, mentre il primo atto dopo la ricostituzione del Comune fu un atto di morte del 26 novembre 1947; fonte: Ufficio dello Stato Civile
  23. ^ Testo e firme della petizione popolare sono conservate nell'archivio comunale
  24. ^ Brunate su comotourism.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  25. ^ Ordinanza n. 1100 del 18 febbraio 2008
  26. ^ a b Come arrivare a Brunate su comune.brunate.co.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  27. ^ E. Casnati, p. 33
  28. ^ a b Casnati 1994, pp. 20-21
  29. ^ Copia di tale decreto è conservato negli archivi comunali
  30. ^ Il decreto parla di "trinciato ad una banda arcuata d'azzurro caricata da tre stelle d'oro; il 1° di rosso al sole d'oro; il 2° d'argento a tre monti di verde - quello centrale cimato da tre croci di nero poste a ventaglio - uscenti da un lago al naturale. Ornamenti esteriori da Comune"
  31. ^ Stemma Comune di Brunate su comuni-italiani.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.
  32. ^ Il decreto di concessione lo descrive come "Drappo trinciato, di bianco e di rosso, riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento: Comune di Brunate. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta a nastri tricolorati da colori nazionali frangiati d'argento".
  33. ^ La prima pietra fu posata il 30 aprile 1914 alla presenza del vescovo di Como Alfonso Archi
  34. ^ a b c Casnati 1994, p. 29
  35. ^ E. Casnati, pp. 40-44
  36. ^ Scheda dello strumento (PDF) su colzaniorgani.it. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  37. ^ a b c d Parrocchie su comune.brunate.co.it. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  38. ^ Il termine "Castello" è qui utilizzato non nel senso di "castello medievale", ma di castrum, cioè di edificio recintato e quindi resistente agli assalti
  39. ^ Touring Club Italiano, p. 150
  40. ^ Faro Voltiano su lakecomo.it. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  41. ^ Touring Club Italiano, p. 151
  42. ^ C. De Carli
  43. ^ Cecilia De Carli, Brunate tra eclettismo e liberty, Nodo libri, 2009, ISBN 9788871851600.
  44. ^ VILLA DUCA su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  45. ^ a b c d e f g h Percorso lungo (primo giorno) su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  46. ^ VILLA CANTONI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  47. ^ VILLA CALDERINI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  48. ^ VILLA DOLARA PASINI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  49. ^ VILLA MANFREDINI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  50. ^ VILLA BIRAGHI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  51. ^ Si veda a tal proposito la sezione "Storia"
  52. ^ VILLA GHEZZI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  53. ^ VILLA PIROTTA BONACOSSA su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  54. ^ VILLA ORLANDI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  55. ^ VILLA MARINONI su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  56. ^ Piero Orlandi e Gian Carlo Botti, Monasteri e conventi in Lombardia, CELIP, 1998, pp. 69 e segg..
  57. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  58. ^ Si è passati da una media di 10 nascite negli anni Trenta ad una media di 22 nell'immediato Dopoguerra; fonte: Ufficio dello Stato Civile
  59. ^ Analizzando gli archivi anagrafici comunali, si può vedere come le persone immigrate a Brunate erano per lo più camerieri, cuochi e muratori: ciò a testimonianza della vocazione turistica del Comune, che cercava di risollevarsi economicamente con lo sviluppo delle strutture ricettive e con la costruzione di nuove case per vacanze
  60. ^ Popolazione Brunate 2001-2013 su tuttitalia.it. URL consultato il 1 marzo 2015.
  61. ^ Fonte: Ufficio Anagrafe
  62. ^ Statistiche Demografiche - Cittadini stranieri Brunate 2013 su tuttitalia.it. URL consultato il 1 marzo 2015.
  63. ^ Glauco Sanga, Dialettologia lombarda, Pavia, Università di Pavia, 1984.
  64. ^ comune.brunate.co.it, http://www.comune.brunate.co.it/c013032/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idservizio/20017/idtesto/75 . URL consultato il 28 febbraio 2015.
  65. ^ La relativa convenzione è stata approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 42 del 28 novembre 2001
  66. ^ Il servizio micronido è stato reso operativo con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 36 del 4 agosto 2003 e n. 46 del 2 ottobre 2003
  67. ^ La prima convenzione è stata approvata con deliberazione del Consiglio Comunale n. 41 del 25 novembre 1995
  68. ^ Tale intervento economico viene deliberato dal Consiglio Comunale nell'ambito del "Piano per il diritto allo studio", di regola nel corso dei Consigli Comunali che si tengono alla fine di settembre di ciascun anno; fonte: archivio comunale
  69. ^ M. Pedraglio, p.60
  70. ^ Si tratta della "Villa Pirotta", di cui si fa accenno nella sezione sulle ville liberty
  71. ^ Lapide murata nella stazione della Funicolare di Como
  72. ^ Questa data è riportata sull'atto di morte del poeta, il cui nome all'epoca fu traslitterato in Pentcho Slaveïcoff dall'alfabeto cirillico
  73. ^ Opera dello scultore bulgaro Valentin Startchev, in bronzo su stele di granito
  74. ^ In occasione della cosiddetta "Festa italo-bulgara", i rappresentanti del Consolato milanese del Paese balcanico giungono a Brunate per commemorare la morte del poeta; tale festa si tiene la domenica più prossima al 10 giugno
  75. ^ E. Casnati, pp. 43, 48-49
  76. ^ Archivio Associazione Appuntamenti Musicali
  77. ^ Nel 2011 la fiaccolata è partita dalla chiesa di Sant'Andrea di Casanova di Lenno; fonte: programma della manifestazione "Festa di Sant'Andrea 2011"
  78. ^ Casnati 1994, p. 55
  79. ^ a b Pandakovic/Viganò, p. 92
  80. ^ Da qui l'appellativo scigulatt ("venditori di cipolle" nel dialetto locale) dato agli abitanti di Brunate; Appellativi dialettali degli abitanti del Lecchese e della Brianza, p. 10
  81. ^ Pandakovic/Viganò, p. 44-46
  82. ^ a b Pandakovic/Viganò, p. 93
  83. ^ E. Casnati, pp. 73-74
  84. ^ M. Pedraglio
  85. ^ Hotel super lusso al posto del Milano. Costerà 12 milioni su lightstorage.laprovinciadicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  86. ^ GRAND HOTEL MILANO su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  87. ^ Brunate, piccolo gioiello Belle Epoque sul lago di Como su eguardoilmondodalmioblog.com. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  88. ^ GRAND HOTEL BRUNATE su sistemalagodicomo.it. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  89. ^ Nel 1958 a Brunate si contavano 15 tra alberghi e pensioni (Casnati 1994, p. 46); oggi ci sono 4 alberghi e 2 bed & breakfast
  90. ^ bed & breakfast, frequentati per la maggior parte da turisti stranieri (per la maggior parte provenienti dal Giappone, dagli Stati Uniti e dai Paesi Bassi), e trattorie che servono i piatti tipici del luogo (brasato, selvaggina e polenta).
  91. ^ A. Marcarini
  92. ^ http://www.trasporti.regione.lombardia.it. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  93. ^ Ville su comune.brunate.co.it. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  94. ^ Casnati 1994
  95. ^ Il nuovo centro sportivo è stato presentato il 13 dicembre 2008; Foglio Comune - Notizie dall'Amministrazione Comunale di Brunate del 20 novembre 2008, p. 1
  96. ^ Deliberazioni della Giunta Comunale nn. 31, 32 e 33 del 29 marzo 2006; Foglio Comune - Notizie dall'Amministrazione Comunale di Brunate del 20 luglio 2006, pp. 1-2
  97. ^ Sito ufficiale ASD Brunatese su asdbrunatese.org. URL consultato il 14 febbraio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ercole Casnati, Brunate, Como, 1967.
  • Cecilia De Carli, Brunate tra Eclettismo e Liberty, Brunate, 1985.
  • AA.VV., La Lombardia paese per paese, vol. 2, Firenze, 1991.
  • Ercole Casnati, Brunate dentro, Brunate, 1994.
  • Ercole Casnati, "Pro Brunate" in centenario, Brunate, 1995.
  • AA.VV., Appellativi dialettali degli abitanti del Lecchese e della Brianza, Lecco, 1995.
  • Marco Pedraglio, Brunate e i suoi itinerari, Brunate, 1999.
  • Comunità Montana Triangolo Lariano (a cura di), Guida alla scoperta del Triangolo Lariano, Canzo, 2004.
  • Darko Pandakovic, Martina Viganò, Il bosco insegna, Milano, 2004.
  • Touring Club Italiano (a cura di), Dentro l'Italia. Piccole città, borghi e villaggi, vol. 1 - Nord, Milano, 2006.
  • Marco Pedraglio, Sulle tracce dei baromèta di Brunate e del Lago di Como: il Lario in cammino verso l'Europa, Brunate, 2007.
  • Albano Marcarini, La Strada Regia, Sondrio, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 13 marzo 2015 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue