Funicolare Como-Brunate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Funicolare Como–Brunate
Carrozza BRUco n. 12
Carrozza BRUco n. 12
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Como
Brunate
Dati tecnici
Tipo funicolare
Stato attuale in uso
Apertura 1894
Gestore Consorzio Mobilità Funicolare & Bus
Percorso
Stazione a valle Como
Stazione a monte Brunate
Tempo di percorrenza minuti
Lunghezza 1074,08 m
Dislivello 493,92 m
Pendenza max 55,10%
Trasporto a fune

Coordinate: 45°49′06.17″N 9°05′21.9″E / 45.818381°N 9.089416°E45.818381; 9.089416 La funicolare Como–Brunate è una funicolare inaugurata nel 1894[1] che unisce i due comuni lombardi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fino agli inizi del XIX secolo, il paese di Brunate era praticamente isolato: dapprima una mulattiera, tracciata nel 1817 e che lo collegava a Como, e poi le tortuose e strette carrozzabili da Como e da Tavernerio, costruite nella seconda metà del XIX secolo, contribuirono a rompere questo isolamento. Ma tutto ciò non bastava.

Fu soprattutto grazie all'impulso della famiglia Bonacossa, che possiede tuttora una villa a Brunate, che si decise di intraprendere la costruzione di una funicolare a vapore che collegasse Como a Brunate, ponendo così fine in modo definitivo alle difficoltà di accesso al paese.

Così, l'11 novembre 1894, dopo meno di un anno di lavori, la funicolare Como-Brunate fu solennemente inaugurata: tra le personalità che parteciparono alla cerimonia, spiccava la presenza del cardinale Andrea Carlo Ferrari, da pochi mesi arcivescovo di Milano.

La sua costruzione ha contribuito non poco allo sviluppo turistico della località collinare, grazie anche allo spettacolare panorama su Como e sull'omonimo lago che si può ammirare durante il viaggio.

Nel 1911 la trazione divenne elettrica.

Nel 1934 l'impianto della funicolare e la stazione di Brunate vennero completamente ristrutturate e le carrozze sostituite; il tutto fu inaugurato il 15 giugno 1935[2]; altri cambi di vetture sono avvenuti nel 1951[3], nel 1989[4] e nel 2011[5].

Fino al 1981 la funicolare è stata gestita dalla Società Anonima Funicolare Como/Brunate (tra gli azionisti c'era il conte dott. Cesare Bonacossa), successivamente la funicolare venne gestita dalla Regione Lombardia. La funicolare appartiene ora[da quando?] al Ctp SpA consorzio fondato dai comuni della provincia di Como.

Dal 2005 il Consorzio Mobilità Funicolare & Bus gestisce la funicolare. Il ruolo operativo di gestione è assegnato all'Azienda Trasporti Milanesi S.p.A., la quale fa parte del consorzio.[6]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Carrozza bruCO n. 13

La funicolare ha le sue stazioni di partenza/arrivo in piazza A. De Gasperi a Como ed in piazza A. Bonacossa a Brunate; lungo il tragitto vi sono due fermate a richiesta: una a Como Alta ed una a Carescione (frazione di Brunate).

La funicolare, su unico binario e raddoppio a metà tragitto, ove s'incrociano la vettura in salita e quella in discesa, supera un dislivello di 493,92 metri con una pendenza media del 46% ed una punta massima del 55,10%; il percoso sull'inclinata misura 1074,08 metri[7].

A metà tracciato, sul pianerottolo della cantoniera costruita a fianco dello scambio, vi è il cosiddetto cannone di Mezzogiorno: installato nel 1912, in servizio fino agli anni settanta del XX secolo e riattivato nel 1990, tutti i giorni a mezzogiorno spara un colpo a salve[8].

Il viaggio dura sette minuti ed il servizio si effettua tutti i giorni dalle 6:00 alle 22:30 (il sabato ed in estate turno prolungato sino alle 24:00), con partenze di regola ogni mezz'ora, che diventano ogni quarto d'ora negli orari di punta.

Le due carrozze attualmente in uso, realizzate in occasione della revisione generale dell'impianto appaltata dal C.P.T. s.p.a. nel 2011, una per ciascun senso di marcia e contraddistinte dai numeri 12 e 13, sono in servizio dal 13 agosto 2011[5], anche se l'inaugurazione ufficiale è avvenuta il 10 settembre 2011[9]; la n. 12, chiamata BRUco, è di colore malva, mentre la n. 13, ribattezzata bruCO, è rossa. Progettate dallo studio di architettura Lucia Rimoldi di Milano e costruite dalla Agudio S.p.A. di Leinì e dalla Carrosserie Gangloff SA di Berna[10], le vetture sono lunghe 13,40 metri ed hanno una capienza di 80 persone ciascuna (24 sedute e 56 in piedi)[11]; a differenza delle carrozze precedenti, hanno quattro ruote (anziché otto)[12] e cinque porte a scorrimento per lato (anziché tre) ed è stata eliminata la cabina dei conduttori, sostituita da un'ampia vetrata panoramica[10]. Gli interni ricalcano lo stile liberty: i sedili hanno inserti in rovere, mentre i corrimano, le cappelliere, i portapacchi ed i portabiciclette sono in ottone bronzato; è anche presente un impianto di aria condizionata[13].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Funicolare Como-Brunate ATM, Azienda Trasporti Milanesi
  2. ^ E. Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, pp. 66-78.
  3. ^ E. Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, pp. 80-81.
  4. ^ E. Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, pp. 89-92.
  5. ^ a b Funicolare, partite le nuove carrozze, in La Provincia di Como, 13 agosto 2011, p. 21.
  6. ^ FUNICOLARE COMO-BRUNATE -funicolare, como, brunate, impianto funicolare, funicolare terrestre como, consorzio pubblici trasporti, regione lombardia, trasporto pubblico, person...
  7. ^ E. Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, p. 35.
  8. ^ E. Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, p. 58.
  9. ^ Ieri inaugurata la funicolare. «Non è solo un reperto storico», in La Provincia di Como, 11 settembre 2011, p. 17.
  10. ^ a b Carrozze stile liberty, una rossa, l'altra viola: è la nuova funicolare, in La Provincia di Como, 8 luglio 2010, p. 25.
  11. ^ Ore 11, occhio alle code: passa la funicolare, in La Provincia di Como, 15 luglio 2011, p. 15.
  12. ^ La funicolare prende forma. L'arrivo previsto per il 10 luglio, in La Provincia di Como, 26 giugno 2011, p. 21.
  13. ^ Prima risalita per la nuova funicolare, in La Provincia di Como, 19 luglio 2011, p. 14.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ercole Casnati, Con la Funicolare Como-Brunate da cent'anni, Como, 1992.- Mario Moretti "Como e d'intorni" - Mario Moretti "Modo Ferroviario" n. 288 e 289 del 5/2011 e 6/2011- Mario Moretti in "Pavia in Tasca".

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]