Ranco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ranco (disambigua).
Ranco
comune
Ranco – Stemma Ranco – Bandiera
Scorcio con la chiesa parrocchiale
Scorcio con la chiesa parrocchiale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
Sindaco Monica Brovelli (lista civica "Obiettivo Ranco") dal 25/05/2014 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 45°48′00″N 8°34′00″E / 45.8°N 8.566667°E45.8; 8.566667 (Ranco)Coordinate: 45°48′00″N 8°34′00″E / 45.8°N 8.566667°E45.8; 8.566667 (Ranco)
Altitudine 214 m s.l.m.
Superficie 6,35 km²
Abitanti 1 371[1] (31-12-2010)
Densità 215,91 ab./km²
Frazioni Uponne
Comuni confinanti Angera, Ispra, Lesa (NO), Meina (NO)
Altre informazioni
Cod. postale 21020
Prefisso 0331
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 012116
Cod. catastale H174
Targa VA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 446 GG[2]
Nome abitanti ranchesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ranco
Posizione del comune di Ranco nella provincia di Varese
Posizione del comune di Ranco nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Ranco (Rànsh in dialetto varesotto) è un comune italiano di 1.371 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

In questo paesino si trova il Museo dei trasporti Ogliari. La località fu annessa ad Angera sia da Napoleone che da Mussolini, ma fu entrambe le volte ripristinata come comune al cambio di regime politico, nel 1816 e nel 1956.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Ranco fu in provincia di Como dal 1801 al 1927.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]