Ponte Lambro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ponte Lambro
comune
Ponte Lambro – Stemma
Ponte Lambro – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Ettore Pelucchi (lista civica Insieme per Ponte Lambro - Area PD) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°50′00″N 9°14′00″E / 45.833333°N 9.233333°E45.833333; 9.233333 (Ponte Lambro)Coordinate: 45°50′00″N 9°14′00″E / 45.833333°N 9.233333°E45.833333; 9.233333 (Ponte Lambro)
Altitudine 365 m s.l.m.
Superficie 3,43 km²
Abitanti 4 483[1] (31-12-2010)
Densità 1 307 ab./km²
Frazioni Busnigallo, Fucina, Lezza, Mazzonio, Schieppo
Comuni confinanti Caslino d'Erba, Castelmarte, Erba
Altre informazioni
Cod. postale 22037
Prefisso 031
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013188
Cod. catastale G847
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Pontelambresi
Patrono S. Maria annunciata
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ponte Lambro
Posizione del comune di Ponte Lambro nella provincia di Como
Posizione del comune di Ponte Lambro nella provincia di Como
Sito istituzionale

Ponte Lambro (Punt in dialetto brianzolo, pronuncia fonetica IPA: /ˈpuunt/, e semplicemente Ponte fino al 1928), è un comune italiano di 4.426 abitanti della provincia di Como, in Lombardia. Il centro dell'Alta Brianza, attraversato dal Lambro e sovrastato dal monte Puscio, si trova a 15 km da Como e a 19 da Lecco. La sua posizione nella Penisola Lariana la pone fra i due rami del Lago di Como.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Attestata sin dal VI secolo a.C., quando Tolomeo ne segnalò l'esistenza con il nome di Flavia Lambris, assunse poi il nome di Lambriacam, segnalato da Pomponio Mela nel terzo Libro di De Chronographia, poi quello di Ponteligno e infine Ponte. Nel 1928, con l'aggregazione di Lezza, il nome fu cambiato in Ponte Lezza, per divenire per la prima volta Ponte Lambro l'anno successivo.

I resti più antichi risalgono invece al IV secolo, quando vi fu realizzata un'abitazione coloniale di età imperiale trovati nel corso del XX secolo.

Nel 1285 fu espugnata dai Visconti e devastata da Fucino Cane e Jacopo Dal Verme[2].

A partire dal Medioevo fu sede di un convento dei Servi di Maria.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma araldico è così definito nel Decreto reale 12 marzo 1931, trascritto a pagina 316 del Libro araldico degli enti morali: "Stemma d'argento al ponte fondato nella pianura erbosa sorpassante un fiume ed accostato a sinistra da una pianta, il tutto al naturale. Ornamenti esteriori da Comune".

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

Architetture Religiose[modifica | modifica sorgente]

Santa Maria Annunciata[modifica | modifica sorgente]

La principale chiesa di Ponte Lambro, sede della parrocchia, è intitolata alla Santissima Maria Annunciata. Sebbene il suo aspetto odierno risalga al 1785, quando Simone Cantoni, su commissione dei due parroci dell'epoca (Carlo Antonio Brioschi e Antonio Maria Staurenghi), la rimodellò secondo il gusto dell'epoca, la chiesa, preceduta da un'ampia scalinata, risale al secolo precedente. La facciata fu ulteriormente ritoccata nel XIX secolo e comunque dopo il 1807.

Convento di San Bernardo[modifica | modifica sorgente]

La più antica delle chiese che si trovano nel territorio di Ponte Lambro, tuttavia, è il convento di San Bernardo, nel territorio di Lezza. Nonostante si parli di una chiesa medievale della quale oggi non c'è traccia, la prima segnalazione risale al 1566, quando dopo una visita pastorale venne annotata la frase in latino medievale "oportet destriere dictam ecclesiam" (in italiano "è necessario che detta chiesa sia distrutta"). Nel 1584, infatti, la chiesa non fu segnalata dalla curia di Milano, anche se l'ipotesi vuole che il convento sia stato solo restaurato.

Il convento ha una pianta ad aula unica conclusa da un'abside rettangolare e affiancata da una cappella per lato. La facciata, d'impostazione rococò e realizzata nel XVIII secolo, fu successivamente modificato. Gli interni sono sormontati da una pseudologgia in stucco e la volta dell'abside è dipinta.

La chiesa, che nel corso dei secoli subì numerosi rimaneggiamenti, il più evidente dei quali è la modifica della cappella alla destra dell'altare, ospita, proprio in quest'ultima cappella, dipinti murali risalenti al tardo Cinquecento o al primo Seicento e realizzati forse dallo stesso pittore che dipinse due profeti e alcuni angeli nella cappella opposta. Dello stesso periodo sono gli stucchi di entrambe le cappelle, sormontati da un timpano e realizzate in stile tardo-rinascimentale, e forse il soffitto a cassettoni, mentre l'altare barocco, decorato con intarsi, è del XVIII secolo. Barocca è anche la Madonna conservata nell'altare, accolta da una nicchia come tutte le sculture presenti nella chiesa. Le rimanenti opere dell'interno sono invece novecentesche e furono realizzate da Emilio Magistretti su commissione del parroco dell'epoca, Adalberto Catena.

Interessanti anche le opere conservate nella sagrestia: fra queste, i dipinti secenteschi che rappresentano la Cena di Emmaus e la Madonna e tre frammenti di pannelli in cotto dipinto, probabilmente settecenteschi e certamente rococò, con Angeli rappresentati imitando i motivi del marmo. Nella visita pastorale del 1566 si fa menzione anche di un pallio dipinto in pelle di Santa Maria Elisabetta oggi andato perduto. Da una botola nel corridoio che conduce alla sagrestia, inoltre, è possibile raggiungere la santella secentesca con una Madonna in gloria.

Degna di menzione perché probabilmente risalente alla chiesa originaria, infine, la santella con Cristo crocefisso tra due santi monaci, databili al XV secolo e attribuibili agli stessi serviti, che si trovano alle spalle dell'altare maggiore, in un passaggio di servizio del convento. Di fronte all'affresco, ospitato da una lunetta, sono presenti i monogrammi, anche in questo caso quattrocenteschi, dei Servi di Maria.

Le santelle[modifica | modifica sorgente]

Nel territorio comunale, inoltre, si trovano numerose santelle. Oltre a quelle conservate nel convento di San Bernardo e citate nel paragrafo precedente, eccone l'elenco:

  • La Madonna con il Bambino ed angeli, risalente al XVIII secolo, è probabilmente la più antica. L'affresco si trova in una cappella in via Fiume.
  • Coevo è l'affresco con San Rocco che si trova in via Garibaldi, a Lezza. L'affresco, che si trova sul muro interno di un portico, secondo la leggenda sarebbe stato realizzato da un viandante ospitato per la notte.
  • Al Settecento risale anche la Santella di Santa Caterina, ospitato in una cappella in granito affiancata da due cappelle analoghe in piazza Puecher, a ridosso della chiesa parrocchiale. Oltre all'affresco, che secondo alcuni studiosi rappresenta un momento della vita di Santa Caterina d'Alessandria e secondo altri la Comunione della Madonna, nella cappella si trova un sepolcro, anch'esso in granito.
  • Fu invece realizzata nel Settecento, ma rimaneggiata successivamente e restaurata negli anni settanta e ottanta del XX secolo, la Madonna con il Bambino tra San Rocco e San Sebastiano. L'affresco si trova in una cappella in via Trieste.
  • Del primo Ottocento è invece il Crocifisso ligneo di via General Guaita. La scultura, ospitata da una piccola edicola, era usata come crocifisso processionale.
  • Allo stesso secolo risale la Madonna del Rosario con Sant'Antonio affrescata sul muro interno di un cortile in via Garibaldi, a Lezza, poco distante dalla santella di San Rocco. Secondo la leggenda sarebbe un ex voto fatto da realizzare da una donna per ringraziare Sant'Antonio, che la donna riteneva avesse fermato un toro fuggito dal macello allora ospitato nel cortile, salvandole la vita.
  • Nel tardo Ottocento fu infine realizzato l'affresco con la Madonna in gloria con il Bambino che si trova in località La Fola. Anche questo affresco è un ex voto: fu realizzato per volontà di Rita Villa Tosi dopo il salvataggio del figlio da un annegamento. Fino agli anni quaranta del XX secolo sulla testa affrescata della Madonna era poggiata, secondo la tradizione popolare, una corona, poi trafugata.
  • L'affresco con la Madonna della Pace che si trova poco distante, invece, deve il suo aspetto attuale a un artista che l'avrebbe realizzata nel 1915 circa come ringraziamento. Sotto l'affresco, affiancato da altri ex voto, tuttavia, ci sarebbe una Deposizione di Cristo precedente. Il nome "Madonna della Pace" si deve alla parola "Pace" riportata ai piedi dell'immagine sacra, ma secondo alcuni studiosi si tratterebbe della firma dell'autore.
  • All'inizio del Novecento risale anche la Madonna della medaglia miracolosa ospitata da una nicchia in pietra in via Filzi, a Lezza. La statua è in gesso dipinto.
  • Del primo Novecento è anche la Madonna con Bambino fatta realizzare in via Nazario Sauro, a Lezza, dalla famiglia Giussani. L'opera originaria, realizzata in rame per celebrare il ritorno di Antonio Giussani dalla prima guerra mondiale, è stata tuttavia rimossa dalla nicchia originaria e conservata dalla famiglia proprietaria. Oggi la nicchia ospita una stampa dell'opera.
  • Per ricordare la Grande guerra fu realizzato anche il Cristo Benedicente in gesso ospitato da una grotta in piazza IV Novembre, a Lezza. La statua fu realizzata come monumento ai caduti nel 1920.
  • Un'altra statua in gesso colorato, realizzata nel 1927 e realizzata in una grotta ricavata entro una cappella in via Leonardo da Vinci, a Mazzonio. La statua riproduce la Madonna di Caravaggio il cui dipnto sarebbe stato conservato nell'androne del castello di Mazzonio. La statua è diventata meta di pellegrinaggi ed è attorniata da numerosi ex voto.
  • La più recente santella, infine, è un bassorilievo in gesso colorato che rappresenta la Sacra Famiglia e si trova in piazza San Salvatore, a Lezza. Sarebbe stata realizzata per tenere lontani i briganti per volontà dei contadini locali.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Sito archeologico di Cascina Schieppo[modifica | modifica sorgente]

Di sicuro rilievo è il sito archeologico di Cascina Schieppo, dove nel XX secolo fu trovata una casa colonica romana[2]. All'interno del sito archeologico sono state trovate altre rovine, alcune monete romane e alcuni manufatti coevi[2].

Castello di Mazzonio[modifica | modifica sorgente]

Risalente al XIII secolo è invece il castello di Mazzonio, realizzato per volontà del signore locale, Arduino[2]. Del castello, oggi in rovina, si conservano una torre dotata di feritoie[2].

Lavatoio di Lezza[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 517 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Persone legate a Ponte Lambro[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia locale si basa su un'ampia tradizione siderurgica: ai magli e alle fucine locali, attivi almeno dal XIV secolo, fu affidata a partire dal 1397 la fornitura dell'acciaio per la costruzione del Duomo di Milano. Risale invece al XVIII secolo la realizzazione di un setificio.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Il comune è servito da una fermata delle FerrovieNord (ferrovia Milano-Asso). Ponte Lambro si trova a 59 km dall'Aeroporto di Milano-Linate, a 71 da quello di Milano-Malpensa e a 76 dall'aerostazione di Bergamo-Orio al Serio.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1859 1862 Ambrogio Caspani Sindaco
1862 1866 Pietro Roscio Sindaco
1866 1871 Giuseppe Guaita Sindaco
1871 1876 Cesare Carpani Sindaco
1876 1881 Giuseppe Caldara Sindaco
1881 1885 Gedeone Bressi Sindaco
1885 1893 Giosia Giappa Sindaco
1893 1895 Aronne Rossi Sindaco
1895 1900 Guglielmo Bressi Sindaco
1900 1902 Giovanni Villa Sindaco
1902 1914 Giuseppe Castelnuovo Sindaco
1914 1919 Francesco Ratti Sindaco
1919 1925 Alessandro Scaraviglio Sindaco
1925 1932 Ottorino Palazzolo Sindaco
1933 1934 Aldo Bollani Sindaco
1934 1939 Aquilino Verga Sindaco
1939 1943 Aurelio Martegani Sindaco
1943 1945 Carlo Fusi Sindaco
1945 1946 Leo Diclemente Sindaco
1946 1948 Giuseppe Ghidotti Sindaco
1948 1964 Mauro Castelletti Sindaco
1964 1965 Francesco Mauri Sindaco
1965 1976 Pierluigi Maggi Sindaco
1976 1995 Carlo Tavecchio Sindaco
1995 2004 Romano Paiella Sindaco
2004 2014 Andrea Cattaneo Sindaco
2014 ad oggi Ettore Antonio Pelucchi Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ a b c d e Ponte Lambro, Comunità montana Triangolo lariano. URL consultato il 23 agosto 2013.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]