Arcore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo motociclo, vedi Gilera 5V Arcore.
Arcore
comune
Arcore – Stemma
Arcore – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Amministrazione
Sindaco Rosalba Colombo (PD) dal 30/05/2011
Territorio
Coordinate 45°38′00″N 9°19′00″E / 45.633333°N 9.316667°E45.633333; 9.316667 (Arcore)Coordinate: 45°38′00″N 9°19′00″E / 45.633333°N 9.316667°E45.633333; 9.316667 (Arcore)
Altitudine 193 m s.l.m.
Superficie 9,33 km²
Abitanti 17 800[1] (31-12-2013)
Densità 1 907,82 ab./km²
Frazioni Bernate, Cascina del Bruno, La Ca', Ca' Bianca, Buttafava
Comuni confinanti Biassono, Camparada, Concorezzo, Lesmo, Usmate Velate, Villasanta, Vimercate
Altre informazioni
Cod. postale 20862
Prefisso 039
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 108004
Cod. catastale A376
Targa MB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 470 GG[2]
Nome abitanti arcoresi
Patrono sant'Eustorgio
Giorno festivo terzo lunedì di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arcore
Posizione del comune di Arcore nella provincia di Monza e della Brianza
Posizione del comune di Arcore nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Arcore (IPA: /ˈarkore/[3], Àrcor in dialetto brianzolo[4]) è un comune italiano di 17.373 abitanti della provincia di Monza e della Brianza in Lombardia.

Si trova nella pianura padana a nord-est di Milano, da cui dista 20 km circa, in prossimità delle due più importanti città della provincia brianzola, Monza e Vimercate.

La testimonianza archeologica più antica rinvenuta ad Arcore è rappresentata da una lastra marmorea dedicata a tale Giulia Drusilla, databile al I secolo d.C., mentre i primi accenni documentati che nominano la comunità arcorese si rifanno a pochi documenti risalenti al IX secolo.

Il paese è inoltre noto in quanto all'interno del suo territorio si trovano l'ex Villa Giulini-Casati-Stampa, ora Villa San Martino, e la Villa Borromeo d'Adda.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Geografia della Lombardia.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio di Arcore è esteso per 9,33 km² e sorge nel bacino fluviale compreso tra i fiumi Lambro e Molgora, nel centro della Pianura Padana.

Confina con i comuni di Biassono, Camparada, Concorezzo, Lesmo, Usmate Velate, Villasanta e Vimercate.

Geologia e morfologia[modifica | modifica sorgente]

La formazione geologica del territorio arcorese è costituita da un terreno fluvioglaciale, nonché da depositi morenici provenienti dalle colline brianzole. Il sottosuolo è ricco di argilla ed è poco poroso. Inoltre vi sono alcune falde acquifere a diverse profondità.

« Ricordo una foto di Arcore negli anni cinquanta: all'orizzonte una distesa di ville su un dolce altopiano; giù un borgo compatto di case, recinte dai campi infiniti, che si stendono fino a Oreno e Villasanta e si perdono poi nelle prime alture della Brianza. Ieri.
Oggi, a cinquant'anni di distanza, è tutto cambiato il paesaggio: una densità quasi pesante di case, opifici, strade, ma sempre un insieme fortemente composto. »
(Don Luigi Gaiani, Insieme, anno XXIII, n° 3, novembre/dicembre 2005)

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Milano Brera.

Arcore, e più in generale la Brianza, gode di un clima temperato, mediamente umido in tutte le stagioni, con estati calde e afose ed inverni freddi e con percentuali di precipitazioni (soprattutto di carattere nevoso) non molto alte.

I dati provenienti dalla Stazione meteorologica di Milano Brera indicano, in base alla media trentennale di riferimento (1961-1990) per l'Organizzazione Mondiale della Meteorologia, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno ai +3,1 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di circa +24,6 °. Valori inferiori si registrano nelle campagne circostanti dove l'effetto "isola di calore" è assente. Le precipitazioni medie annue sono di 895 mm, mediamente distribuite in 81 giorni, con picco autunnale, massimo secondario primaverile e minimo invernale ed estivo[5].

Milano Brera Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 5,4 8,1 13,0 17,6 21,8 26,3 29,2 27,6 23,9 17,4 10,6 6,4 6,6 17,5 27,7 17,3 17,3
T. min. mediaC) 0,8 2,7 6,1 9,6 13,3 17,1 19,9 19,0 16,2 11,2 6,0 1,6 1,7 9,7 18,7 11,1 10,3
Precipitazioni (mm) 66 58 80 70 93 69 62 85 66 102 94 50 174 243 216 262 895
Giorni di pioggia 7 6 8 7 8 7 5 7 5 7 8 6 19 23 19 20 81
Eliofania assoluta (ore al giorno) 2,9 3,7 4,6 5,6 6,9 7,1 8,1 7,3 5,2 4,1 2,4 2,3 3,0 5,7 7,5 3,9 5,0
Vento (direzione-m/s) NW
2,3
SE
2,4
SE
2,6
SE
2,8
SW
2,7
SW
2,6
SW
2,5
SE
2,4
E
2,3
E
2,3
SE
2,3
NW
2,2
2,3 2,7 2,5 2,3 2,4

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Le frazioni di Arcore sono cinque:

  • Bernate, la più popolosa, confinante con i comuni di Usmate Velate e Velasca;
  • Buttafava, nel nord-ovest, nella quale è localizzata l'omonima stazione;
  • Cascina del Bruno, a sud-est del comune, confinante con Oreno di Vimercate e Villasanta;
  • La Ca', confinante a nord con Peregallo, a sua volta frazione di Lesmo;
  • Ca' Bianca, scarsamente abitata, posta a sud della Ca' ed a nord di Villasanta;

Idrologia[modifica | modifica sorgente]

Arcore, benché sita a pochi chilometri dal fiume Lambro, non è attraversata da importanti corsi d'acqua fatta eccezione per il torrente (o rio) Martesana, ad oggi in parte coperto ed interrato (in ambito cittadino) per far posto alla via Casati, importante arteria stradale tra le più trafficate del paese. Prosegue invece a cielo aperto nelle aree meno urbanizzate e "selvatiche" del comune.

Sismologia[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista sismico presenta un rischio molto basso e distribuito in modo uniforme su tutto il territorio. Il comune è stato infatti classificato come zona 4[6] (bassa sismicità) dalla protezione civile nazionale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini e l'epoca Romana[modifica | modifica sorgente]

Via Roma e Villa Borromeo, sullo sfondo, fotografia della fine del XIX secolo.

Sull'origine di Arcore non esiste documentazione certa: dall'etimologia si può dedurre un'origine romana. L'etimologia del nome Arcore è infatti controversa: alcuni lo ricollegano al semidio Ercole, per il cui culto forse sorgeva un tempio in suo onore, altri lo associano ad un arco eretto dai romani.

Ciò potrebbe far supporre, pur con i dovuti accorgimenti, una possibile nascita del borgo di Arcore fin dall'epoca romana. Ad avallare questa ipotesi concorrono diversi elementi: com'è infatti noto, all'epoca della conquista romana, il territorio rurale veniva suddiviso in centurie, secondo le linee incrociate del cardo e del decumano. Questa centuriazione serviva per fare le assegnazioni di terre ai cittadini delle colonie di nuova fondazione; tracce di tale suddivisione sono ancora visibili sui rilevamenti cartografici della fine dell'Ottocento, mettendo in evidenza resti di centuriazione localizzati intorno a quella che oggi è la Cascina del Bruno[7].

È inoltre recentemente emerso che il territorio dell'attuale comune era attraversato, in epoca romana, dalla strada che univa Mediolanum a Leucum, passando per Modicia. Nell'area dove si è successivamente evoluto il paese di Arcore erano poste due pietre miliari: la prima, che contrassegnava una stazione di posta, si trovava all'altezza dell'attuale Cascina Sentierone, mentre la seconda presumibilmente nel luogo dove poi sorse il convento benedettino di Sant'Apollinare[8].

A questa documentazione si collega l'epigrafe riportata su una lastra marmorea romana[9], conservata al museo archeologico di Milano, unica testimonianza archeologica ritrovata ad Arcore, ora conservata presso il Museo archeologico di Milano[10].

Il Medioevo e l'età Moderna[modifica | modifica sorgente]

Raffigurazione della Villa Borromeo, olio su tela, datazione incerta ma compresa tra la fine del XVIII secolo e l'inizio del XIX

I documenti più antichi finora ritrovati risalgono al IX secolo e sono relativi a donazioni alle chiese locali da parte di abitanti di "vico Arcole" o "loco Arculi". Arcore, nel medioevo, appartiene alla pieve di Vimercate ed è segnalata la presenza di due monasteri: il monastero benedettino di San Martino e la casa delle Umiliate a Sant'Apollinare.

Nel trecentesco Liber Sanctorum di Goffredo da Bussero è citata la chiesa di Sant'Eustorgio che diverrà la Parrocchia della comunità ai tempi di San Carlo Borromeo. Dal XVI secolo diverse famiglie nobiliari lombarde (Casati, Durini, Giulini, Vismara, D'Adda, Barbò) spostano la propria residenza lungo tutta la Valle del Lambro e la Bassa Brianza e vi edificano importanti ville di delizia, tra cui ad Arcore la Villa Borromeo d'Adda, la Villa "La Cazzola" e la Villa San Martino (già Giulini Della Porta, Casati, Stampa di Soncino), favoriti dalla buona collocazione geografica e dalle agevoli comunicazioni. La costruzione dell'attuale chiesa parrocchiale risale al 1759[11].

A metà del Settecento Arcore conta 580 abitanti[12] divisi tra il paese e le due frazioni riconosciute (Cascina del Bruno e Bernate, che subirà nei successivi due secoli un continuo passamano con il comune di Usmate Velate).

Il castello di Arcore[modifica | modifica sorgente]

Alcune prove consentono di presupporre che il paese, un tempo, ebbe un proprio castello. Il primo documento che ne cita l’esistenza, la donazione di Ariprando e Gisla[13] (oggi presente nell'Archivio Storico di Concorezzo), risalente al 1100, cita il lascito, da parte del nobile milanese Ariprando e della moglie Gisla[14] di due abitazioni, la prima delle quali situata nei pressi del già citato castello.

« … casa una cum area infra castrum de loco Arcori… casa una cum area et curte… infra villam de suprascripto loco Arcori »
(notaio Ugo, Lascito di Ariprando e Gisla)

Un altro documento, risalente al XIII secolo, conservato nell'Archivio di Stato di Milano, conferma la presenza di un castrum in vico Arcole, documento citato nel XIX secolo dallo storico e paleografo Giovanni Maria Dozio in Notizie di Vimercate e la sua Pieve[15], nel quale egli afferma che

« … Arcore fu terra di qualche significanza nel medioevo ed ebbe un castello, in luogo che tuttora ne conserva il nome, posseduto nel secolo dodicesimo dai valvassori di Arcore… »
(Giovanni Dozio, Notizie di Vimercate e la sua Pieve)

Nonostante ad oggi non sia rimasta alcuna traccia di questo castello, si può riscontrare, nelle mappe teresiane del 1722, l’indicazione dell’attuale via Monte Grappa come strada del Castello nonché, nella tradizione arcorese, l’abitudine di definire quella parte della città compresa tra via Abate d’Adda e via San Gregorio proprio zona del Castello.

L'età contemporanea[modifica | modifica sorgente]

In seguito all’annessione delle provincie lombarde, all’epoca austriache, al regno di Savoia (e con la definitiva unificazione d’Italia), Arcore venne dotata di una nuova amministrazione, con un sindaco, una giunta e un consiglio comunale[16]. Nel 1869 alla cittadina, ancora di poche migliaia di abitanti, venne aggregata la frazione di Cassina Palazzina, staccatasi dal comune di Lesmo.

Da questo momento, Arcore ebbe una graduale crescita industriale coadiuvata dalla creazione stazione ferroviaria nel 1873 e della tranvia nel 1879[17], con l’insediamento di varie industrie, tra cui la famosa Gilera. All’incremento industriale si accompagnò un robusto boom demografico che in poco meno di 100 anni portarono a quintuplicare il numero dei residenti arcoresi, cui si aggiunse la definitiva annessione della frazione di Bernate nel 1963.

Industrie[modifica | modifica sorgente]

Acciaierie Falck, fine anni '60

Lo sviluppo industriale arcorese nasce, molto probabilmente, in concomitanza con la costruzione, negli anni settanta del XIX secolo, della stazione ferroviaria sulla linea Monza-Lecco. Già a fine secolo sorgono le prime attività nel ramo meccanico (Morandi), saponifico, tessile (Monti e Martini) e di carpenteria (Zerboni).

Nel 1909 nasce l'azienda motociclistica Gilera, marchio che in pochi anni diverrà uno dei più noti in Europa e nel mondo, e, negli stessi anni, accanto allo stabilimento Zerboni (che poi diverrà Falck) prende piede la ditta Carlo Bestetti[18], un aeroporto per aerei da guerra e piccoli aerei commerciali, distrutto dai partigiani nel 1945.

Infine, nell'immediato dopoguerra, Giuseppe Perego, da responsabile carpentiere Falck fonda, nel 1946 la Peg Perego, oggi produttrice ed esportatrice a livello internazionale di passeggini ed accessori d'infanzia.

Ad Arcore è inoltre presente anche un impianto della Tenaris Dalmine, la sede italiana della Borg Warner Morse Tec ed in forte sviluppo è l'impresa del settore terziario.

Società[modifica | modifica sorgente]

La popolazione di Arcore ha avuto un grande aumento demografico specialmente dopo il secondo dopoguerra, dai circa 5.000 paesani ai quasi 17.000 nel 2007. Nel 1963, ad incrementare ulteriormente la popolazione, venne annessa la frazione di Bernate, prima sotto la competenza di Usmate Velate.

Demografia ed evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Origini e simbologia dello stemma[19]

L'origine dello stemma del Comune di Arcore si ispira senza dubbio a tre diverse finalità: evidenziare nell'emblema parte della sua storia, presentare una figura che richiami il suo nome, ricordare un'antica famiglia lombarda legata alla sua storia. Per evidenziare la finalità storica, nella sezione più elevata dello stemma è stata inserita la figura della mitra, a ricordo di tre monasteri esistenti anticamente sul suo territorio. Per ricordare il nome del Comune, nella sezione centrale è stata inserita la figura dell'arco romano. Infine, nella sezione inferiore è stato inserito il fasciato contrinnestato di nero e d'argento, che costituisce l'elemento caratterizzante dello stemma della famiglia d'Adda.

Si osserva, peraltro, che attualmente il Comune di Arcore fa uso di uno stemma lievemente diverso da quello concessogli nel 1955. La differenza si riscontra nella terza sezione dell'emblema araldico: il fasciato contrinnestato di nero e d'argento è stato trasformato ora in un campo d'argento carico di una fascia contrinnestata di nero.

Oratorio della Madonna del Rosario, in Cascina del Bruno, secondo dopoguerra

Nella fascia di età da 0 a 14 anni vi sono 2.426 bambini e ragazzi (pari al 13,6%); i giovani dai 15 ai 25 anni sono 1.782 (pari al 9,9%); gli adulti dai 26 ai 64 anni sono 9903 e rappresentano poco più della metà della popolazione (55,5%, di cui il 28,4% tra i 26 e i 45 anni e il 24,1% tra i 46 e i 64 anni); infine gli anziani con età superiore ai 65 anni sono 3.727 (pari al 20,9%). Di questi, quelli con età superiore ai 75 sono 1.594.

La popolazione femminile rappresenta il 51,5% del totale. I nuclei familiari sono 7.719 di cui ben il 31,4% costituite da un solo componente, poco meno del 30% da due componenti, il 20% da tre componenti.[20]

Abitanti censiti[21]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gli stranieri residenti nel comune sono 1.402, ovvero il 7,9% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[22]:

  1. Romania Romania, 252
  2. Ucraina Ucraina, 146
  3. Marocco Marocco, 132
  4. Ecuador Ecuador, 105
  5. Albania Albania, 67
  6. Perù Perù, 62
  7. Egitto Egitto, 42
  8. Senegal Senegal, 40
  9. Moldavia Moldavia, 38
  10. Brasile Brasile, 35

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Architetture di Arcore.

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Chiese di Arcore.
La cappella della peste

Cappella della peste[modifica | modifica sorgente]

Piccola cappella aperta, situata all'interno del parco della villa Borromeo, edificata nel XVII secolo dopo la morìa di peste di San Carlo e quella del 1630 che colpì in particolar modo Milano ed il suo circondario.

La cappella, a cielo aperto e di ridotte dimensioni, è costruita attorno ad una croce di pietra, posta in quel luogo a commemorazione delle numerose vittime causate dalla peste, e si affaccia su di un piccolo sentiero secondario, isolata dai normali itinerari.

Esternamente, una copertura emiciclica di rame è posta a protezione della volta esterna; internamente, la facciata è invece molto semplicemente intonacata di bianco, mentre la conca absidale è di un azzurro tenue. Tra di esse, su un bordo aggettante anch'esso bianco, è dipinta, a lettere maiuscole nere, questa frase:

« Cappella della peste 1576 1630 »

Cappella Vela[modifica | modifica sorgente]

Costruita tra il 1850 ed il 1853 per volere di Giovanni D'Adda all'interno del complesso di Villa Borromeo, venne commissionata all'architetto Giuseppe Balzaretto (già chiamato alla creazione dell'attiguo parco) ed agli scultori ticinesi Lorenzo e Vincenzo Vela per contenere le spoglie di Maria Isimbardi (Milano, 1827 - Muggiò, 1849), sua moglie.

Il piccolo edificio, a pianta ottagonale, presenta un pavimento marmoreo a motivi geometrici complessi, da cui si innalzano le otto piccole absidi. La raffinatezza della cappella è impreziosita da alcune statue, anch'esse commissionate dal conte Giovanni, in marmo bianco sulle quali spicca, con estrema malinconia, quella della giovane Maria Isimbardi sul suo letto di morte.

Restaurata con l'acquisizione della Villa da parte del comune negli anni settanta del XX secolo, è mensilmente visitabile[23].

La chiesa di Sant'Eustorgio

Chiesa Parrocchiale di Sant'Eustorgio[modifica | modifica sorgente]

Dedicata a Sant’Eustorgio da Milano, è la più importante e tra le più antiche della città, risalente al XIII secolo[24] ma ingrandita e ammodernata in più fasi nel corso dei secoli successivi.

L’ultimo importante restauro venne avviato, con il benestare delle potenti famiglie locali (Durini e D'Adda in primis) nel 1759 e si concluse definitivamente soltanto nel 1891 con la sua consacrazione da parte del cardinale Agostino Gaetano Riboldi (sebbene i lavori esterni fossero già stati completati nel 1805).

Esternamente, la chiesa si presenta con una classica pianta a croce latina con i due bracci secondari adibiti a piccole cappelle. Il campanile è situato a sinistra dell’abside, defilato, mentre la facciata, grandiosa, a doppio ordine e preceduta da un pronao a tre luci (non molto dissimile da quella della vicina Lesmo) è invece la sezione più recente, edificata in epoca fascista tra il 1925 ed il 1926.

Chiesa di Santa Maria Nascente e di San Giacomo

Sant'Apollinare[modifica | modifica sorgente]

Chiesa-Monastero alto medievale, situata nel nord-est della città, tra Arcore e la frazione Bernate, risalente al X secolo e dedicata a Sant'Apollinare abate di Montecassino.

Originariamente, il complesso era costruito in pietra arenaria (le pareti esterne ed interne e le volte) ed in cotto (il tetto ed i pavimenti). Dell’originaria struttura è però ad oggi rimasta inalterata solamente la piccola cappella, mentre gli edifici attigui, ricostruiti in epoca più recente, sorgono sui resti del precedente monastero benedettino.

Recentemente restaurato, ad oggi viene ancora fruito da una comunità di monaci e da un centro di accoglienza per anziani.

Chiesa di Santa Maria Nascente e San Giacomo[modifica | modifica sorgente]

Chiesa parrocchiale della frazione di Bernate sita in piazza conte Durini e costruita come cappella privata tra i secoli XVI e XVIII, a pianta rettangolare e dotata di un piccolo campanile. L'attuale configurazione (lesene e timpano dentellato) è invece riconducibile agli inizi del XIX secolo.

Attualmente (primavera 2012) è in corso la ristrutturazione, ormai prossima alla conclusione, dell'edificio, compresi i ricchi affreschi delle volte e dell'abside, e della piazza circostante.

Oratorio della Madonna del Rosario[modifica | modifica sorgente]

Dedicato alla Beata Vergine del Rosario[25], sorge nella frazione Cascina del Bruno e si presenta come un piccolo edificio ad aula con un campanile a vela, di dimensioni piuttosto ridotte, tuttora funzionante. Esso è inglobato nel complesso di edifici della omonima cascina da cui prende nome la frazione.

Altre chiese[modifica | modifica sorgente]

Tra le altre chiese di Arcore ricordiamo:

  • la cappella di Villa Ravizza, situata nel margine sud-ovest del parco della villa;
  • la chiesa dell'Immacolata, costruita nel 1895 in stile neogotico presso l'oratorio femminile;
  • la chiesa parrocchiale di Santa Maria Nascente, in frazione Bernate;
  • l'oratorio San Vincenzo, in frazione La Ca', costruita nel XVIII secolo;
  • la parrocchia della Regina del Santo Rosario.

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Durini

Palazzo Durini[modifica | modifica sorgente]

Situato nella frazione di Bernate, venne costruito tra il XVI ed il XVII secolo dalla famiglia Durini per controllare le cinque corti rustiche della zona, già densamente popolata durante l'epoca medievale. L’edificio, costituito a pianta pseudo rettangolare, si affaccia sulla piazza conte Durini, ed è articolato da un corpo principale a tre livelli caratterizzato, al piano terra, da un portico a tre archi, e da due ali laterali, più basse e modeste.

Del complesso originario possono ancora essere ammirate le originarie colonne del portico d’ingresso, parzialmente murate nel perimetro dell'edificio, e, all’interno, le volte a botte del piano interrato e del piano terra nonché alcuni originali affreschi risalenti al XVI secolo.

Le facciate esterne risentono invece di restauri posteriori e sono databili al 1922, quando, alla morte del conte Carlo Durini, il palazzo venne venduto ad alcuni coloni affittuari che lo scorporarono in tre distinti edifici, che hanno così perso in gran parte la loro primigenia uniformità strutturale ed artistica.

Villa Borromeo d'Adda[modifica | modifica sorgente]

Villa di delizia e complesso di edifici circondato da un parco, risalenti al XVII-XVIII secolo, aperto al pubblico e ospitante parzialmente (nella foresteria e nelle costruzioni adiacenti ed all'entrata del parco) la sede del Comune[26].

L’attuale villa, vero e proprio simbolo della cittadina, in stato di profondo abbandono, è in realtà un complesso di due differenti ville: la prima, risalente al milleseicento, e la seconda (detta la Montagnola) di un secolo circa posteriore, ad opera dell'abate Ferdinando D’Adda ed unite, a metà ottocento, dall’architetto Giuseppe Balzaretto, rivedendone le facciate in stile eclettico ed occupandosi anche della progettazione e realizzazione del parco di circa 30 ettari che circonda idealmente tutto il complesso.

Degni di nota anche l’edificio delle scuderie e, soprattutto, la cappella Vela, costruita ancora una volta su commissione dal Balzaretto per Isabella Isimbardi, moglie del marchese Giovanni D’Adda, con all'interno sculture in marmo di Vincenzo Vela (da cui prende il nome).

Villa San Martino[modifica | modifica sorgente]

Già Casati-Stampa, completa di attiguo parco, risalente al XV secolo[27] come monastero benedettino, venne acquistata e restaurata nel corso del XVIII secolo dai conti Giulini. L'edificio fu disposto o forse mantenuto dai Giulini nella tipica struttura a U aperta verso il paese. Durante queste opere di trasformazione fu impostato anche il grande viale d'accesso lungo un asse prospettico che, partendo dalla piazza antistante villa Borromeo, si spinge verso Ovest oltrepassando a cannocchiale l'edificio, nella sequenza corte d'onore, arco centrale del portico e apertura corrispondente nel salone; quindi attraversa il giardino e, infine, fiancheggiato da un lungo filare d'alti pioppi, si prolunga fino al Lambro, distante qualche chilometro.

Un impianto scenografico imponente, capace di far colloquiare l'edificio, il parco secolare e il verde agricolo circostante. L'asse prospettico all'ingresso, sebbene ora parzialmente interrotto visivamente da una macchia verde di alberi e arbusti e dal muro di cinta, è rimasto sostanzialmente integro nel corso del tempo. Dopo le trasformazioni compiute dai Giulini, la villa passò ai Casati nella prima metà dell'Ottocento a seguito del matrimonio di Anna Giulini Della Porta (1818-1883) con Camillo Casati (1805-1869) e, alla fine di quello stesso secolo, pervenne quindi al ramo dei Casati Stampa di Soncino. Il conte Alessandro Casati (1881-1955), che vi abitò sino alla propria morte, ne ingrandì la biblioteca e vi ospitò a più riprese l'amico Benedetto Croce. Alla dipartita del conte l'immobile passò a suo nipote, ovverosia il suo parente più prossimo, marchese Camillo Casati Stampa di Soncino (1927-1970). Questi risiedette saltuariamente nella villa. Suicidatosi il 30 agosto 1970[28][29] dopo avere assassinato la moglie Anna Fallarino e il di lei compagno Massimo Minorenti (Delitto di via Puccini), la proprietà passò ad Anna Maria Casati Stampa di Soncino, nata a Roma il 22 maggio 1951[30], ossia alla figlia di primo letto (avuta con Letizia Izzo) del marchese. La giovane, all'epoca dei fatti delittuosi diciannovenne (e quindi secondo la legge di allora minorenne), venne affidata ad un tutore, nella persona di Giorgio Bergamasco. Pro-tutore venne nominato Cesare Previti.

Il 26 luglio 1972 Bergamasco venne nominato Ministro dei rapporti con il Parlamento nel secondo governo Andreotti[31]; nel frattempo la Casati Stampa si era già emancipata dalla potestà giuridica tutoriale con il raggiungimento della maggiore età al compimento del ventunesimo anno avvenuto il 22 maggio 1972. Successivamente Anna Maria Casati Stampa, frattanto sposatasi con il conte Pierdonato Donà dalle Rose, si trasferì con il marito in Brasile e come suo legale in Italia venne da lei scelto il suo ex pro-tutore Cesare Previti. Poiché pressata da esigenze economiche e avendo ricevuto in eredità non solo i beni di famiglia ma anche i grandi sospesi del padre con il fisco, Anna Maria Casati Stampa di Soncino in Donà dalle Rose decise nel 1973 di porre in vendita la villa e di avvalersi del suo avvocato come mediatore. Nel 1974 venne infine venduta - ad un prezzo molto inferiore di quanto fosse stata valutata[32] - all'imprenditore milanese e futuro presidente del consiglio Silvio Berlusconi, il suo attuale proprietario.

Villa Buttafava[modifica | modifica sorgente]

Costruita alla fine del XVIII secolo, si sviluppa su tre piani con l'aggiunta, posteriore, di due ali più basse ed allungate. Circondata da numerose cascine, presenta, oltre ad una folta macchia d'alto fusto circondata da un muro di cinta, una caratteristica torre belvedere probabilmente eretta in epoca più recente (intorno alla fine del XIX secolo). Idealmente punto di riferimento e simbolo (insieme all'adiacente stazione) della frazione Buttafava, è attualmente adibita ad abitazione privata.

Il giardino all'italiana di Villa Ravizza

Villa Vittadini La Cazzola[modifica | modifica sorgente]

Casotto di caccia e villa privata cinque-seicentesca a pianta rettangolare, inserita in un parco di proprietà e costruita e progettata dall'architetto Pellegrino Tibaldi, è situata fuori dal centro abitato della città in direzione dei cosiddetti boschi di Arcore, nel nord-ovest del paese.

Villa Ravizza[modifica | modifica sorgente]

Situata in Via Monte Grappa e risalente al XVIII secolo, presenta, cinto da cancellate in ferro battuto, un giardino - tra i più belli e suggestivi della Brianza, progettato dall'architetto Lodovico Barbiano di Belgiojoso - composto da una serie di terrazzamenti e di statue e piante pregiate, nonché un ponticello a più archi che lo collega alla villa di proprietà privata.

Mulino Taboga[modifica | modifica sorgente]

Antico mulino da grano ad acqua, situato in via Molini di Mezzo, è costituito da un edificio di mattoni e travi di legno, sorretti da pilastri in muratura, su una pianta rettangolare. L'entrata, anticipata da un porticato, introduce ai locali interni del piano terra; il primo piano è invece raggiungibile tramite una scala esterna, in ferro battuto come le ringhiere dei balconi. Documenti circa la sua esistenza risalgono ai primi decenni del XVII secolo[33].

Cascina Bice[modifica | modifica sorgente]

Cascina ottocentesca[34] costituita da un ampio corpo centrale rettangolare affacciato su via Michelangelo Buonarroti, aperta nella parte centrale, rientrante, da un portico a quattro archi, a cui corrisponde al piano superiore un analogo loggiato, sostenuto da colonne.

(ex) Palazzo del Municipio[modifica | modifica sorgente]

Situato in Via Umberto I, a breve distanza da Piazza della Chiesa, si presenta come unedificio a due piani, con una particolare pianta a T rovesciata, venne edificato tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX come nuova sede del municipio cittadino. Dopo il trasferimento, verso la metà degli anni sessanta, degli uffici comunali in una nuova palazzina in via Roma, il palazzo venne destinato prima come sede della biblioteca civica e successivamente, dagli anni ottanta, alla scuola statale Olivetti.

Architetture industriali[modifica | modifica sorgente]

Stabilimento Gilera[modifica | modifica sorgente]

Sorto per volere di Giuseppe Gilera nel 1916, esso fu dapprima ubicato presso alcuni capannoni dell'industria Bestetti, e solo successivamente nell'attuale sede in via Cesare Battisti; con la sua chiusura, nel 1993, ad oggi sopravvivono quelli che furono i locali amministrativi e gli uffici della casa motociclistica. Attualmente è in fase di progettazione la trasformazione di questi edifici, in tempi ancora da stabilire, in un complesso museale dedicato al mondo della Gilera[35].

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Scuderie della villa Borromeo, oggi sede della Scuola di conservazione e restauro Camillo Boito dell'Accademia delle Belle Arti di Brera

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

I servizi per l'istruzione di base sono:

  • 4 scuole materne pubbliche e 2 convenzionate;
  • 5 scuole elementari pubbliche e 1 privata;
  • 2 scuole medie inferiori pubbliche e 1 privata.

Per quanto riguarda l'istruzione secondaria nel territorio cittadino è presente un istituto superiore privato[36] e un distaccamento del corso magistrale di restauro dell'Accademia di Brera nelle Scuderie di Villa Borromeo.

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

Arcore è dotato di una biblioteca pubblica, dedicata all'artista Nanni Valentini e situato in via Gorizia 20[37], che oltre a svolgere le sue naturali mansioni, promuove conferenze e corsi per ogni fascia d'età come, ad esempio, l'università della terza età.

Inoltre, il sistema bibliotecario arcorese rientra nel Sistema bibliotecario del Vimercatese, che comprende le biblioteche di Vimercate, Agrate Brianza, Aicurzio, Arcore, Basiano, Bellusco, Bernareggio, Burago di Molgora, Busnago, Cambiago, Camparada, Caponago, Carnate, Cavenago di Brianza, Concorezzo, Cornate d'Adda, Correzzana, Grezzago, Lesmo, Masate, Mezzago, Ornago, Pozzo d'Adda, Ronco Briantino, Sulbiate, Trezzano Rosa, Trezzo sull'Adda, Usmate Velate, Vaprio d'Adda, per un bacino d'utenza complessivo di circa 190.000 abitanti.

Associazioni culturali[modifica | modifica sorgente]

Corpo musicale Città di Arcore[38][modifica | modifica sorgente]

Fondata nel marzo del 1992 su iniziativa della sezione locale dell'Associazione nazionale carabinieri - Generale c.a. Dalla Chiesa, ad oggi è composta da una trentina di elementi a capo del maestro Claudio Spinelli. Collegata all'attività all'attività concertistica (in territorio comunale attiva durante le principali feste locali e nazionali), il corpo musicale ha anche attivato una scuola di musica. Attualmente, la sua sede è ubicata in via IV novembre 9, di fronte alla stazione cittadina.

Feste e ricorrenze[modifica | modifica sorgente]

Arcore Street Festival[modifica | modifica sorgente]

Evento musicale - nato nel 2003 - nel corso del quale si esibiscono artisti, musicisti, giocolieri e teatranti coinvolgendo tutto il centro storico cittadino, in particolar modo le vie Umberto I e Gorizia. Organizzato ogni terza domenica di giugno dall'associazione Pensieri in Corso e patrocinata dal comune[39].

Cioccoarcore[modifica | modifica sorgente]

Il cosiddetto Tour del Cioccolato, con decine di stand dei migliori artisti italiani del cioccolato, promosso dall'assessorato al commercio e dalla Pro Loco di Arcore, viene tenuto annualmente nella piazza del mercato comunale (via Pertini), durante i primi mesi dell'anno senza seguire una data precisa.

Edizione 2010 della fiera cittadina

Festa della Regina del Rosario[modifica | modifica sorgente]

La prima domenica di ottobre la comunità parrocchiale della Regina del Rosario celebra la sua festa patronale. Da tempo memorabile questa è la seconda festa patronale di Arcore.

La Fiera di Sant'Eustorgio[modifica | modifica sorgente]

L'evento sociale più importante del paese, tenuto il lunedì della terza settimana di settembre[40], in prossimità della festa padronale, durante il quale si può assistere alla tradizionale sfilata dei carri rionali, all'esibizione della banda cittadina[41], rivisitazioni storiche, giochi (palio dei Rioni in primis) nonché altre iniziative che coinvolgono l'intera cittadinanza.

Il palio dei Rioni[modifica | modifica sorgente]

Creata su ispirazione degli antichi palii medievali ma caratterizzata da prove di abilità più semplici e paesane (come, ad esempio, il palo della cuccagna), vede la partecipazione di quattro compagini: Bernate e boschi, La Ca, Cascina del Bruno e Arcore nord/sud (prima separate).

La prima edizione del Palio di Sant'Eustorgio si è disputata in Villa Borromeo d'Adda nel settembre del 2007 ed è stata vinta dalla squadra della frazione di Arcore Nord. Nel settembre del 2008, sempre in concomitanza con la Fiera di Sant'Eustorgio, è stata invece la squadra della frazione di Bernate ad aggiudicarsi il Palio, così come nelle edizioni 2009, 2010 e 2011. Nel 2012 infine, il titolo è stato vinto dalla frazione della Ca'[42].

VolontariAMO[modifica | modifica sorgente]

La Fiera della solidarietà e degli stili di vita, considerata la vetrina ufficiale del mondo del volontariato in Brianza[43], si tiene la prima domenica di ottobre e vede la partecipazione di decine di stand di enti no profit, allestiti nel centro cittadino, tra via Roma e via Umberto I.

Cucina[modifica | modifica sorgente]

La cucina arcorese è quella tipica della regione brianzola, ed è ampiamente influenzata da quella Milanese e lombarda, nonché dalla tradizione contadina della città (basti pensare che fino agli inizi del Novecento Arcore era un paese rurale). La carne di maiale è la più utilizzata, e da essa ne derivano i principali prodotti gastronomici che rendono famosa la Brianza: salumi, cotechini vaniglia, luganega sono solo alcuni esempi.

Tra i piatti più noti, la cassoeula, la torta paesana (cucinata soprattutto durante la festa padronale di Sant'Eustorgio), la busèca, la polenta ùncia ed il risotto.

Lingue e dialetti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Dialetto brianzolo.

Di pari passo con la lingua italiana, abbastanza diffuso è l'utilizzo - soprattutto nella fascia più matura dei cittadini arcoresi - del dialetto brianzolo, che, come la maggior parte dei dialetti d'Italia, è una lingua romanza (precisamente la lombarda) derivata dal latino con infiltrazioni anche di altri idiomi (spagnolo, francese, tedesco...)[44]. Attualmente, benché in lenta fase di regressione, è attualmente conosciuto e compreso dalla maggior parte della popolazione attiva[45].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Strade provinciali della provincia di Monza e della Brianza.

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione di Arcore e Stazione di Buttafava.

Arcore presenta due distinte stazioni all'interno del suo territorio:

Sport[modifica | modifica sorgente]

Il centro sportivo cittadino principale si trova in via San Martino e comprende piscine coperte e scoperte, due campi da calcio (da 5 e 7 giocatori), una palestra ed una pista di pattinaggio.

In via Sant'Apollinare angolo via Edison è inoltre presente il Palazzetto dello sport PalaUnimec[46], nel quale avvengono vari eventi e competizioni sportive quali partite di volley e basket, incontri di boxe e gare di ginnastica.

La squadra di pallavolo cittadina, la Pallavolo Casati milita attualmente nella serie D girone B della Lombardia, ugualmente alla compagine cestista, la Basket Casati Arcore, presente anch'essa nella serie D girone B lombarda.

Molto attiva è anche la U.S. Casati Ginnastica Arcore, praticata nella sua sede in via Monginevro. Tra i suoi atleti di spicco, l'anellista Matteo Morandi[47], olimpionico e vincitore a livello nazionale ed europeo nella sua specialità.

la U.S. A. Casati Calcio Arcore, infine, caratterizzata dai colori sociali bianco, verde e rosso e con sede ufficiale in via Monte Rosa, milita attualmente nel campionato Eccellenza.

Nel 1976 l'ultima tappa del Giro d'Italia fu divisa in due semitappe la prima delle quali, a cronometro individuale, si disputò con partenza e arrivo ad Arcore.

Tappe del Giro d'Italia con arrivo ad Arcore
Anno Tappa Partenza km Vincitore di tappa Maglia rosa
1976 22ª Arcore (cron. individuale) 28 Belgio Joseph Bruyère Italia Felice Gimondi

Persone legate ad Arcore[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Gilera nel 1910

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1860 1865 Cristoforo Vismara Sindaco
1865 1902 Cesare Tomaselli Sindaco
1902 1917 Luigi Santambrogio Sindaco
1917 1920 Guido Rapazzini Sindaco
1921 1924 Camillo Redaelli Sindaco
1924 1926 Emilio Pio Marchini Comm. prefettizio
1926 1928 Ezio Locatelli regime fascista Podestà
1928 1929 Guido Bestetti Comm. prefettizio
1929 1942 Guido Bestetti regime fascista Podestà
1943 1945 Adriano Mignanego Comm. prefettizio
1945 1946 Filippo Tadini Sindaco
1946 1951 Mansueto Ravizza Sindaco
1951 1954 Guido Bestetti Sindaco
1954 1964 Natale Penati Sindaco
1964 1966 Renato Teruzzi Democrazia Cristiana Sindaco
1966 1975 Fulvio Ferrario Democrazia Cristiana Sindaco
1975 1980 Giuseppe Pantò Partito Socialista Italiano Sindaco
1980 1987 Roberto Mandelli Partito Socialista Italiano Sindaco
1987 1990 Roberto Bertolotti Partito Socialista Italiano Sindaco
1990 1993 Giorgio Casiraghi Partito Socialista Italiano Sindaco
1993 1993 Rosalba Scialla nessuno Comm. prefettizio
1993 1997 Enrico Perego Lega Nord Sindaco
1997 2005 Antonio Nava L'Ulivo Sindaco
2005 2006 Anna Pavone nessuno Comm. prefettizio
2006 2011 Marco Rocchini Forza Italia/Popolo della Libertà Sindaco
2011 in carica Rosalba Colombo Partito Democratico Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Italia Corinaldo: per il S. ten. Alfonso Casati, Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dizionario di ortografia e pronunzia su RAI.it
  4. ^ Olivieri Dante Dizionario di toponomastica lombarda. Nomi di comuni, frazioni, casali, monti, corsi d'acqua, ecc. della regione lombarda studiati in rapporto alla loro origine., 2001, Milano, Lampi di Stampa.
  5. ^ Tabella climatica
  6. ^ dal sito della protezione civile. URL consultato il 23 settembre 2012.
  7. ^ dal sito istituzionale del comune. URL consultato il 23 settembre 2012.
  8. ^ Luisa Dodi, La storia di Arcore: fra amene ville, signorili giardini, vita contadina e mondo dell'industria, ed. Comune di Arcore, 1996.
  9. ^ iscrizione a Giulia Drusilla, figlia di Germanico. URL consultato il 23 settembre 2012.
  10. ^ dal sito noi cittadini.net. URL consultato il 23 settembre 2012.
  11. ^ Gianni Buonomo, Arcore, un popolo la sua chiesa il suo territorio, Gruppo Culturale Sant'Eustorgio, 1994.
  12. ^ comune di Arcore, sec. XIV - 1757. URL consultato il 23 settembre 2012.
  13. ^ Gianni Buonomo, Arcore, un popolo la sua chiesa il suo territorio, Gruppo Culturale Sant'Eustorgio, 1994, pagg. 35-36
  14. ^ Gianni Buonomo, Arcore, un popolo la sua chiesa il suo territorio, Gruppo Culturale Sant'Eustorgio, 1994, pag. 36
  15. ^ Giovanni Dozio, Notizie di Vimercate e la sua Pieve, G. Agnelli 1853
  16. ^ comune di Arcore, 1859 - 1971. URL consultato il 23 settembre 2012.
  17. ^ documentazione per il progetto della linea tranviaria. URL consultato il 21 dicembre 2012.
  18. ^ ditta Carlo Bestetti dal sito lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 23 settembre 2012.
  19. ^ origini dello stemma. URL consultato il 23 settembre 2012.
  20. ^ Dati demografici forniti dal sito istituzionale della città. URL consultato il 29 dicembre 2012.
  21. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  22. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 22 febbraio 2013.
  23. ^ La cappella Vela del complesso Borromeo D'Adda di Arcore. URL consultato il 1º gennaio 2013.
  24. ^ Full text of "Archivio storico lombardo"
  25. ^ l’oratorio dal sito lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 23 settembre 2012.
  26. ^ Luisa Dodi, La storia di Arcore: fra amene ville, signorili giardini, vita contadina e mondo dell'industria, pag. 46
  27. ^ Rossana Bossaglia, L'arte dal manierismo al primo Novecento - Storia di Monza e della Brianza, Il Profilo editore, Milano, 1971
  28. ^ 40 anni dopo sugli schermi il delitto Casati. Gli intrighi della marchese Fallarino e dei suoi amanti - Casati, Roma, Parioli, 1970, scandalo, sesso, trasgressione, delitto, a...
  29. ^ Nel salone del triangolo a luci rosse - LASTAMPA.it
  30. ^ Marco Travaglio ed Elio Veltri, L'odore dei soldi (vd. http://www.autistici.org/sitosovversivo/uncensored/notes/travaglio_veltri%20-%20l'odore%20dei%20soldi%20(origini%20e%20misteri%20delle%20fortune%20di%20silvio%20berlusconi).pdf )
  31. ^ Elenco_dei_Ministri_per_i_Rapporti_col_Parlamento - TerritorioScuola Enhanced Wiki Italiano
  32. ^ I lati oscuri dell'acquisto di villa San Martino
  33. ^ ASMi (M-CART-18) Carta dell'ing. Barca, 1615
  34. ^ pagina sulla cascina Bice dal sito lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 23 settembre 2012.
  35. ^ Gilera Design Complex, progetto 2011. URL consultato il 23 settembre 2012.
  36. ^ sito web ufficiale dell’istituto. URL consultato il 23 settembre 2012.
  37. ^ pagina istituzione della biblioteca. URL consultato il 23 settembre 2012.
  38. ^ sito ufficiale del Corpo musicale città di Arcore. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  39. ^ Arcore Street Festival
  40. ^ Scheda della fiera sul sito VisitBrianza. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  41. ^ scheda web del Corpo Musicale Città di Arcore. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  42. ^ resoconto di mbnews dell'edizione 2012 del Palio di Arcore. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  43. ^ Arcore, ritorna VolontariAmo, la fiera della solidarietà e degli stili di vita. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  44. ^ (IT) Glauco Sanga, Dialettologia lombarda, Pavia, Università di Pavia, 1984.
  45. ^ (IT) AA. VV., Parlate e dialetti della Lombardia. Lessico comparato, Milano, Mondadori, 2003.
  46. ^ PalaUnimec, palazzetto dello sport di Arcore. URL consultato il 22 dicembre 2012.
  47. ^ scheda dell'atleta Matteo Morandi sul sito ufficiale del Coni. URL consultato il 20 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Buonomo, Tonino Sala, Arcore, un Popolo la sua Chiesa il suo Territorio, Gruppo Culturale Sant'Eustorgio, 1994.
  • Michele Mauri, D. F. Ronzoni. Ville della Brianza. Ediz. italiana e inglese vol. 2. Missaglia, Bellavite, 2004. ISBN 88-7511-031-X.
  • D. F. Ronzoni, Arcore, le ville di delizia, Bellavite, 2010, ISBN 978-88-7511-142-7.
  • Luisa Dodi, La storia di Arcore: fra amene ville, signorili giardini, vita contadina e mondo dell'industria, ed. Comune di Arcore, 1996.
  • Monografia, Arcore, Usmate Velate: società, cenni storici, economia, Publieditori, 1992.
  • Don Giovanni Maria Dozio, Notizie di Vimercate e la sua Pieve, G. Agnelli, 1853.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia