Santa Cristina e Bissone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Cristina e Bissone
comune
Santa Cristina e Bissone – Stemma
Santa Cristina e Bissone – Veduta
Stazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
CapoluogoSanta Cristina
SindacoElio Giovanni Grossi (lista civica) dal 09/06/2009
Territorio
Coordinate
del capoluogo
45°09′27.22″N 9°23′59.14″E / 45.15756°N 9.39976°E45.15756; 9.39976 (Santa Cristina e Bissone)Coordinate: 45°09′27.22″N 9°23′59.14″E / 45.15756°N 9.39976°E45.15756; 9.39976 (Santa Cristina e Bissone)
Altitudine71 m s.l.m.
Superficie22,42 km²
Abitanti2 021[1] (30-09-2015)
Densità90,14 ab./km²
FrazioniSanta Cristina (sede comunale), Bissone
Comuni confinantiBadia Pavese, Chignolo Po, Corteolona e Genzone, Costa de' Nobili, Inverno e Monteleone, Miradolo Terme, Pieve Porto Morone
Altre informazioni
Cod. postale27010
Prefisso0382
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT018139
Cod. catastaleI175
TargaPV
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisantacristinesi
Patronosanta Cristina
Giorno festivo24 luglio
Cartografia
Santa Cristina e Bissone – Mappa
Posizione del comune di Santa Cristina e Bissone nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Santa Cristina e Bissone (Santa Cristina in dialetto pavese[2]) è un comune italiano di 2.021 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nel Pavese orientale, nella pianura alla sinistra dell'Olona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Santa Cristina è strettamente legata a quella dell'antica Abbazia benedettina di Santa Cristina. Essa venne fondata dal re dei Longobardi Liutprando nella prima metà dell'VIII secolo, con il nome di Sant'Anastasio; nel IX secolo il monastero fu dedicato a Santa Cristina. Fino al XII secolo ricevette donazioni da re e imperatori. Nell'XI secolo papa Urbano II pose il monastero sotto la giurisdizione dell'arcivescovo di Milano. Nel 1267 vi fu ospitato Corradino di Svevia. Nel secolo XV il monastero venne dato in commenda; nel 1513 dai benedettini passò ai monaci vallombrosani. Nel 1654 il monastero fu soppresso. Il paese di Santa Cristina si sviluppò attorno al monastero, e nel 1164 è citato nel diploma imperiale con cui Federico I concesse a Pavia la giurisdizione sull'Oltrepò, la Lomellina e la campagna pavese orientale, in cui si trova Santa Cristina. Fu sempre sotto la signoria feudale del Monastero, e fece parte della Campagna Sottana di Pavia. Dopo la soppressione del monastero, la signoria passò al Collegio Germanico.
Nel 1841 al comune di Santa Cristina fu unito quello di Bissone. Nel 1863 prese il nome di Santa Cristina e Bissone.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Persone legate a Santa Cristina e Bissone[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2015
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, UTET, 2006.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Santa Scristina su The Campanile Project

Controllo di autoritàVIAF: (EN167698728 · GND: (DE4569201-4
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia