Galliavola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Galliavola
comune
Galliavola – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
SindacoLoredana Longo (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate45°06′N 8°49′E / 45.1°N 8.816667°E45.1; 8.816667 (Galliavola)Coordinate: 45°06′N 8°49′E / 45.1°N 8.816667°E45.1; 8.816667 (Galliavola)
Altitudine90 m s.l.m.
Superficie8 km²
Abitanti201[1] (28-2-2017)
Densità25,13 ab./km²
Comuni confinantiFerrera Erbognone, Lomello, Pieve del Cairo, Villa Biscossi
Altre informazioni
Cod. postale27034
Prefisso0384
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT018066
Cod. catastaleD873
TargaPV
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiGalliavolini
PatronoSan Lorenzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Galliavola
Galliavola
Galliavola – Mappa
Posizione del comune di Galliavola nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Galliavola (Galiàula in dialetto lomellino[2]) è un comune italiano di 201 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella Lomellina meridionale, alla destra dell'Agogna, non lontano dalla riva sinistra del Po.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Certamente Galliavola, come la vicina Gallia (fraz. di Pieve del Cairo), derivarono da tenute agricole romane appartenenti alla famiglia Gallius, con i nomi di Gallia e Galliabula. Fece parte del contado di Lomello passando nel 1164 sotto il dominio di Pavia. Ne ebbe la signoria la famiglia dei Capitani di Grumello, probabilmente originaria dell'antica località di Grumello, situata nel territorio di Galliavola. I Grumello furono confermati nei loro possessi nel 1464, e, divisi in più rami, rimasero feudatari fino al XVII secolo, poi il feudo passò ai Lambertenghi, uno dei quali, professo della Compagnia di Gesù, lo lasciò nel 1660 ai Gesuiti di Brera in Milano; dopo l'abolizione dell'ordine il feudo fu incamerato.

Nel XVIII secolo furono aggregati a Galliavola gli antichi comuni di Grumello e Schivanoia, che formarono sempre un solo feudo con Galliavola. Schivanoia (il cui nome indicherebbe un luogo di delizie, forse una villa di caccia) doveva avere ancora nel XVIII secolo un castello, ed esiste ancora come cascina. Grumello era un luogo importante tra Galliavola e Lomello, ma già nel XVIII secolo era ridotto a una minuscola cascina e da qualche tempo è del tutto scomparso.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaco: Longo Loredana

Vicesindaco: Gribaudi Flavia

Assessore: Goggi Stefano

Consiglieri: Re Fabio, Longo Giovanni, Fasani Martina, Ballatore Vito, Pini Carlo, Broglia Giovanni, Valarioti Rosa, Borlone Luigi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 346.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311187901
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia