Castelletto di Branduzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castelletto di Branduzzo
comune
Castelletto di Branduzzo – Stemma
Castelletto di Branduzzo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Pavia-Stemma.png Pavia
Amministrazione
SindacoAntonino Lo Verso (lista civica Insieme per Castelletto) dal 25-5-2014 (2º mandato dal 26-5-2019)
Territorio
Coordinate45°04′N 9°06′E / 45.066667°N 9.1°E45.066667; 9.1 (Castelletto di Branduzzo)
Altitudine70 m s.l.m.
Superficie11,77 km²
Abitanti1 051[1] (31-8-2019)
Densità89,29 ab./km²
FrazioniBranduzzo, Valle Botta, Bassino, Case Nuove
Comuni confinantiBastida Pancarana, Bressana Bottarone, Casatisma, Lungavilla, Pancarana, Pizzale, Verretto
Altre informazioni
Cod. postale27040
Prefisso0383
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT018038
Cod. catastaleC157
TargaPV
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 623 GG[3]
Nome abitanticastellettesi
Patronosanti Siro e Alberto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelletto di Branduzzo
Castelletto di Branduzzo
Castelletto di Branduzzo – Mappa
Posizione del comune di Castelletto di Branduzzo nella provincia di Pavia
Sito istituzionale

Castelletto di Branduzzo (Cästlët in dialetto oltrepadano) è un comune italiano di 1 051 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella pianura dell'Oltrepò Pavese, tra i torrenti Luria e Coppa. È formato dal capoluogo Castelletto Po, da Branduzzo (a oggi disabitato) e da tre principali frazioni (Valle Botta, Bassino, Case Nuove).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Castelletto di Branduzzo fu formato nel 1928 unendo i comuni di Castelletto Po e Branduzzo.

Castelletto Po[modifica | modifica wikitesto]

Noto dalla fine del XII secolo quando, con le vicine Pancarana e Bastida Pancarana, apparteneva alla mensa vescovile di Pavia. Successivamente fece parte del feudo di Montebello, di cui erano investiti i Beccaria fino al 1629, quindi gli Orozco de Rivera e i Machado da Silva, e infine gli Spinola.

Nei suoi pressi si trovava lo scomparso paese di Regalia, di incerta localizzazione (CC C164).

Si unì con Branduzzo nel 1928.

Branduzzo[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Branduzzo venne edificato dalla famiglia Botta nel corso dell'ultimo decennio del quattrocento.

Famiglia di origine lombarda che gravitava tra Pavia e Milano, compì la sua ascesa sociale ed economica intorno alla seconda metà del quattrocento, dapprima con Giovanni che fu per vent’anni al servizio di Filippo Maria Visconti, divenendo in seguito maestro delle entrate durante il ducato degli Sforza.

Fu Bergonzo tuttavia, figlio di Giovanni e anch'egli maestro delle entrate presso gli Sforza, che portò il potere della famiglia ai massimi vertici.

Nel 1634 attraverso il matrimonio di un Botta con l’ultima erede dei dogi Adorno, avvenne la fusione tra le due famiglie, da cui il nome Botta Adorno.

Del castello è rimasta oggi solo un’ombra dell’antica grandezza. La sua decadenza dura ormai da trent’anni, da quando sono venuti a mancare i fondi per una manutenzione di tipo ordinario e poi, sempre più urgentemente di tipo straordinario. Fondi un tempo forniti dai proventi della conduzione del fondo agricolo, il cui potere di acquisto va scemando di anno in anno. A infierire sullo stato di degrado di questo luogo si sono abbattuti furti innumerevoli e atti vandalici che si sono spinti fino allo strappo dei preziosi tondi quattrocenteschi di terracotta nominati anche nei manuali di architettura.[4]

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Castelletto di Branduzzo è posto lungo la Strada Provinciale 1 ("Bressana-Salice") che collega Pavia con Voghera.

Il territorio comunale è attraversato dalle ferrovie Milano-Genova e Pavia-Stradella, ma il centro non dispone di stazioni o fermate ferroviarie. La frazione di Valle Botta, posta a nord del capoluogo, si trova a ridosso dello scalo ferroviario di Bressana Bottarone.

Il paese è servito da due autolinee extraurbane di servizio pubblico, gestite dalla società Autoguidovie[6]: Pavia-Voghera e Bressana-Voghera.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Le elezioni comunali del 2019 hanno visto la riconferma come Sindaco di Antonino Lo Verso.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi del paese è presente il Castelletto Circuit, dedicato alle gare di supermotard (è tappa italiana del campionato europeo e mondiale supermoto), gare di drifting e Legend Cars.

Dal 2001 è stato inaugurato il Kartodromo 7 laghi[8], pista Internazionale.

La locale squadra di calcio (l'A.C.D. Castelletto), fondata nel 1980, milita nel campionato di Terza Categoria. La sua massima storica classificazione è stata il 5º posto nel campionato di Prima Categoria durante la stagione 1996/97. I colori sociali sono nero e verde. Il presidente è Simone Valdata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ CASTELLO DI BRANDUZZO | I Luoghi del Cuore - FAI, su www.fondoambiente.it. URL consultato il 17 agosto 2021.
  5. ^ Matteo Trapolari, Sette Laghi Carpfishing & Spinning | Carpfishing Italia, la tua rivista tecnica sul carpfishing - carpmagazine.it, su carpmagazine.it, 5 settembre 2012. URL consultato il 17 agosto 2021.
  6. ^ Autoguidovie, su Autoguidovie. URL consultato il 17 agosto 2021.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ https://www.7laghikartitalia.it/, su 7laghikartitalia.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN244775007
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia