Fior di latte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fior di latte
Origini
Altri nomiMozzarella di latte vaccino
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniAbruzzo
Basilicata
Campania
Lazio
Marche
Molise
Puglia
Diffusionemondiale
Dettagli
Categoriaformaggio

Il fior di latte (talvolta scritto anche fiordilatte) o semplicemente mozzarella[1] o mozzarella di latte vaccino è un formaggio[2] fresco, di latte intero vaccino a pasta filata, ricavato con una tecnica quasi identica a quella della mozzarella di bufala campana, con la quale non deve essere confusa. È prodotto in tutta Italia e da secoli al Centro e al Sud. Le sue origini, che in ogni caso sono molto antiche, vanno collocate in Puglia e Campania; resta ancora controversa la questione sul vero primato dell'origine.[3][4]

Nel 1996 ha ottenuto la certificazione specialità tradizionale garantita con il nome di "mozzarella".[5] Nel 2020 la mozzarella di latte vaccino preparata in Gioia del Colle ha ottenuto il riconoscimento DOP e IGP dall'Unione Europea.[6]

Tipi e usi[modifica | modifica wikitesto]

Ha una forma sferoide o cuboide, che dà una resa del 14-15%. Questo tipo di formaggio si consuma freschissimo, ossia a non oltre tre giorni dalla produzione. Insieme al pomodoro è l'ingrediente principale della pizza. I vari tipi sono pure definiti: da tavola e da pizza, che è riconosciuto da una norma legale; quello da pizza deve contenere meno acqua e grasso, cioè il 15-20%, contro il 20-25% di quello da tavola.[7]

Il fior di latte è ideale per cucinare e imbottire, in particolare per preparare la farcitura della mozzarella in carrozza. Il fiordilatte è riconosciuto come specialità tradizionale garantita (STG) di Campania, Basilicata, Calabria, Puglia, Molise, Sicilia e Lazio. Come tale è stata ufficialmente inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T.) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf).[8] Il cosiddetto "nodino" di mozzarella, vale a dire la pasta della mozzarella annodata, è originario di Gioia del Colle, paese della provincia di Bari. La mozzarella di Gioia del Colle negli anni ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale e internazionale e nel 2020 ha anche ricevuto il dop, creando appunto la distinzione tra la mozzarella di vaccino campana e pugliese. Quest'ultima, infatti, si differenzia dalla prima nel gusto, storia, lavorazione e trattamento. Il fior di latte del Vallo di Diano, di Sorrento, di Agerola, dell'Agro Nocerino e dei monti Lattari, prodotto con latte di vacche di una razza presente solo in loco e allevata secondo la tradizione.

In Lazio e Campania il fior di latte è prodotto per lo più non artigianalmente; il che si può constatare dall'assenza della caratteristica cicatrice della mozzarella, che dopo la filatura viene mozzata a caldo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]