Robiola di Roccaverano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robiola di Roccaverano
Robiola di Roccaverano.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreFormaggi
Consorzio di tutelahttp://www.robioladiroccaverano.com
Altre informazioniReg. CE n.1263/96 (GUCE L. 163/96 del 02.07.1996)
 

La Robiola di Roccaverano (DOP) è un formaggio italiano a denominazione di origine protetta[1].

Etimologia e storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome robiola deriverebbe da Robbio[2], comune italiano in provincia di Pavia, dove già nel XVI secolo veniva lavorato questo formaggio[3]. Di antica origine, è citata da A. Frugoli nel suo ponderoso trattato scritto intorno al 1638, Pratica e Scalcaria, ove si afferma:

« ...e questo prodotto con latte di capra sarà il peggiore di tutti i formaggi, poiché asciuga rapidamente e non sarà adatto a coloro che soffrono di malinconia o a chi soffre di renella. »

(da A. Frugoli, Pratica e Scalcaria[4])

La prima certificazione di origine della robiola di Roccaverano ebbe luogo con il DPR del 14 marzo 1979 e il riconoscimento europeo è del 2 luglio 1996 (Reg. CE n.1263/96, GUCE L. 163/96)[5].

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è legato a Roccaverano, un comune in provincia di Asti, ma l'area di produzione della robiola comprende il territorio a cavallo fra le province di Asti e di Alessandria nella parte orientale delle Langhe[6].

Descrizione e procedimento produttivo[modifica | modifica wikitesto]

È un formaggio fresco, piuttosto grasso a, pasta cruda e bianca e privo di crosta. Deve contenere come minimo il 50% di latte caprino, che può essere integrato con percentuali variabili di latte vaccino e/o ovino. Il latte vie portato a temperatura di 18º, con aggiunta di presame liquido e se il latte è stato pastorizzato, vengono aggiunti anche enzimi; talvolta viene spruzzato di sale di cucina. Può essere consumato subito (la conservazione minima è di un giorno) o dopo una stagionatura non superiore a 20 giorni. Si presenta in forme cilindriche di diametro non superiore ai 16 centimetri con bordi arrotondati e di peso unitario mediamente di 200 gr. La pasta è quasi bianca o di un pallido paglierino, privo di crosta vera e propria, dal gusto "dolce", un po' più saporito nelle forme stagionate. Costituisce anche l'ingrediente base di alcuni tipi di bruss. È ben accompagnato da vini quali la barbera d'Asti, la barbera del Monferrato, il dolcetto di Ovada e il grignolino d'Asti[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robiola di Roccaverano, su Fondazione Slow Food. URL consultato il 16 aprile 2018.
  2. ^ Robiola in Vocabolario, su treccani.it. URL consultato il 16 aprile 2018.
  3. ^ Lomellina, patria di latte e formaggi, su laprovinciapavese.gelocal.it. URL consultato il 16 aprile 2018.
  4. ^ Citato in E. Faccioli, L'Arte della Cucina Italiana, Torino, Ed. Einaudi, 1987, p. 620>
  5. ^ Il consorzio, su robioladiroccaverano. URL consultato il 16 aprile 2018.
  6. ^ Robiola di Roccaverano DOP, su formaggio.it. URL consultato il 16 aprile 2018.
  7. ^ (EN) Ministero Agricoltura e Foreste, DOC cheeses of Italy, Milano, Franco Angeli, 1992, pp. 97-98

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]