Raschera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raschera
Raschera fetta.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePiemonte
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreFormaggi
Consorzio di tutelaConsorzio di tutela
Altre informazioniReg. CE n.1263/96 (GUCE L. 163/96 del 02.07.1996)
 

Il Raschera (DOP) è un formaggio italiano a Denominazione di origine protetta e riconosciuto nella sua tipologia d'alpeggio come presidio Slow Food.[1].

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Una fetta di Raschera confezionata con pellicola alimentare per la grande distribuzione.

Il nome Raschera deriva dal nome di un pascolo e di un lago situati ai piedi del monte Mongioie (2.630 m s.l.m.) situata nel comune di Magliano Alpi sulle Alpi Marittime in provincia di Cuneo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il disciplinare di produzione distingue due tipi di formaggio Raschera:

La forma è quadrata o tonda, la stagionatura minima è di un mese ma ne esistono anche a stagionatura più lunga con sapore più accentuato. Il latte utilizzato è quello vaccino, addizionato in alcuni casi con modeste quantità di latte di capra o di pecora.[2]

Sagre[modifica | modifica wikitesto]

A Frabosa Soprana e ad Ormea si organizza tutti gli anni una sagra del Raschera dove si può acquistare il formaggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Raschera d'alpeggio, scheda su presidislowfood.it (consultato nel dicembre 2014)
  2. ^ RASCHERA, scheda su prodottitipici.provincia.cuneo.it (consultato nel novembre 2014)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Formaggi italiani
Formaggi della Campania
Formaggi della Lombardia
Formaggi del Piemonte