Salignon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Salignun)
Salignön, Salgnon
Salignon a tavola.jpg
Origini
Altri nomiSalignoùn
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniValle d'Aosta
Piemonte
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoP.A.T.
Ingredienti principalisiero residuo dalla lavorazione dei formaggi, formaggio sminuzzato, spezie, erbe aromatiche
 

Il Salignön è una ricotta dalla consistenza cremosa e grassa e dal sapore piccante e speziato, ottenuta dal siero residuo della lavorazione casearia arricchito con latte o panna[1][2][3]. È riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (P.A.T.) italiano di due diverse regioni: il Piemonte (con il nome di salgnun o salignun) e la Valle d'Aosta (in questo caso la denominazione riconosciuta è salignoùn).[4]

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Salignon confezionato in vaschetta plastica trasparente

Viene prodotto, con lievi varianti, in Valle d'Aosta e nel Piemonte settentrionale, in particolare in Valsesia.[5]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La base della preparazione è la ricotta fresca, impastato con formaggio finemente sminuzzato (ad esempio toma), sale, pepe e peperoncino (da qui il suo colore rosato). L'impasto viene ulteriormente insaporito con erbe aromatiche di montagna e lasciato riposare per un tempo variabile a seconda di quanto lo si desidera piccante.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato per farcire le tipiche miasse (sottili e croccanti rettangoli di farina di granoturco che vengono cotte su apposite piastre). Si accompagna bene anche con la polenta.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina dei formaggi valdostani sul sito routedesvinsvda.it
  2. ^ Il salignön, su Valle d'Aosta. URL consultato il 13/1/2015.
  3. ^ Salignoùn: latticino PAT (Valle d'Aosta), prodotto dalla ricotta, su formaggio.it. URL consultato il 13/1/2015.
  4. ^ Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Decreto 7 giugno 2012. Dodicesima revisione dell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n.142, 20 giugno 2012, pp. 50 e 78.
  5. ^ a b Salagnun, salgnon o salignon, scheda su www.piemonteagri.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Formaggi italiani
Formaggi della Campania
Formaggi della Lombardia
Formaggi del Piemonte