Montasio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo monte, vedi Jôf di Montasio.
Montasio
Montasio kaasbrokkels.JPG
Una forma intera di Montasio
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreFormaggi
Consorzio di tutela[1]
ProvvedimentoReg. CE n.1107/96 (GUCE L. 148/96 del 21.06.1996)
Montasio (invecchiato 2 mesi)
Valori nutrizionali per 100 g
Energia370 kcal (1 550 kJ)
Proteine24 g
Carboidrati
Grassi
Totali32 g
 
Acqua36 g
Minerali
Calcio0,74 g
Potassio0,53 g

Il Montasio è un formaggio italiano a denominazione di origine protetta, tipico del nord-est d'Italia (Friuli-Venezia Giulia e Veneto), soggetto a rigide procedure di produzione e stagionatura, stabilite e vigilate dal rispettivo Consorzio, con sede a Codroipo (UD).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prende il suo nome dal celebre altopiano del Montasio, nel quale viene prodotto il formaggio fin dal 1200; presso l'abbazia di San Gallo di Moggio Udinese si sono affinate le prime tecniche di produzione, mentre i primi riscontri del nome risalgono al decreto del 22 agosto 1773, quando il Consiglio della città di Udine impose ai commercianti la vendita a prezzo fisso di alcuni prodotti, tra cui questo formaggio, cui, apprendiamo da tale documento, venne imposto il prezzo di 19 soldi a libbra[1][2][3].

Già nel 1880 si formò un movimento cooperativo di caseifici per sostenere la produzione di questo formaggio.[1] Un decreto del Ministero dell'Agricoltura e Foreste del 16 marzo 1987 ha attribuito all'Associazione dei Produttori del Montasio i compiti di supervisione, controllo e marketing della produzione del Montasio[3][4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Zona di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il disciplinare di produzione, stabilito con Decreto del Presidente della Repubblica Italiana del 13 marzo 1986 impone come zona di produzione tutto il Friuli Venezia Giulia e in Veneto la provincia di Treviso e quella di Belluno, la provincia di Venezia fino a Chioggia e la parte settentrionale della provincia di Padova: viene attualmente prodotto e stagionato in tutto il territorio delle province di Udine (17 soci produttori), Pordenone (11), Gorizia (1), Belluno (1), Treviso (10) ed in parte del territorio delle province di Padova (1) e Venezia (2).

Processo di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Trancio di Montasio
Una fetta di formaggio Montasio

Gli ingredienti sono latte bovino che deve rispettare dei limiti per quanto riguarda la carica batterica, sale e caglio e la stagionatura invece richiede un minimo di 60 giorni.

Aspetto e gusto[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto in forme cilindriche di 8 cm di altezza e circa 35 cm di diametro[3], assume un sapore, un aspetto, un colore e una consistenza diversa a seconda dei mesi di stagionatura, distinguendosi in fresco, mezzano e stravecchio: quando è fresco (un mese, 45 giorni, due mesi) ha un sapore delicato, la pasta è bianca e caratteristicamente occhiata, la crosta è bianca e morbida; a mano a mano che aumenta la stagionatura, il sapore diventa più aromatico, la crosta più dura, il colore più giallo e la pasta da morbida diventa friabile e dura. Specialmente con varie stagionature, è l'ingrediente principale di uno dei piatti più caratterizzanti della cucina friulana, il frico, e viene generalmente utilizzato in Friuli nella pietanza chiamata polente e formadi, accompagnandosi bene con vini come:[5]

  • formaggio fresco
Friuli Grave Merlot, Friuli Isonzo Merlot, Collio Goriziano Pinot nero
  • formaggio stagionato
Friuli Grave Cabernet franc superiore, Friuli Grave Refosco dal peduncolo rosso, Friuli Grave Pinot nero superiore, Colli Orientali del Friuli Schioppettino e Breganze Pinot Nero

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b DOC cheeses of Italy, p. 64
  2. ^ Montasio DOP, su formaggio.it. URL consultato il 5 aprile 2018.
  3. ^ a b c Scheda tecnica del Montasio, su formaggiomontasio.net. URL consultato il 5 aprile 2018.
  4. ^ DOC cheeses of Italy, p. 65
  5. ^ DOC cheeses of Italy, p. 67

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ministero Agricoltura e Foreste, DOC cheeses of Italy, Milano, Franco Angeli,

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85087025