Caciocavallo silano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Caciocavallo Silano
Caciocavallo Silano
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniCalabria
Basilicata
Campania
Molise
Puglia
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoD.O.P.
SettoreFormaggi
Consorzio di tutelacaciocavallosilano.it
Altre informazioniReg. CE n.1263/96 (GUCE L. 163/96 del 02.07.1996) completa l'allegato del reg. CE n. 1107/96 - e reg. n. 1204/2003
 
Caciocavallo Silano
Valori nutrizionali per 100 g
Energia333 kcal (1 390 kJ)
Proteine25,5 g
Carboidrati
Totali6,5 g
Zuccheri6,3 g
Grassi
Totali23,0 g
Saturi14,7 g
Minerali
Sodio1

Il caciocavallo silano è un formaggio italiano a Denominazione di origine protetta.

Il nome deriva dalla forma del caciocavallo silano, diverso da tutti gli altri. Esso, (quello prodotto in Sila), ha la forma di una testa di cavallo, ed i legacci per appenderlo sembrano delle vere e proprie briglie[1].

Il caciocavallo silano è un formaggio semiduro a pasta filata prodotto esclusivamente con latte di vacca, nel rispetto del disciplinare di produzione (Provvedimento 29 luglio 2003 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali).

La forma è ovale o tronco-conica con testina o senza. Il peso di ogni forma è compreso tra 1 kg e 2,500 kg. La crosta è sottile, liscia, di marcato colore paglierino. Le forme possono essere trattate in superficie con sostanze trasparenti, prive di coloranti[2].

La pasta è omogenea compatta con lievissima occhiatura, di colore bianco o giallo paglierino più carico all'esterno e meno carico all'interno[2].

Il sapore è aromatico, piacevole[senza fonte], fusibile in bocca, normalmente delicato e tendenzialmente dolce quando il formaggio è giovane, fino a divenire piccante a maturazione avanzata.

All'atto della sua immissione al consumo ogni forma reca impresso termicamente il contrassegno identificativo del caciocavallo silano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caseificio Reginella d'Abruzzo, su win.reginelladabruzzo.it. URL consultato il 6 Marzo 2018.
  2. ^ a b Il formaggio, su caciocavallosilano.it. URL consultato il 6 Marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]