Podolica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vacca Podolica
Specie Cowicon.svg Vacca
Podolica1.jpg
Localizzazione
Zona di origine Podolia
Diffusione Aree meridionali italiane (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia).
Aspetto
Mantello color grigio
Allevamento
Utilizzo Produzione di latte, carne

La podolica è una razza bovina caratterizzata da un mantello di colore grigio, con tendenza al grigio scuro sul collo, sulla coscia, sull'orlatura dell'occhio e dell'orecchio nel maschio, mentre nella femmina è più chiaro, fino al bianco. I maschi presentano corna a mezza luna, mentre nella femmina hanno forma di lira. Il bovino podolico in Italia è allevato in prevalenza nelle aree interne meridionali (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise e Puglia). La razza viene allevata per la produzione di carne e per il latte, utilizzato nella realizzazione di formaggi. In passato, la razza era utilizzata anche per fornire animali da tiro[1].

Storia della razza[modifica | modifica wikitesto]

L'antica razza Podolica ha conservato nel nome il riferimento alla regione, le steppe della Podolia (in Ucraina), da cui proviene la sua importazione: quest'ultima sembra sia stata opera degli Unni nel 452 d.C. o dei romani, i quali l'avrebbero importata anche a Creta.

Altre fonti, invece, ritengono sia un bovino da sempre originario della penisola italica[1].

La razza, per quanto non minacciata di estinzione, ha subito un consistente declino, dovuto alla meccanizzazione dell'agricoltura che ha reso obsoleto l'uso da tiro, e all'urbanizzazione e all'esodo dalle aree rurali/montane[1]. Da una consistenza stimata in 630.000 esemplari dall'Atlante Etnografico delle popolazioni bovine allevate in Italia del 1983, la popolazione di podolica ha conosciuto, secondo dati FAO del 2002, una diminuzione pari all'80%[1].

Adattamento e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Di fatto, costituisce il risultato di un processo millenario di adattamento agli ambienti delle aree meridionali del Paese, ai suoi boschi, alle sue macchie. La consistenza dei capi in quest'area del mediterraneo è di circa 130.000 capi, presenti, in particolare, in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, e Puglia.

Caratteristiche principali[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche principali della razza sono il forte adattamento ad ambienti difficili e la capacità di sfruttare, attraverso l'allevamento allo stato brado, quelle risorse alimentari che, altrimenti, a causa della loro collocazione in terreni difficili di aree interne, non potrebbero trovare altra utilizzazione.

Produzione alimentare[modifica | modifica wikitesto]

La quantità di latte prodotto in brevi periodi dell'anno è di circa 15 kg al giorno con un tenore di grasso del 4,50% e proteine del 3,60%. Il latte viene trasformato in formaggi a pasta filata molto pregiati (come il Caciocavallo podolico[1]) poiché conferisce al prodotto qualità organolettiche di particolare gradimento da parte del consumatore. La carne è di buona qualità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) B. Moioli, F. Napolitano e G. Catillo, Genetic Diversity between Piedmontese, Maremmana, and Podolica Cattle Breeds, in Journal of Heredity, 95 (3), pp. 250-256.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Razza podolica, su Servizio Tecnico dell'ANABIC, Associazione Nazionale Allevatori Bovini Carne.