Vezzena (formaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Formaggio Vezzena
Formaggio Vezzena
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regioni Trentino-Alto Adige
Veneto
Zona di produzione Altopiano di Vezzena, Altopiano di Lavarone, Altopiano di Folgaria, Enego
Dettagli
Categoria formaggio
Riconoscimento P.A.T.
Settore Formaggi
 

Il Vezzena è un formaggio di latte di vacca italiano, prodotto principalmente nella provincia di Trento, Altopiano di Vezzena (da cui prende il nome), nell'Altopiano di Lavarone, e nell'Altopiano di Folgaria, e parte della provincia di Vicenza, segnatamente nel comune di Enego.[1].

Il vezzena è un formaggio PAT e presidio Slow Food; inoltre nel 2005 è stata registrata la domanda della DOP (non ancora concessa e pertanto non può ancora fregiarsi del marchio[2]).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Vezzena è un formaggio semigrasso[3] e ha una pasta granulosa[1] di colore giallognolo[1] e un sapore vagamente amarognolo[1] . La crosta è di color grigio.[1]

Si presenta in tre versioni: mezzano, vecchio e stravecchio.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del formaggio Vezzena risalgono almeno al XV secolo.[3]

Agli inizi del XX secolo, diventa formaggio da grattugia.[3]

All'epoca degli Asburgo, il Vezzena costituiva uno dei piatti immancabili nella tavola dell'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria.[4]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il Vezzena si prepara unendo il latte vaccino e crudo della sera alla munta del mattino.[1][3]

Viene riscaldato lentamente, con l'aggiunta del latteinnesto.[1] In seguito, raggiunta una temperatura di circa 33-36°, viene aggiunto il caglio bovino.[1][3]

La pasta viene poi cotta a 46°.[3]

Le forme rimangono nelle fascere per circa 2-4 giorni[3], dopodiché vengono salate in salamoia [3].

Note[modifica | modifica wikitesto]