Ricotta forte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ricotta forte
Ricotta forte AvL.JPG
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegionePuglia
Dettagli
Categoriaformaggio
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreProdotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo escluso il burro)
 

La ricotta forte o (a seconda delle zone) nella forma dialettale ricotta 'scante, scanta, ascuante, squant (dal latino ustulo = brucio, per il suo sapore) è un prodotto caseario morbido spalmabile. Tipica del meridione e in particolare modo della Puglia[1][2].

A differenza della ricotta salata, la ricotta forte è cremosa e dal sapore piccante e leggermente amarognolo[1].

Analoga per preparazione al formaggio cremoso greco kopanisti, e ugualmente fermentata a opera di batteri e lieviti, la ricotta forte assume sapore piccante e odore molto intenso, analogo al pecorino di lunga stagionatura, anche grazie a diversi acidi grassi volatili isolati come butirrico, caproico, lattico e acetico. Si usa in modiche quantità per insaporire il sugo della pasta artigianale. Oppure si può gustare spalmata sulla bruschetta con le acciughe sotto sale. Tipico è anche l'utilizzo come farcitura dei panzerotti fritti Ricotta forte, su taccuinistorici.it. URL consultato il 22 Marzo 2018.</ref>.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Andrea Tibaldi, Ricotta forte, su Cibo360.it. URL consultato il 22 Marzo 2018.
  2. ^ Ricotta forte, su prodottitipici.com. URL consultato il 22 Marzo 2018.