Codroipo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Codroipo
comune
Codroipo – Stemma Codroipo – Bandiera
La sede del comune
La sede del comune
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Udine-Stemma.png Udine
Amministrazione
Sindaco Fabio Marchetti (centro-destra) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°57′41″N 12°58′37″E / 45.961389°N 12.976944°E45.961389; 12.976944 (Codroipo)Coordinate: 45°57′41″N 12°58′37″E / 45.961389°N 12.976944°E45.961389; 12.976944 (Codroipo)
Altitudine 43 m s.l.m.
Superficie 75,22 km²
Abitanti 16 046[2] (31-12-2014)
Densità 213,32 ab./km²
Frazioni Beano, Biauzzo, Goricizza, Iutizzo, Lonca, Muscletto, Passariano, Pozzo, Rividischia, Rivolto, San Martino, San Pietro, Zompicchia[1]
Comuni confinanti Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento, Lestizza, Mereto di Tomba, San Vito al Tagliamento (PN), Sedegliano, Valvasone Arzene (PN), Varmo
Altre informazioni
Cod. postale 33033
Prefisso 0432
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030027
Cod. catastale C817
Targa UD
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti codroipesi
Patrono Madonna della Neve
Giorno festivo 5 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Codroipo
Codroipo
Posizione del comune di Codroipo nella provincia di Udine
Posizione del comune di Codroipo nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Codroipo Ascolta[?·info](Codroip in friulano[3]) è un comune italiano[4] di 16 046 abitanti[2] della provincia di Udine nel Friuli-Venezia Giulia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Codroipo si estende per 75 km2 nella zona delle risorgive del Medio Friuli, a metà strada dalle città di Udine e Pordenone, entrambe distanti circa 27 km. Il capoluogo è posto sulla riva orientale del fiume Tagliamento, da cui dista di circa 6 km.

L'area, è interessata dal fenomeno delle risorgive, che contribuisce al proliferare di rivi, rogge, e ambienti acquatici come laghetti e stagni. La persistente azione dell'uomo ne ha oggi profondamente modificato la natura in funzione dell'agricoltura mono-colturale, tuttavia, alcune aree sono state preservate. Il Parco delle Risorgive di Codroipo, posto a sud dell'abitato, in corrispondenza del centro sportivo, offre infatti un esempio di come poteva presentarsi l'ambiente in epoca pre-industriale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Udine Rivolto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Zona di castellieri fin dall'età del bronzo, l'insediamento acquisisce consistenza in epoca romana tra il I° e il II° secolo a.C.

La fondazione della colonia di Aquileia, nel 181 a.C., rese strategica la posizione come crocevia per mercanti e soldati della Res Publica[5]. L'antico toponimo Quadruvium (poi Quadrupio[6]) deriverebbe dalle quattro contrade principali (quadrivio) che qui convergevano dall'incontro di due importanti strade romane: la Postumia, che collegava Aquileia a Genova, e la Iulia Augusta che da Concordia portava verso il Norico (Germania). Codroipo fu pagus all'interno della municipalità di Aquileia fino alla sua caduta per mano di Attila nel 452.

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente, Codroipo e il resto del Friuli furono soggetti alle invasioni barbariche, fino alla dominazione longobarda tra i secoli VI e VII. In questo periodo una parziale ripresa delle attività commerciali fu favorita dall'ubicazione del comune lungo l'unica strada che collegava la capitale del regno longobardo Pavia, con la capitale del Ducato del Friuli, la città di Cividale (l'antica Forum Iulii romana).

Ai longobardi succedettero i franchi, con l'inquadramento della nuova Marca del Friuli nel Regnum Italiae nel 781.

Nella prima metà del X° secolo, le devastanti invasioni degli ungari, che razziarono e decimarono la popolazione valsero alla pianura veneto-friulana l'appellativo di vastata Hungarorum tale fu la violenza con cui si abbatté l'orda sui territori mal difesi dai franchi.

Il 28 aprile 1001, l'imperatore Ottone III concesse buona parte del Friuli, incluso Codroipo, a Giovanni, Patriarca di Aquileia.

Il periodo patriarcale segna l'inizio di una ripresa economica e demografica, stimolata dall'insediamento di coloni dalle terre di confine ad est del Patriarcato. Tuttavia l'importanza strategica di Codroipo come avamposto militare, impedisce il costituirsi di un libero comune, rimanendo così feudo patriarcale sotto il comando di un gastaldo imperiale, titolo concesso ai casato Savorgnan[7].

Sconfitto il Patriarcato, la Serenissima Repubblica Venezia, acquisisce la maggior parte del Friuli, nel 1420.

Verso la fine del XV secolo e l'inizio del XVI, Codroipo fu prima ceduta dal conte goriziano Leonardo, investito dal Patriarcato di Aquileia, all'imperatore d'Austria e poi da quest'ultimo lasciata a Venezia.

Nel 1797, ebbe luogo in quest'area la battaglia del Tagliamento, tra le truppe asburgiche e quelle napoleoniche, e che vide la vittoria dell'Armée e la temporanea annessione della Repubblica veneta alla Francia. Numerose sono in questo periodo le spoliazioni e le requisizioni ad opera dei due eserciti, in particolar modo, quelli dei francesi vittoriosi sugli austriaci[8].

Impossessatosi degli alloggi del Doge a Villa Manin, Napoleone vittorioso ne fece il suo quartier generale fino alla sigla del trattato di Campoformio, che sancì la fine della plurisecolare Repubblica di Venezia, ceduta all'Austria insieme al Friuli.

Nel 1860 fu aperta la linea ferroviaria tra Mestre e Udine, in cui Codroipo fu la prima stazione a sinistra del Tagliamento.

L'annessione, nel 1866, al Regno d'Italia, segnata da ingenti danni alle vie di comunicazione messi in atto dagli austriaci in ritirata[9].

Nel periodo bellico tra il 1914 e il 1917, Codroipo diventa uno snodo logistico di primaria importanza per il Regio Esercito grazie al ponte sul Tagliamento.[10]

Drammatici gli eventi successivi alla rotta di Caporetto, il 27 ottobre 1917. Nel disordine della ritirata delle truppe italiane si aggiungono i civili in fuga dall'occupazione austriaca. La Battaglia di Codroipo, vide contrapposti effettivi della Brigata Sassari e di altri reparti del Regio Esercito a preponderanti forze austro-tedesche, nel tentativo di evacuare il possibile attraverso il ponte, prima della sua distruzione. L'occupazione austriaca fino al novembre successivo sottopose la popolazione locale ad ulteriori sofferenze aggravate da vessazioni, requisizioni e dalla fame[11]

Durante la Seconda Guerra Mondiale, è bersagliata a causa della presenza della fabbrica di munizioni Mangiarotti. Particolarmente pesante il bombardamento del 12 ottobre 1944 che colpisce un convoglio ferroviario carico di esplosivo[12]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune è di color rosso, con la Croce di Sant'Andrea di argento, accostata da quattro cipressi al naturale. Lo scudo è fregiato da ornamenti del Comune.

Il gonfalone ha il drappo di colore azzurro, riccamente ornato con ricami d'argento e caricato dello stemma del Comune, con l'iscrizione centrata in argento "Comune di Codroipo". Le parti di metallo e i nastri sono argentati. L'asta verticale, ricoperta di velluto azzurro con bullette argentate, poste a spirale. Sulla freccia è inciso lo stemma del Comune e sul gambo il nome. Cravatta e nastri tricolori hanno i colori nazionali, frangiati d'argento.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionale emporio commerciale del Medio Friuli, a lungo l'economia locale è stata particolarmente attiva nei mercati del grano e del bestiame bovino[13].

Negli anni Venti del Novecento, si diffonde la coltura estensiva del tabacco e nel 1938 viene realizzato uno stabilimento, retto in forma di cooperativa, per l'essiccazione e lavorazione del tabacco.

Nel secondo dopoguerra inizia un periodo di progressivo potenziamento delle attività commerciali e dei servizi. In particolare nel corso degli anni Ottanta, prende avvio il fenomeno delle piccole imprese familiari tipiche del Nord-Est italiano, che vede una progressiva diffusione del benessere sul territorio accompagnata da una relativa crescita demografica al netto di una parallela riduzione della presenza di personale militare a partire dagli anni novanta[14].

Le imprese più rilevanti operano nei settori dell'edilizia, della termoelettrica, dell'arredamento, dell'artigianato organaro, della viticoltura.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Ville venete[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Civico delle Carrozze d'Epoca (Via San Pietro, 6 - San Martino)[16]
  • Museo Archeologico di Codroipo (Piazzetta Don Vito Zoratti)[17]
  • Museo del Vino Vigneti Pittaro (Via Udine, 67 - Frazione Zompicchia)[18]

Mulini[modifica | modifica wikitesto]

  • Mulino Bosa
  • Mulino Bert
  • Molino Zoratto
  • Molino Caeran

Giardini e Parchi[modifica | modifica wikitesto]

  • Parco di Villa Manin[19][20]
  • Parco delle Risorgive di Codroipo[21]

Aeroporto Militare di Rivolto[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella frazione Rivolto si trova l'Aeroporto Militare, sede del 2º Stormo, che annovera tra i propri Reparti il 313º Gruppo Addestramento Acrobatico Frecce Tricolori, la Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[22]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Codroipo, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano centro-orientale, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[23].

Qualità della vita e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune Riciclone 2011 - Comuni Ricicloni per il legno: un importante riconoscimento che premia Codroipo come primo comune del nord Italia per il riciclo del legno[24].

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fiera di San Simone. Nel mese di ottobre, si tiene la storica fiera erede del tradizionale mercato contadino d'autunno. Famoso in passato per essere il più importante mercato di bestiame bovino della regione fino agli anni Settanta. La fiera si conclude di consueto con il mercato grande e l'assegnazione del maggior premio letterario in lingua friulana, il "San Simon", e il giovanile "San Simonut".[25]
  • Sapori Pro Loco. Fiera eno-gastronomica in cui volontari delle Pro-loco offrono le specialità della regione dalle Alpi all'Adriatico. Si tiene nel mese di maggio sull'ampio prato antistante a Villa Manin in Passariano.

Persone legate a Codroipo[modifica | modifica wikitesto]

Nati a Codroipo[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi la denominazione in friulano

  • Beano (Beàn)
  • Biauzzo (Blaùç)
  • Goricizza (Guricìs)
  • Iutizzo (Jutìs)
  • Lonca (Lonche)
  • Muscletto (Musclêt)
  • Passariano (Passariàn)
  • Pozzo (Poç)
  • Rividischia (Rividìscje)
  • Rivolto (Rivòlt)
  • San Martino (San Martìn)
  • San Pietro (San Pièri)
  • Zompicchia (Çupìcje)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Polisportiva Codroipo che milita nel girone A friulano di 1ª Categoria. È nata nel 1919.

Le altre squadre di calcio della città sono: l'A.S.D. Zompicchia 1968 che milita nel girone C udinese di 2ª Categoria. È nata nel 1968. I colori sociali sono l'azzurro ed il bianco

e l'A.S.D. Rivolto che milita nel girone C udinese di 2ª Categoria. È nata nel 1967. I colori sociali sono il verde ed il blu..

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Codroipo - Statuto.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  3. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana
  4. ^ Comune di Codroipo, Sito web ufficiale Comune di Codroipo, comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 31 marzo 2015.
  5. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: La preistoria e l'età romana, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  6. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Il patriarcato, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  7. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Il patriarcato, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  8. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Napoleone a Passariano, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  9. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Verso il Novecento, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  10. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Verso il Novecento, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  11. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Verso il Novecento, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  12. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Verso il Novecento, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  13. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: La dinamica Economica e Sociale tra Ottocento e Novecento, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  14. ^ Sito web ufficiale del Citta di Codroipo: Codroipo: un rete di servizi, su www.comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 09 novembre 2015.
  15. ^ Sito web http://www.villamanin-eventi.it/, LA STORIA E L'ARCHITETTURA DI VILLA MANIN, villamanin-eventi.it. URL consultato il 1 aprile 2015.
  16. ^ Sito web: http://www.museionline.info/, Regioni Friuli Venezia Giulia Udine Codroipo Museo Civico delle Carrozze d'Epoca, museionline.info. URL consultato il 1º aprile 2015.
  17. ^ Sito web Comune di Codroipo: http://www.comune.codroipo.ud.it/index.php?id=6415&no_cache=1, Ti trovi qui: Città di Codroipo > Vivere a Codroipo > Arte e cultura > Museo archeologico, comune.codroipo.ud.it. URL consultato il 31 marzo 2015.
  18. ^ Sito web informazione turistica TurismoFVG http://www.turismofvg.it/, Museo del Vino Vigneti Pittaro HomePage / Luoghi / Punti di interesse / Arte cultura storia / Musei / Musei delle tradizioni / Museo del Vino Vigneti Pittaro, turismofvg.it. URL consultato il 31 marzo 2015.
  19. ^ Passariano, Codroipo, Udine Villa Manin a Passariano di Codroipo, magicoveneto.it. URL consultato il 1º aprile 2015.
  20. ^ Sito web SIRPAC Sistema Informativo Regionale del Patrimonio Culturale della Regione Friuli Venezia Giulia - Parchi e giardini. Percorsi tematici. UD - http://www.sirpac-fvg.org/content/cont_d.asp?CSez_ID=HELP&Cont_ID=893, Ricerche Scheda PG 5, 46.137.91.31. URL consultato il 1º aprile 2015.
  21. ^ Web Site: http://www.turismofvg.it/, Parco delle Risorgive di Codroipo HomePage / Luoghi / Punti di interesse / Natura / Giardini e parchi / Parco delle Risorgive di Codroipo, turismofvg.it. URL consultato il 1º aprile 2015.
  22. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  23. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana , Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.
  24. ^ Dossier comuni ricicloni 2011
  25. ^ Fiera di San Simone, su www.turismofvg.it. URL consultato il 02 novembre 2015.
  26. ^ Marina Militare

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN236541286