Dignano (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dignano
comune
Dignano – Stemma Dignano – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoVittorio Orlando (lista civica) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate46°05′N 12°56′E / 46.083333°N 12.933333°E46.083333; 12.933333 (Dignano)Coordinate: 46°05′N 12°56′E / 46.083333°N 12.933333°E46.083333; 12.933333 (Dignano)
Altitudine112 m s.l.m.
Superficie27,54 km²
Abitanti2 287[2] (31-12-2019)
Densità83,04 ab./km²
FrazioniBonzicco, Carpacco, Vidulis

Località: Borgo Mezzoli[1]

Comuni confinantiCoseano, Flaibano, Rive d'Arcano, San Daniele del Friuli, San Giorgio della Richinvelda (PN), Spilimbergo (PN)
Altre informazioni
Lingueitaliano, friulano
Cod. postale33030
Prefisso0432
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT030032
Cod. catastaleD300
TargaUD
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 590 GG[3]
Nome abitantidignanesi
Patronosan Sebastiano
Giorno festivo20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dignano
Dignano
Dignano – Mappa
Posizione del comune di Dignano nella ex provincia di Udine
Sito istituzionale

Dignano (Dignan in friulano)[4] è un comune italiano di 2 287 abitanti[2] in Friuli-Venezia Giulia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è noto per aver dato i natali a Jacopo Pirona, autore del Vocabolario della lingua friulana, e a suo nipote Giulio Andrea Pirona.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'architettura, sono da ricordare: la chiesa parrocchiale di San Sebastiano, costruita nel XVIII secolo; la pieve dei Santi Pietro e Paolo risalente al XII secolo, una delle pievi più antiche del Friuli; essa presenta l'abside affrescato con dipinti coevi nonché quattro affreschi settecenteschi nella navata di sinistra; la casa Pirona-Bisaro risalente al XVI secolo, rarissimo esempio di casa carnica nel medio Friuli, caratterizzata da una pregevole facciata contraddistinta da quattro archi in tufo, e che presenta al suo interno due grandi affreschi settecenteschi; la casa Pirona che diede i natali a Jacopo Pirona.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Dignano, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza la lingua friulana. Ai sensi della deliberazione n. 2680 del 3 agosto 2001 della Giunta della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, il Comune è inserito nell'ambito territoriale di tutela della lingua friulana ai fini della applicazione della legge 482/99, della legge regionale 15/96 e della legge regionale 29/2007[6].
La lingua friulana che si parla a Dignano rientra fra le varianti appartenenti al friulano centro-orientale[7].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

In base alla legge regionale 26/2014 "Riordino del sistema Regione - Autonomie locali del Friuli Venezia Giulia" Dignano fa parte della UTI "Collinare" del Friuli che ha sede ad San Daniele del Friuli assieme ai comuni di Buja, Colloredo di Monte Albano, Coseano, Fagagna, Flaibano, Forgaria nel Friuli, Majano, Moruzzo, Osoppo, Ragogna, Rive d'Arcano, San Daniele del Friuli, San Vito di Fagagna, Treppo Grande.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio della città è l'A.C.Dignano 1992 che milita nel girone A di 1ª categoria della Lega Calcio Friuli Collinare. È nata nel 1992.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Dignano - Statuto.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ toponomastica ufficiale (DPReg 016/2014), su arlef.it.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana., su arlef.it.
  7. ^ Lingua e cultura, su arlef.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9144648155792471956 · BNF (FRcb13734577b (data)