San Vito al Torre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Vito al Torre
comune
San Vito al Torre – Stemma San Vito al Torre – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Friuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
Provincia Provincia di Udine-Stemma.svg Udine
Amministrazione
Sindaco Gabriele Zanin (lista civica) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°54′N 13°22′E / 45.9°N 13.366667°E45.9; 13.366667 (San Vito al Torre)Coordinate: 45°54′N 13°22′E / 45.9°N 13.366667°E45.9; 13.366667 (San Vito al Torre)
Altitudine 17 m s.l.m.
Superficie 11,92 km²
Abitanti 1 273[1] (30-4-2017)
Densità 106,8 ab./km²
Frazioni Crauglio (Crauì in friulano), Nogaredo al Torre (Naiarêt de Tôr in friulano)
Comuni confinanti Aiello del Friuli, Campolongo Tapogliano, Chiopris-Viscone, Medea (GO), Palmanova, Romans d'Isonzo (GO), Trivignano Udinese, Visco
Altre informazioni
Lingue italiano, friulano
Cod. postale 33050
Prefisso 0432
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 030105
Cod. catastale I404
Targa UD
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 278 GG[2]
Nome abitanti sanvitesi
Patrono SS. Vito, Modesto e Crescenzia
Giorno festivo 15 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Vito al Torre
San Vito al Torre
San Vito al Torre – Mappa
Posizione del comune di San Vito al Torre nella provincia di Udine
Sito istituzionale

San Vito al Torre (San Vît de Tor in friulano[3]) è un comune italiano di 1 273 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di San Vito al Torre è situato in posizione centrale nella regione Friuli-Venezia Giulia, a circa 19 km da Gorizia, 21 km da Udine, 44 km da Trieste, 56 km da Pordenone e 96 km da Venezia. Il territorio, completamente pianeggiante, presenta il tipico paesaggio rurale della bassa pianura friulana. Si trovano tre centri abitati, distribuiti lungo l'asse nord-sud della strada provinciale 2. Partendo da nord, essi sono Nogaredo (Naiarêt in friulano), San Vito (San Vît in friulano), e Crauglio (Crauì in friulano). Il prevalente andamento nord-sud viene rimarcato anche del corso del torrente Torre, che segna il confine orientale del territorio comunale, e diventa anche confine di provincia. È un Comune cerniera su cui insistono diverse entità territoriali: bassa friulana, Palmarino e distretto della sedia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio, probabilmente già compreso in un "praedium" romano dipendente da Aquileia, fu donato nel 981 dall'imperatore Ottone II al patriarca Rodoaldo, e permase nell'ambito del Patriarcato di Aquileia fino al Trattato di Noyon del 1516, quando passò a Massimiliano d'Austria. Rimase aggregato alla Contea Principesca di Gorizia e Gradisca all'interno dell'Impero austro-ungarico sino al 1918, quando venne annesso al Regno d'Italia. Solo nel 1923 venne inserito nella provincia di Udine, mentre fa tuttora parte della Arcidiocesi di Gorizia. Il Comune di San Vito al Torre venne istituito nel 1889.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il patrimonio architettonico conta su opere di carattere sia religioso che civile. A San Vito (San Vît in friulano) la Chiesa Parrocchiale di San Vito e Modesto risale al 1778, fu costruita in senso perpendicolare rispetto alla chiesa precedente, la cui abside è ora adibita a sagrestia e al suo interno si conserva un bel altare maggiore settecentesco di scuola goriziana. Settecentesca è anche la Cappella di Sant'Andrea a Nogaredo (Naiarêt in friulano), mentre risale al XV secolo la Chiesa di San Canciano Martire a Crauglio (Crauì in friulano). Tra le ville nobiliari, notevoli la Villa Maniago a Nogaredo, di chiaro stampo veneto e risalente al 1755; e Villa Steffaneo a Crauglio, del 1640, assai vasta e ricca di affreschi, per la maggior parte dipinti probabilmente verso il 1770 e di evidente ispirazione veneziana, in particolare per quanto riguarda le vedute architettoniche. Nel 2014 questa residenza storica ha subito gravi danni a causa di un incendio[4].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A San Vito al Torre, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza la lingua friulana nella sua forma centro-orientale. Si distinguono le varianti impiegate in ciascuna delle tre frazioni: a San Vito e a Nogaredo la terminazione dei nomi femminili è in -e (tipica del friulano centrale), mentre nella frazione di Crauglio questa è in -a (tipica del friulano orientale o goriziano). Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[6].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • A San Vito al Torre, nel mese di giugno, dopo il Patrono San Vito, (dal venerdì al lunedì), viene organizzata la tradizionale sagra paesana denominata "Seris di Fieste" con Bicilonga la domenica mattina. Fino al 2015 veniva organizzata nell'ultimo week end di luglio.
  • Nel mese di maggio viene organizzato un Torneo di Calcio Giovanile intitolato a Fabio ZUCCHERI, giovane calciatore nato e cresciuto a San Vito e morto a soli 20 anni (2015) durante un allenamento di calcio a SEVEGLIANO.
  • Nel mese di luglio, a cura del locale Gruppo Alpini, viene organizzato un Torneo di calcio a 7.
  • A Crauglio, durante i fine settimana del mese di luglio, si svolge il "Palio dei Borghi", durante il quale le borgate paesane (Borc, Banda Dael, Plassa e Rupis) competono in gare sportive e giochi di abilità (calcio, pallavolo, giochi da tavolo e carte).
  • Sempre a Crauglio la prima domenica di agosto viene organizzata la Marcialonga non competitiva "Un zîr pai Gjai".
  • A Nogaredo al Torre, fino ai primi anni novanta, veniva organizzata un'importante sagra dedicata all'"asparago di Nogaredo" che è stata sospesa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1985 1995 Mario Marcon DC sindaco
1995 1999 Laurino Giovanni Nardin lista civica sindaco
1999 2014 Fabrizio de Marco lista civica sindaco
2014 in carica Gabriele Zanin lista civica sindaco

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana
  4. ^ Il Friuli: Villa Steffaneo Roncato distrutta dalle fiamme
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana , Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243890012