Bassa friulana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bassa Friulana
Stati Italia Italia
Regioni Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia (Pordenone, Udine, Gorizia)
Veneto Veneto (ex mandamento di Portogruaro)
Territorio delimitato a nord dalla linea delle risorgive, a est dal Carso e dalla foce del fiume Timavo, a ovest dal fiume Livenza e a sud dal Mare Adriatico.
Lingue friulano, italiano, veneto

La Bassa friulana (o La Bassa o Basso Friuli) è una pianura alluvionale dell'Italia nord orientale compresa nei confini del Friuli, che funge da terra di mezzo fra il continente europeo e il mare Adriatico, parte della più vasta pianura veneto-friulana.

La zona è caratterizzata da una ricchissima rete idrica con i fiumi Livenza, Noncello, Meduna, Sile, Fiume, Lemene, Tagliamento, Stella, Torsa, Turgnano, Corno, Ausa, Natissa, Torre, Isonzo, Timavo ed altri, dalla fertilità dei suoli, dalla vicinanza al mare in particolar modo alla laguna di Marano Lagunare che con quella attigua di Grado dà vita ad uno dei più bei paesaggi naturali d'Italia. Esistono diverse aree protette come la Riserva naturale della Foce dell'Isonzo e la Riserva naturale Foci dello Stella, con resti talora importanti dei boschi planiziali dell'antica Silva Lupanica che si estendeva in questi luoghi.

Le zone sono fin dai tempi antichi ricche di insediamenti umani e attività produttive, per quanto nel passato, l'eccessiva abbondanza d'acqua in assenza di sistemi di bonifica, abbia creato un notevole ostacolo. Da sempre territorio di passaggio, scambi e comunicazioni, ma anche d'invasioni, incursioni, devastazioni, miseria e pandemie.

La gente che vi abita pertanto è piuttosto eterogenea ed accanto alla prevalente popolazione friulana in provincia di Udine, troviamo alcune minoranze di origine veneta in particolare nella provincia di Pordenone, Gorizia (bisiachi) e nella Città Metropolitana di Venezia (Mandamento di Portogruaro) ed in minor misura di altra provenienza regionale, non solo italiana.