Torreano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione del comune co-provinciale di Martignacco, vedi Torreano (Martignacco).
Torreano
comune
Torreano – Stemma Torreano – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia Giulia-Stemma.png Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaProvincia di Udine-Stemma.svg Udine
Amministrazione
SindacoRoberto Sabbadini (lista civica) dal 16-5-2011
Territorio
Coordinate46°08′N 13°26′E / 46.133333°N 13.433333°E46.133333; 13.433333 (Torreano)Coordinate: 46°08′N 13°26′E / 46.133333°N 13.433333°E46.133333; 13.433333 (Torreano)
Altitudine189 m s.l.m.
Superficie34,99 km²
Abitanti2 139[2] (31-12-2015)
Densità61,13 ab./km²
FrazioniCanalutto, Costa, Masarolis, Montina, Prestento, Reant, Ronchis, Togliano[1]
Comuni confinantiCaporetto (Kobarid) (SLO), Cividale del Friuli, Faedis, Moimacco, Pulfero, San Pietro al Natisone
Altre informazioni
Cod. postale33040
Prefisso0432
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT030122
Cod. catastaleL246
TargaUD
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 435 GG[3]
Nome abitantitorreanesi
PatronoSan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Torreano
Torreano
Torreano – Mappa
Posizione del comune di Torreano nella provincia di Udine
Sito istituzionale

Torreano (Toreàn in friulano[4], Tavorjana in sloveno[5]) è un comune italiano di 2 139 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è situato tra la pedemontana e le Prealpi Giulie nel Friuli orientale, subito a nord di Cividale del Friuli. È attraversato in lungo, da nord a sud, dal torrente Chiarò, affluente indiretto del Torre, nella cui valle si trova la maggior parte degli abitati. In seguito l'elenco delle montagne presenti nel territorio: Joanaz/Juanac (1167 m), Caludranza/Kaludranca (974 m), Klabuk (973 m). Inoltre sono presenti altre montagne incluse nel paesaggio, come il Craguenza/Kraguojnca (949 m), il Mladesiena (711 m) e il monte S. Lorenzo (913 m). Altra caratteristica è che fin dai romani qui si estrae la Pietra Piasentina, che è da sempre alla base dell'econonia torreanese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Menzionato nel medioevo col nome di Tauriano, è l'evoluzione del prediale latino Taurianus, a sua volta derivato dal nome di una gens o dal nome proprio Taurius. Nel medioevo era un piccolo nucleo abitato che circondava l'antico castellum, di origine romana (sono stati trovati reperti di epoca giuliana). Pian piano gli abitanti scesero più a valle, abbandonando il castellum, nell'attuale borgo Cragnolino (borc dal Crain in friulano). Durante questi periodi sono abbastanza famose le dispute con Prestento (sua attuale frazione) per diventare una parrocchia autonoma, obiettivo raggiunto solo all'inizio del XX secolo.

Peculiarità del territorio di Torreano è di trovarsi a cavallo tra l'area linguistica friulana (della quale fa parte la maggioranza dei locutori) e quella slava della Benecia, in cui è ancora diffuso un dialetto legato al sistema linguistico sloveno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

A Torreano, accanto alla lingua italiana, la popolazione utilizza il friulano centro-orientale, una variante della lingua friulana. Nel territorio comunale vige la Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29 "Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana"[7]. Nelle frazioni della parte alta del comune (Costa/Podgrad, Canalutto/Skrìla, Masarolis/Mažeruola, Reant/Derjan, Tamoris/Tamora) è parlato il locale dialetto sloveno, tutelato ai sensi della Legge 38/2001 in ottemperanza al DPR 12 settembre 2007 "Approvazione della tabella dei comuni del Friuli-Venezia Giulia nei quali si applicano le misure di tutela della minoranza slovena, a norma dell'articolo 4 della legge 23 febbraio 2001, n. 38 "Norme per la tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli - Venezia Giulia" .

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Francia Saint-Sulpice-le-Guérétois

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione di Masarolis/Mažeruola si trova a 660 m s.l.m., caratteristica del paese è un leone ingabbiato sopra la fontana della piazza centrale a ridosso della chiesa e del campanile. Il paese è stato caratterizzato nel passato da una forte migrazione soprattutto nell'Europa centrale (Belgio, Francia, Germania e Svizzera), non essendoci in loco sbocchi occupazionali. Alcuni emigrati sono tornati a seguito della ricostruzione successiva al terremoto del 1976, parte delle persone torna durante il periodo estivo per trascorrere le vacanze assieme ai parenti o per usufruire delle case di proprietà nel paese. Oltre Masarolis nel comune sono presenti altre frazioni: Canalutto, Costa, Masarolis, Montina, Prestento, Reant, Ronchis, Togliano, Tamoris, Rieca, Zamparutti e Laurini.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio della città è l'Unione Sportiva Torreanese che milita nel girone B friulano di 1ª Categoria, e tra il 2013 e il 2015 ha militato per due stagioni nel girone B friulano di Promozione.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il padre di Arturo Malignani, Giuseppe, era di Torreano. Tutta la famiglia Malignani, è originaria di Torreano, ancora oggi sono presenti, ed è stata intitolata la piazza principale del paese, appunto ad Arturo che ne era molto legato. Il padre era andato a Udine per aprire un suo studio di fotografia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Torreano - Statuto; vi si specifica che Costacomprende gli "aggregati" dei casali Zamparutti e Laurini e che Masarolis comprende gli "aggregati" della località Tamoris e dei casali Rieca.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Toponomastica: denominazioni ufficiali in lingua friulana
  5. ^ Ministero dell'interno, servizi legislazioni minoranze etniche; DPR 12/09/2007 - Comuni slovenofoni del Friuli-Venezia Giulia, Ministero dell'Interno. URL consultato l'8 novembre 2011 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2011).
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ lista ufficiale Denominazioni ufficiali in Lingua Friulana, Arlef. URL consultato il 26 ottobre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN244354797